07 Agosto 2015, 11.47
Idro Bagolino Lavenone
Storia

Muri in camicia nera

di Guido Assoni

Anche a Idro, precisamente sulla facciata della Chiesa di San Rocco in Crone, seppur molto sbiadita, è riaffiorata una scritta risalente al periodo fascista


Il maggiore strumento propagandistico del regime fascista fu quello di proporre slogan ad effetto e facilmente memorizzabili.
Non esistendo la televisione, si ricorse alle scritte murarie trasformando i muri delle case di tutta Italia in testimonianze grafiche di esaltazione della retorica fascista.

La ragione della loro ampia diffusione
era dovuta anche al contributo in denaro, quantificabile a seconda della grandezza delle lettere ed alla lunghezza della frase, che alcuni Podestà locali concedevano a chi accettava sulla propria casa l’iscrizione di un motto mussoliniano.
Furono il segretario del partito fascista, Achille Starace e l’ideologo del regime Giuseppe Bottai ad ordinare, nei primi anni trenta del novecento di “far indossare anche ai muri la camicia nera”.

L’indottrinamento fascista, i decaloghi categorici, le parole d’ordine raramente hanno trovato riscontro nei fatti.
Sono piuttosto la documentazione di un fallimento e, se da un lato possono essere considerate testimonianze di un passato comunque da giudicare, dall’altro lato fanno parte delle varie declinazioni del registro comico.

Sono poche le scritte che,
dopo settanta/ottanta anni sono arrivate fino a noi in stato di buona conservazione.
Diverse le ragioni che hanno fatto sbiadire o scomparire del tutto migliaia di frammenti di storia, tra le quali sono da annoverare la naturale consunzione del tempo, gli effetti devastanti del sole, della pioggia e del gelo, il fatto stesso che i muri della case presentassero spesso un intonaco povero, scrostato e, a volte, fatto da sovrapposti strati di colore, le varie vicissitudini delle facciate degli edifici sottoposti a posizionamento di cavi, tubazioni, stenditoi, cartelli pubblicitari e segnaletici, sovrapposizione di altre scritte pubblicitarie, nuove aperture di finestre o balconate, ritinteggiature, manutenzioni e addirittura demolizioni.

Paradossalmente le massime mussoliniane meglio conservate sono quelle che erano state cancellate con la calce a seguito della “defascistizzazione” all’indomani della caduta del regime del 25 luglio 1943.

La scrostazione dell’intonaco, il fatto di essere riparate da ampie gronde e, non ultima, la volontà di alcune amministrazioni comunali (come nel caso della scritta presente nel Comune di Lavenone) e attualmente della Sovrintendenza per i beni culturali, hanno riportato alla luce queste iscrizioni murali oltre a diverse effigie di Mussolini e di varie simbologie del regime.

Molto interessante a proposito, il lavoro del giornalista e fotografo Ariberto Segàla che ha raccolto in un volume e catalogato diverse scritte e una serie di enormi teste mussoliniane che coprivano intere facciate di case.

A proposito della retorica fascista di cospargere i muri di case di campagna di scritte mussoliniane, un giornalista francese (lo racconta Giovanni Bottai nel suo “Diario 1935-1944”) scrisse: “Un enfant qui lit ça, va contre le mur, fait pipi, et après il dit qu’il a fait le déluge”.

Ritorniamo alla scritta riaffiorata sulla Chiesa di San Rocco a Crone di Idro, vicino alla sede della interessantissima mostra sulla Grande Guerra allestita dal Gruppo Sentieri Attrezzati di Idro: “L’Italia avrà il suo grande posto nel mondo”.
Si tratta del motto mussoliniano più antico tratto dal discorso pronunciato dal duce il 23 marzo 1919 a Milano per la fondazione dei fasci di combattimento e ribadito in diverse altre occasioni, l’ultima delle quali il 17 settembre 1943 da Radio Monaco nel suo primo discorso agli italiani dopo la sua liberazione dal Gran Sasso.

In valle, esattamente a Ponte Caffaro
è ancora visibile la scritta “Fascio di combattimento di Ponte Caffaro” presso la vecchia sede dei Fasci di combattimento.

A Lavenone, invero, è ben visibile la scritta “Disciplina, concordia e lavoro per la ricostruzione della patria” su un lato dell’edificio della Scuola Primaria intitolata ai Caduti per la patria, pulita dopo la ritinteggiatura delle facciate avvenuta negli anni novanta del secolo scorso.

Sempre a Lavenone, un discorso particolare merita la trasformazione dello slogan “Noi sognamo l’Italia romana” in un monito rivolto alle generazione future.
Questo grazie alla lungimiranza del Prof. Gian Fausto Salvadori, allora Sindaco del paese.
Infatti nella ricorrenza del 25 aprile del 1982 venne inaugurato un affresco in puro stile futurista per rappresentare, accanto alla scritta, la realtà del regime fascista, in contrapposizione al sogno che, immancabilmente, svanisce al risveglio, con la luce del sole.

Ad onor del vero la massima mussoliniana, peraltro ancora visibile nel Comune di Levone (To), era “Noi vogliamo l’Italia Romana” tratta da un articolo apparso su “Il popolo d’Italia” il 21/04/1922.
Nella variante, peraltro, non di poco conto in quanto contrappone la categoricità del “volere è potere” alla irrealtà del sogno che è mera illusione, si potrebbe ravvisare, se fossimo tutti superstiziosi, un segno premonitore del destino.

Infine una mera curiosità riguarda l’errore del verbo “sognamo”
Nella I coniugazione, le desinenze regolari sono –iamo per la 1a persona plurale dell’indicativo e congiuntivo presente, -iate per la 2a persona plurale del congiuntivo presente e, pertanto, la frase corretta sarebbe dovuta essere: “Noi sogniamo l’Italia romana”.

Ma consoliamoci, non è l’unica eccezione, infatti anche a Torino in via G. Medici viene perpetuato l’errore su analoga scritta.

Guido Assoni



Commenti:
ID59998 - 07/08/2015 20:43:23 - (Dru) - Sempre frizzante e perspicace la tua azione intellettuale

se vogliamo fare un parallelo con oggi, non più tardi di qualche giorno fa Renzi ha detto circa così: " L'Italia riconquisterà una posizione di preminenza nel mondo". E così fanno i nostri no-strani e ben stravaganti politici. Le parole vuote di contenuto sono all'ordine del giorno dispotico. Le persone le fanno vivere sulla propria bocca e mai di fatto. I fatti smentiscono quasi sempre le parole. Benché la minaccia non fosse più reale il fascismo risultò ridicolo parecchi anni dopo e solo parecchi anni dopo si poté mettere in ridicolo ciò che non aveva alcun motivo per esserlo, tranne che per le velleitarie posizioni assunte.

ID60000 - 07/08/2015 21:34:22 - (milagiu) -

A me sembra lavenone

ID60009 - 08/08/2015 10:20:16 - (guidoassoni) - per milagiu

La scritta di Crone non sono riuscito a fotografarla anche perchè è molto sbiadita. Le altre immagini riguardano Lavenone (scuole elementari e centro paese) e Ponte Caffaro

ID60010 - 08/08/2015 10:53:06 - (maurizio) - Bravo Guido

Complimenti perchè ci fai riscoprire la storia della notra comunità.

ID60033 - 08/08/2015 20:47:27 - (ligedo) - ligedo

nella casa (ENEL) a crone c'era questa scritta: NON V'E' ASSEDIO CHE POSSA PIEGARCI mussolini

ID60068 - 09/08/2015 15:56:20 - (Leretico) - Sogno o volontà

La politica si dibatte da sempre tra sogno e volontà, ne fu esempio il fascismo, lo sono le democrazie odierne. Anche il sogno è manifestazione di volontà anche se la sua natura contiene il dubbio più marcato sulla effettiva realizzazione. L'articolo di Guido mi fa capire quanto fosse sistematica e capillare la propaganda fascista, e quanto oggi conti la televisione per raggiungere la stessa capillarità. Cambiati i tempi e i mezzi non cambiati i fini.

ID60086 - 10/08/2015 14:28:34 - (guidoassoni) - per ligedo

molto interessante quello che lei dice. Questo slogan coniato, come tanti del resto da Leo Longanesi, è molto raro oggi, vederlo riprodotto in scritte murarie del ventennio nel nord Italia. Se ne intravede uno a Carignano (To) in triplice sovrapposizione ad un'altro motto longanesiano "Mussolini ha sempre ragione" e a "Vincere".

ID60087 - 10/08/2015 14:32:06 - (guidoassoni) - per Maurizio e Leretico

sempre molto gentili nei miei confronti. Grazie di cuore

ID60526 - 28/08/2015 11:52:36 - (Denis66) - ?????

Sognare e volere non è la stessa cosa....A parte i giorni nostri che son tutti SOGNI.........Se la politica prendesse da esempio il significato di certe frasi sarebbe meglio per tutti noi....

Aggiungi commento:

Vedi anche
04/03/2013 07:00

Lavori al via Ve li ricordate i fondi che un accordo di programma aveva destinato alla realizzazione di opere pubbliche attorno all'Eridio. A Ponte Caffaro i lavori sono cominciati, a Lavenone questione di giorni

23/07/2015 07:46

Aperitivo in musica con il Progetto Eridio Questo sabato 25 luglio verrà presentato in località Porto di Ponte Caffaro il nuovo Ostello. Sarà l'occasione per fare il punto sul Piano di Intervento d’Ambito che interessa la valorizzazione turistica del lago d’Idro ed in particolare i territori di Bagolino e Lavenone

23/04/2014 13:43

Da giugno al Borgo, fra storia e scultura Artigianato, cultura, tradizione ed enogastronomia, tutto racchiuso in un piccolo borgo, quello di San Giacomo in Caselle a Ponte Caffaro, dove si effettuano visite guidate

25/06/2014 10:32

Ponte Caffaro, 25 giugno 1866 Oggi ricorre l'anniversario della battaglia di Ponte Caffaro (1866) combattuta al Pian d'Oneda

23/04/2014 07:32

Da Bagolino, un progetto di valorizzazione dell'Eridio Bagolino e Lavenone insieme per valorizzare il lago d'Idro. Un percorso che unisce i due nuovi ostelli di Lavenone e Ponte Caffaro, offrirà lo spunto per un rilancio in chiave turistica dell'intero comprensorio




Altre da Lavenone
21/07/2021

I disegni dei piccoli per raccontare l'ambiente e come lo abitiamo

Anche in due paesi valsabbini le mostre en plein air promosse da Fondazione Pinac nell’ambito del progetto Guarda con me

13/07/2021

Il trofeo Città di Brescia omaggia Simona Frapporti

Questa sera prima della partenza della gara ciclistica cittadina, gli organizzatori omaggeranno la ciclista valsabbina, portacolori più titolata del ciclismo femminile bresciano.

06/07/2021

AgriCamp a Presegno

Un campo estivo per ragazzi nella natura quello organizzato dall'associazione Amici di Persegno e Bisenzio in collaborazione con tre appassionate Guide Ambientali Escursionistiche

30/06/2021

Ciao Ezio

Il saluto da parte degli amici per l’improvvisa scomparsa di Ezio Zambelli, di Lavenone, grande appassionato di caccia

(1)
27/06/2021

Scooter contro un'auto

Si sono ritrovati all’improvviso un’auto che si è immessa sulla carreggiata ed è stato inevitabile l’impatto con il loro scooter

26/06/2021

101 candeline per Remigio

Grande festa oggi, 26 di giugno, in onore del nostro Remigio Garzoni, di Lavenone, in occasione del suo 101° compleanno

18/05/2021

Lavenone: si passa a senso unico alternato

In attesa di una sistemazione definitiva è stata riaperta con precauzioni la Comunale fra il centro valsabbino e le sue frazioni Presegno e Bisenzio

17/05/2021

«Il lago d'Idro come un fiordo norvegese»

Si è concluso sabato scorso il trekking attorno all’Eridio del blogger Gio del Bianco, che ha saputo cogliere e comunicare le bellezze del lago e ha un suggerimento per gli amministratori e per chi si occupa di turismo sul lago

(1)
17/05/2021

Smottamento sulla Lavenone-Presegno

La strada che porta alla frazione è chiusa al transito a causa del cedimento di un tratto della carreggiata

04/05/2021

Da Provinciale a centro abitato

Troppi incidenti lungo la 237 del Caffaro fra Lavenone e il confine con Vestone. E il Comune trova la soluzione per rallentare il traffico

(1)