25 Luglio 2021, 09.00
Gavardo
Blog - Maestro John

Come muore un fiume

di John Comini

Oggi avrei voluto raccontare cose belle, ma sono tristissimo per il nostro Chiese. In pochi giorni è stato cancellato il serio e continuo lavoro della politica e delle associazioni. Tutto mi sarei aspettato, ma non così. Non così!


Tra poco tempo a scuola racconteranno ai bambini la storia del fiume Chiese. Si narrerà che le acque erano chiare, che sopra ci volavano gli aironi, che le rive erano verdeggianti. Si narrerà che le donne ci lavavano i panni, che tanti pescavano. Che quando veniva chiuso il Naviglio per essere pulito, si andava alla ricerca delle bòse musignűne.

Si racconterà che i ragazzi facevano gare di tuffi, tra grida e risate. Che alpini e volontari pulivano il fiume dai rifiuti gettati dalle persone maleducate (quelle ci sono sempre). Che c’erano paesaggi splendidi, vecchie case che si affacciavano sul fiume e vi si specchiavano, e splendidi ponti per unire le persone! Che per secoli si sono sfruttate le sue acque per ricavarne forza motrice, dal mulino ai magli fino alle centrali idroelettriche.

E adesso, per risolvere i gravi problemi del lago (che ha già visto sparire pesci come cavedani e tinche, che ha visto per anni colate di cemento e la distruzione di habitat naturali) il Chiese dovrà sopportare la scelta del depuratore.  E adesso, povero Chiese? Parafrasando ‘Il vecchio e il bambino’ di Guccini:

“E il vecchio diceva, guardando lontano:
‘Immagina le acque del Chiese che amo,
immagina i pesci e immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori…
E sulle rive del fiume che va verso il mare,
crescevano gli alberi, potevi pescare,
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell’uomo e delle stagioni’
Il bimbo ristette, lo sguardo era triste,
e gli occhi guardavano cose mai viste
e poi disse al vecchio con voce sognante:
‘Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!’”

Solo un miracolo può cambiare la situazione. Io per questo prego e pregherò ogni giorno. Chissà. Magari qualcuno cambierà idea. Che ne so? Il ministro per la Transizione Ecologica. O magari il Presidente del Consiglio dei ministri Draghi: fra tutti i suoi impegni potrà trovare un’oretta per sentire la versione dei fatti in modo oggettivo? O il mitico Presidente Mattarella, che sarà stanco ma un’occhiata alla faccenda potrebbe darla. Coraggio, Presidente! Papa Francesco non ha bisogno di essere interpellato, lui da sempre è d’accordo per la salvaguardia dell’ambiente. E chiamatemi pure illuso!

Don Milani scrisse: “Il problema degli altri è eguale al mio. Uscirne tutti insieme è la politica. Uscirne da soli è avarizia.” Sentivo molti dire:  tanto hanno già deciso tutto, tanto era già tutto previsto…forse avevano ragione, forse siamo stati degli illusi. Ma non ringrazierò mai abbastanza politici, sindaci e amministratori che si sono battuti nelle sedi istituzionali. Le associazioni per l’ambiente, le mamma del Chiese e le persone che hanno partecipato nelle varie manifestazioni, hanno raccolto firme, hanno cantato…

Le belle persone che han corso o camminato per valorizzare il nostro patrimonio naturale. Quelli che sui gazebi esponevano i manifesti “No depuratore” e quelli che in un modo o nell’altro, nella propria famiglia, al bar o per strada, si sono impegnati per una soluzione democratica…e per la salvezza del fiume!

Perché il fiume è storia, vita, sviluppo, economia, ricordi. Perché il fiume siamo noi. Grazie a tutti, avete dato una grande lezione di educazione e di civiltà! E sono certo che continuerete a credere in ciò che avete fatto, che state facendo e che farete.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo

maestro John

Sabato scorso ho assistito ad una magnifica serata al Teatro Salone, “Sguardi sul fiume: cortometraggi sul fiume Chiese” condotta dal bravo Mirko Savi. Abbiamo visto “Chés La partita del fiume Chiese” di Arianna Favalli (qui sotto riprodotto da YouTube) e “Al passo del Chiese” di Carlo Neviani.

Nelle foto (le prime 3 del caro Cesare Goffi):
1) Gara di pesca al ponte di ferro 1982 (foto
2) Gara di pesca al ponte di Quanello 1968 (idem)
3) Tuffi nel canale del Lanificio
4) Lavandaie in via Tebaldina (sullo sfondo la cascata dell’Isolo)






Commenti:
ID82634 - 25/07/2021 13:51:00 - (ibisco) - Maestro John

non sono una persona istruita, ho fatto a malapena le medie fra l'altro in classe con te, ma cercavo di capire perché è stata scelta la soluzione più dispendiosa e illogica per realizzare il depuratore del Garda. Mi è venuto in mente un proverbio che più o meno dice che a pensar male si pensa bene: non è che qualcuno ha elargito regalini per far sì che si opti per un megaprogetto più costoso che tanto paghiamo di tasca nostra?

ID82635 - 25/07/2021 18:54:00 - (bernardofreddi) -

Tranquillo, Ibisco: se anche fosse così, non lo sapremo mai. Eventuali indagini finiranno prima di cominciare grazie al giusto processo dei Suoi amici Matteo e Matteo. Se l'immagini: "Gentile onorevole G, questa procura si pregia di avvissarLa che sarà predisposta una intercettazione telefonica sulla sua linea" oppure: "abbiamo aperto una indagine a Suo carico. Ha trenta giorni di tempo per far sparire eventuali prove"...

Aggiungi commento:

Vedi anche
06/01/2019 17:10

Il fiume Chiese va…

…e porta via le gioie, le tristezze e le nostalgie di ciascuno. Il fiume va, e fa riaffiorare i ricordi

09/06/2019 09:20

C'è un fiume amaro dentro me... Oggi pensavo di parlare dei sette giovani nuovi sacerdoti, testimoni dell’amore, dono di Dio per le nostre comunità. Ma purtroppo mi è capitato di leggere su Bresciaoggi queste parole: “A Gavardo, punto e basta...”

13/10/2019 09:50

L'airone sopra il fiume L’avevo visto in un freddo giorno d’inverno. Uno splendido airone. Aveva appena nevicato, e sulla via Romana mi ero portato la macchina fotografica per scattare qualche immagine

10/05/2020 08:00

Incontri sulla via Romana Ci sarà gente sulla via Romana? La strada che collega Gavardo e Villanuova è un paradiso terrestre, accanto scorre il fiume Chiese (ah, il Chiese!). Adesso sto ancora chiuso in casa in casa, aspetto e spero…

22/08/2021 09:11

Mi scusi Presidente Con il dovuto rispetto, mi son permesso di scrivere una lettera al nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in merito alla questione del maxi depuratore sul fiume Chiese. Chissà se gli arriverà e se la leggerà. Lo spero davvero! Sarebbe troppo bello!




Altre da Gavardo
25/09/2021

Auto squarciata dal guardrail

Due feriti, di cui uno grave, nello spaventoso incidente avvenuto questo sabato pomeriggio lungo la Sp 57

25/09/2021

Progetto approvato, a breve i lavori a Colombaro e San Quirico

L'obiettivo è risolvere i frequenti problemi di allagamento, resi ancora più pericolosi dalle piogge sempre più violente e frequenti

24/09/2021

Tre locali, 14 sanzioni

Prosegue il controllo degli esercizi commerciali e dei luoghi pubblici nel centro storico di Gavardo

23/09/2021

«Barba che Gol», sport e solidarietà

Sarà il Centro Sportivo “Karol Wojtyla” di Gavardo ad ospitare questo sabato 25 settembre l’evento “Barba che Gol” un nuovo appuntamento dedicato al connubio “barba e solidarietà” promosso da Bearded Brixia.

22/09/2021

Sopraponte come Broadway

Il teatro Sant’Antonio della frazione gavardese diventa il tempio del musical con una serie di spettacoli proposti da Artpoint Academy

22/09/2021

Il ricorso dei sindaci: «Mancano le Valutazioni ambientali e sanitarie»

Presentato lunedì al Tar di Brescia il ricorso contro la nomina del commissario per la depurazione del Garda: «Il Commissario può derogare soltanto alle norme sugli appalti non scegliere la localizzazione»

21/09/2021

Il fiume della vita

Dal racconto degli ospiti della casa di riposo La Memoria” di Gavardo uno spettacolo teatrale sulla scia dei ricordi

21/09/2021

Premio Palladio gardesano all'Ospedale di Gavardo

La Confraternita del Groppello quest’anno ha assegnato il premio alla struttura sanitaria del territorio per l’impegno nell’affrontare la pandemia da Covid-19

21/09/2021

Lettori e pandemia, il punto sulle biblioteche

Alessandra Vittici, direttrice del Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano, analizza per noi l’andamento delle biblioteche, in particolare quelle valsabbine, ai tempi del Covid

20/09/2021

«Alfa senza filtro»

Questo martedì sera a Gavardo la presentazione del nuovo libro di Maurizio Abastanotti. Prenotazione obbligatoria