24 Gennaio 2023, 08.00
Paitone
Giornata della Memoria

Paitone celebra la Memoria con «Train de vie»

di Franco Tarsi

Questo venerdì, 27 gennaio, la proiezione gratuita del film diretto nel 1998 da Radu Mihaileanu in occasione della Giornata della Memoria


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...


 
I soldati dell’Armata Rossa entrano ad Auschwitz e liberano gli ultimi ebrei “dimenticati” nel campo di sterminio dai carcerieri nazisti, fuggiti dieci giorni prima trascinandosi dietro, nella cosiddetta “Marcia della morte”, altri prigionieri, molti dei quali morirono per sfinimento e stenti (e finiti con un colpo di pistola alla nuca) prima di raggiungere la nuova meta, cioè un altro campo: questo per non far cadere vivo un solo prigioniero nelle mani del nemico. 
 
E’ una data storica e significativa perché decreta la fine di uno, il più famigerato, dei punti “qualificanti” della dottrina nazista. Le Nazioni Unite, con la risoluzione 60/7 del 1° novembre 2005, deliberata dall'Assemblea generale nel corso della 42ma sessione plenaria, hanno indicato quella data come il Giorno della memoria, per non dimenticare doverosamente il più grande genocidio della storia. 
 
Da allora sono passati 78 anni, si è costituito lo Stato di Israele, sono state emanate varie leggi a tutela del popolo ebraico, sono emersi fatti che prima non si conoscevano, è fiorita una vastissima e utilissima letteratura in proposito, si è considerata la storia in maniera diversa e si è celebrato il processo (i processi) di Norimberga all’insegna, per la prima volta, del concetto di “crimini contro l’umanità”, dove nella considerazione degli eventi storici ha ripreso spazio la morale. 
 
Per la precisione si è tracciata una distinzione fra crimini di guerra e crimini contro l’umanità; questi ultimi erano già comparsi, come definizione, nel 1915 in riferimento al genocidio degli Armeni (un milione di morti: si legga, in proposito, il romanzo di Franz Werfel “I quaranta giorni del Mussa dag”). 
 
Tutto cambiato, quindi, più nessuna paura che la storia si ripeta? 
Probabilmente sì, però meglio non abbassare la guardia, perché i segnali di rischio rimangono: Israele, secondo il regime iraniano degli Ayatollah, dovrebbe scomparire dalla faccia della Terra, le azioni di disturbo da parte dei palestinesi ricompaiono regolarmente. 
 
Ma se questi sono aspetti apparentemente senza uno sbocco concreto, forse più inquietante è la ricomparsa della “ostilità spicciola” nei confronti degli ebrei (sarebbe meglio chiamarla “stupidità spicciola”), dal momento che non ha alcuna base logica e non se ne capisce la provenienza. 
 
Punture di spillo? Forse sì, ma sono punture fastidiose (e odiose) e quello che sconcerta è che si tratta di manifestazioni di ostilità che scaturiscono dal tessuto sociale, non da posizioni politiche.
 
Per celebrare la Giornata della memoria, il Comune di Paitone proietterà venerdì 27 gennaio gennaio alle 20.45 nella Sala polivalente della cultura il film “Train de vie”. Si tratta di una pellicola non recente, è del 1998, ma ha un pregio, quello di non opprimere gli spettatori con la visione di sviluppi orrendi delle vicende ebraiche nella seconda guerra mondiale. 
 
Il regista e sceneggiatore Radu Mihaileanu porta sullo schermo una storia surreale e molto divertente (se ci si ferma alla superficie), che però contiene vari aspetti sui quali concentrare l’attenzione. 
 
La storia prende lo spunto dall’attacco tedesco all’Unione sovietica (22 giugno 1941), non citato espressamente ma che avvicina rapidamente la presenza nazista ad un minuscolo paese di ebrei dell’Est europeo (non è specificato se si tratti o meno della Romania, anche se il regista è rumeno) e comporta pertanto la necessità per gli abitanti di sottrarsi all’occupazione e allo sterminio. 
Come fare? Facile: si allestisce un finto treno, con finti prigionieri e finti carcerieri nazisti, che va verso il finto internamento. E ci fermiamo qui per non togliere il piacere della scoperta agli spettatori. 
 
Quello che forse sorprende di più è il taglio comico (ma non troppo) di un film inventato dall’ebreo Mihaileanu (rumeno - Bucarest 1958 - e naturalizzato francese), che si permette il lusso di ridere, e far ridere, della immane tragedia del suo stesso popolo, rivelando uno scatenato e proverbiale umorismo ebraico. Possiamo dire che “Train de vie” (“Un treno per vivere”) è un film che ci voleva. 
 
Ricordate: venerdì 27 gennaio nella Sala polivalente di Paitone, alle 20.45. Gratis, naturalmente.



Vedi anche
24/01/2013 15:37

Per non dimenticare Per la Giornata della Memoria l'assessorato alla Cultura di Vallio Terme e la biblioteca hanno organizzato una serata con la lettura di brani del "Diario di prigionia" di Lino Monchieri e la visione di un film sulla Shoah.

25/01/2017 17:59

Il viaggio di Fanny Proiezioni speciali per le scuole, in occasione della Giornata della Memoria, al cinema dell’oratorio di Agnosine del film che racconta la Shoah dal punto di vista dei bambini

23/01/2020 08:00

«Un sacchetto di biglie», in ricordo della Shoah Il film verrà proiettato questo venerdì, 24 gennaio, a Paitone nella ricorrenza della Giornata della Memoria. Nei giorni seguenti anche Nuvolento, Nuvolera e Serle si uniranno nel ricordo con una serie di iniziative culturali

22/01/2019 09:56

«Uomo dov'eri, uomo dove sei?» Due interessanti incontri, uno per gli studenti e uno aperto a tutta la cittadinanza, quelli in programma a Vobarno questo giovedì, 24 gennaio, per la Giornata della Memoria

26/01/2023 08:00

Il paradiso inaspettato Da non perdere la rappresentazione teatrale di Lucilla Perrini e con Sergio Mascherpa che andrà in scena lunedì prossimo, 30 gennaio, a Villanuova. Ingresso libero, è possibile prenotarsi




Altre da Paitone
26/01/2023

L'uso del defibrillatore e dello spray urticante

Due giornate di aggiornamento professionale per la Polizia locale di Prevalle-Paitone-Serle

13/01/2023

Superato con successo il percorso formativo per comandanti

Anche i comandanti di Calvagese-Muscoline e Prevalle-Paitone-Serle hanno ricevuto il diploma di frequenza di uno speciale corso regionale riservato ai responsabili di servizio della Polizia locale

13/01/2023

Hai voglia di ritrovare una relazione gioiosa con il cibo?

Se la risposta è SI, la Mindful Eating fa al caso tuo. La si può imparare anche in Valle Sabbia. Vediamo di cosa si tratta

08/12/2022

La cooperativa di Bessimo si presenta

La comunità di Paitone della cooperativa sociale che ospita persone tossicodipendenti e alcoldipendenti ha organizzato una serata presso la Sala polivalente della cultura

06/12/2022

Truffa con pestaggio

Si reca a Paitone per ritirare un televisore trovato rispondendo a un annuncio online e viene picchiato e rapinato

28/11/2022

Al santuario per la Virgo Fidelis

Anche i soci della sezione dell’Anc di Nuvolera, Nuvolento, Serle, Paitone e Prevalle si sono ritrovati sabato per la celebrazione in onore della patrona dell’Arma dei Carabinieri

23/11/2022

Paitone green

Anche il comune di Paitone ha colto l’occasione per mettere a dimora nuove piante per la «Giornata nazionale degli alberi»

23/11/2022

«Non sei da sola», i volti della violenza

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne venerdì sera una serata di riflessione nella sala polivalente della cultura

17/09/2022

Presentato il primo trofeo Imbal Carton

Nella mattinata di venerdì 16 settembre, presso la sede di Imbal Carton, a Prevalle, è stato presentato il primo trofeo podistico alla memoria di Gian Castagna, storico dipendente della ditta prevallese, nonché grande appassionato di podismo

07/09/2022

Novità e nuovi spazi per il micronido

Il micronido di Paitone diventa «maxi», la nuova formula consente un espansione della capienza di almeno il 50% dei posti, ma non solo, in arrivo anche nuove dotazioni, tra le quali il “super-passeggino” a sei posti.