17 Gennaio 2022, 15.25
Val del Chiese
Valle del Chiese

Ciao don Bepi, buono e mite

di Gianpaolo Capelli

Inizio doloroso e triste in val del Chiese in questi primi giorni dell'anno, diversi lutti hanno colpito le comunità nei suoi paesi, tanti dei quali improvvisi e inaspettati
VIDEO


A quello tragico della scomparsa della giovane mamma di Roncone di 41 anni, che lascia due figlie in tenera età, è arrivata anche quella della scomparsa di don Giuseppe Beber, amato parroco di Condino dal 1988 al 2004.
Si sapeva che don Giuseppe da poco più di un mese aveva lasciato le sue comunità della val Di Cembra per motivi di salute, ora ospite della Casa del clero di Trento.

Ci eravamo sentiti telefonicamente per lo scambio degli auguri natalizi.

Lui come suo fare, gentile e riconoscente per la chiamata, chiedendo prima come andava in valle, mi diceva che con rincrescimento aveva lasciato i suoi fedeli per un tumore che lo aveva colpito e che era in cura da tempo.
Nessuno pensava che quel “servo buono e fedele”, che era rimasto tra la sua gente a fare il suo dovere di sacerdote nonostante la malattia, avrebbe visto solo i primi giorni del 2022.

Don Giuseppe, classe 1942, nasce a Pergine 79 anni fa, dopo gli studi nel seminario di Trento, viene ordinato sacerdote nel 1967.
Il suo primo incarico lo vede vicario parrocchiale dal  1967 al  1969 a Fondo in val di Non.
Da qui la sua scelta missionaria come sacerdote “Fidei Donum” della diocesi.
Don Giuseppe, sacerdote della chiesa Trentina, come altri confratelli parte per il Brasile dove rimane per 10 anni.
Erano i tempi che il clero trentino abbondava di vocazioni e sacerdoti ed il vescovo concedeva il permesso a quelli che volevano partire come missionari.

Alcuni sono rimasti per dedicarsi ai più poveri e bisognosi, alcuni anni altri per tutta la vita, come don Gino Zocchi di Storo partito negli anni 70 con don Walter Collini di Pinzolo ed il compianto don Renato Cassoni di Bezzecca, in Brasile tuttora. A don Gino la settimana scorsa è scomparsa la mamma Fiore, che aveva compiuto 100 anni a maggio.

Don Giuseppe al suo rientro in Italia, è impegnato sempre come vicario parrocchiale a Bolzano nella parrocchia di San Giovanni Bosco dal 1978 al 1980.
Ritorna in Trentino nel 1980, quando viene nominato parroco in val di Gresta. Gli sono affidati i due paesi all'inizio della valle: San Felice e Pannone, dove lo ricordano ancora con affetto.

Il suo arrivo a Condino in val del Chiese avviene nel 1998 e gli viene affidato anche il paese vicino, Brione.
Condino è la sede del decanato e don Giuseppe ne assume l'incarico.
Il suo sarà un incaricato collaborativo e sempre alla pari con i  confratelli sacerdoti della valle, mai prevaricante.

Nel 2004 gli avvicendamenti parrocchiali e per le scelte della curia trentina, vedono arrivare a Storo l'arciprete don Renato Tomio a sostituire don Michele Balestra, anche lui a suo tempo missionario, e a Condino don Francesco Scarin a sostituire don Giuseppe.
Don Giuseppe e don Michele insieme vengono nominati parroci di Brentonico e paesi limitrofi.
Vi rimangono fino al 2010, dove poi sempre insieme sono trasferiti in val Di Cembra a Verla di Giovo dove, dopo la scomparsa di don Michele nel febbraio del 2018, don Giuseppe rimane da solo fino al dicembre scorso.

Gli anni della convivenza sacerdotale di don Giuseppe e don Michele sono stati vissuti in fraterna amicizia, in piena sintonia di intenti e apostolato verso le comunità a loro affidate.
Se venivano in valle, sempre insieme andavano a trovare gli ammalati e i fedeli di un tempo dei due paesi.

Ecco il ricordo dell'amministrazione comunale di Borgo Chiese:


“Si è spento don Giuseppe Beber, apprezzato ex parroco di Condino e Brione.
L'amministrazione comunale desidera ricordarne la grande umiltà, la bontà, la generosità, e la vicinanza ai più deboli.
Grazie don Giuseppe per quello che ci hai dato e insegnato”

Questo breve comunicato racchiude quello che è stato don Giuseppe per la sua gente di Condino e di Brione, ma testimonia la sua vita sacerdotale ovunque egli ha svolto il suo ministero.

La mitezza faceva parte prima dell'uomo e poi del sacerdote don Giuseppe.
La citazione di una delle “Beatitudini”,  ne conferma la veridicità
“Beati i miti, perchè erediteranno la terra”
Tu don Giuseppe oltre che lasciare sulla terra la tua testimonianza di carità verso tutti, con il tuo fare quotidiano silenzioso, ma fattivo, hai ereditato di certo il paradiso.

Credo di interpretare il pensiero della tua gente di Condino dedicandoti nel tuo ricordo la canzone “La Vergine degli Angeli”, cantata nella tua chiesa, davanti alla tua Madonna Assunta in Cielo, dove hai celebrato e pregato con la tua gente nei momenti di gioia ma anche di dolore, condividendo tutto con i tuoi fedeli.

Ciao “don Bepi” riposa in pace.
Sarà ricordato con i suoi fedeli anche dal nuovo parroco di Condino don Luigi Mezzi.
Il suo funerale sarà celebrato mercoledì 19 gennaio alle ore 14.30 nella chiesa parrocchiale di Pergine Valsugana.

Gianpaolo Capelli





Vedi anche
20/11/2019 08:35

Com'è triste... il mio fiume In questi giorni sta piovendo molto ed il livello del fiume Chiese sale continuamente, tuttavia i lavori che di anno in anno sono stati eseguiti, stanno dando i loro frutti, preservando i paesi della valle, ed in particolar modo il mio Vobarno, dalle devastazioni

28/12/2020 09:48

Tre lutti in valle del Chiese Si tratta di Ferruccio De Barba dell'associazione condinese “Il Faro”, Alessandro Colò di Pieve di Bono e Fausta Zanetti di Storo

06/04/2015 13:31

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

05/01/2020 09:00

Da Acquanegra a Idro per salvaguardare il fiume Chiese È il cammino che sta affrontando in questi giorni Mirko Savi, che dalla foce del fiume porta il suo messaggio di tutela ambientale attraverso i paesi dell’asta del Chiese

22/08/2014 12:08

I primi nove di Alessio Tanti auguri ad Alessio Cappa, di Sabbio Chiese, che proprio oggi, venerdì 22 agosto, compie i suoi primi nove anni




Altre da Val del Chiese
22/05/2022

Perde la vita contro un pilastro

Una gita con la moto insieme agli amici si è trasformata in tragedia, fra Storo e Baitoni, con un’uscita di strada improvvisa quanto letale

21/05/2022

Una nuova casa per il vigili del fuoco di Condino

La nuova caserma è collocata fuori dal centro abitato, vicino alle principali vie di comunicazione e sarà dotata di pista per atterraggio elicottero illuminat. A giugno l'inaugurazione

14/05/2022

Salta il Canarino d'Oro, torna l'Esordiente d'Oro

La kermesse calcistica di Condino dedicata ai Pulcini non si farà neanche quest’anno, mentre torna quella di Storo, con presenze bresciane

14/05/2022

Sostegno garantito al territorio

Quasi cinque milioni e mezzo di utile, con la decisione di destinare un intero milione a fondo "mutualità e beneficenza". È quanto è emerso dall’assemblea per l’approvazione del bilancio 2021 della Cassa Rurale

13/05/2022

Arrivano i bandi

160mila euro. É il budget che la Cassa Rurale Adamello Giudicarie Valsabbia Paganella mette a disposizione delle associazioni del territorio per investimenti su materiali e progetti formativi. Entro il 27 maggio

09/05/2022

San Carlo Borromeo di Riccomassimo

Sabato scorso, nella piccola frazione storese, sono stati inaugurati i lavori di sistemazione della chiesa

08/05/2022

L'ultimo saluto a Dario Antolini

Per anni ha gestito il rifugio Trivena in Val di Breguzzo. Questo lunedì i funerali.

08/05/2022

San Romedio patrimonio dell'umanità

Il santuario di san Romedio potrebbe diventare patrimonio UNESCO: iniziato l'iter per il riconoscimento
VIDEO

05/05/2022

Allegramente verso l'Adunata degli Alpini a Rimini

Tappa a Ponte Caffaro per per il gruppo di fiati “Amici delle note della Val del Chiese” in partenza per l’Adunata delle penne nere a Rimini e San Marino
VIDEO

(1)
29/04/2022

Nuovo centro di medicina di gruppo integrata

A Storo, comune più popoloso delle Giudicarie ed alta Valle del Chiese, nasce un nuovo centro medico in cui si raggruppano medici di famiglia, specialisti ed infermieri.