03 Dicembre 2020, 05.43
Eppur si Muove

Chiamate l'esorcista

di Leretico

In Italia si protesta per qualsiasi cosa. La litigiosità del Belpaese è elevatissima e diffusa. Ne sa qualcosa la categoria degli avvocati che su questa attitudine vive e sopravvive.


Ci si lamenta innanzitutto del Governo, degli aiuti mancati, del debito pubblico alle stelle, dei trasporti inefficienti, le tasse in continua crescita.
Il lamento è l’abitudine più inveterata, quella che paradossalmente dà più soddisfazione a un popolo che storicamente ha sempre accettato il padrone di turno senza mai, nei fatti, accennare ad alcuna ribellione, solo rabbiosi lamenti.

Naturalmente, appena il livore del primo momento è passato, tutto viene magicamente dimenticato.
Tutto tranne il lamento, rigorosamente conservato sotto forma di registrazione neuronale e opportunamente riproposto non appena la contingenza lo richieda.

Il segreto del successo del lamento sta nel suo basso costo. Non è impegnativo, è la prima scelta, la più facile reazione immediatamente disponibile.
Per questa facilità, tuttavia, c’è un prezzo elevato da pagare in termini intellettivi e sociali: dove non c’è fatica, non c’è valore. Dove non c’è sforzo per seminare idee valide, non possono crescere soluzioni accettabili ai problemi della società.

Ecco che, su questo terreno, sono cresciuti e si sono formati nel tempo alcuni pittoreschi professionisti del lamento.
Si tratta di una serie di persone che, puntualissima, si presenta nei luoghi pubblici deputati alle manifestazioni, non appena il popolo accenni al minimo mugugno per qualche difficoltà contingente.
Sono lì, prontissimi a sfruttare l’onda che sempre sperano monti vigorosa per sostenere il loro malcelato progetto di creare l’ennesimo movimento politico.

È la via tracciata a suo tempo dai “Vaffa” di Grillo, dopo i quali - ahinoi! - ogni rabdomantico furbetto di quartiere, al primo sotterraneo flusso di instabilità sociale che crede di aver intuito, si sente in diritto di tentare l’avventura politica.
Li vedi, nelle immagini televisive, sempre in prima fila, pieni di rabbia, attenti con la coda dell’occhio alla telecamera di turno che li sta riprendendo.

Non sanno bene neanche loro per quale motivazione sia stata organizzata l’ultima adunata in cui sono coinvolti. Non importa. Ormai dopo decine di randomiche partecipazioni, una ragione di assembramento vale l’altra.
Basta raccogliere, veicolare, direzionare il lamento verso un coagulo di convinzioni sensibili al basso ventre, di slogan dalla facile presa, di imbecillità travestite da idee di buon senso.

Non è raro che si introduca, tra i molti partecipanti, anche un sedicente esorcista.
Un tipo vestito da prete, capello “cristico” lungo, sguardo leggermente invasato e un metafisico impeto nella mano che impugna il crocefisso.
Vuole scacciare Satana, di volta in volta individuato in luoghi diversi, guarda caso sempre opportunamente presente là dove estremamente necessario. D’altronde il male esiste e, secondo costui, nessuno farebbe abbastanza per allontanarlo dal mondo. Insomma, si sente indispensabile alla salvezza della comunità.

I professionisti del lamento, in questi ultimi mesi, hanno trovato un motivo potente per veicolare meglio la loro perenne frustrazione. Le restrizioni determinate dall’emergenza sanitaria in corso hanno provocato un florilegio di ipotesi complottiste.

Il negazionismo, da sempre in agguato
, ha trovato un alleato eccezionale e inaspettato nei nuovi protestanti anti-covid.
Non c’è comunicato ufficiale sul numero dei contagiati o sul numero di morti giornalieri a causa del coronavirus che possa scalfire minimamente la loro tetragona convinzione che sia tutto un complotto ordito maleficamente dalle multinazionali farmaceutiche.

Prima abbiamo avuto il movimento dei gilet arancioni guidato da Antonio Pappalardo, un ex generale dei Carabinieri che ha ribadito con forza e chiarezza che il Covid non esiste. Un novello Don Ferrante di manzoniana memoria.
Più recentemente, ci sono state le proteste di piazza dei sovranisti, che volevano soprattutto marcare la differenza esistente tra la loro primaria libertà di fare goliardici assembramenti, rispetto al diritto alla salute degli altri cittadini, fondamentalmente secondario.

Il negazionismo è un fenomeno indubbiamente curioso
, colpisce statisticamente una specifica categorie di persone.
Parliamo innanzitutto di persone che brillano per ignoranza, ossia che ignorano le basi scientifiche sottostanti a qualsiasi recente decisione inerente alla salute pubblica.
In secondo luogo, queste persone, use ad iniettare nel vuoto delle loro lacune dosi generosissime di presunzione, pensano sempre di saperne più degli altri, di più degli specialisti, di più degli esperti che da decenni studiano e si impegnano nella materia di loro riferimento.
Mai li sfiora un dubbio sulle panzane che affermano.

Chiunque opponga un commento o chieda d’istinto una precisazione a cotanti improvvisati saccenti, viene malamente apostrofato quando non minacciato.
In pratica non solo non riconoscono la propria ignoranza, ma sono sempre lì a rilanciare tanto da riuscire a stancare anche l’interlocutore più corazzato.

Non ascoltano alcuna argomentazione, soprattutto se ben formulata, se chiara ed evidente: non la capiscono.
E questo perché, una volta abbracciata con fatica un’idea, innestata nella loro mente con i mezzi più moderni della tecnologia mobile, vi si abbarbicano come cozze agli scogli.
Nonostante la manifesta – non per loro – contraddittorietà di tali idee, il solo pensiero di doverle abbandonare provoca loro spasmi di paura che non riescono gestire. Così preferiscono abbandonarsi con entusiasmo all’errore, piuttosto che soffrire una fatale crisi di identità.
Meglio difendere un errore che fare l’immane fatica di capire.

Insomma, sono dei fanatici e, come tali, la ragione non potrà mai far breccia nella loro splendenti vuote corazze di intransigenza.
Sembrano colpiti da una maledizione, posseduti da uno spirito maligno a tal punto che l’unica speranza potrebbe davvero essere un intervento dall’alto.

A questo punto farei un appello pubblico
: uomini del potere, voi che avete in mano i destini della nostra lamentosa Nazione: per favore, salvateli – e con loro salvate anche noi -, chiamate un vero esorcista.

Leretico




Commenti:
ID82462 - 03/12/2020 19:42:18 - (Ferr) - Bello!

Condivido pienamente.

Aggiungi commento:

Vedi anche
15/08/2018 06:28

Storia semi-seria del pelo inquietante Un’attitudine sempre più diffusa nella società moderna, soprattutto tra i più giovani, è la lotta senza quartiere contro il pelo

13/02/2018 08:56

La condizione del fachiro e i cercatori di merda E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico

19/08/2014 13:12

Non ci resta che andare a Rimini Il conte zio, anonimo e malefico di mazoniana memoria, ben si presta a rappreesntare la realtà odierna, in questa interpretazione che ne dà il nostrro Leretico

26/03/2020 18:19

Ricordando Mirko Non so se esista qualcosa nell'aldilà. Se esistono paradiso ed inferno o qualsiasi altra cosa. Ma una cosa la so per certo...

01/04/2014 07:25

Due cretini sempre utili La recente notizia che i servizi segreti erano implicati nel rapimento Moro sin dal 16 marzo 1978 ha  riacceso le polemiche sull'identità degli individui in sella alla Honda blu che spararono ad Alessandro Marini quella mattina in Via Fani.




Altre da Terza Pagina
16/06/2021

«La Calle 92»

Nel fine settimana a Maderno il terzo concerto del Festival “Suoni e Sapori del Garda”, con Piercarlo Sacco e Andrea Dieci. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria

16/06/2021

Roberto Gervaso, la sepoltura al Vittoriale

Questo sabato, 19 giugno, le spoglie del noto giornalista – già consigliere di amministrazione del Vittoriale degli Italiani – verranno accolte e onorate all'interno del Mausoleo con una cerimonia privata

15/06/2021

La poesia premia, anche a... «d'istanza»

Due studentesse del Liceo Scientifico del Perlasca di Idro si sono aggiudicate il secondo e il terzo posto al concorso POESIA D’ISTANTI

12/06/2021

«Cuore Italiano», in autunno l'anteprima

Riapre il Circolo Pensionati di Storo e a settembre, salvo eventuali restrizioni, ci sarà l'anteprima del cortometraggio di Virginia Grassi

12/06/2021

La «sacerdotessa del rock» sul palco del Vittoriale

La grande Patti Smith, vera icona del rock vivente, si esibirà in concerto a Gardone Riviera domenica 11 luglio

11/06/2021

«Vie di libertà»

Il ciclo di incontri promosso dall'associazione culturale “La Rosa e la Spina” di Villanuova continua nel weekend con un appuntamento dedicato a Chiara d'Assisi

11/06/2021

Stazione Scandolari, 95 anni di attività

A Tione ben quattro generazioni, con diversi figli, si sono susseguite nella conduzione della stazione di servizio come affidabili benzinai e riparatori di biciclette

09/06/2021

Salò riparte con gli eventi dell'estate

Dal passaggio della corsa automobilistica più bella del mondo all’Estate Musicale del Garda, la cittadina lacustre è pronta ad accogliere residenti e turisti con un ricco calendario di iniziative

09/06/2021

Guglielmo Tonni in mostra a Vestone

Dopo più di un anno riparte l’attività espositiva dell’Associazione culturale “Via Glisenti 43” che ospiterà, fino al 10 luglio, una mostra dedicata all’artista sabbiense

03/06/2021

Civis Gattopardo, storia e filosofia politica

Questo giovedì sera il primo dei cinque incontri dedicati all’approfondimento di temi di attualità politica e partecipazione civile promossi dall’assessorato alla Cultura