13 Aprile 2021, 09.15
In Tv

Salvate il genio Leonardo e il cervello degli Italiani

di Marisa Viviani

La fiction di Rai Uno sulla vita di Leonardo da Vinci ha suscitato molte polemiche per l'inserimento di fatti puramente inventati dagli autori per costruire una trama televisiva. Stasera l'ultima puntata


“Salvate il genio Leonardo e il cervello degli Italiani”. Sembra una missione impossibile, e sicuramente lo è, se, tra le varie, anche la RAI si mette a fare “cultura” attraverso fiction che spacciano per “storiche” delle “Balle Spaziali” alla Mel Brooks.

Andiamo al sodo: il “Leonardo” angloamericano presentato nell'ultima serie televisiva è la demolizione del più grande genio rinascimentale e della storia italiana, compendiata nella pregnante espressione dell'attrice di grido del momento: “ Questa è la storia di Leonardo, strizzando l'occhio alla televisione, non potevamo fare una rottura di palle.” (Matilda De Angelis, interprete di Caterina da Cremona, personaggio di pura invenzione, mai esistito: prima balla spaziale).

Con questa fantasmagorica premessa, sarà arduo salvare insieme al mito leonardesco anche il cervello degli italiani, sempre più esposto alla deprivazione della propria funzione, in sintesi ragionare, sottratta grazie alle semplificazioni, mistificazioni, impoverimento degli stimoli che lo attivano, nello specifico culturali intesi in senso lato; perché secondo la fondamentale legge della fisiologia, è la funzione che crea l'organo, e senza la funzione l'organo va a remengo.

Non credo che l'intento primario di questa fiction sia di appiattire la funzione cerebrale del pubblico, ma ne è certamente una conseguenza, mentre è frutto invece di scelta consapevole degli ideatori infarcire la sceneggiatura di errori, imprecisioni, forzature e madornali falsificazioni per confezionare un prodotto vendibile ad una vasta massa di spettatori, cioè intascare una montagna di skèi.

Così il genio Leonardo, grandissimo artista, scienziato, inventore, visionario, di bellissimo aspetto e forte personalità, raffinato, intrattenitore e amabile conversatore, dotato di spiccato senso dell'umorismo, vocato alla scoperta della verità scientifica dei fenomeni naturali attraverso una ricerca e uno studio costanti, è presentato nel film come un uomo tormentato, insicuro, incapace di decifrare la realtà e i rapporti umani, un imbranato al limite del ridicolo in balia di padri anafettivi, frati oscurantisti, principi dispotici e sanguinari, commedianti ambigui, e persino garzoni seduttori dalla mano lesta; per non dire della donna inesistente, l'amica variamente modella, fantesca, cortigiana, lavandaia, femminista antelitteram, che ha l'ardire di andare in casa del padre-notaio ingrato di Leonardo a fargli il cicchetto come farebbe una donna emancipata del XXI sec.

Il tutto sullo sfondo di un torbido delitto (mai avvenuto), di cui Leonardo viene accusato, che trasforma il presunto docu-film in un giallo infarcito di amori, amorazzi, sesso prezzolato, libero e poliedrico, all'insegna di comportamenti libertari e atteggiamenti incompatibili con la realtà storica, e di contenuti non aderenti all'epoca.

Delitto sul quale viene chiamato ad indagare un inviato del podestà, Stefano Giraldi, che alla stregua di un moderno detective è da subito soprannominato “commissario Giraldi in missione nel Rinascimento”; irresistibile la propensione ad attendersi ad ogni sua battuta che ti spiattelli la diagnosi di una malattia anziché la scoperta di indizi e prove del reato, associando la figura dell'inquisitore a quella del medico di una nota serie televisiva interpretato dallo stesso attore (Freddie Highmore), in una trasposizione di figure che rimbalzano senza soluzione di continuità da un video all'altro, da un canale all'altro, oggi medici, poliziotti, criminali, eroi, dopo un'ora preti, detenuti, mafiosi, avvocati, frikkettoni, in una sarabanda di spettacoli che impediscono il sedimentarsi di idee, riflessioni, valutazioni.

Così torniamo al cervello degli Italiani, sottoposto ad un superlavoro di decodificazione dei contenuti delle varie offerte “culturali” e degli spettacoli, operazione che presuppone il possesso di conoscenze per un'analisi critica.

“Cosa succede se la finzione prende il sopravvento sulla realtà?  Bisogna sempre stare attenti a non far passare come momenti di divulgazione degli elementi di finzione; tanto più in un caso come questo, in cui di divulgazione in senso stretto, intesa come un discorso serio ma di ampia accessibilità sulla figura e sull’opera di Leonardo, ce n’è (almeno finora) pochina (Fabrizio Fedrici 25 marzo – Artribune). E pochina, anzi pochissima anche in seguito.

Difficile quindi distinguere tra realtà e finzione per chi non ha preparazione culturale e capacità critiche. Lunghissimo sarebbe l'elenco delle imprecisioni e delle menzogne che pervadono lo sceneggiato, diffondendo la falsa conoscenza di un grande personaggio e di un'epoca.

“Se si guarda a cast e troupe si vede bene che gli ideatori (sceneggiatori e regista) e i ruoli più importanti (a parte De Angelis e Giannini) sono tutti anglosassoni. Gli italiani sono la manovalanza, seppure di alta qualità e professionalità. Le menti sono angloamericane, per cui si tratta di una vera opera di colonizzazione culturale, buona forse per far soldi sul mercato internazionale, ma che certo offre un'immagine falsa della nostra Storia. Ma perché la Rai mette soldi e maestranze in un'opera straniera? Solo per fare soldi? Potrebbe fare benissimo da sola, creando un prodotto più fedele storicamente, pensato in Italia e non altrove, e che avrebbe senz'altro successo anche per la sua sola italianità” (Faumes – FilmTv 24 marzo).

Intanto lo stravolgimento del mito leonardesco è stato consumato sull'altare del business sovrano, che nel nostro mondo unge e ungerà sempre più le ruote del carro della storia, alla faccia dell'immenso genio di Leonardo da Vinci, dei suoi capolavori, dei suoi studi multiformi, delle sue invenzioni, della sua straordinaria personalità, del suo lascito artistico e intellettuale. E alla faccia dell'Italia che ne ha ereditato gli onori e la gloria, e avrebbe il dovere morale di tutelare il nome di Leonardo, la sua opera, e con la sua storia la storia del nostro Paese.

La serie tv non è ancora conclusa,
ma i concetti base sono ben chiari; vedremo se ci sarà motivo di riparlarne, ad esempio se ci verranno propinate altre balle spaziali stratosferiche. (NB: L'intento parodistico del film di Mel Brooks era esplicito, non mistificato).

In foto: Leonardo da Vinci  "Ultima Cena"  (1494 - 1498) -Milano, Convento di Santa Maria delle Grazie



Aggiungi commento:

Vedi anche
02/01/2012 07:30

Il genio di Leonardo a Venaria Reale Rimane aperta fino al 29 gennaio la mostra con il celebre Autoritratto di Leonardo Da Vinci, oltre a una serie di disegni originali e altre sezioni multimediali che ne spiegano la vita e l'ambiente di formazione

17/03/2019 05:55

Un tuffo nel passato ricordando Leonardo Da Vinci A 500 anni dalla morte del genio italiano, anche noi studenti lo ricordiamo

03/12/2019 10:02

Leonardo, questo (s)conosciuto Il grande genio del Rinascimento italiano, secondo quanto documentato nel Codice I, avrebbe viaggiato attraverso le valli bresciane raggiungendo anche Collio, Bagolino, Lodrone, il Lago d'Idro e Anfo

13/02/2019 15:15

Questa non era «Mia» Leggere i commenti postati sui social sotto i numerosi articoli dedicati nella serata di ieri alla fiction su Mia Martini, firmata Rai fiction, ci lascia comprendere quanto i telespettatori molto spesso credano a quanto sia riprodotto fedelmente sullo schermo, a prescindere dai criteri di affidabilità

05/11/2012 08:30

Che cosa si cela «Alla destra della Gioconda» Il libro di Sandro Albini narra del passaggio di Leonardo Da Vinci sulle sponde del lago d'Iseo e di quell'ipotesi che vorrebbe proprio il Sebino a far da sfondo al suo capolavoro pittorico che vede in primo piano Monna Lisa




Altre da Libri & Film
08/05/2021

«Ripartiremo in autunno, ma a precise condizioni»

Così Nicola Cargnoni, gestore della sala vestonese, che in realtà sta già pensando come e con quali ghiotte occasioni cinefile ricominciare. E dispensa consigli su cosa andare a vedere nei Cinema che hanno riaperto in città

07/05/2021

Piccole donne in quarantena

Un modo abbastanza originale, sia di affrontare i grandi classici sia di trascorrere il "lockdown"

30/04/2021

«Il caso del giullare triste»

Anteprima in edicola dal 1° maggio per l’ottavo romanzo della saga del giudice Albertano dello scrittore gavardese Enrico Giustacchini

28/04/2021

Le tre del mattino

"Nella vera notte buia dell'anima sono sempre le tre del mattino". (F. Scott Fitzgerald)

12/04/2021

C'era una volta adesso

Che questo sia stato un anno decisamente particolare è un dato di fatto. Il giornalista e autore Massimo Gramellini prova a raccontare la pandemia, attraverso gli occhi di un bambino di nove anni

08/04/2021

La lettera dimenticata

Il suggerimento di lettura questa volta non riguarda un libro, ma un bel racconto scritto da Marcello Rizza, valsabbino per lavoro, rimasto per amore. Da leggersi in un fiato

07/04/2021

Alla scoperta della mitologia greca con Percy Jackson

La mitologia greca è, da sempre, qualcosa di affascinante, ma al tempo stesso complesso e lontano da noi

30/03/2021

«Storo. Dalle origini al tramonto della società contadina»

E' questo il titolo del dodicesimo libro scritto dal professor Gianni Poletti di Storo, in uscita giovedì prossimo, 1 aprile
•VIDEO

26/03/2021

«I bambini sono sempre gli ultimi»

Nell'ambito della rassegna Proposte d'autore 2021 organizzata dal Servizio Bibliotecario Valle del Chiese, questa sera l’incontro online con lo scrittore Daniele Novara che presenterà il suo ultimo libro

26/03/2021

Pagine per sognare

Si pensa spesso che i libri siano ormai superati dai social e dalla tecnologia, ma non è sempre così