02 Novembre 2022, 11.12
Blog - Glocal

Solidarietà, rilanciare la cultura del dono

di Valerio Corradi

Il volontariato è una delle colonne portanti del welfare di comunità ma oggi mostra alcuni segnali di stanchezza. Quali sono le cause?


Per una lunga stagione che dagli anni del boom economico è giunta fino alla recente crisi pandemica, il mondo del volontariato è stato un bacino quasi inesauribile, in grado di offrire tempo, energie, risorse umane ed economiche a sostegno delle attività solidali e del welfare, in momenti ordinari e di emergenza.

Oggi, per la prima volta dopo molto tempo, il volontariato mostra segni di affaticamento e addirittura di arretramento dovuti ad alcune emergenti criticità di tipo organizzativo e socioculturale, non ultime la difficoltà a coinvolgere le giovani generazioni e la diffusione di una cultura individualistica. Affinché il bacino del volontariato possa rigenerarsi è fondamentale che tali segni non vengano sottovalutati ma opportunamente compresi.

Nel 2021, secondo l’Istat,
le persone che hanno versato contributi economici ad associazioni sono calate del 2,3 per cento, toccando la soglia del 12 per cento, dopo l’aumento al 14,3 registrato nel 2020.
Si tratta di una riduzione delle elargizioni che per buona parte si può definire “fisiologica” in quanto fa seguito all’impennata degli aiuti del 2020 dovuta anche al successo di campagne informative e di sensibilizzazione lanciate da enti, organizzazioni e reti durante l’emergenza sanitaria.

Tra queste è quanto mai opportuno ricordare la campagna di raccolta fondi Aiutiamo Brescia, promossa dal Giornale di Brescia e dalla Fondazione della Comunità Bresciana, che ha avuto un ruolo importante nel sostenere le attività locali di gestione della pandemia, tagliando il ragguardevole traguardo di 58.200 donazioni, per un valore di oltre 18 milioni di euro.

Più in generale, durante gli ultimi anni,
la propensione alla generosità economica della popolazione italiana si è dimostrata abbastanza stabile con la tendenza alla riduzione delle donazioni informali (es. contanti per collette, elemosine) e l’aumento di donazioni solo verso organizzazioni.

Uno studio condotto dall’Istituto Italiano della Donazione
, su un campione di organizzazioni Non profit, mostra come nel 2021 il 33 per cento di queste abbia visto un incremento di entrate totali, il 39 per cento un decremento e il 28 per cento abbia registrato entrate stabili, attestandosi in questo modo su livelli medi pre-Covid.
Le stesse organizzazioni hanno invece raccolto di più dalle aziende private passando dal 6 al 26 per cento nel periodo 2020-2021, a conferma di un rafforzamento del rapporto tra Profit e Non Profit.

Segnali non sempre confortanti arrivano invece dai campi delle donazioni biologiche e dell’impegno nel volontariato.
Il Centro Nazionale Sangue evidenzia che nel 2021 i donatori di sangue e plasma in Italia sono stati 1.653.268 con un calo dell’1,8 per cento rispetto al 2019.
A preoccupare è la tendenza dell’ultimo decennio, in quanto dal 2012 la popolazione dei donatori è diminuita di circa il 5 per cento intaccando soprattutto la possibilità di conseguire l’autosufficienza nelle scorte di plasma.

In crescita è invece l’attività di donazione e trapianto
, ad esempio, di organi, tessuti, cellule staminali.
Un campanello d’allarme riguarda poi il drastico calo, rispetto al pre-pandemia, dell’offerta gratuita di tempo e di competenze all’interno del mondo del volontariato.
Se nel 2019 era stata del 9,8 per cento la quota di persone che avevano svolto volontariato, nel 2021 c’è stata una riduzione di quasi due punti percentuali, che si è assestata al 7,3 per cento.
Una riduzione più accentuata nel nord Italia, dove i livelli erano più alti, e trasversale per genere ed età anche se è più marcata tra le donne e tra i giovani di 14-19 anni.

Questo parziale arretramento del volontariato
va letto alla luce di trasformazioni più ampie che stanno attraversando la nostra società e al suo interno le forme di generosità e di solidarietà.
Pesano, infatti, molte questioni come il limitato ricambio generazionale, la pesantezza e i rischi connessi all’esercizio di alcune attività, le difficoltà di tipo organizzativo.

Inoltre, la propensione alla gratuità oggi deve fare i conti col risveglio di pulsioni individualistiche che mettono al centro l’“Io” che spesso viene anteposto al “Noi”.
Come evidenziato nel Rapporto Noi doniamo 2022 “è molto più impegnativo essere generosi che non egoisti e per questo la cultura del dono deve andare di pari passo ad un rafforzamento culturale generale”.

Questo rafforzamento deve partire dalle nuove generazioni e portare a condividere le ragioni nobili dell’essere donatori e volontari, riaffermando il valore della dimensione donativa dell’essere umano.





Vedi anche
01/06/2021 15:09

Un nuovo welfare per il post pandemia La pandemia ha posto la sfida di un welfare più esteso ed inclusivo. Le nuove misure per giovani, anziani, disoccupati e famiglie fragili richiedono di essere inserite in un quadro organico che crei un sistema equo, efficace e sostenibile

06/03/2021 10:00

La cura del volontariato ai molti egoismi La prolungata emergenza sanitaria sta mettendo in luce l’importante opera delle associazioni di volontariato che, nonostante le molte difficoltà, sono riuscite a garantire servizi preziosi, supportando comuni, ospedali, realtà socio-sanitarie e assistenziali nelle loro attività ordinarie e straordinarie

19/11/2016 14:53

Finanziamenti privati per arte e cultura: ora c'è l'Art Bonus Un affresco da restaurare, un teatro da ristrutturare, un archivio da riorganizzare, un bene culturale da valorizzare. Sono solo alcuni esempi di attività finanziabili da privati per le quali possono scattare i benefici fiscali dell’Art Bonus.

18/11/2022 13:12

Il Welfare aziendale: opzione in crescita Il Welfare aziendale è sempre più una risorsa per aziende, lavoratori e comunità locali. Se ne è parlato in un convegno della Rete Welfare Responsabile

14/05/2018 07:00

Come si vive in montagna? Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree 




Altre da Terzo Settore
31/01/2023

Giovani in azione

Green e digital: nuovi laboratori gratuiti per ragazzi del Garda e della ValleSabbia promossi da GAL GardaValsabbia2020 e la Cooperativa Sociale Area, insieme a Solco

17/01/2023

Civicamentegiovani, un percorso formativo

Torna quest’anno il percorso di volontariato e cittadinanza attiva su come affrontare le emergenze promosso dall’Unsi di Brescia e rivolto ai ragazzi dai 14 ai 20 anni

14/01/2023

Artigianato peruviano per l'Operazione Mato Grosso

Nei fine settimana da questo sabato 14 gennaio a domenica 5 febbraio «temporary store» solidale presso gli spazi dell'associazione Via Glisenti 43 a Vestone

12/01/2023

Nuovo Cda per la Fondazione La Memoria Ets

Dopo l’approvazione del nuovo statuto come Ente del Terzo Settore (Ets) l’amministrazione comunale gavardese ha provveduto alla nomina dei nuovi amministratori della casa di riposo

28/12/2022

«Sono passati 40 anni e ci siamo ancora»

Caro direttore, con questa lettera vogliamo far chiarezza sulla vecchia e nuova realtà del gruppo Volontari Ambulanza di Bagolino, portandola a conoscenza della popolazione

24/12/2022

Inaugurata «Casa Pepi»

A Vobarno apre le porte la nuova abitazione destinata all’housing sociale nell'ambito del progetto Effetto Ambra

20/12/2022

Costruiamo il futuro

Col sostegno di Edison e di Intesa Sanpaolo, dopo la Brianza, Milano, Sondrio e Bergamo, il Premio Costruiamo il Futuro debutta in Val Camonica e nella Valle del Caffaro

08/12/2022

La cooperativa di Bessimo si presenta

La comunità di Paitone della cooperativa sociale che ospita persone tossicodipendenti e alcoldipendenti ha organizzato una serata presso la Sala polivalente della cultura

06/12/2022

In formazione per la ricerca persone

Lezioni teoriche e un’esercitazione sul campo per i volontari di Protezione civile dei gruppi valsabbini per il corso di secondo livello per la ricerca di dispersi

04/12/2022

I 30 anni degli Amici della Fondazione Falck

In occasione della Giornata internazionale del Volontariato l’associazione vobarnese è stata premiata dal Centro Servizi Volontariato per i tre decenni d’impegno