09 Dicembre 2020, 07.41
Idro
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

La tranquilla poesia del lago d'Idro

di Alfredo Bonomi

Il lago d’Idro porta nel nome anche la tradizione di una leggenda che lo ancora a miti antichissimi


Si dice che sulle sponde di questo specchio d’acqua, guardato e vigilato da una corona di monti, Ercole abbia ucciso l’Idra, una creatura certamente spaventevole, in una delle sue “fatiche”.

Il dottissimo Leandro Alberti nella sua opera poderosa intitolata “Descrizione di Tutta l’Italia di F. Leandro Alberti, bolognese, nella quale si contiene il sito di essa, l’origine…” edita a Venezia dal valligiano Pietro dei Nicolini da Sabbio nel 1551, scrive riferendosi al nome del lago: «…Benchè dicano alcuni che acquistasse tal nome dall’Idra, uccisa da Ercole figlio di Giove e d’Alcmena presso questo lago».

Non è citazione da poco perché questo importante libro, di ben 424 pagine, è uno dei primi a descrivere in dettaglio la geografia dell’Italia, sulla scia della famosissima “Italia illustrata” di Flavio Biondo.
L’Alberti si definisce «geografo topografo ed historico insieme», più precisamente scrive secondo le fonti uscite sulla materia prima della sua opera e secondo la sua conoscenza diretta dei territori che va descrivendo.

Se l’Alberti scrive del lago d’Idro alla metà del 1500 e si è soffermato sull’origine del suo nome, alcuni scrittori più recentemente hanno lasciato le emozioni provate alla vista del lago fissandole in contesti letterari. E’ il caso di Luigi Sacchi e di Arrigo Boito nel 1800 e di Riccardo Bacchelli alla metà del 1900. Nei loro scritti fa capolino anche una visione un po’ malinconica del lago d’Idro, forse perché non ha la luce “mediterranea” del Garda.

Ma l’”atmosfera” dell’Eridio non si esaurisce in questa “visione”.

Per verificare emozionalmente il fascino del lago d’Idro è indispensabile la vista che si abbraccia dal lungolago di Lemprato, da quel luogo dove, sino ad alcuni decenni fa, le antiche dimore digradanti dal dosso di “Castello Antico”, quasi si univano all’acqua.

Sostando ad osservare ciò che si presenta allo sguardo, si rimane emozionati.
Il mito dell’Idra rivive nella connotazione geografica che ha, nel medesimo tempo, tocchi di austerità, ma anche richiami di dolcezza.
Le montagne che in qualche punto sembrano cadere nel lago, si rispecchiano in esso, e l’acqua che accumuna il grigio di quella dei torrenti e l’azzurro degli specchi di acqua più vasti, ha atmosfere colorate speciali ed a tratti bellissime.

E’ proprio in questo crogiolo di monti e di acqua che sta il segreto della bellezza del lago d’Idro.
E’ un lago che abbonda di tranquilla poesia, in perfetta linea con il vero carattere dei valligiani, nei quali la pudicizia dei sentimenti è di tale spessore che, quando si scopre, non si lascia più dimenticare.

Lo scenario che si coglie da Lemprato
può essere definito un “quadro naturale” in equilibrio con l’animo degli abitanti che nel corso dei secoli hanno popolato le sue rive.
Si manifesta una bellezza, discreta nel porsi, ma tanto vera da “colloquiare” con assoluta autenticità con l’animo umano.

Alfredo Bonomi




Aggiungi commento:

Vedi anche
17/03/2021 06:43

La gran «macchina lignea» dell’ancona del santuario di Auro Dove uomini, virtù ed angeli, concorrono a rendere gloria alla Vergine

13/05/2021 19:28

Odeno, borgo gentile e signorile Con questa "cartolina" di Alfredo Bonomi, la trentesima, si conclude la serie di preziosi spunti per conoscere ed apprezzare alcuni fra gli "scorci" più interessanti della Valle Sabbia

23/03/2021 22:26

Lavenone con vista sulla Corna Zeno Andando da Vestone verso Idro, dopo la piccola galleria sotto la quale passava il tram nei primi decenni del 1900, man mano si procede, lo scenario che si presenta è assai suggestivo ed è di quelli che rendono la Valle Sabbia paesaggisticamente gradevole




Altre da Idro
27/07/2021

«Sono nata a Idro, nel 1925...»

Una nota autobiografica affidata alla nipote, la vita della maestra Lina, che questo martedì pomeriggio molti a Idro accompagneranno per il suo ultimo viaggio

19/07/2021

Delta no problem

Sembra prosequire nel migliore dei modi la stagione turistica, che per quanto riguarda le presenze degli stranieri d'estate, in Valle Sabbia, è concentrata soprattutto sull'Eridio

18/07/2021

Tocca al Comune

Le opere di urbanizzazione dell'area artigianale di Idro sono da concludere e lo deve fare il Comune. Così il Consiglio di Stato, al quale l'Amministrazione comunale idrense si era appellata per ribaltare analoga sentenza del Tar. I particolari

(2)
17/07/2021

Precipita nel lago per 60 metri, salva

L’incidente è capitato ad una bambina di soli otto anni che stava percorrendo uno dei sentieri che uniscono Vesta di Idro a Baitoni

17/07/2021

Miglio Idroswim: in 200 al via

Verrà disputata questa domenica mattina nelle acque dell'Eridio, dopo la pausa covid, la quinta edizione della "Miglio Idroswim" competizione per forti nuotatori. Il programma

14/07/2021

Gallerie buie da Idro a Vesta

“È una questione vecchia” dicono dal Comune, ma per questo, a maggior ragione, secondo una nostra lettrice, va risolta al più presto

14/07/2021

Trekking con gli asini

Questo sabato, 17 luglio, un'esperienza per grandi e piccini immersi a contatto con la natura, partendo dalla Fattoria “La Mirtilla” di Idro, a cura della Cogess di Barghe

14/07/2021

Motoraduno solidale

Prima tappa al Cogess Bar e poi pranzo in un ristorante di Idro per l’iniziativa solidale a favore della cooperativa sociale

02/07/2021

Un volo di 150 metri, muore escursionista mantovano

Stava percorrendo con un’amica il sentiero dei Tralicci quando è scivolato ed è precipitato in un dirupo. Difficili le operazioni di recupero della salma

01/07/2021

Scivola dal sentiero dei Tralicci, muore escursionista

Fatale la caduta in un dirupo mentre camminava per il sentiero che si affaccia sul lago d’Idro