04 Maggio 2021, 07.32
Eco del Perlasca

Tiger Experience: una passeggiata tra i felini

di Sara Panella

Un luogo magico che ti avvicina al mondo dei grandi felini


Circa due anni fa, insieme alla mia famiglia, sono andata a visitare il Tiger Experience, un parco che ospita leoni, leopardi, tigri, puma…
Insomma, i grandi felini! Si trova a metà strada tra Padova e Venezia e, più precisamente, a Campolongo Maggiore.
L’ho definito magico perché ci ha talmente affascinato che mio padre ora è un volontario e io non vedo l’ora di avere l’età giusta per poterlo fare.

È stato fondato circa venti anni fa da Giovanni Mattiolo che da anni lo gestisce con il suo socio Giacomo Ferrari.
La maggior parte degli animali che popolano il Tiger Experience è nata proprio lì; altri esemplari, invece, sono stati accolti alla fine della loro carriera circense o raccolti da situazioni particolari.

L’obiettivo principale delle visite guidate che si svolgono all’interno del parco non è far vedere gli animali, ma cercare di far capire alle persone la vera natura di queste creature in modo che la gente, una volta tornata a casa, possa vedere con occhi diversi il proprio animale domestico, migliorando il rapporto con lui e trattandolo con maggiore rispetto.

Quando, durante la visita, Giacomo ci ha spiegato dell’interazione che avviene tra i cuccioli dei felini e il loro cane abruzzese ho capito l’importanza della comunicazione anche tra specie diverse, che trovano un modo comune per capirsi, stando insieme, studiandosi e trovando un modo per comunicare: è commovente vedere come questo animale si prenda cura dei piccoli aiutandoli a fidarsi dell’uomo.

Un altro aspetto molto importante
è il fatto che chi lavora lì accetta gli animali così come sono e li rispetta, senza cercare di cambiarli.
Il loro motto infatti è “Noi non siamo i padroni degli animali. Ogni animale appartiene a se stesso. Noi siamo solo i keepers, ovvero le persone che hanno il dovere e la fortuna di prendersene cura”.
Ciò significa, secondo me, mettersi da parte, osservare e ascoltare i reali bisogni di questi felini, interpretare e capire il loro linguaggio e non imporsi.

Gli animali che popolano questo parco stanno bene e sono sereni, ma quanto lavoro c’è dietro? A questo proposito ho voluto fare un’intervista a mio padre in qualità di volontario.

“Quando comincia la giornata nel parco?”
“La giornata comincia presto con il controllo e la pulizia delle stalle per assicurare il benessere degli animali.”

“Poi cosa fate?”
“Durante il giorno vengono fatti degli esercizi per affinare la conoscenza, la relazione e l’interazione. Dopodiché, al tramonto, arriva il momento del pasto: un momento di massima concentrazione perché l’animale torna al suo istinto primordiale che contraddistingue la sua natura selvaggia.”

Mantenere questo luogo accogliente e adatto ai suoi ospiti è un lavoro a tempo pieno: non ci sono festività, si è sempre all’aperto sia con il caldo estivo, sia con il freddo invernale, sette giorni su sette. Parlando con i proprietari e con altri volontari emerge tutto l’amore che nutrono per ciò che fanno. Ho chiesto in particolare quali sono i momenti più brutti e difficili di questo lavoro e quali quelli più belli.
La risposta alla prima domanda è stata la perdita di un animale: spezza sempre il cuore dover dire addio a una creatura che è diventata la tua famiglia e che ti ha dato così tanto affetto. I momenti più belli sono quando ci si relaziona con i felini, si studiano i loro comportamenti; si pensa solo a loro.

Ho chiesto inoltre a mio padre:

“Cosa ti ha spinto a voler diventare volontario del Tiger?”
“Ho capito che avrei voluto diventare volontario del Tiger subito dopo esserci stato la prima volta. Infatti, tornato a casa, mi sono reso conto che gli animali che avevo conosciuto, non erano il leone, la tigre, il leopardo o il puma, ma erano Abu, Thor, Viper e Winnie, ovvero erano animali con un’identità e ognuno con il proprio carattere ai quali mi ero già affezionato e il benessere dei quali mi stava già a cuore.”

“Cosa ti dà più gioia quando trascorri il tempo al Tiger?”
“Mi dà gioia il fatto di far parte di una famiglia di amici che hanno come passione comune l’amore e il rispetto per gli animali e per questi non si tirano indietro davanti ai sacrifici in termini di tempo e lavoro.
Le difficoltà spariscono, ripagate dai momenti in cui ci si riesce a relazionare con questi splendidi animali. Si ha un’enorme soddisfazione anche nel vedere i visitatori del parco ammaliati da queste meravigliose creature e che grazie a questa visita si approcceranno con spirito diverso ai propri animali domestici e agli animali in generale.”  

Ciò che mi ha insegnato questa esperienza è che per avere un buon rapporto con qualsiasi animale c’è bisogno della fiducia reciproca e soprattutto bisogna passare del tempo di qualità con loro, amandoli, osservandoli, ascoltandoli e rispettandoli.

Sara Panella





Vedi anche
30/08/2011 07:00

Da Cuba arriva il gatto blu Se siete stanchi dei soliti felini domestici bianchi, neri o tigrati, ecco che daCuba arriva il gatto blu.

17/02/2018 07:30

La Giornata del Gatto Anche quest’anno nella giornata di oggi, 17 febbraio, si rende omaggio ai nostri amici felini. Nel pomeriggio, in città, sarà presente un gazebo di ENPA Brescia presso cui sarà possibile informarsi sulle attività dei volontari e sostenerle

18/07/2017 07:24

Il magico mondo delle Fucine di Casto A due passi da casa, un magico luogo dove piccoli e grandi possono vivere attimi di svago e serenità. Il Parco delle Fucine di Casto

15/02/2014 08:00

La giornata del gatto La ricorrenza internazionale è il 17 febbraio, ma a Brescia l’Enpa la anticipa al giorno festivo con un doppio concorso per tutti gli amici dei felini

10/09/2015 08:51

Rettili a Gavardo A Gavardo arrivano rettili e felini. La più importante mostra italiana di fa tappa al Palazzetto dello Sport per il prossimo week end




Altre da Habitat
11/05/2021

La sbornia di Rio

Vi siete mai chiesti gli effetti che potrebbe avere l’alcol sul vostro animale domestico?

29/04/2021

«Autostrada d'acqua», la proposta di Gaia nel dettaglio

L'ipotesi di nuovo "corpo recettore" parte dalla presenza a poche centinaia di metri dal sito del depuratore di Lonato del Garda della centrale idroelettrica di Esenta alimentata dalla roggia Lonata. Ecco il progetto delineato dall'ing. Filippo Grumi

26/04/2021

Il Chiese liberato dai rifiuti

In tanti, associazioni e cittadini, si sono uniti per una giornata ecologica lungo il fiume per ripulirne le sponde perché “Il Chiese non si vende: si difende”

23/04/2021

Borracce in alluminio per gli alunni delle scuole

Le ha donate l'Age Prevalle agli alunni della Primaria e delle Medie in occasione della Giornata della Terra nell'ambito di un progetto anti Covid

21/04/2021

Liberiamo il Chiese dai rifiuti

Un evento organizzato dal comitato Gaia per la giornata di domenica 25 aprile all’insegna della pulizia dai rifiuti presenti sulle sponde del fiume Chiese

20/04/2021

1600 chili di rifiuti rimossi dall'ambiente

Un risultato notevole per il paese valsabbino quello ottenuto la scorsa domenica nel corso della passeggiata ecologica organizzata a livello nazionale e locale dall'associazione Plastic Free

20/04/2021

«Il Chiese non può essere il corpo recettore»

Anche la Federazione del Tavolo delle Associazioni che amano il fiume Chiese si schiera contro l'ipotesi che lo scarico del nuovo depuratore del Garda di Esenta di Lonato finasca nel Chiese

13/04/2021

Plastica, il bene e il male. Il progetto «Plastic Free»

In vista della prossima uscita ecologica di “plogging” - in programma per questa domenica, 18 aprile – una riflessione sulla plastica e sulla necessità di ridurre drasticamente l'inquinamento che produce

11/04/2021

Facciamo Eco, energia: consapevolezza e responsabilità

Un’intera settimana dedicata all’energia e a come non sprecarla con una serie di appuntamenti online e la conclusione con il Plogging day

03/04/2021

I pacchi solidali di Coldiretti

Sono tornati anche in Valle Sabbia i “Pacchi solidali” di Coldiretti, consegnati dai delegati di zona ai sindaci e da questi attraverso i Sevizi sociali ai più bisognosi