15 Ottobre 2020, 09.50
Gavardo Valsabbia Garda
Lettere

Mozione in Consiglio Provinciale: «Ci sentiamo prese in giro»

di Redazione

Le mamme del Chiese unitamente a quelle del Garda dopo aver assistito al Consiglio provinciale in questione esternano il loro totale disgusto per come si è svolto il dibattito relativamente alla mozione sul depuratore del Garda


In merito alla mozione sul maxi depuratore del Garda, presentata dal consigliere Marco Apostoli di Provincia Bene Comune, dichiarata in maniera troppo sbrigativa non ammissibile alla votazione per pregiudiziale, dicono la loro le mamme del Chiese e del Garda.



Le mamme del Chiese
unitamente a quelle del Garda dopo aver assistito al Consiglio provinciale in questione esternano il loro totale disgusto per come si è svolto il dibattito relativamente alla mozione in oggetto.

In quanto residenti nei bacini del Chiese e del Garda ci sentiamo evidentemente prese in giro e non degnamente rappresentate da questo tipo di politica.

Abbiamo più volte cercato, entrando nel merito delle situazioni, di far capire alla politica e alle istituzioni bresciane quanto la situazione ambientale dei nostri territori sia palesemente compromessa, come ben evidenziato dalle oltre 200 pagine redatte dai tecnici dei comitati, nonostante sembrasse già sufficiente ad evidenziarlo la grave epidemia di   polmonite da legionella avvenuta nell’ agosto 2018 e l’incidenza di gravi patologie particolarmente presenti nei nostri territori.

È evidente che la grave situazione ambientale in cui versa il territorio bresciano è stata causata da una politica che negli anni non ha saputo o voluto fare scelte oculate nell’ottica di tutelare i territori e preservarli per il bene comune.

Appare sconcertante che un Consiglio provinciale possa pronunciarsi in merito alla richiesta di costruzione di una villetta a due piani a Moniga del Garda negando con argomentazioni condivisibili il consumo di ca.1000 mq di suolo che include lo sradicamento di 11 ulivi e non possa pronunciarsi in merito ad un progetto che consumerà ben 70.000 mq di suolo vergine, devastando i territori circostanti e a costi elevatissimi.

È altresì sconcertante che l’assemblea dei sindaci non possa essere ancora convocata per problemi di spazi che garantiscano gli adeguati distanziamenti, quando come per tutte le altre questioni, quest’ ultima potrebbe essere tranquillamente svolta on line.

Basta contraddizioni! Basta slogan pubblicitari in cui da un lato si parla tanto di prevenzione e poi dall’altro si agisce al contrario!
Basta addurre scuse per non affrontare le questioni scomode! Avete scelto di occupare posti di responsabilità che impongono la tutela del bene comune, il rispetto delle popolazioni, la massima trasparenza nell’esercizio delle vostre funzioni ed il coraggio di esternare anche ciò che va contro interessi di parte.

Siamo deluse ed amareggiate per il tipo di politica che state portando avanti! Vi è stato conferito “l’onore” di sedere sui vostri scranni; assumetevi dunque anche “l’onere” di far fronte alle responsabilità che vi competono.

Ribadiamo con estrema forza che non c’è assolutamente bisogno di alcuna laurea o competenza specifica per comprendere che il progetto in questione è assolutamente sbagliato e tutto da rivedere! Non ha ambientalmente ed economicamente senso scollinare, pompare i reflui a km di distanza e soprattutto cambiare bacino imbrifero.

Con quanto avvenuto in Consiglio provinciale riteniamo ancora una volta che la politica bresciana abbia perso l’occasione per cambiare rotta e dimostrare che dentro le svariate situazioni pulsa fortemente un’anima che anela a costruire ciò che è veramente buono e giusto. “

Per le mamme del Chiese: Roberta Caldera, Piera Casalini
Per le mamme del Garda: Paola Pollini 




Vedi anche
30/07/2020 09:21

Le mamme del lago: «Ci siamo anche noi» Le Mamme del Lago prendono spunto dalla lettera da noi pubblicata sottoscritta da una delegazione delle mamme del Chiese. E dicono la loro

05/08/2020 09:15

Le mamme del Chiese e del Garda confidano in una soluzione di buon senso Mamme del Chiese e mamme del Garda, unite per il buon esito della questione depurazione del Garda, in risposta ad alcune affermazioni lette a seguito del rinvio del Tavolo Tecnico, ritengono necessarie alcune puntualizzazioni. Pubblichiamo volentieri

25/07/2020 11:18

Mamme del Chiese e mamme del Garda «Uniamoci!» è l'appello che le mamme del Chiese lanciano a quelle del Garda: «Esigiamo insieme un progetto che salvaguardi concretamente il futuro dei nostri figli»

01/10/2020 10:31

Lettera aperta a tutti i sindaci della provincia di Brescia È quella inviata dalle Mamme del Chiese e del Garda a tutti i primi cittadini bresciani che a breve sa-ranno convocati in assemblea dall'ATO per discutere in merito al progetto di depurazione del Lago di Garda

02/09/2020 07:45

Depuratore nel Chiese: il NO delle mamme del Garda Anche le mamme del Garda si schierano coi sindaci valsabbini, che cercano di impedire che il Chiese venga uilizzato come organo ricettore dei reflui gardesani: «Non risolve le problematiche del lago»



Altre da Valsabbia
26/10/2020

Il karate ponte fra Italia e Giappone

Un incontro a distanza quello fra gli allievi di karate bresciani e gli studenti di una scuola di Tokyo sulla cultura e le arti marziani giapponesi

26/10/2020

In semi-lockdown per un mese

A partire da oggi nuove restrizioni valide in tutta Italia per evitare il contagio da coronavirus e per evitare pressione sugli ospedali

26/10/2020

L'autunno in uno scatto

Aspettiamo in redazione tutte le vostre più belle foto autunnali per condividerle con i lettori nella rubrica della “Foto del giorno”

26/10/2020

Finalmente, ecco l'asfalto

Alcuni tratti della 237 del Caffaro stanno beneficiando di nuova asfaltatura. Proprio necessaria era quella sull’attraversamento di Anfo. Ma c'è ancora da fare

25/10/2020

«Non è il tempo delle polemiche»

«La situazione incerta, per alcuni aspetti imprevedibile, sta purtroppo gettando nello sconforto migliaia di cittadini. Per questo oggi siamo chiamati a un surplus di responsabilità». Così in una nota Gianni Girelli, presidente della Commissione d’Inchiesta Covid

24/10/2020

Conferenza dei Comuni, mozione esclusa dall'ordine del giorno

La mozione sul maxi depuratore del Garda, firmata da ben 59 primi cittadini della provincia, non sarà discussa nella Conferenza dell'Ufficio d'Ambito. Lo sconcerto dei sindaci

24/10/2020

La Valsabbia oltreoceano

Viaggiando per l'Italia in cerca di ciclismo, durante la prima tappa del Giro d'Italia 2019, mi è capitato di conoscere una signora Venezuelana, Eskarne, moglie di un tecnico del suono al seguito della corsa...

23/10/2020

Distopie pandemiche

Sulla scia di quanto espresso su questo portale mesi fa  e delle analisi a firma "Valsabbin* Refrattar*", torniamo ad affrontare il tema "emergenza pandemica"...

22/10/2020

Autonomia della Lombardia, ancora nulla di fatto

Floriano Massardi (Lega): “A tre anni dal referendum il Governo calpesta volontà dei lombardi”

22/10/2020

Aeroporto di Montichiari, manca una strategia

Il consigliere regionale Gian Antonio Girelli: "Regione Lombardia non ha una strategia per il futuro dello scalo"