25 Giugno 2020, 17.09
Odolo Lavenone
Compleanno

I cento «in prigionia» del Remigio

di Ubaldo Vallini

Tanti auguri a Remigio Garzoni, di Lavenone, che proprio oggi, giovedì 25 giugno, ha raggiunto il secolo di vita, con una salute invidiabile


«Non me lo sarei mai aspettato: non sono riusciti a farmi prigioniero in guerra e mi tocca esserlo oggi». Vuole essere una battuta di spirito quella di Remigio Garzoni, da un paio d’anni ospite della Soggiorno Sereno di Odolo dove, diciamolo subito, si trova benissimo.
Però nella sua battuta c’è del vero.

I cent’anni dalla sua nascita, infatti,
li ha dovuti festeggiare “blindato” nella struttura della rsa, coi familiari più stretti dall’altra parte di un vetro.
E’ forse un po’ triste, ma è quanto viene richiesto dalle normative studiate per contrastare la diffusione del virus, come tutti sappiamo.

Per l’occasione Remigio ha ricevuto anche una lettera di auguri da parte del sindaco di Lavenone, Franco Delfaccio, che in attesa di poterlo fare di persona e senza nulla di mezzo, l’ha ringraziato «per averci tramandato quei valori di riferimento che sono parte del nostro patrimonio e la nostra ricchezza, quei valori che ci parlano di dovere, spirito di sacrificio, della famiglia, di altruismo e di solidarietà».

Prigioniero, dicevamo.
Di occasioni per finire dietro le sbarre, o anche peggio, in effetti ce ne sono state tante, soprattutto in guerra.
Vicissitudini che Remigio è capace di rivivere tutt’ora, con dovizia di particolari.

Soprattutto in Albania
, dove l'hanno mandato dopo che è stato sul fronte francese e dove si trovava quel fatidico 8 di settembre, senza riuscire a rientrare in patria, ritrovandosi così in balia degli eventi.
Nel Paese delle aquile, infatti, i “nostri” hanno dovuto consegnare le armi ai partigiani e sono diventati in pratica degli schiavi.

«Tutti erano nostri nemici: i fascisti italiani, i partigiani locali, gli albanesi filotedeschi, i tedeschi».
Remigio se l’è cavata elemosinando vitto e alloggio in cambio di lavori umili in campagna, da clandestino, perché tutti cercavano gli ex soldati italiani per mandarli a lavorare ai forni.

«Ne sono morti più lì che durante la guerra – ricorda -. Una volta io e il Pozzi (un compagno di Treviso Bresciano col quale ha sempre fatto coppia e che ora non c’è più ndr.) ci siamo nascosti per quattro giorni in un buco senza mangiare per evitare di essere presi.
Lui si è anche ammalato, tutto gonfio soffriva come un cane, tanto che se avessi avuto un fucile l’avrei ammazzato lì.
Poi lui è guarito e mi sono ammalato io».

Dopo più di un anno trascorso a vivere di stenti, Remigio è riuscito a guadagnare un passaggio su una navicella inglese che riforniva i partigiani sugli scogli.
A Bari e poi a Trani, in ospedale, pesava 38 chili.
Col treno raggiunse Cassino e poi se la fece tutta a piedi fino a casa, dove arrivò il 21 luglio del 1945, giusto in tempo per festeggiare il suo 25esimo compleanno.

La sua Daria l'ha reso vedovo nel 1996, dopo avergli regalato tre figli: Franco, Adriana ed Ettore. E loro una squadra di nipotiti che l'adorano.

Una tempra eccezionale quella di Remigio: tre anni fa, quando finalmente gli è stata consegnata la meritatissima “Croce di Guerra”, siamo stati a trovarlo a Lavenone e l’abbiamo sorpreso a Lavenone mentre falciava il prato con la “ranza”.

Qualche acciacco l’ha rallentato nei tempi più recenti, senza impedirgli, da ospite della rsa e prima del Covid, di trascorrere ogni tanto in compagnia del figlio qualche giorno nella sua campagna, ad occuparsi di piante e di animali, come ha fatto per tutta la vita nel rolo di allevatore e contadino.

Dai Remigio, che l’anno prossimo veniamo a trovarti e ci racconti ancora qualcosa.

.in foto: il compleanno di Remigio festeggiato oggi: Remigio tre anni fa mentre falcia l'erba.



Vedi anche
11/06/2017 07:41

A Remigio la sua Croce di guerra Remigio Garzoni, di Lavenone, all'età di 97 anni ha finalmente ricevuto l'onorificenza che gli spettava, dopo aver combatturo in Francia e in Albania. Una tempra eccezionale la sua 

19/08/2015 15:17

Don Remigio Fusi è tornato alla casa del Padre Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce

18/07/2019 08:45

«Wer Bist du (chi sei tu)?» E' stato presentato nei giorni scorsi a Casto il libro di Bruno Garzoni, comercialista valsabbino di Roè Volciano, che per una volta ai numeri ha sostituito le lettere, per indagare l'eterno tema umano: l'innamoramento

02/12/2006 00:00

Stagione eccezionale per Luigi Garzoni Luigi Garzoni, 16enne di Forno d’Ono di Pertica Bassa, studente allo Scar di Villanuova, mentre andr in giro con le stampelle potr esprimere lo stesso grande soddisfazione per l’ennesima annata trascorsa da vero campione di trial.

15/07/2016 10:10

Lode ad Alberto Complimenti ad Alberto Garzoni, di Roè Volciano che, giusto ieri, giovedì 14 luglio, ha conseguito la Laurea Triennale in Filosofia presso l'Università di Padova, con la votazione di 110 e lode



Altre da Odolo
02/01/2021

Crollo al Parco Rinascita

I teli non hanno resistito al peso della neve e l’intera struttura è collassata. E si parla di crollo “annunciato”, o comunque di una lunga storia che in questo modo era destinata a finire

01/01/2021

Sbatte alla Cadella, interviene anche l'elicottero

Tanta paura sulla strada a Odolo, dove un’auto è andata a sbattere contro il muro di una casa. Poco collaborativa la paziente, scatta quindi il codice rosso

01/01/2021

Severino e i 102

Tanti auguri a Severino Zola, di Odolo, che oggi, 1 gennaio, festeggia il compleanno numero 102, per la prima volta quasi "in solitaria"

31/12/2020

Mai più voli nella Vrenda

L’amministrazione comunale di Preseglie ha fatto piazzare una quard-rail in un punto della “vecchia 237” che si stava dimostrando assai pericoloso

24/12/2020

Auguri in musica dalla Filarmonica Conca d'Oro

Vista l’impossibilità si svolgere concerti dal vivo, la Filarmonica Conca d’Oro ha realizzato un video per rivolgere a tutti gli auguri di buon Natale
• VIDEO

15/12/2020

I 18 di Matteo

Tantissimi auguri a Matteo di Odolo che proprio oggi, martedì 15 dicembre, festeggia il passaggio alla maggiore età

12/12/2020

I 18 di Gaia

Tantissimi auguri a Gaia di Odolo che proprio oggi, sabato 12 dicembre, festeggia i suoi 18 anni

02/12/2020

Ancora nella Vrenda

E’ precipitato nell’alveo del torrente, dopo un volo di 17 metri, nello stesso punto dove era finita Antonella alla fine di agosto

20/11/2020

«Deliver-Read», prestiti a domicilio

Sono sempre di più le biblioteche valsabbine che, grazie anche ai volontari, continuano ad offrire il servizio di prestito libri con consegne a domicilio

11/11/2020

Maria! Non so di chi sia

Li trovano con 615 grammi di marijuana nascosti un po’ ovunque in casa e i due si danno la colpa uno con l’altra. Finiscono entrambi nei guai

Odolo, il paese la sua gente

La Fucina di Pamparane

14/04/2020

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

14/04/2020

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo

14/04/2020

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi