06 Febbraio 2021, 08.00
Treviso Bs Lavenone Valsabbia
La Nostra Valle online

«Guarda con me», l'arte e il punto di vista dell'infanzia

di Cesare Fumana

Anche in Valle Sabbia il progetto di Fondazione Pinac di Rezzato con un innovativo percorso di produzione culturale partecipata in collaborazione con la Comunità montana


Mettere al centro il punto di vista dell’infanzia e la creatività
, attraverso un innovativo percorso di produzione culturale partecipata in collaborazione con cinque comunità territoriali lombarde, tra le quali la Valle Sabbia.

È questo l’ambizioso obiettivo che si pone il progetto “Guarda con me”, promosso dalla fondazione Pinac (Pinacoteca Internazionale dell’età evolutiva Aldo Cibaldi), di Rezzato, che ha coinvolto cinque realtà territoriali lombarde, rispondendo al bando “Per la Cultura” di Fondazione Cariplo che le ha destinato 85 mila euro.

Fondazione Pinac è un museo dinamico internazionale che raccoglie, studia e promuove l’espressività e il disegno infantile. La collezione storica è unica nel suo genere in Italia e in Europa e rappresenta un ponte ideale con i bambini e i popoli del mondo intero: fondata da Aldo Cibaldi negli anni Cinquanta, oggi conta più di 8.000 opere provenienti da 80 Paesi.

I disegni del patrimonio storico della pinacoteca diventano lo spazio, fisico e digitale, concreto e simbolico, in cui si incrociano i molteplici sguardi degli abitanti delle comunità coinvolte. Sguardi diversi, per assumere punti di vista diversi, “per offrire occasioni di produzione artistica, culturale e sociale”, come ha sottolineato la presidente della Fondazione Michela Caniato.

Come detto, sono cinque i territori coinvolti: le tre valli bresciane, Valle Sabbia, Val Trompia e Valle Camonica, insieme alla Val Chiavenna e al Comune di Brugherio.

Il progetto ha la durata di due anni e per ciascuna annata sono in programma diverse iniziative: una mostra tematica presso la sede di Fondazione PInAC; una mostra en plein air su ciascun territorio; cinque percorsi di produzione artistica con gruppi di bambini, giovani e adulti; una mostra digitale animata; 10 video racconti di 10 opere in mostra.

“Guarda con me” intende promuovere attività di rigenerazione delle identità locali, sviluppare nuove forme di partecipazione alla vita culturale e coinvolgere il pubblico in un percorso innovativo di lettura e osservazione delle immagini.

Per fare questo saranno organizzate dallo staff della fondazione una serie di azioni concrete, decentrate ed inclusive, che porteranno il museo fuori dal museo ed il pubblico dentro il cuore della Fondazione, l’archivio dei disegni infantili del mondo.

Alla tradizionale mostra annuale allestita nei rinnovati spazi della sede storica di via Disciplina, a Rezzato, si affiancheranno nei prossimi due anni mostre en plein air, immerse nella natura, nei borghi storici o negli spazi urbani dei cinque territori

I territori ospiteranno le mostre diffuse e parteciperanno a workshop condotti dallo staff artistico di Fondazione PInAC, in cui creeranno contenuti audio che saranno parte integrante delle mostre stesse. A partire dalla primavera, infatti, cittadini e turisti potranno non solo guardare, ma anche ascoltare le opere nelle mostre diffuse, semplicemente inquadrando con il proprio smartphone il codice QR presente sulle immagini, si attiverà la riproduzione delle tracce audio create dai partecipanti ai laboratori: bambini, ragazzi, adulti e anziani individuati con particolare attenzione alle situazioni di maggiore marginalità socio-culturale.

Anche il web diventerà un ulteriore “territorio” di incontro: ogni anno il sito pinac.it ospiterà una mostra digitale in cui i disegni prenderanno vita in modo interattivo e sonoro. Inoltre le opere di PInAC si animeranno anche sui suoi canali social, che ospiteranno l’intervento di 10 testimonial, professionisti, autori, artisti, illustratori, ricercatori, amici di PInAC che racconteranno con un linguaggio spontaneo e amichevole uno dei disegni in mostra.

«Abbiamo aderito con entusiasmo a questa iniziativa – ha detto l’assessore alla Cultura di Comunità montana di Valle Sabbia, Claudio Ferremi – perché è una proposta innovativa che sarà d’impatto sul nostro territorio.

Le due mostre si terranno il primo anno a Lavenone e il secondo a Treviso Bresciano.

Per i cinque workshop stiamo individuando ancora i destinatari, sicuramente alcuni nell’ambito del mondo della scuola ma stiamo pensando, ad esempio, a una casa di riposo. Ringrazio Alessandra Vittici, responsabile del nostro Sistema bibliotecario, che sta coordinando il progetto sul nostro territorio».



Vedi anche
21/07/2021 11:02

I disegni dei piccoli per raccontare l’ambiente e come lo abitiamo Anche in due paesi valsabbini le mostre en plein air promosse da Fondazione Pinac nell’ambito del progetto Guarda con me

06/04/2021 11:34

Smart School, al via due laboratori Lettura espressiva e mindfulness al centro dei nuovi laboratori promossi dal progetto di formazione per una comunità educante. Ecco di che si tratta e come iscriversi

25/07/2021 08:30

L'espressività infantile lungo la Greenway e nel borgo antico Inaugurata venerdì la mostra dei disegni dei bambini di Fondazione Pinac da visitare in forma interattiva lungo due suggestivi percorsi valsabbini
• VIDEO

20/09/2015 10:00

Combattere le ludopatie, un progetto in sinergia La Comunità montana di Valle Sabbia ha promosso in sinergia con 12 Comuni ed enti del terzo settore un articolato progetto per conoscere quando è diffuso il gioco d’azzardo patologico e informare la popolazione in chiave preventiva

25/02/2015 07:00

Nuove occasioni dalla Fondazione Comunità Bresciana La Fondazione Comunità bresciana ha pubblicato i bandi che abbracciano vari settori: dal sociale, all'istruzione, alla ricerca e alla microerogazione




Altre da Lavenone
25/07/2021

L'espressività infantile lungo la Greenway e nel borgo antico

Inaugurata venerdì la mostra dei disegni dei bambini di Fondazione Pinac da visitare in forma interattiva lungo due suggestivi percorsi valsabbini
• VIDEO

21/07/2021

I disegni dei piccoli per raccontare l'ambiente e come lo abitiamo

Anche in due paesi valsabbini le mostre en plein air promosse da Fondazione Pinac nell’ambito del progetto Guarda con me

13/07/2021

Il trofeo Città di Brescia omaggia Simona Frapporti

Questa sera prima della partenza della gara ciclistica cittadina, gli organizzatori omaggeranno la ciclista valsabbina, portacolori più titolata del ciclismo femminile bresciano.

06/07/2021

AgriCamp a Presegno

Un campo estivo per ragazzi nella natura quello organizzato dall'associazione Amici di Persegno e Bisenzio in collaborazione con tre appassionate Guide Ambientali Escursionistiche

30/06/2021

Ciao Ezio

Il saluto da parte degli amici per l’improvvisa scomparsa di Ezio Zambelli, di Lavenone, grande appassionato di caccia

(1)
27/06/2021

Scooter contro un'auto

Si sono ritrovati all’improvviso un’auto che si è immessa sulla carreggiata ed è stato inevitabile l’impatto con il loro scooter

26/06/2021

101 candeline per Remigio

Grande festa oggi, 26 di giugno, in onore del nostro Remigio Garzoni, di Lavenone, in occasione del suo 101° compleanno

18/05/2021

Lavenone: si passa a senso unico alternato

In attesa di una sistemazione definitiva è stata riaperta con precauzioni la Comunale fra il centro valsabbino e le sue frazioni Presegno e Bisenzio

17/05/2021

«Il lago d'Idro come un fiordo norvegese»

Si è concluso sabato scorso il trekking attorno all’Eridio del blogger Gio del Bianco, che ha saputo cogliere e comunicare le bellezze del lago e ha un suggerimento per gli amministratori e per chi si occupa di turismo sul lago

(1)
17/05/2021

Smottamento sulla Lavenone-Presegno

La strada che porta alla frazione è chiusa al transito a causa del cedimento di un tratto della carreggiata