08 Maggio 2022, 08.00
Val del Chiese
Beni culturali

San Romedio patrimonio dell'umanità

di Gianpaolo Capelli

Il santuario di san Romedio potrebbe diventare patrimonio UNESCO: iniziato l'iter per il riconoscimento
VIDEO


I miei ricordi
riguardo al santuario di san Romedio in Val di Non, risalgono al 1960, quando con la gita scolastica del collegio, ad inizio maggio, partimmo da Trento per la volta della Val di Non, con tappa a San Zeno.
 
Dopo aver visitato la bella basilica dei SS. martiri di san Zeno, dedicata ai Martiri Sisinio, Martirio e Alessandro, a piedi scendendo tra i meleti in fiore fino al vecchio mulino, abbiamo percorso la strada bianca di allora che porta all'Eremo di San Romedio, pregando davanti alle stazioni della Via Crucis che accompagnano il percorso.
 
La dicitura “eremo” calza a pennello per il santuario di san Romedio: il suo significato è luogo solitario, dove una o più persone si ritirano a far vita religiosa, ovvero quella degli eremiti. Ecco brevemente la storia di san Romedio con le leggende che accompagnano la figura del santo.
 
Romedio, a cui sono legate numerose leggende, apparteneva a una ricca famiglia della prima nobiltà bavarese- tirolese, era signore del castello di Thaur, vicino ad Innsbruck, e padrone di ricche saline nella valle dell'Inn, avendo così molti uomini al suo servizio.
 
Nel corso di un pellegrinaggio a Roma, decise di ritirarsi ad una vita di penitenza, per tanto, donò tutti i suoi averi e possedimenti alla Chiesa, e scelse di appartarsi in un luogo isolato per dedicare la sua vita a Dio. Visse in completa austerità, pregando immerso nella natura ed abitando nella grotta, dove ora sorge il Santuario di San Romedio.
 
L'immaginario popolare racconta san Romedio attraverso due principali leggende raccolte all'interno del genere letterario dei "fioretti" ed entrambe sono ambientate nell'ultimo periodo della vita del santo.
 
La prima, più nota, si rifà ad un particolare episodio della vita di san Romedio, il quale trovatosi a dover fronteggiare un orso: Romedio, voleva recarsi a Trento per un ultimo saluto al suo vescovo Vigilio, chiese allora ad un suo discepolo, Davide, di sellare il cavallo, ma invece di obbedire, il discepolo tornò da Romedio terrorizzato, infatti, racconto che v’era un orso che stava sbranando il cavallo.
 
Nonostante la notizia, il vecchio eremita non si scompose, ma al contrario, disse di mettere le briglia all'orso. Davide si fidò, tanto che vide l'orso piegare il capo ed abbassarsi per farsi mettere sella e briglie. Il santo poté così raggiungere Trento a cavallo dell'orso.
 
Ricordando questo episodio, nel 1958 il senatore conte G. G. Gallarati Scotti, membro d'onore del comitato di fondazione del WWF in Italia, comprò Charlie, un orso destinato a morire perché la sua pelle fosse venduta, e lo donò al santuario di San Romedio. Oggi, infatti, la provincia autonoma di Trento, tutela gli ultimi orsi bruni delle Alpi nel gruppo del Parco dell'Adamello-Brenta, tanto che accanto al santuario si prende cura di orsi nati in cattività a Trento, con l’idea che in un domani, qualora ve ne fosse bisogno, essi possano essere utili per evitare la scomparsa dei pochi esemplari rimasti liberi nel bosco.
 
La seconda leggenda, narra proprio dell'ultimo incontro tra Romedio e Vigilio. Romedio congedandosi dall'amico Vigilio, gli dice che quando sentirà suonare la campanella della sua Chiesa saprà che sarà l’avvertimento per la sua dipartita. Così avvenne, tanto che Vigilio, al suono della campanella, si raccolse in preghiera con tutta la città di Trento per la morte del santo.
 
Il santuario di san Romedio sorge su uno sperone di roccia alto 70 metri, sulla cima del quale, da alcuni secoli, restano aggrappate cinque chiesette collegate da 131 gradini.
 
Per chi non conosce il luogo, va ricordato, che ci sono ben quattro passeggiate alla portata di tutti, bambini compresi e fanno respirare l'atmosfera positiva del santuario di san Romedio.
 
ll sentiero nella roccia è un “must” per chi si trova in zona! Esso, ricalca un antico canale irriguo scavato nella roccia a fine '800 e oggi messo in sicurezza con possenti parapetti in legno. È pianeggiante per natura e quindi adatto a tutti. Si riesce a percorrerlo anche con il passeggino e in soli 45 minuti si arriva al Santuario.
 
La new entry nella grande famiglia dei "Lezi" della Val di Non, gli antichi canali irrigui convertiti in piacevoli passeggiate in piano. Vantano inoltre di una prospettiva completamente nuova sul famoso Santuario! Inoltre, un'escursione ad anello molto varia è quella che collega tra loro il centro di Coredo, i laghetti di Tavon e Coredo, il Santuario di san Romedio e la pineta di Coredo.
Poi c'è la discesa da Don a san Romedio
 
Questo sentiero è sicuramente il più suggestivo per raggiungere a piedi il Santuario di san Romedio, anche perché, ripercorre le antiche vie di pellegrinaggio dei viandanti diretti al famoso luogo di culto.
 
Ogni 15 gennaio in Val di Non c'è la festa di san Romedio, un appuntamento da non perdere che ogni anno, in pieno inverno, anima il santuario a cui i Nonesi sono così affezionati.
La giornata di festa di san Romedio è un momento speciale da vivere in un modo unico:
Dopo aver partecipato ad una delle tante messe, la festa prevede anche un momento conviviale con pranzo a base di trippa: buona e fumante.
 
La gestione del santuario è stata sempre affidata ai frati, una volta numerosi, ora, uno solo.
 
Notizia recente, il santuario di san Romedio potrebbe diventare patrimonio UNESCO.
L'apertura dell'iter della candidatura è stata ufficializzata dal vicepresidente della provincia di Trento Mario Tonina, che ha illustrato la complessa procedura che potrebbe portare, entro il 2023, all'esame della candidatura da parte del Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco, il quale potrebbe focalizzarsi sull' eccezionalità del “passaggio culturale”, considerato come l'insieme dei valori religioso-spirituali e paesaggistico- storici del sito.
 
Una visita, con la famiglia, al santuario non vi deluderà.

 
 
Nel video allegato con le foto di Renzo Mazzola e di Alessandro Zontini Panina, che recentemente hanno visitato il santuario di san Romedio. La colonna sonora dell'inno a san Romedio è cantata dal coro parrocchiale di Tassullo, Val di Non.
 
Questo e altri video, con maggior risoluzione, su VallesabbianewsTV



Aggiungi commento:

Vedi anche
31/08/2015 18:10

Da Caino a Conche Da Caino al Santuario della Madonna delle Fontane passando dall’Eremo di San Giorgio fino al Santuario di Conche

31/05/2019 11:00

Sentiero nella roccia a San Romedio È il percorso dell’uscita in programma per questa domenica, 2 giugno, a cura del Gruppo Escursionisti della Polisportiva Vobarno 

21/07/2018 08:00

Paitone saluta le suore dell'Eremo Religiosi, volontari delle associazioni locali e cittadini stanno unendo le forze per garantire continuità all’apertura e alla manutenzione del Santuario dopo la partenza delle Figlie del Sacro Cuore 

25/03/2022 10:18

Anche al Visello la preghiera per la pace In contemporanea all'atto della Russia e dell'Ucraina al Cuore Immacolato di Maria,oggi al Santuario della Madonna del Visello un momento di preghiera per la pace

11/12/2019 15:55

Il Santuario di Paitone accoglie le Sorelle dell'Immacolata Questo sabato, 14 dicembre, la comunità di Paitone celebrerà con una Messa l’arrivo all’Eremo delle suore riminesi che d’ora in poi si occuperanno del Santuario




Altre da Val del Chiese
27/06/2022

Festa San Vigilio a Trento, scoperto nuovo affresco

È ora visibile tutti i fedeli l’affresco recuperato all’interno del duomo di Trento, il cui restauro è stato inaugurato nel corso della festa patronale
VIDEO

22/06/2022

«Non possiamo fare sacrifici solo noi»

Gli operatori turistici del lago d'Idro dicono di comprendere le esigenze dell'agricoltura e chiedono innovazione: «Di acqua ce ne sarà sempre di meno, per tutti, svuotare il lago non è la soluzione»

21/06/2022

«I campi hanno sete, ci vuole un metro di lago in più»

Coldiretti, Confagricoltura e Copagri, hanno chiesto al Prefetto di poter utilizzare l’acqua del lago d’Idro, in deroga alle concessioni. A fine mese il Consorzio di bonifica potrebbe essere costretto a chiudere i rubinetti

20/06/2022

«Il contratto di fiume? Facciamolo serio»

Si è tenuto a Pieve di Bono questa domenica sera il primo incontro organizzato dalla "Federazione delle associazioni che amano il fiume Chiese ed il lago d'Idro" per trattare sul territorio il tema "Contratto di Fiume". Cinque gli incontri, stasera (lunedì) tocca a Idro

20/06/2022

Agli Amici del Gi il primo Memorial Gino Marini

In occasione del torneo calcistico andato in scena sabato scorso al Grilli di Storo, tanta commozione fra gli amici e i familiari del “Gi”

20/06/2022

Attenzione alle zecche

E' arrivata l'estate: le belle giornate e il caldo invitano a passeggiate ed escursioni in campagna e montagna; ma attenzione al pericolo zecche!

 

17/06/2022

Sappi, prevenzione e sicurezza sul lavoro

Una giornata di formazione dedicata alla prevenzione e alla sicurezza sul lavoro aperta anche all’esterno quella proposta dalla cartiera di Condino

16/06/2022

Acque del Chiese: cosa sta facendo Trento?

La domanda, sotto forma di interrogazione alla Pat è del consigliere Alex Marini, che ha preso spunto dalla posizione assunta nei giorni scorsi dai sindaci dell'Eridio e dal presidente del Bim

14/06/2022

Il vincitore è Paolo Veronese

Al gardesano di Toscolano Maderno il primo premio del contest di poesia promosso dai giornali online di Rete Bresciana (BsNews, CalcioBresciano, GardaPost e ValleSabbiaNews) e da “La Cassa Rurale - Adamello Giudicarie Valsabbia e Paganella”. Ecco tutti gli altri premiati

14/06/2022

La Festa del Corpus Domini

Sul calendario la festa del “Corpus domini” è segnata in questo 2022, il 16 giugno.
VIDEO