03 Maggio 2017, 07.30
Prevalle Roè Volciano Garda
Aggressione

«Si è vero, sono stato io»

di Val.

Dopo l'ammissione di colpa è finito agli arresti domiciliari, l'albanese che con un pugno ha mandato in rianimazione un 23enne marocchino al Plaza. «Non credevo di fargli così male». 

 
«E’ vero, sono stato io, non pensavo però che con un pugno gli avrei fatto così male. Si è vero, sono scappato, perché ho avuto paura».

Ventidue anni ancora da compiere, albanese in Italia da pochi anni, ha ammesso le sue responsabilità il giovane che nella notte fra sabato e domenica scorsa, nell’area fumatori del Plaza di Roè Volciano, ha steso un 23enne di origini marocchine, residente a Prevalle, mandandolo in ospedale con riserva di prognosi.

Difeso dall’avvocato Mannatrizio, dopo la convalida dell’arresto operato dai carabinieri di Salo al comando del capitano Firinu, l’aggressore che vive e lavora fra Toscolano e Gargnano, è stato scarcerato ieri.
In attesa del processo, non potrà uscire di casa nelle ore notturne.

La vittima è invece ancora ricoverata nel reparto di Seconda Rianimazione al Civile di Brescia.
Le sue condizioni vengono definite “in lenta ripresa” dai medici che l’hanno in cura e ad ogni modo il giovane non sarebbe più in pericolo immediato di vita anche se viene mantenuto in coma farmacologico.

Intanto è stata ricostruita nei particolari la vicenda, frutto di uno spintone poi degenerato in alterco fra due ragazzi: il marocchino poi finito in ospedale e un albanese.

Erano già passate le 3.
L’aggressore finito agli arresti è arrivato in un secondo momento ed è intervenuto prendendo le parti dell’amico, sferrando a quell’altro un pugno in pieno volto, con una violenza tale da rompergli la mandibola e farlo finire a terra.

A quel punto è intervenuto il fratello del ragazzo aggredito e si sono fatti sotto anche un altro paio di albanesi, per contrastarlo.
Quella che sarebbe degenerata in rissa però non ha avuto luogo: quando si sono accorti del ragazzo che stava male, era a terra e non si rialzava, hanno smesso di picchiarsi e hanno chiamato i body guard.

Poi il soccorso medico.
Il gruppo di albanesi è andato via prima che i suoi componenti potessero essere identificati: a questo ci hanno pensato i carabinieri salodiani, nelle ore successive, rintracciandoli tutti quanti, fermandone tre ed arrestandone uno. 



Commenti:
ID71899 - 03/05/2017 08:01:19 - (sonio.a) -

Visto?risorse che ci pagheranno la pensione

ID71902 - 03/05/2017 10:26:45 - (renato.filippini) -

Piantala di fare il pirla: si pestano anche gli italiani fuori dagli stadi, dai ristoranti e dalle discoteche. Invece di lasciare commenti idioti ad ogni articolo vai a lavorare così versi i contributi e la tua pensione te la pagherai tu senza dover aspettare le "risorse".

ID71903 - 03/05/2017 10:48:38 - (ric) -

Io lavoro ,mi pago la.pensione.......ma a me questa gente sta sulle palle e sono convinto siano da cacciare a calci in culo....nati in Italia o arrivatici con i barconi,s e non ti comporti bene.... fuori dai cogl..ni...oppure in galera e ogni giorno quattro legnate!!!!

ID71904 - 03/05/2017 11:00:14 - (roberto74) - Ehhhh...

Se solo esistesse la legge del contrappasso....

ID71908 - 03/05/2017 14:14:32 - (minkia) - x renato.filippini

quello che dà del pirla agli altri. Certo che si pestano anche tra italiani fuori dagli stadi, dai ristoranti e dalle discoteche. C'è tuttavia una sottile discriminante: SIAMO IN ITALIA, non in Marocco o in Albania!

ID71909 - 03/05/2017 14:43:27 - (ubaldo) - x minkia

Cioè?

ID71911 - 03/05/2017 16:40:06 - (renato.filippini) - x Ubaldo

Ubaldo, impossibile capire il profondo ragionamento di "minkia" (nomen omen). Lui condivide ed è pronto a giustificare solo i pestaggi tra indigeni (è profondamente patriottico).

ID71912 - 03/05/2017 16:45:59 - (renato.filippini) - ...continua

Magari quando andrà in pensione e diventerà non autosufficiente avrà una "risorsa" albanese o marocchina a pulire il suo regale deretano mentre i nipoti saranno fuori dallo stadio a pestarsi. Ma avrà già dimenticato tutti i suoi proclami "casanostrani"...

ID71913 - 03/05/2017 18:01:54 - (Diogene) -

Egregio RenatoGiusto due appunti:La pensione, come la maggior parte degli italiani onesti, me la sono già abbondantemente pagata, non ci servirebbero le "risorse" se i vari governi che si sono succeduti non avessero fatto scempio dei NOSTRI soldiLe nuove risorse che arrivano, come peraltro molte di quelle già stabilite, non lavorano, non ci pagano una beata cippa di contributi, anzi, siamo NOI a mantenerliPer il resto meglio non aggiungere nulla.Interessante che la maggior parte degli interventi non sia d'accordo con questa invasione più o meno legalizzata

ID71914 - 03/05/2017 18:23:57 - (minkia) - x renato.filippini

finito di sparare minkiate??

ID71921 - 04/05/2017 06:49:36 - (Sons) -

Si e dopo chi le mantiene le ONG, Coop , Caritas e buonisti vari che in casa si guardano bene dall'ospitarli ma con la lingua Bla Bla Bla .. Non hanno i soldi per le pensioni ma per i Clandestini che in Europa non vuole nessuno e ci costano 5 miliardi si trovano subito! Ps la favoletta che è l'Europa a pagare e che ci pagano le pensioni è scaduta!

ID71922 - 04/05/2017 07:11:15 - (ric) -

Io per so solo a mia figlia che più diventa grande più avrà a che fre con risorse che si pestano in discoteca.... eviterà la discoteca,che spcviano e cgano in stazione...... eviterà di prendere il treno,cje borseggiano in città....eviterdi ndare in città.....che lavorano a costo zero.... eviterà di lavorare!!!!! CI stanno invadendo,grazie alla chiesa e alla politica con le sue onlus del c...o!!!

ID71923 - 04/05/2017 07:15:33 - (FilippoIppo) - ric

Mi spiace per te che vivi così male, davvero. Anche perchè riempiendo di queste negatività tua figlia, rischi che qualche cosa del genere le capiti per davvero.

ID71930 - 04/05/2017 23:01:56 - (ric) -

di negativit non la riempir io, io vivo bene e se qualcosa di male deve accadere spero accada ai figli di benpensanti come te che potranno dire ai propri figli " questo quello che io e altri volponi abbiamo voluto succedesse al nostro paese e soprattutto ai nostri figli"Continuate cos furboni!!!!!!

Aggiungi commento:

Vedi anche
01/05/2017 07:42

In rianimazione dopo il pestaggio Braccato dal branco, raggiunto e picchiato, con tale violenza da finire in Rianimazione al Civile. E' successo nella notte fra sabato e domenica al Plaza di Roè Volciano

04/12/2014 07:00

Preso il presunto aggressore Avrebbe un nome e un volto l'uomo che nella notte fra sabato e domenica scorsa ha brutalmente violentato una giovane donna valsabbina fuori dal Plaza di Roè Volciano. Dopo il riconoscimento è stato rinchiuso a Canton Mombello

04/12/2014 23:07

Lo stupro dopo che è rimasta sola Abbandonata dagli amici coi quali era arrivata in discoteca: «Avevamo sonno e lei non voleva venir via, è maggiorenne, cosa dovevamo fare?» l’affermazione di uno di loro

05/04/2007 00:00

Gavardo, patteggiano per rissa e spari Davanti al Gup il tentato omicidio della notte del 26 febbraio 2006, avvenuto a Gavardo nel piazzale davanti ad una discoteca. Prima la rissa, poi gli spari. Un giovane albanese era stato colpito all'inguine.

06/09/2017 07:45

In festa per «alleggerire» i costi Obiettivo centrato: ecco i numeri della riuscitissima festa andata in scena nelle scorse settimane alla discoteca Plaza, organizzata da Sportmid Onlus




Altre da Prevalle
27/07/2021

I sindaci: «Uno schiaffo alla democrazia»

Anche gli amministratori comunali non nascondono rabbia e delusione per una decisione “calata dall’alto in maniera autoritaria”. Spenta per protesta la torre civica di Muscoline

25/07/2021

Alle prefinali di Miss Grand Prix 2021

C'è anche una ragazza valsabbina  tra le 40 prefinaliste che il prossimo 5 agosto andranno a caccia del "pass" per la finalissima nazionale del concorso di bellezza

23/07/2021

«Cosa sta succedendo nel nostro comune?»

Il Gruppo di Minoranza “Uniamo Prevalle” dice la sua riguardo alla recente revoca della delega a Bilancio e Ambiente del consigliere Amilcare Ziglioli

23/07/2021

In memoria di Roberto il nuovo campo sintetico

Questa domenica, 24 luglio, il nuovo manto d'erba sintetica dell'oratorio di San Zenone a Prevalle verrà inaugurato ed intitolato al giovane Roberto Taroli, tragicamente scomparso la scorsa estate

21/07/2021

«Evidenti divergenze», il sindaco toglie le deleghe a Ziglioli

Già sindaco di Prevalle per due mandati consecutivi, l'ormai ex assessore leghista Amilcare Ziglioli si è visto revocare dal suo successore le deleghe a Bilancio e Ambiente

20/07/2021

Concessa la cittadinanza onoraria al «Milite Ignoto»

Il Comune di Prevalle ha approvato all'unanimità la mozione per assegnare al “Milite Ignoto” la cittadinanza onoraria del paese, unendosi agli altri Comuni italiani

20/07/2021

Per Vincenzina sono 74

Tantissimi auguri a Vincenzina Ceravolo di Prevalle che proprio oggi, martedì 20 luglio, festeggia il suo compleanno

11/07/2021

Omicidio Mantovani, archiviate le posizioni di nove indagati

Rimane sotto inchiesta per l’omicidio di Jessica solo il proprietario dell’abitazione in cui la donna aveva trascorso la sua ultima serata in vita

11/07/2021

I 78 di Enzo

Tantissimi auguri a Vincenzo Romano di Prevalle che proprio oggi, domenica 11 luglio, festeggia il suo compleanno

08/07/2021

La storia si ripete

Con il violento temporale di questa sera il sottopasso di Prevalle della 45 bis si è nuovamente allagato, ma il semaforo è rimasto spento

(1)