01 Dicembre 2020, 06.34
Pertica Bassa Valsabbia
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

Il «paradiso dorato» dei Boscaì

di Alfredo Bonomi

L’ancona dell’altare maggiore della chiesa parrocchiale di Levrange, uno scenografico “paradiso dorato”, capolavoro dei Boscaì


L’intaglio ligneo valligiano per gran parte è dovuto all’ingegno della famiglia Pialorsi di Levrange, detta dei “Boscalì”. Attiva sicuramente dalla metà del 1600 fino a quasi tutto il 1700, ha lasciato un’abbondante produzione nelle chiese.
Ai “Boscaì” si affiancarono spesso anche intagliatori della famiglia Zambelli. Per comprendere bene l’arte dei “Boscaì”, e per gustarla, è indispensabile una visita alla chiesa parrocchiale di Levrange.

L’”ancona” dell’altare maggiore, nella sua maestosità, si impone su tutta la chiesa e nelle sue eleganti movenze dà il timbro al tempio.
E’ sicuramente l’opera più pregevole uscita dalla bottega dei “Boscaì”, eseguita, unitamente a quelle delle cappelle laterali, da Francesco, il “genio” della famiglia degli intagliatori, con l’aiuto del figlio Giovanni Battista, sicuramente prima del 1734, in un arco di tempo ristretto.

Qui si concentrano i motivi dell’arte boscaina
e, da sola, merita un viaggio a Levrange, perché l’emozione che dona è intensa.
Gli ornati e le statue si inseriscono in un’ossatura architettonica quasi “vaporosa”, tanta è l’inventiva che vi domina.
La “cifra portante” dell’arte boscaina è proprio la freschezza della concezione e la genuinità delle figure. Le statue sembrano proprio dei ritratti delle persone che popolavano a quel tempo le contrade della valle del Chiese, proposte però in forma elegante e nobile.

La ricchezza degli ornati, veri intrecci di foglie e fiori, non è mai troppo pesante ed esorbitante.
L’impressione che si ricava dall’insieme è quella di una concezione quasi pittorica della scultura con l’uso sapiente del chiaroscuro, dove il luccichio dell’oro zecchino rende il tutto con atmosfere da “piccolo paradiso”.

Ai lati della mensa marmorea, due telamoni a grandezza naturale sembrano sostenere tutta la struttura.
Nella loro nudità richiamano la statuaria classica, ma le ciabatte portate ai piedi li riconducono ad un’atmosfera domestica.

Su una base intagliata a motivi floreali intrecciati, si alzano due colonne tortili che sostengono una ricca trabeazione ad andamento mistilineo su cui si imposta il grande coronamento costituito da volute e da quattordici putti con al centro la statua di S. Rocco portata in gloria. La pala di buona fattura è racchiusa da una cornice ornata da puttini, da foglie, da fiori. Ai lati due statue  tutto tondo rappresentano S. Faustino a destra e S. Giovita a sinistra, i santi della chiesa bresciana.

Lo sguardo, spostandosi verso l’alto,
è catturato dalla “complessa macchina” della “gloria di S. Rocco”.
Il santo, nel suo caratteristico vestito da pellegrino, è al centro di un “contesto d’angeli” che, in atteggiamenti felici e festanti, gli ruotano attorno.

L’esprimersi felice di questi angeli racchiude bene quel senso gioioso che è caratteristico di tutta l’”ancona”.
I motivi presenti nell’”ancona” maggiore si ripetono in misura ridotta in quelle laterali, che diventano, a loro volta, degno coronamento del “centro visivo” liturgico ed artistico della chiesa.

Alfredo Bonomi





Vedi anche
19/11/2020 06:22

Il «Catechismo in intaglio» di San Bartolomeo L’ancona dell’altare maggiore della chiesa di Avenone: un significativo percorso di fede in arte

17/03/2021 06:43

La gran «macchina lignea» dell’ancona del santuario di Auro Dove uomini, virtù ed angeli, concorrono a rendere gloria alla Vergine

13/05/2021 19:28

Odeno, borgo gentile e signorile Con questa "cartolina" di Alfredo Bonomi, la trentesima, si conclude la serie di preziosi spunti per conoscere ed apprezzare alcuni fra gli "scorci" più interessanti della Valle Sabbia

09/12/2020 07:41

La tranquilla poesia del lago d’Idro Il lago d’Idro porta nel nome anche la tradizione di una leggenda che lo ancora a miti antichissimi




Altre da Pertica Bassa
28/07/2021

Grest alle Pertiche

Ha preso il via questo lunedì 26 luglio e durerà per due settimane il Grest delle Pertiche organizzato dalla parrocchie con la collaborazione delle due amministrazioni comunali

02/07/2021

Oltre 500 runner pronti per la Ivars Tre Campanili

Appuntamento domenica mattina per la mezza maratona di corsa in montagna di Vestone e delle Pertiche, un grande momento di sport e di ritorno alla normalità

24/06/2021

Simona Cè campionessa europea Marathon Master

La biker di Gavardo portacolori dell'MTB Pertica Bassa ha aggiunto un nuovo titolo al suo già nutrito palmares

23/06/2021

Grande attesa per la Ivars Tre Campanili

Sarà il primo grande evento sportivo di caratura internazionale post pandemia quello ospitato dalla Valle Sabbia il 4 luglio: una prova di ripartenza

05/06/2021

Vaccinazioni per over 60

Accesso libero senza prenotazione ai Centri vaccinali per questo e il prossimo fine settimana per i residenti nei piccoli comuni: otto quelli valsabbini e sette i gardesani

02/06/2021

I 14 di Matteo

Tanti auguri a Matteo Dusi, di Pertica Bassa, che proprio oggi, mercoledì 2 giugno, compie i suoi primi 14 anni

27/05/2021

Vax Day per gli over 60 ancora da vaccinare

Anche 8 Comuni valsabbini sono inseriti nella lista dei 28 Comuni Bresciani con libero accesso ai Centri vaccinali per gli ultrasessantenni per due fine settimana di giugno

10/05/2021

La 14ª Sunset Bike rinviata al 2022

Dopo aver analizzato una serie di fattori, la Polisportiva Pertica Bassa a malincuore ha deciso di rinviare ancora di un anno la Granfondo delle Pertiche, ma per la prossima estate si prevedono altre manifestazioni

07/05/2021

L'ultimo reduce del «Vestone» è «andato avanti»

Si terranno questo sabato pomeriggio a Levrange, suo paese natale, i funerali del reduce di Russia Primo Zambelli

11/04/2021

La montagna e la corsa le sue passioni più grandi

Da un piccolo borgo della Pertica Bassa in Valle Sabbia, precisamente nel paese di Forno d’Ono vive e si allena da sempre un mio carissimo amico nativo di Anfo, Janez Zecchini