11 Giugno 2017, 07.41
Lavenone
Valsabbini

A Remigio la sua Croce di guerra

di Ubaldo Vallini

Remigio Garzoni, di Lavenone, all'età di 97 anni ha finalmente ricevuto l'onorificenza che gli spettava, dopo aver combatturo in Francia e in Albania. Una tempra eccezionale la sua 

 
Ha sempre fatto il contadino e “quàter palanche”, come dice lui, le ha fatte con la licenza per la monta taurina ai tempi in cui allevava bestiame a Castel Antic, il pianoro che sovrasta la frazione idrense di Lemprato, divenuta poi famosa per la presenza di un villaggio retico, ancora da scavare.

Lui è Remigio Garzoni,
farà i 97 il prossimo 25 giugno e finalmente, nei giorni scorsi, ha ottenuto la meritatissima Croce di Guerra.
«Sosteneva che l’avevano consegnata a chi di guerra ne aveva fatta meno di lui - dicono in famiglia -, ci siamo informati e lo scorso 2 giugno, festa della Repubblica gli abbiamo fatto una sorpresa».

Remigio, che a lungo degli anni sotto le armi non ne aveva neppure voluto parlare, ha ringraziato commosso.

Ha raccontato della chiamata del 21 giugno del ’39 che l’ha colto non ancora ventenne, e della leva che presto è diventata guerra vera, sul fronte francese nel 4° Battaglione mitraglieri: «Mi avevano scelto perché ero bravissimo a smontare e rimontare la Breda, più veloce di me c’era solo un legionario tedesco».

Le manovre a Lecco e un breve soggiorno a Bolzano, hanno preceduto il trasferimento col piroscafo Città di Milano fino in Albania.
Ci è arrivato il 6 gennaio del ‘41: «Avevano trovato del petrolio e noi dovevano difendere i pozzi».
Così, tornando a casa una sola volta, fino al fatidico 8 settembre del 1943.

E qui il Remigio se l’è vista davvero brutta:
«Consegnate le armi ai partigiani, siamo diventati degli schiavi, abbandonati a noi stessi.
Tutti erano nostri nemici: i fascisti italiani, i partigiani locali, gli albanesi filotedeschi, i tedeschi».

Lui se l’è cavata elemosinando vitto e alloggio in cambio di lavori umili in campagna, da clandestino, perché tutti cercavano gli ex soldati italiani per mandarli a lavorare ai forni.

«Ne sono morti più lì che durante la guerra – ricorda Remigio -. Una volta io e il Pozzi (un compagno di Treviso Bresciano col quale ha sempre fatto coppia e che ora non c’è più ndr) ci siamo nascosti per quattro giorni in un buco senza mangiare per evitare di essere presi.
Lui si è anche ammalato, tutto gonfio soffriva come un cane, tanto che se avessi avuto un fucile l’avrei ammazzato lì.
Poi lui è guarito e mi sono ammalato io».

Dopo più di un anno trascorso a vivere di stenti Remigio è riuscito a guadagnare un passaggio su una navicella inglese che riforniva i partigiani sugli scogli.
A Bari e poi a Trani, in ospedale, pesava 38 chili.

Una tempra eccezionale:
ancora oggi il Remigio ama lavarsi al mattino nel Chiese che scorre accanto al terreno vicino a casa, a Lavenone e ancora è lui a falciare l’erba del prato, con la “ranza”, naturalmente. 

.in foto: coi nipoti; coi tre figli ; mentre falcia il prato davanti all'azienda di uno dei suoi figli.




Commenti:
ID72289 - 11/06/2017 13:13:22 - (Dru) -

Il Remigio scorre un poco anche nelle mie di vene e sono felice di vederlo sorridere contento.

ID72292 - 11/06/2017 16:43:24 - (genpep) -

dopo le doverose felicitazioni a questo eroe di una guerra scellerrata sono sempre più convinto che andrebbe fatto uno studio approfondito e soprattutto imparziale sulle vicende di quei tempi tanto lontani ma ancora troppo vicini.

Aggiungi commento:
Vedi anche
25/06/2020 17:09

I cento «in prigionia» del Remigio Tanti auguri a Remigio Garzoni, di Lavenone, che proprio oggi, giovedì 25 giugno, ha raggiunto il secolo di vita, con una salute invidiabile

19/08/2015 15:17

Don Remigio Fusi è tornato alla casa del Padre Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce

18/07/2019 08:45

«Wer Bist du (chi sei tu)?» E' stato presentato nei giorni scorsi a Casto il libro di Bruno Garzoni, comercialista valsabbino di Roè Volciano, che per una volta ai numeri ha sostituito le lettere, per indagare l'eterno tema umano: l'innamoramento

30/10/2015 09:03

Cento anni della Grande Guerra Questa sera a Castel Condino la conclusione delle iniziative dedicate al centenario della Grande Guerra promosse dall'associazione Fanti, con una conferenza alla presenza di monsignor Luis Romera, rettore della Pontificia Università della Santa Croce di Roma

02/12/2006 00:00

Stagione eccezionale per Luigi Garzoni Luigi Garzoni, 16enne di Forno d’Ono di Pertica Bassa, studente allo Scar di Villanuova, mentre andr in giro con le stampelle potr esprimere lo stesso grande soddisfazione per l’ennesima annata trascorsa da vero campione di trial.



Altre da Lavenone
15/02/2021

Pulmini... al barolo

Per la prima volta, almeno in Valle Sabbia, i Fondi dei Comuni di confine vengono spesi anche per le municipalità "di seconda fascia"

06/02/2021

«Guarda con me», l'arte e il punto di vista dell'infanzia

Anche in Valle Sabbia il progetto di Fondazione Pinac di Rezzato con un innovativo percorso di produzione culturale partecipata in collaborazione con la Comunità montana

28/01/2021

Camino in fiamme a Lavenone

La “bonifica” ha reso necessario il taglio di parte del tetto in legno

08/01/2021

«Covid-19... testimonianza e futuro»

È il titolo della scultura realizzata da Elia Zambelli e donata all’amministrazione comunale in ricordo del periodo della pandemia

29/12/2020

Ai cittadini gli auguri di inizio anno del sindaco

Franco Delfaccio, sindaco di Lavenone, indirizza una lettera alla sua comunità, tracciando un bilancio dell'anno appena trascorso e augurando a tutti un 2021 ben più sereno

26/12/2020

Cade una pianta, interrotta la linea elettrica

Intervento di emergenza nel pomeriggio di Natale per la Protezione civile per liberare la strada e per i tecnici di Unareti per riportare la corrente ad alcune abitazioni

25/12/2020

Buon compleanno Silvia!

Tanti auguri a Silvia Bacchetti, di Lavenone, che il giorno di Natale festeggia anche il suo compleanno

23/12/2020

Abusi sessuali, condannato 32enne valsabbino

Sei anni e tre mesi di reclusione per l'uomo, residente in alta Valle Sabbia, che l'anno scorso era stato accusato di violenza sessuale e lesioni nei confronti della vicina di casa

21/12/2020

Incendio nella notte

Completamente distrutto dalle fiamme un rustico nel quale abitava da trent’anni un pensionato

11/12/2020

Nuove divise per la Protezione civile

Le ha donate l’Amministrazione comunale come segno di ringraziamento per l'impegno dei volontari durante la pandemia ma non solo