07 Maggio 2021, 07.48
Eco del Perlasca

Piccole donne in quarantena

di Elena Tonolini

Un modo abbastanza originale, sia di affrontare i grandi classici sia di trascorrere il "lockdown"


Già verso gli inizi di marzo ricordo di essermi detta “basta, per un po’ niente più horror e thriller (i quali, però, rimangono tuttora i miei generi letterari preferiti), voglio recuperare qualche vecchio classico”, ma è anche vero che i ritmi improponibili della DAD non mi hanno certamente aiutata.

Un buon lettore trova sempre il tempo di leggere, ma fra trovare il tempo e trovare le energie per farlo c’è una pandemia di mezzo.
Anche quando si sono finalmente aperte le porte delle vacanze di Pasqua, infatti, i mesi precedenti di lezioni online e l’immediato lockdown pasquale mi hanno veramente sfiancata e mettermi a leggere era letteralmente l’ultimo dei miei pensieri.

Tuttavia, se anche voi siete degli aspiranti lettori di classici sull’orlo di una crisi di nervi dettata dall’astinenza di un libro che non sia scolastico, niente panico. Oggi scrivo proprio per raccontarvi della soluzione che ho trovato quando mi sono accorta che, nonostante non avessi chiaramente le energie per mettermi a leggerlo attentamente, il mio voler recuperare il romanzo di successo di Louisa May Alcott, “Piccole Donne”, del quale avevo letto solo di sfuggita e molto svogliatamente, dato che era l’ennesimo compito di italiano degli ultimi anni di elementari, qualche capitolo, non demordeva.

Onestamente credo sia molto raro che i film rispecchino a pieno il fascino dei libri ai quali si ispirano, ma Piccole Donne (2019), diretto da Greta Gerwig, almeno per me, ha rappresentato proprio uno di questi casi. Con un cast a dir poco eccellente, dove spiccano i nomi di Laura Dern, Timothée Chalamet ed Emma Watson, il film riesce a racchiudere in 134 minuti l’essenza del libro della Alcott, seppur modernizzandolo un poco, probabilmente per riuscire a coinvolgere proprio gli spettatori come me, che hanno abbandonato il romanzo ancora da piccoli, reputandolo troppo difficile e “da adulti”, rispetto all’età in cui era stato loro fatto leggere.

Particolare attenzione viene posta sulle azioni e i sentimenti dei singoli personaggi, specialmente delle quattro sorelle protagoniste, Jo (abbreviativo di Josephine), Meg, Amy e Beth.
Ognuna di esse (ma spesso anche più di una) rappresentano i problemi e le situazioni che praticamente ogni ragazza vive anche ai giorni nostri, enfatizzati però dall’epoca in cui è ambientata l’opera: l’eccessiva competizione che da sempre affligge il genere femminile, come testimoniano il desiderio di apparire sempre perfetta di Meg o l’evidente complesso di inferiorità di Amy nei confronti di Jo, le barriere lavorative contro cui si scontrano migliaia di donne oltre ad Amy, che non diventerà mai pittrice, e Jo, obbligata a far sposare la propria eroina per vendere il romanzo, la possibile coesistenza del desiderio di una famiglia e di inseguire le proprie passioni e persino l’eccessivo dramma delle ragazze al momento del taglio dei capelli, purtroppo visto spesso come una “perdita di femminilità”.

Il tutto, è condito non solo da varie storie d’amore più che attuali, con incomprensioni, perdite e ritrovamenti, ma anche dalla crescita personale di ciascuno dei personaggi, anche secondari, che viene effettuata in base al proprio orologio personale, il quale per qualcuno è più veloce (come per Meg che si realizza nel matrimonio con John o Amy, che diventa molto più assennata rispetto a quando era bambina) e per qualcun altro più lento, come per Jo, che tenta di rincorrere con estrema nostalgia i giorni spensierati dell’infanzia ormai passata, portandola a soffrire molto a causa di questo suo rifiuto.
Tuttavia, anche lei finirà per realizzarsi e raggiungere la felicità, sorretta dall’altro tema cardine sia del romanzo che del film, ossia quello della sorellanza di cui tanto si parla ai giorni nostri e verso la quale bisogna ancora fare molti passi avanti, ma non mancano anche accenni e spunti ad altre problematiche interessanti.

Insomma, io che di solito non mi dilungo in romanticismi, devo ammettere che questo film ha saputo farmi scendere qualche lacrima di commozione e mi ha spronata, nonostante le energie fossero ancora poche e quindi la procedura stia andando a rilento, a leggere seriamente anche il romanzo originale, motivo per cui posso effettivamente dire che, almeno per quanto letto finora, la pellicola è davvero molto fedele al libro di successo della Alcott e per tanto la consiglio a chiunque si trovasse in una situazione simile alla mia.

Elena Tonolini





Vedi anche
08/03/2011 10:00

Un gruppo di lettura in biblioteca Per gli appassionati dei libri e della lettura sta per nascere presso la biblioteca di Vobarno un gruppo di lettura per condividere le emozioni suscitate dalla lettura di un libro.

16/06/2014 11:01

Cinema e libri Questa sera presso il chiostro di Santa Giustina a Salò il via a una rassegna con quattro film tratti da romanzi o dedicati al mondo della lettura

05/03/2021 08:00

Storie di donne Il Film Festival del Garda in collaborazione con l'associazione “Nonsolo8marzo” celebra le donne con tre film in visione gratuita per tutti

20/05/2019 16:00

Il Perlasca che «spakka». E le donne ringraziano Quattro studenti rapper sono stati premiati a Brescia al concorso “Io mi fido di Te”, per un testo contro la violenza sulle donne

31/07/2012 10:23

Il piacere della lettura Anche presso la biblioteca di Odolo nato il gruppo di lettura per condividere la passione per i libri.




Altre da Terza Pagina
21/06/2021

Inizia l'estate

Con il solstizio inizia ufficialmente la stagione estiva, che più di ogni altra è dedicata alle ferie e alle vacanze. Aspettiamo le foto delle vostre vacanze!

21/06/2021

Al Vittoriale inaugurati gli spazi restaurati

Nell'ambito della manifestazione “Vittorialmente” anche la celebrazione del centenario dannunziano e di quello di Dante, un legame evidenziato attraverso una mostra dell'artista Sandra Rigali

18/06/2021

«Il consumismo è la conseguenza necessaria del rispetto per la creazione»

Einstein non sa che per cambiare logica è proprio la creazione che va messa in discussione

16/06/2021

«La Calle 92»

Nel fine settimana a Maderno il terzo concerto del Festival “Suoni e Sapori del Garda”, con Piercarlo Sacco e Andrea Dieci. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria

16/06/2021

Roberto Gervaso, la sepoltura al Vittoriale

Questo sabato, 19 giugno, le spoglie del noto giornalista – già consigliere di amministrazione del Vittoriale degli Italiani – verranno accolte e onorate all'interno del Mausoleo con una cerimonia privata

15/06/2021

La poesia premia, anche a... «d'istanza»

Due studentesse del Liceo Scientifico del Perlasca di Idro si sono aggiudicate il secondo e il terzo posto al concorso POESIA D’ISTANTI

12/06/2021

«Cuore Italiano», in autunno l'anteprima

Riapre il Circolo Pensionati di Storo e a settembre, salvo eventuali restrizioni, ci sarà l'anteprima del cortometraggio di Virginia Grassi

12/06/2021

La «sacerdotessa del rock» sul palco del Vittoriale

La grande Patti Smith, vera icona del rock vivente, si esibirà in concerto a Gardone Riviera domenica 11 luglio

11/06/2021

«Vie di libertà»

Il ciclo di incontri promosso dall'associazione culturale “La Rosa e la Spina” di Villanuova continua nel weekend con un appuntamento dedicato a Chiara d'Assisi

11/06/2021

Stazione Scandolari, 95 anni di attività

A Tione ben quattro generazioni, con diversi figli, si sono susseguite nella conduzione della stazione di servizio come affidabili benzinai e riparatori di biciclette