14 Maggio 2022, 07.18
Salò Valsabbia Val del Chiese Garda
Qui Rurale

Sostegno garantito al territorio

di red.

Quasi cinque milioni e mezzo di utile, con la decisione di destinare un intero milione a fondo "mutualità e beneficenza". È quanto è emerso dall’assemblea per l’approvazione del bilancio 2021 della Cassa Rurale


Si è tenuta mercoledì 5 maggio alla presenza del Consiglio di Amministrazione, della Direzione e del Rappresentante Designato Notaio Raffaele Del Greco, l’Assemblea Ordinaria dei Soci de La Cassa Rurale Adamello Giudicarie Valsabbia Paganella, i cui risultati sono stati presentati ieri alla stampa, nella nuova sede dello sportello che aprirà a fine mese in via Enrico Bossi a Salò

Sono stati 1384 i soci che hanno partecipato consegnando la loro delega e le loro istruzioni di voto al Rappresentante Designato, approvando con oltre il 96% dei voti favorevoli il bilancio 2021 con un utile di 5,4 milioni di Euro e la destinazione di 1 milione di Euro al Fondo di Mutualità e Beneficenza.

“L’importante risultato economico ci permette di declinare quel valore fondamentale per una Cassa Rurale quale la reciprocità sottolinea la Presidente Monia Bonenti - infatti accanto alla destinazione a riserva di una quota di utile, il Consiglio di Amministrazione ha proposto all’Assemblea ordinaria dei Soci di destinare a “Fondo Mutualità e Beneficienza” una quota molto importante di tale risultato pari a 1 milione di Euro, risorse che saranno utilizzate per continuare a sostenere e sviluppare i progetti e le iniziative a favore dei nostri giovani, delle nostre associazioni, delle nostre imprese e delle nostre famiglie”.

Approvati anche tutti gli altri punti all’ordine del giorno: l’appostazione in bilancio di un vincolo fiscale su una quota della Riserva Legale, la modifica del Regolamento Sociale ed Elettorale, la stipula della polizza RC e infortuni professionali per Amministratori e Sindaci, le politiche di remunerazione e incentivazione e la determinazione del sovrapprezzo che i nuovi soci devono versare per entrare a far parte della compagine sociale in aggiunta al valore della quota di Euro 2,58.
L’Assemblea ha infatti confermato la proposta del Consiglio di Amministrazione di riservare ai nuovi soci con età inferiore ai 25 anni un sovrapprezzo agevolato pari a 67,42 Euro, mantenendo invariato a 137,42 Euro l’importo ordinario.

“Diventare soci della nostra Cassa Rurale – aggiunge il Vicepresidente Vicario Marco Baccaglioni - significa dare fiducia ad un istituto bancario che è in grado di sostenere le nostre comunità anche, e soprattutto, in momenti economicamente delicati come quelli che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso.
Tutte le voci del bilancio rappresentano infatti una Cassa Rurale solida e forte, che si caratterizza dal punto di vista patrimoniale per una importante dotazione di capitale e una buona qualità dell’attivo.”


La raccolta complessiva sfiora i 2,5 miliardi di Euro e l’andamento delle masse segnala un trend di crescita che evidenzia un aumento dell’8,7 %, con un particolare sviluppo del risparmio gestito, tra cui gestioni patrimoniali e fondi comuni di investimento.
Un segnale forte, che rappresenta la fiducia accordata a La Cassa Rurale da soci e clienti.

Per quanto riguarda i prestiti netti si evidenzia un incremento del 1,6% degli impieghi in bonis, frutto della concessione di nuovi prestiti a 787 famiglie e 477 imprese del territorio per un totale di oltre 1 miliardo di Euro di impieghi di bilancio.
Numeri significativi, che si traducono nell’erogazione di circa 5 nuovi mutui per ogni giorno lavorativo.

Si rileva inoltre una riduzione del 47,3 % del credito deteriorato netto, quasi dimezzato a quota 23 milioni di Euro, per effetto sia di una riduzione del NPL Ratio lordo, il valore che indica la percentuale dei crediti deteriorati lordi sul totale, sia dell’aumento dell’indice di copertura dei crediti deteriorati (coverage ratio), che si attesta intorno al 78%.

Anche i principali coefficienti patrimoniali come il CET 1 Ratio e il Total Capital Ratio risultano in crescita di quasi due punti percentuali rispetto al 2020, attestandosi oltre il 21% a conferma della solidità patrimoniale della Cassa.

“Per la nostra Cassa Rurale il 2021 è stato un anno sfidante, che ha richiesto un impegno straordinario per supportare le imprese e le famiglie che hanno dovuto affrontare le ripercussioni economico-finanziarie della crisi sanitaria – afferma il Direttore Marco Mariotti – ma ha anche mostrato l’efficienza della nostra struttura organizzativa, che è stata in grado di fronteggiare la situazione con prontezza e competenza.
Il risultato molto positivo del bilancio 2021 è quindi sicuramente frutto dell’eccellente lavoro dei nostri 257 collaboratori, per i quali voglio esprimere il mio personale ringraziamento e apprezzamento per l’impegno profuso”.

.in foto. Da sin: Mariotti, Bonenti, Baccaglioni





Vedi anche
21/11/2019 07:35

Sarà grande e presto avrà anche un nome Le Rurali "Giudicarie Valsabbia Paganella" e "Adamello" hanno deciso di fondersi. Daranno vita ad una grande Cassa che unirà i territori da Salò a Campiglio e Da Tione a Mezzolombardo. Con l'attenzione che sempre le Rurali dedicano al territorio

07/07/2020 07:00

Cassa Rurale, i passi verso la fusione Presentato l'assetto della nuova banca di credito cooperativo che nascerà con la fusione della Cassa Rurale Adamello nella Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella: nuova governance, un periodo di transizione di tre anni, cinque territori con altrettanti Gruppi Operativi Locali per gestire la mutualità

17/06/2020 16:24

Assemblee due... riunioni nessuna C'è voluta "l'emergenza coronavirus" per fermare la partecipazione diretta dei soci della Rurale, che quest'anno di appuntamenti fondamentali, per prendere decisioni sulla loro banca, ne mancheranno due: quello sul bilancio e quello sulla fusione 

17/07/2020 16:43

Cassa Rurale Adamello, sì alla fusione I soci a larga maggioranza hanno approvato il progetto di fusione con la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella

03/04/2015 09:57

Chiusura in utile per la Rurale La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella spesa 25 milioni di sofferenze, ma chiude in utile per 1,7 milioni. L'assemblea dei soci è attesa per il 24 aprile




Altre da Val del Chiese
22/05/2022

Perde la vita contro un pilastro

Una gita con la moto insieme agli amici si è trasformata in tragedia, fra Storo e Baitoni, con un’uscita di strada improvvisa quanto letale

21/05/2022

Una nuova casa per il vigili del fuoco di Condino

La nuova caserma è collocata fuori dal centro abitato, vicino alle principali vie di comunicazione e sarà dotata di pista per atterraggio elicottero illuminat. A giugno l'inaugurazione

14/05/2022

Salta il Canarino d'Oro, torna l'Esordiente d'Oro

La kermesse calcistica di Condino dedicata ai Pulcini non si farà neanche quest’anno, mentre torna quella di Storo, con presenze bresciane

13/05/2022

Arrivano i bandi

160mila euro. É il budget che la Cassa Rurale Adamello Giudicarie Valsabbia Paganella mette a disposizione delle associazioni del territorio per investimenti su materiali e progetti formativi. Entro il 27 maggio

09/05/2022

San Carlo Borromeo di Riccomassimo

Sabato scorso, nella piccola frazione storese, sono stati inaugurati i lavori di sistemazione della chiesa

08/05/2022

L'ultimo saluto a Dario Antolini

Per anni ha gestito il rifugio Trivena in Val di Breguzzo. Questo lunedì i funerali.

08/05/2022

San Romedio patrimonio dell'umanità

Il santuario di san Romedio potrebbe diventare patrimonio UNESCO: iniziato l'iter per il riconoscimento
VIDEO

05/05/2022

Allegramente verso l'Adunata degli Alpini a Rimini

Tappa a Ponte Caffaro per per il gruppo di fiati “Amici delle note della Val del Chiese” in partenza per l’Adunata delle penne nere a Rimini e San Marino
VIDEO

(1)
29/04/2022

Nuovo centro di medicina di gruppo integrata

A Storo, comune più popoloso delle Giudicarie ed alta Valle del Chiese, nasce un nuovo centro medico in cui si raggruppano medici di famiglia, specialisti ed infermieri.

 

28/04/2022

Acqua ai minimi storici nella diga di Bissina

Fa impressione vedere la diga in estate, con l'invaso quasi pieno d'acqua, e vederla invece ora, con il livello sceso di oltre cinquanta metri