28 Marzo 2020, 08.00
Gavardo Valsabbia Garda
Emergenza Coronavirus

Ospedale di Gavardo, le rassicurazioni dell'Asst del Garda

di Redazione

In una nota l'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale a cui fa riferimento il nosocomio gavardese chiarisce come si sta affrontando l'emergenza Covid19. La maggior criticità nella carenza del personale perché molti operatori si sono ammalati


L'Asst del Garda, in riferimento agli articoli apparsi sulla stampa in merito alla situazione dell’ospedale di Gavardo legata all’emergenza COVID19, ha diffuso una nota nella quale precisa come sta affrontando l'emergenza.

«L’ospedale di Gavardo, come tutte le strutture che accolgono pazienti affetti da COVID19, sta facendo fronte ad un importante incremento delle richieste di intervento.

La struttura dispone attualmente di 128 posti letto
dedicati a pazienti COVID19 di cui 6 di terapia intensiva e 8 nell’area OBI del Pronto Soccorso dove sono presenti altre 17 barelle che garantiscono supporto respiratorio con ossigeno.

L’ospedale assicura a tutti i malati assistenza adeguata e un’accoglienza rispettosa della dignità delle persone; l’accettazione ed il ricovero avvengono in aree assolutamente decorose.

L’ospedale, che non presenta carenza di spazi, è stato riorganizzato in vari step trasformando i reparti di degenza in reparti dedicati ai pazienti covid.

È stato creato un unico reparto Polispecialistico a media intensità di cura, dove vengono ricoverate le persone non affette da COVID19 alle quali i professionisti della varie specialità – chirurgo, ortopedico, ginecologo – garantiscono assistenza in base alla patologia.
Per garantire la sicurezza dei pazienti e degli operatori, sono stati creati percorsi dedicati ai pazienti positivi separati dai percorsi per i pazienti negativi.

All’esterno del Pronto Soccorso è stata installata una tensostruttura che funge da filtro: qui i pazienti con sintomatologia sospetta covid vengono avviati ad un percorso specifico separato dal percorso di coloro che si presentano per altre patologie.

Inoltre sono stati creati, in Pronto Soccorso, posti temporanei dove i pazienti vengono collocati in attesa di valutazione che si rende necessaria per poter studiare ogni singolo caso ed evitare inutili ricoveri.

Per poter garantire la miglior cura possibile a tutti i pazienti, la capacità ricettiva del Pronto Soccorso è stata ampliata con la creazione di tre aree a diversa intensità di cura, modulata in base alla gravità della malattia, dove operano H24 medici e infermieri con preparazione specifica.

I pazienti vengono curati, sia in Pronto Soccorso che nei reparti di degenza, in base alla gravita della patologia a seconda che necessitino o meno di assistenza respiratoria o di ricovero in terapia intensiva.

Gli operatori dispongono di dispositivi di protezione individuale adeguati, certificati secondo la normativa vigente e rispettosi delle disposizioni dell’OMS: mascherine chirurgiche per le aree no-covid, mascherine FFP2 per gli operatori delle aree covid dove sono disponibili anche calzari, cuffie, occhiali/visiere, guanti, camici, sovra camici e tute idrorepellenti.

A fronte di un aumentato carico di prestazioni si assiste ad una criticità legata alla indisponibilità degli operatori che, per i turni estenuanti, è in difficoltà e sempre più si ammala.

Nonostante l’importante afflusso di pazienti, gli operatori stanno rispondendo con grande senso di responsabilità, dimostrando un'encomiabile dedizione verso il proprio lavoro».



Vedi anche
27/03/2020 09:00

Ospedale di Gavardo in difficoltà L'impennata di contagi in Valle Sabbia degli ultimi giorni ha messo in crisi il Pronto Soccorso e l'ospedale di Gavardo dove si fatica a far fronte all'emergenza

12/11/2020 08:00

Un ventilatore polmonare per il Pronto Soccorso “I Gnari del Gropel” di Calvagese e una serie di realtà locali hanno unito le forze per acquistarlo e donarlo all'ospedale locale, che ora può utilizzarlo nell'ambito dell'attuale emergenza sanitaria

02/03/2020 10:15

Pronto Emergenza, dalla Valsabbia alla «zona rossa» Sono ben 11 i volontari valsabbini del Pronto Emergenza che saranno impegnati per l’emergenza coronavirus: due autisti con due ambulanze presso gli ospedali di Cremona e Lodi, altri 9 la prossima settimana a Milano

26/07/2010 07:00

Pronto soccorso da potenziare Pi di 40mila accessi l'anno, fra spazi ridotti e carenza di personale. Cos oggi il Pronto Soccorso di Gavardo. I progetti per migliorarlo.

14/12/2015 09:14

Insieme per Santa Lucia Prima la festa ad Agnosine aperta agli altri Gruppi, poi la visita ai bambini ammalati presenti nel giorno di Santa Lucia all’ospedale di Gavardo



Altre da Gavardo
17/01/2021

Il presidente Mora: «Un grazie al consigliere per il suo contributo»

«Dispiaciuto della scelta, lo ringrazio per le idee e i confronti emersi in questo periodo tra consiglieri». Intanto nella casa di riposo sono inziate le vaccinazioni antiCovid

17/01/2021

I «ragazzi» del coro

Magari qualcuno ha i capelli bianchi, magari ci sono anche brave ragazze, ma tutti i cori hanno in comune due grandi passioni: la bellezza del canto e l’amicizia

17/01/2021

Rsa «La Memoria», dimissioni dal Cda

Un altro scossone all’interno dell’amministrazione della casa di risposo gavardese: un consigliere, già vicepresidente, si è dimesso

15/01/2021

Come «premio» una gran multa

Aveva regolarmente pagato l’assicurazione, ma è stato truffato. Se ne sono accorti i Vigili, che l’hanno fermato

14/01/2021

«Stanze degli abbracci», obiettivo raggiunto

Sono già stati consegnati alle due case di riposo gavardesi i fondi raccolti con l’iniziativa natalizia per consentire agli ospiti di riabbracciare i loro familiari in sicurezza

14/01/2021

Asst del Garda, resta alta la pressione sugli ospedali

Rispetto a dicembre, sono aumentati i ricoveri nelle strutture ospedaliere con pazienti del territorio. Intanto si avvia a conclusione la prima fase della vaccinazione degli operatori sanitari

13/01/2021

Cabina di regia «frenata» dalla mozione

L'incontro convocato stamani dal Ministero dell'Ambiente dovrà necessariamente tenere conto dell'avvenuta approvazione della mozione Sarnico a livello provinciale. I sindaci del Chiese: “No ai balzi in avanti”

13/01/2021

Senza nulla

Cinquemila euro di multa e sequestro dell’auto. Tanto è costato andare a fare la spesa ad un 42enne controllato dagli agenti della Locale in Via Quarena

11/01/2021

Comunità del Garda: «Interpretazione distorta e fuorviante»

Ancora una volta con una nota della presidente Mariastella Gelmini, la Comunità del Garda puntualizza le sue posizione in merito alla mozione Sarnico e considera l'opzione di Gavardo e Montichiari ancora in campo

11/01/2021

«Se hanno fretta, indichino un luogo nel loro territorio»

Sindaci e comitati del Chiese replicano a stretto giro di posta alla nota della Comunità del Garda in merito alla mozione “Sarnico”, anche a riguardo della questione “ristori”, vale a dire le compensazioni