29 Ottobre 2021, 09.53
Gavardo Valsabbia Garda Provincia
Depuratore del Garda

Il depuratore cambia sponda?

di Federica Ciampone

Se costruito alla sinistra del Chiese, l'impianto di Gavardo costerebbe meno e avrebbe un minor impatto ambientale. Ma sull'area grava un vincolo importante


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



Se il depuratore di Gavardo cambiasse collocazione e venisse realizzato sulla sponda sinistra del fiume Chiese, i costi si abbasserebbero e l'impatto ambientale sarebbe limitato. Tuttavia c'è un grande “ma”: in quell'area esiste un vincolo che richiederà l'acquisto o l'esproprio di due abitazioni.

Il prefetto-commissario Attilio Visconti ha chiesto al riguardo una verifica tecnica ed economica, che Acque Bresciane dovrebbe inviare proprio oggi.

“Oggi il depuratore di Gavardo - riporta il Giornale di Brescia - è previsto in un’area agricola tra la tangenziale e il Chiese «dove non vi sono vincoli di inedificabilità» ha ribadito l’Ato nell’ultimo tavolo tecnico. La Provincia «ritiene opportuno che sia valutata la collocazione alternativa in sponda sinistra», a nord del depuratore A2A in fase di costruzione. Cosa che «consentirebbe di accorpare in un’unica area gli impianti tecnologici senza intaccare la sponda destra del fiume». Stessa posizione per la Sovrintendenza. L’Ato, nel suo decreto, precisa che l’area indicata da Provincia e Sovrintendenza, «è gravata da un vincolo di inedificabilità». I depuratori devono essere ad almeno100 metri dalle abitazioni. Il deputarore del Garda dovrebbe trovare posto a nord di quello di A2A: andrebbero quindi comprate o espropriate un paio di abitazioni (per demolirle)”.

Dopo la verifica sarà quindi il commissario a dover decidere il da farsi, tenendo conto sia dell'incognita tempi che della probabile opposizione dei proprietari.

Nel frattempo ieri sera i sindaci Davide Comaglio (Gavardo), Giovanni Benedetti (Muscoline) e Marco Togni (Montichiari) hanno portato la loro solidarietà al Presidio permanente di protesta sotto il Broletto.





Vedi anche
20/10/2021 08:00

Depuratore alla sinistra del Chiese, i cittadini non ci stanno Spostare la collocazione dell'impianto sul lato opposto del fiume, come suggerito da Ato al Commissario, significherebbe demolire le abitazioni presenti. Residenti e proprietari preparano le barricate

28/07/2021 09:48

Depuratore, il Prefetto-Commissario accelera Dopo la scelta di Gavardo e Montichiari per l'impianto e l'incontro con Ato e Acque Bresciane si va spediti verso la convocazione della Conferenza dei servizi. L'inizio dei lavori è previsto per la fine del 2024

18/05/2021 10:05

Un commissario per decidere del depuratore Lo invocano i sindaci del Garda poco prima della comunicazione, da parte dell’Ato, della decisione definitiva sulla localizzazione dell’impianto. Scontro a suon di lettere anche con la Provincia e i sindaci del Chiese

09/07/2021 15:42

La politica bresciana si oppone al commissariamento Dall'incontro svolto nelle scorse ore è emersa la contrarietà della Provincia alla decisione del governo di delegare ad un commissario la decisione sulla collocazione del depuratore. Richiesto un confronto diretto a Roma

23/07/2021 13:33

Il Prefetto-Commissario ha scelto Gavardo-Montichiari Nonostante le forti e persistenti contrarietà, oggi il Prefetto Attilio Visconti ha deciso che i depuratori delle fogne dei comuni gardesani dovranno essere fatti a Gavardo e Montichiari e scaricare nel fiume Chiese




Altre da Garda
31/01/2023

Giovani in azione

Green e digital: nuovi laboratori gratuiti per ragazzi del Garda e della ValleSabbia promossi da GAL GardaValsabbia2020 e la Cooperativa Sociale Area, insieme a Solco

26/01/2023

Appuntamenti del weekend

Ricco programma di eventi, spettacoli e concerti per questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e in provincia

25/01/2023

Un fiore per non dimenticare

L'ANPI Medio Garda e il Circolo Arci di Salò invitano la cittadinanza ad un momento commemorativo in programma per questo venerdì, 27 gennaio, in ricordo dei deportati nei campi di sterminio tedeschi

25/01/2023

Animazione culturale

43 Comuni con 41 biblioteche. È il Sistema bibliotecario Nord-Est Bresciano. Per “Ciao Valsabbia” ne abbiamo parlato con la sua coordinatrice, Alessandra Vittici. VIDEO

23/01/2023

Depurazione del Garda, al via la progettazione dei lavori

Già entro la fine di questo mese, al più tardi in febbraio, sarà affidata la progettazione dei lavori in sponda bresciana. Il Sindaco di Gavardo: «Noi comuni che abbiamo fatto ben quattro ricorsi per contrastare questa decisione e far valere le nostre ragioni e preoccupazioni rimaniamo in attesa dell’esito.»

(2)
18/01/2023

Dopo 10 anni tornano i Joujoux d'antan

Lo storico gruppo Indie, che annovera tra i componenti il vobarnese Alfredo Cadenelli, sarà in concerto giovedì 19 gennaio a Toscolano Maderno

16/01/2023

Interrogazione al Ministro sulla questione depuratore

L'on. Cristina Almici: «Il commissario non aveva mandato di decidere e invece l’ha fatto, in contrasto con la decisione assunta dalla Provincia. Al ministro ho chiesto che cosa conosce della vicenda»

14/01/2023

Caduta massi sulla Gardesana, traffico alternato

Si passa a senso unico alternato sulla Gardesana all'altezza di Toscolano a causa del distacco di roccia avvenuto venerdì sera

11/01/2023

«C'è anche una quarta opzione»

In merito alla galleria della Valvestino abbiamo scritto di tre diversi modi di affrontare le problematiche segnalate da uno studio geologico. Un lettore ne propone una quarta...

11/01/2023

«Un progetto folle»

Per realizzare il tunnel della Valvestino le alternative sono tre: si mettono a repentaglio le falde acquifere della zona, si spende molto più del previsto, oppure bisogna trovare un percorso alternativo. Ad affermarlo gli studi fatti dalla Pat, resi noti in risposta alle interrogazioni del consigliere Marini