27 Ottobre 2020, 06.51
Odolo Valsabbia
Cronache

Lo schianto nella nebbia

di val.

Pochi particolari ancora su come l'elicottero di Giorgio Oliva abbia potuto schiantarsi in Valle d'Aosta, sull'area infatti le condizioni meteo proibiscono ogni sopralluogo. Intanto l'imprenditore odolese è definito "grave, ma cosciente": se la caverà


Parla bresciano e valsabbino, la tragedia che ha avuto luogo domenica sulle montagne della Valle d’Aosta.
Nell’elicottero precipitato nella zona di Cervinia, infatti, c’erano due imprenditori odolesi: Giorgio Oliva, 61 anni, vicepresidente della IRO spa (Industrie Odolesi Riunite) e Alfredo Buda, 59enne residente a Castel Mella, che nella stessa azienda lavorava da 14 anni e ricopriva il ruolo di responsabile del sistema di gestione ambientale e del servizio di prevenzione e protezione.

Oliva è sopravvissuto allo schianto ed è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Berna.
Buda purtroppo non ce l’ha fatta ed è morto sul colpo. Troppo gravi le ferite riportate nella caduta.

I due, entrambi appassionati di sci, col desiderio di farsi una sciata in vista della possibile chiusura degli impianti causa Covid, domenica sono partiti alle 7 del mattino ed hanno raggiunto le montagne della Valle d’Aosta con l’elicottero e sono atterrati nella zona di Cervinia.
Per la precisione sono scesi a Laghi Cime Bianche, da dove parte anche la funivia che porta sulla sommità del Plateau Rosa e dove quell’elicottero era già stato visto altre volte.

Nel pomeriggio, dopo aver sciato, Giorgio Oliva e Alfredo Buda si sono riportati all’elicottero e insieme sono decollati per rientrare verso casa prima che facesse buio.
Ai comandi del mezzo aereo, pilota esperto e di lungo corso, c’era Giorgio Oliva. Suo il Robinson R44 da turismo bianco, quattro posti, utilizzato per l’escursione.

Lo tiene in un hangar edificato in un prato vicino alla Olifer, l’azienda siderurgica di famiglia. Oliva è conosciuto per essere un pilota scrupoloso e attento, con diverse ore di pilotaggio alle spalle.
Grande appassionato di sci, disciplina nella quale in passato aveva anche gareggiato ad alti livelli, con quell’elicottero volava spesso sulle nevi del Tonale e dello Stelvio per dare sfogo a questa sua passione anche nella bella stagione.

Cosa sia accaduto e perché il velivolo sia precipitato pochi minuti dopo il decollo, in una zona impervia nel vallone tra il Breithorn ed il valico che unisce la Val d'Ayas a Valtournenche, sarà oggetto di indagine da parte della Procura di Aosta coordinata dal pm Luca Ceccanti.
Un fascicolo è stata aperto anche dall’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo.
Ieri però non è stato possibile raggiungere in sicurezza la zona per effettuare i necessari rilievi.

Si sa che l’incidente è avvenuto intorno alle 16 ed il sistema di sicurezza dell’elicottero ha fatto partire il segnale ELT di allarme, ricevuto poi dal Centro di coordinamento soccorsi di Poggio Renatico, in quel di Ferrara.
E’ stato grazie a quel segnale che, avvicinandosi alla zona, i soccorritori hanno potuto restringere sempre di più l’area delle ricerche.
L’elicottero di “Air Zermatt” che si era alzato in volo notturno per individuare meglio il luogo dello schianto ha dovuto però fare rientro a causa della nebbia.

Sono stati gli uomini del Sav, il  Soccorso alpino valdostano e quelli del Sagf della Guardia di Finanza, ad individuare e a raggiungere da terra i due bresciani quando era mezzanotte e i due erano bloccati all’interno del velivolo ormai da otto ore.
Per Alfredo Buda non c’era più nulla da fare, Giorgio Oliva era cosciente anche se in forte stato di ipotermia e dopo essere stato immobilizzato è stato portato più in alto, dove ha potuto essere recuperato dall’elisoccorso elvetico per il ricovero nella capitale svizzera.

Nelle ore successive, pur ferito gravemente agli arti inferiori, sarebbe riuscito a comunicare con la famiglia.
Tutti a Odolo e in Valle Sabbia sperano che la sua forte tempra atletica possa avere il sopravvento.



Vedi anche
28/10/2020 07:33

Giorgio Oliva sta meglio Unico sopravvissuto nello schianto del suo elicottero, ricoverato a Berna, è uscito dalla terapia intensiva e potrà rivedere i familiari

29/10/2020 06:23

Sabato le esequie di Alfredo Buda Aperto un fascicolo per omicidio colposo. C'è un'indagine anche dell'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo. Migliorano le condizioni di salute di Giorgio Oliva

27/10/2020 07:14

«Ci mancherà, umanamente e professionalmente» Alfredo Buda, deceduto nello schianto con l'elicottero, viveva a Castel Mella con la compagna. Figlio unico, accudiva l'anziana madre. I colleghi e gli amici non si danno pace

26/10/2020 10:35

Precipita elicottero, un morto e un ferito fra gli impreditori odolesi L'incidente aereo si è verificato domenica sera a Cervinia, in Valle d'Aosta, sul monte Monte Breithorn, a oltre 3000 metri di quota

22/11/2018 13:30

Cade da un muretto, poi nella scarpata

Elicottero in azione a Mura, dove un uomo di 64 anni è precipitato mentre lavorava lungo la condotta che porta l’acqua dal lago di Bongi alla centrale dell’Enel. Aggiornamento



Altre da Valsabbia
05/12/2020

Sanità di territorio, opera incompiuta

Sono soprattutto le realtà periferiche come la Valle Sabbia a subire l’impoverimento della medicina di territorio. Ecco una proposta alla Regione che parla anche valsabbino

04/12/2020

Luogo del cuore? il Castello di Brescia

Archiviata la possibilità di promuovere alla ribalta nazionale la Rocca d'Anfo, lo sprint finale è per valorizzare il Castello di Brescia, salito in queste ore al quarto posto. Pochi giorni ancora per esprimere il voto, con la Valle Sabbia protagonista

04/12/2020

Nuova sede per Sae Valle Sabbia

Acquistata all'asta l'area Ex Almici F.lli di Vobarno. Importante operazione per la società per l'igiene urbana in forte crescita che da gennaio gestirà anche la città di Rezzato. Soddisfazione del presidente Flocchini e degli amministratori valsabbini

04/12/2020

Lo spirito e gli scopi delle mamme del Chiese

«Chiamate in causa dal sindaco di Salò, non vogliamo cadere nell'errore di fare sterili polemiche, ma sentiamo il dovere di puntualizzare qual è lo spirito e gli scopi che ci animano». Pubblichiamo volentieri

03/12/2020

La migliore in Provincia

Il Perlasca c'è. Il Liceo Scientifico che ha sede a Idro, infatti, è sul podio nella classifica delle migliori scuole bresciane. Per chi vuol saperne di più ecco date ed orari degli open-day "virtuali"

03/12/2020

Pd Valle Sabbia «Rispettata la Comunità e il Territorio»

Anche il Coordinamento del Partito Democratico di Valle Sabbia è soddisfatto della svolta sul depuratore del Garda e ringrazia tutti quelli che si sono mobilitati in difesa del territorio

03/12/2020

Valli Resilienti tre anni dopo, il bilancio finale

Valle Sabbia e Valtrompia sono state protagoniste di un progetto che ora giunge al termine dopo aver ottenuto grandi risultati. Per celebrarli insieme anche un evento in streaming

03/12/2020

Tavolo delle associazioni: «Mozione Sarnico, primo passo nella direzione logica.»

Anche la Federazione del Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese ed il suo lago d’Idro esprime soddisfazione per la svolta sul depuratore del Garda ma vigilerà perché comunque non vi siano scarichi nel Chiese dal nuovo depuratore gardesano

03/12/2020

Massardi: «Soddisfazione per intesa bipartisan»

Anche il consigliere regionale valsabbino della Lega esprime soddisfazione per la mozione approvata dal Consiglio provinciale: «Finalmente ascoltati i territori»

03/12/2020

Casa Maer per l'inclusione sociale in Valle Sabbia

Il progetto inaugurato due anni fa dalla Cooperativa Co.Ge.S.S. in collaborazione con Airbnb e Fondazione Cariplo è tra i più meritevoli in Italia. Lo si celebra oggi in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità