08 Gennaio 2021, 07.54
Serle
Lettere

Sprar di Serle: i risultati, i ringraziamenti

di red.

Pubblichiamo volentieri la lettera aperta degli operatori di Area, alla conclusione del progetto di accoglienza per i rifugiati, conclusosi dopo tre anni per volere dell’a nuova Amministrazione comunale


Il progetto Sprar/Siproimi ha l’obiettivo di facilitare l’inserimento sociale di coloro che, dopo aver ottenuto la protezione internazionale da parte dello Stato Italiano, sono in possesso di regolare permesso di soggiorno. 

Facilitare l’inserimento non significa per forza trovare una casa, un lavoro o una sistemazione definitiva, ma piuttosto offrire opportunità, strumenti, informazioni, formazione, conoscenze e stimoli affinché la persona accolta possa diventare protagonista del proprio percorso di vita, in relazione con un territorio e una comunità d’accoglienza.

Ogni persona che entra nel progetto ha la possibilità di rimanervi dai 6 mesi all’anno, costruendo con gli operatori un percorso personalizzato e individuale di crescita orientato alla ricerca di un lavoro e di una soluzione abitativa, ma non solo. 
La sfida degli operatori e dei beneficiari stessi è fare in modo che, quando un rifugiato esce dal progetto, abbia gli strumenti necessari per poter affrontare e proseguire il suo percorso in autonomia, grazie alle sue risorse e potenzialità di cittadino.

Nello specifico il progetto Sprar/Siproimi di Serle ha avuto a disposizione due alloggi dislocati sul territorio con 10 posti totali per l’accoglienza.
All’interno del progetto hanno operato diverse figure professionali come educatori, psicologi, mediatori culturali e insegnanti.

In questi 3 anni i beneficiari del progetto sono stati 24, uomini e donne provenienti da Sierra Leone, Costa D’Avorio, Nigeria, Senegal, Somalia, Gambia, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Mali, Burkina Faso e Bangladesh.

In questi 3 anni sono stati tanti i servizi offerti e le opportunità create:

- 11 tirocini attivati presso aziende del territorio, alcuni conclusisi con l’assunzione;

- 15 corsi di formazione professionale (pizzaiolo, logistica e magazzino, saldatore, sicurezza sul lavoro, guida del muletto…);

- a tutti i beneficiari è stata data l’opportunità di partecipare alla scuola di lingua italiana interna, insieme con l’iscrizione ai corsi di alfabetizzazione per adulti presso il CPIA territoriale, alcuni percorsi per il conseguimento della terza media e un’iscrizione presso un istituto superiore per il conseguimento del diploma;

-  tre iscrizioni alla scuola guida per il conseguimento della patente.

- attivati diversi corsi di formazione extra- professionale: corso base sulla salute, corso base di computer, corso di economia domestica, corso di lettura e comprensione della busta paga e dei contratti di lavoro, corso sul funzionamento di un conto in banca.

Inoltre, grazie alla collaborazione tra operatori e rifugiati, sono stati attivati interventi sulla tematica dell’accoglienza in alcune classi delle scuole medie di Nuvolento, Salò e Vobarno.

Questi sono solo alcuni numeri
che possono dare una piccola idea di quello che è stato fatto, ma come tutti i numeri non possono rendere le emozioni le emozioni che ci hanno accompagnato in questi 3 anni: gioie, arrabbiature, successi, delusioni, risate, voglia di farcela e di riscatto, e ancora cene insieme, giochi, illusioni e soprattutto speranze…. in poche parole la vita. 

Pensiamo che chi in questi anni ha avuto la possibilità e la voglia di conoscerci e incontrarci possa capire quanto sia importante accogliere le persone senza farsi bloccare da falsi pregiudizi.

Vogliamo ringraziare chi in questo percorso ci ha accompagnato in questo progetto: gli amministrativi del comune di Serle, l’assistente sociale, i vicini di casa, i titolari delle aziende che hanno colto l’opportunità di accogliere dei tirocini formativi, le agenzie formative per la disponibilità e la cordialità, il Cpia e gli istituti comprensivi e tutte le persone che in un modo o nell’altro hanno dato il loro contributo.

Un saluto caloroso a tutti e grazie per questi tre anni insieme…

Gli operatori del progetto Sprar/Siproimi di Serle

.in foto: una delle prime riunioni, quando è partito il progetto.




Vedi anche
12/09/2017 07:44

Serle riparte con lo Sprar L'Amministrazione comunale di Serle ha deciso di attivare un progetto "Sprar" in luogo del "Cas" ancora presente in via Panoramica. Ne abbiamo parlato col sindaco Bonvicini

05/04/2019 09:50

Storia di Lamine, quando l'integrazione funziona Il ventenne della Costa d’Avorio, rifugiato per motivi umanitari è entrato lo scorso aprile nel progetto Sprar a Serle, e grazie allo sport ha trovato la chiave per integrarsi nel paese

04/05/2018 09:24

Arrivati i primi rifugiati con lo Sprar Sono arrivati la scorsa settimana i primi sei titolari di protezione internazionale destinati al progetto Sprar a Serle

13/06/2018 15:56

«Sguardi d'altrove» A Serle due serate di un piccola rassegna cinematografica il 14 e il 20 giugno per presentare il progetto Sprar sull’accoglienza dei rifugiati

31/12/2017 08:00

Finanziamento per progetto Sprar C’è anche il Comune di Serle fra i beneficiari dei contributi assegnati dal ministero dell’Interno per i progetti di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati presentati nell’ambito della rete Sprar



Altre da Serle
16/01/2021

Cariadeghe, la gestione torna in capo al Comune

La fine di una convenzione comporta che l'altopiano torni ad essere gestito dal Comune. Lascia l'incarico lo storico “custode” Gianbattista Tonni

13/01/2021

Cercasi nuovo gestore per bar ed edicola

L'edicola all'interno del bar Boifava, chiuso da inizio gennaio, era l'unico punto di vendita dei giornali sul territorio di Serle. A breve il bando di affitto del locale

05/01/2021

«Domanda di attualità», ma il Consiglio cassa

Il 30 dicembre a Serle si è tenuto l’ultimo consiglio comunale, con un solo punto all’ordine del giorno: “la razionalizzazione delle società partecipate”. Poteva trattarsi di un semplice adempimento formale ma non è stato così

30/12/2020

Chiude l'esperienza di «Nonsolobar»

Cesserà definitivamente con l'ultimo giorno dell'anno l'esperienza promossa a Serle dalla Cogess in collaborazione con il Comune a favore dell'inclusione sociale dei giovani con disabilità

17/12/2020

Al Vantiniano l'ultimo saluto alla piccola Iuschra

I funerali di Iuschra Gazi, scomparsa nel luglio 2018 mentre era in gita sull'altopiano di Cariadeghe, sono stati celebrati ieri in città alla presenza della famiglia e di tutti coloro che hanno partecipato alle lunghe ricerche

14/12/2020

Raccolta viveri per un Natale solidale

I volontari della Protezione Civile di Serle organizzano in vista delle festività natalizie un'iniziativa solidale a favore delle famiglie in difficoltà

01/11/2020

Cade in pista, vola con l'elicottero

L’uomo, un 40enne, stava girando con la motocicletta nella pista da cross di Serle. E’ grave

30/10/2020

Stop alla caccia nelle aree protette Natura 2000

Il Tar regionale ha accolto il ricorso presentato dalla Lac e ha disposto il divieto di caccia nelle aree protette delle Province di Brescia, Cremona e Lecco. Tre i siti anche in Valsabbia, tra cui l'altopiano di Cariadeghe

28/10/2020

Il Dna conferma: è il cranio di Iuschra

Le analisi effettuate dall'Istituto di Medicina Legale degli Spedali Civili di Brescia hanno confermato che appartiene alla bambina scomparsa due anni fa sull'Altopiano di Cariadeghe. Si chiude così una triste vicenda che ha segnato l'estate del 2018