08 Giugno 2020, 06.50
Blog - Genitori e figli

La società della paura che genera mostri

di Giuseppe Maiolo

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola


Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ha incrementato la paura che è specifica condizione umana e un sistema pervasivo di comunicazioni martellanti l’ha distribuita ovunque a dosi massicce e ha fatto sviluppare dappertutto tormento e insicurezza, angoscia e paranoie

Il guaio è che il ruminare intenso del terrore e dei pensieri colmi di immagini negative e carichi di ansia, sembra non arrestarsi.
Neanche quando, a valutare la situazione attuale, il contagio sembra rallentare.
Si sviluppa, al contrario, una ulteriore vena minacciosa di timori altrettanto contagiosi che alimenta scenari da panico, idee assurde e comportamenti estremi.

Così cresce a dismisura la società della paura, quella di cui parla Vittorino Andreoli nel suo ultimo libro “Homo incertus”. Quella che la continua e persistente dimensione di incertezza fa lievitare la preoccupazione del vivere a contatto degli altri e lo starsi accanto.
In questo senso ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili.   

L’ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plaxiglass per garantire la sicurezza ai bambini che a settembre torneranno a occupare le aule scolastiche.

Fa orrore solo il pensiero dei banchi trasformati in scatole illusoriamente asettiche, contenitori di esseri umani che si vedono e non si sfiorano, tantomeno si annusano e si toccano.
Inimmaginabile e perversa scenografia di un tempo che sembra diventare sempre più dominato da idee persecutorie tra cui quella malsana dell’untore che torna ad emergere e vede, adesso, protagonisti anche i bambini, come vittime e allo stesso tempo colpevoli.

Perché adesso circola la paura che gli stessi piccoli siano un potenziale veicolo di trasmissione del virus, portatori sani in grado di contagiare i pari e gli adulti, i compagni e i maestri, i fratelli e i nonni.
Niente di meglio allora, con l’alibi della protezione, che rinchiuderli nelle nuove gabbie trasparenti.

E non si tratta di negare i rischi che la pandemia può ancora produrre e neppure di rifiutare l’idea che la comunità scientifica sappia indicare i limiti da osservare per garantirci sicurezza collettiva.
È piuttosto l’auspicio di mantenere la capacità di riconoscere i bisogni dei bambini e ricordare che la loro crescita sicura dipende da spazi fisici e relazionali, da contatti e vicinanze affettive ed emotive. Non da ulteriori barriere.

Proteggerli e rassicurare le famiglie non deve dipendere da una sorta di regressione psicologica a cui, speriamo temporaneamente, ci ha condotto l’esperienza del coronavirus, quanto dall’attenzione precisa che si deve a tutte le esigenze della comunità.

Di sicuro ci sono momenti storici particolari, e quello che stiamo vivendo lo è, che fanno emergere in modo netto le fragilità umane. Ma il Covid-19 ci ha fatto scoprire le vulnerabilità trascurate con la presunzione che modernità e tecnologia ci avessero resi invincibili e al riparo dall’incertezza e dal dubbio.

Invece abbiamo la necessità di imparare a convivere con la dimensione dell’incertezza che, come diceva Zygmunt Bauman, è l’unica certezza che rimane nella società liquida.

Ne deriva che per salvarci
dovremmo accettare le nostre debolezze che sono vulnerabilità biologica e psicologica, che abbiamo bisogno di mascherine ma anche di altro e forse proprio di vicinanza e contatto o magari di  abbracci che in questo momento vogliamo lontani con barriere trasparenti.

Di certo la distanza sociale ha fatto la sua parte, ma per uscire da questa sofferenza collettiva dovremmo provare ad arginare la paranoia, quella che ci spinge ad andare a caccia del nemico di turno, quello con i tratti del portatore sano.

Forse urge rivedere tante cose, a partire dai separé e dalle visiere trasparenti come protagoniste della protezione dei bambini.
Probabilmente non sarà un peccato copiare soluzioni di altri paesi che hanno già individuato possibili percorsi di uscita.
Ma rimane il fatto che, proprio come dice Andreoli, non sono le distanze o l’isolamento degli individui, ma i legami e la forza della vicinanza che ci può aiutare a resistere ai pericoli del mondo.   

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it


Vedi anche
08/11/2016 17:08

Sos Compiti La scuola è iniziata da qualche mese ed è tempo di compiti, verifiche; inizia la routine per tutti: bambini, adolescenti, insegnanti e genitori

16/05/2016 16:42

Giochiamo alle bancarelle Il gioco simbolico che perdura anche nell’età della scuola primaria: un’occasione di crescita e di sviluppo delle proprie capacità

02/03/2014 08:19

Che fine faranno barriere e rospi a Cariadeghe? E' la domanda implicita nella fotografia inviataci da un lettore, che impietosa ritrae le pessime condizioni delle barriere salvarospi posizionate meno di un anno fa

20/01/2019 08:00

Se le maestre picchiano i bambini Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale

17/08/2014 07:43

La depressione La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare



Altre da Pillole di Psicologia
20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

30/08/2020

Comunicazione Aggressiva

I principali stili di comunicazione sono assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione aggressiva

27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

03/12/2018

Perché dopo i 30 anni si hanno meno amici?

Chi nota di avere molti meno amici rispetto a quando era giovane può evitare di andare in crisi: dopo i 30 anni, infatti, è normale avere meno connessioni sociali rispetto al passato