20 Dicembre 2017, 09.50
Gavardo
Lettere al Direttore

Cava sul Monte Tesio, la posizione di Gaia

di Filippo Grumi - Comitato Gaia

Il comitato ambietalista Gaia (Gavardo Ambiente Informazione Attiva) dice la sua in merito alle dichiarazioni del Comandante della Polizia Locale relativamente all’apertura nella Cava sul Monte Tesio e il suo impatto sulla viabilità


Gentile direttore,

In merito alla questione Cava nel Monte Tesio apprendiamo con un certo stupore da un articolo apparso sul Bresciaoggi di sabato 16 e su Vallesabbianews martedì 19 dicembre, che il Comandante della Polizia Locale di Gavardo, con un parere scritto, affermerebbe che esistono delle fondate problematiche legate ai mezzi pesanti che dovranno circolare su strade a servizio della cava che sono “strette ed in centro abitato”  e, sorpresa delle sorprese, arriva a dire che “ho pertanto proposto la necessità di un percorso alternativo” oppure misure che riducano l’impatto del traffico sui residenti.

Una affermazione piuttosto pesante e che non arriva certo da una persona qualunque, non certo un feroce ambientalista o un cittadino che vede messa in pericolo la sua qualità di vita e la sua proprietà.
Noi però ricordiamo bene che in Consiglio Comunale il Vicesindaco con delega all’Urbanistica Prof. Sergio Bertoloni, alle pressanti domande e richieste di spiegazioni su queste problematiche, rispose stizzito “ che tutto era stato attentamente ben ponderato da chi di dovere” e che tutto era quindi in regola.

Pochi mesi dopo, sempre in Consiglio Comunale, ammise che una perizia della stessa ditta che dovrebbe estrarre dalla cava, evidenziava carenze strutturali sulla strada che scende dal Tesio,

Ora, a noi che siamo gente semplice sorgono spontanee alcune riflessione e ci poniamo alcune domande:

1)    il Comandante della Polizia Locale, Luca Quinzani, rientrava o no tra le persone che hanno “ben ponderato” tutta la situazione prima della firma della convenzione con la ditta oppure no?
2)    Se non lo era, potremmo sapere quali erano queste persone? Era tra queste l’Assessore ai lavori Pubblici? Era tra queste l’assessore all’Ambiente? Ne avrebbero avuto tutto il titolo e diritto, se non loro, chi?
3)    Il Comandante a chi ha proposto di realizzare un percorso alternativo? Che risposta ha ricevuto?
4)    Se il Comandante era tra le persone che “hanno ben ponderato”, ha espresso allora lo stesso parere che ha espresso adesso oppure no?
Ovvio che se avesse espresso lo stesso identico parere di oggi e l’Amministrazione non ne avesse tenuto conto sarebbe una cosa MOLTO grave;
5)    Dato che esiste una perizia della ditta, che è quindi ovviamente di parte, ci chiediamo, ne esiste una anche dell’Ufficio Tecnico del Comune? Se esiste, quando è stata fatta e cosa dice? Se non esiste, come mai non è stata chiesta prima di chiudere una convenzione capestro per i cittadini gavardesi?
6)    Nel caso la strada attuale non fosse idonea, chi paga la sua messa a norma o un eventuale percorso alternativo? Non sono cose da poco, si parla di diverse centinaia o di milioni di euro e dato che la convenzione è chiusa e la ditta in fase di convenzione si rifiutò di accollarsi l’onere del percorso alternativo a noi viene in mente un’unica risposta, pagheremo ovviamente NOI cittadini, oltre il danno anche la beffa?

Speriamo di avere queste risposte nel consiglio comunale del 21 dicembre (e possibilmente con la diretta streaming..) ma anche se non dovessero essere risposte esaustive visto la quantità di esposti presentati per questa questione, magari avremo le risposte dal Magistrato in Tribunale.
Noi notiamo però una strana coincidenza.

La proposta del percorso alternativo fatta dal Comandante avviene esattamente nello stesso periodo in cui il Comune riesce a vendere all’asta l’area commerciale vicino al Bennet.
Casualmente, sempre e solo pure coincidenze, l’importo di spesa per la realizzazione della strada alternativa è quasi identico con quanto ha incassato il Comune per la vendita dell’area e, dato che quella somma non può essere utilizzate per le spese correnti non è che per caso finirà per finanziare la strada alternativa per la cava nel Tesio?
Certo, a pensar male si fa peccato ma, diceva qualcuno di più esperto di noi, spesso si indovina.

Per noi l’apertura della cava
nel Monte Tesio è uno sfregio ambientale che non ci possiamo permettere e siamo contrari a che ciò avvenga, inoltre, anche un eventuale percorso alternativo dovrebbe minimizzare al massimo l’impatto ambientale e quindi chiediamo di valutare un’altra soluzione.

Dato che la discesa verso Gavardo dei mezzi pesanti a pieno carico sarebbe oltremodo pericolosa e avverrebbe come detto sopra, su una strada non idonea, perché non pensare ad una discesa a valle passando da SERLE?

Il percorso dalla cava sarebbe in salita per pochi tratti, praticamente in una zona disabitata, con poche modifiche si potrebbe ovviare ai tornati prima del bivio per SERLE e la Chiesetta del Tesio, e l’impatto ambientale sarebbe ridotto al minimo.
Chi di dovere ha valutato anche questa alternativa?
Le risorse così risparmiate potrebbero essere utilizzate per mettere in sicurezza il Rio Legnano, dato che pel la stessa Amministrazione era un’opera necessaria per la messa in sicurezza delle abitazioni a valle dello stesso.

Era anche quello un impegno preso durante la campagna elettorale e così, come altre promesse elettorali ben più costose sono state mantenute, andrebbe mantenuta anche quella.
Si potrebbe anche trasformare la scuola elementare secondo lo studio di fattibilità fatto dallo stesso Ufficio Tecnico del Comune, si potrebbe sistemare la gavardina, biglietto da visita del paese per i molti che la percorrono d’estate, si potrebbero mettere in sicurezza alcuni tratti stradali e migliorarne altro ancora.
I soldi ricavati dalla vendita di un’area pubblica (DI TUTTI NOI) devono essere utilizzati per il bene della comunità e non per rimediare agli errori fatti da chi avrebbe dovuto “ben ponderare” le sue scelte.

Distinti saluti
   
Il portavoce del Comitato
Ing. Filippo Grumi


Commenti:
ID74517 - 20/12/2017 11:41:57 - (Dioniso) - Programma politico-amministrativo

Quello di GAIA, oltre che una riflessione sulla Cava del Tesio, sembra proprio una bozza di programma elettorale e, probabilmente, il portavoce, è pronto a scendere nuovamente in campo, magari, questa volta, da candidato sindaco. Auguri!

ID74518 - 20/12/2017 11:43:34 - (turk182) - aggiungo una domanda

ma non è che in comune è cominciato il fuggi fuggi dalle responsabilta' su questa questione visto i numerosi esposti? prima ci ha provato (malamente) il consigliere ex assessore A. Salvadori a fare un'interpellanza alla sua stessa maggioranza su una mozione che lui stesso ha votato, adesso il Comandante sembra dire " io l'ho detto che non era idonea", attendiamo ulteriori sviluppi. Quello che emerge sempre sembra essere un pressapochismo e una inadeguatezza imbarazzante di questa amministrazione ad affrontare una questione così complicata.

ID74520 - 20/12/2017 12:43:29 - (turk182) - infarto

ah ah ah ahDioniso vuol far venire l'infarto a qualcuno.ah ah ahStrano che non entri in merito alla questione, lui/lei che vive nel fantastico mondo di Amelie quando si parla di questa amministrazione e riesce a vedere tutto rose e fiori . ci dica la sua.

ID74526 - 21/12/2017 09:07:04 - (Dioniso) - Caro turk182

c'è già lei che entra nel merito di ogni questione dell'amministrazione gavardese. Io non mi sento all'altezza di criticare sempre il lavoro degli altri. Le auguro buone feste.

ID74529 - 21/12/2017 17:47:53 - (maxero) -

Spero che Turk182 si candidi alle prossime amministrative.Capita raramente di trovare persone che hanno sempre una risposta ad ogni questione gavardese. Preparato e sul pezzo. Sindaco Subito.Propongo di istituire il comitato "Turk182 for President".Al di sopra delle battute auguro a tutti buone feste.

ID74530 - 21/12/2017 18:01:11 - (maxero) -

Ciò che auspico profondamente per Gavardo (forse vivo nel fantastico mondo di Amelie) è che la prossima amministrazione sia di riconciliazione. Ne abbiamo tutti bisogno.Non ho mai creduto nei cattivi e buoni schierati gli uni da una parte e gli altri in quella opposta. Sarebbe semplice poter dividere il mondo in questo modo. Ma quando la tua età finisce con "anta" non puoi non vedere il bello e il meno bello mescolati nei vari schieramenti. Di una cosa sono certo. Non voterò per gente incattivita che non vede l'ora di fare piazza pulita in nome di verità che sono rappresentate solo da se stessi.Preferisco il dubbio, il confronto, la capacità di decidere e di assumersi responsabilità, il sorriso ed un poco di intelligente sana autoironia.

ID74531 - 21/12/2017 18:31:20 - (turk182) - come no

ah certo... fatto il disastro ma fa niente dai..amici come prima ah ah ahe no.. avete voluto gli onori e vi tenete anche gli oneri e le pesantissime responsabilita' su cui certo si dovrà passare prima o poi ma certo mai dimenticare, perche' chi dimentica poi ci ricasca. Pl peggior sindaco (ovvero la peggiore amministrazione di Gavardo) non si cancellano con un colpo di spugna e si va tutti insieme al bar per un bianco.

ID74542 - 22/12/2017 11:49:23 - (Dioniso) - Giudizi politici e opinioni

Ci sono le nostre opinioni, che sono importanti, almeno per noi, ma che valgono quanto vale il singolo punto di vista. E ci sono, invece, i giudizi politici che, in un sistema democratico, spettano al popolo sovrano. Noto che, spesso, si pretende di assumere a giudizio politico complessivo la nostra personale opinione. Il sindaco Vezzola, mi risulta, sia stato liberamente eletto una prima volta e riconfermato una seconda, e questo è il giudizio politico sovrano dei gavardesi. Poi ci sono le nostre personali valutazioni: legittime, rispettabili, più o meno serene, nelle quali però, 1 vale 1, come amano dire i Pentastellati.

ID74544 - 22/12/2017 12:40:56 - (turk182) - concordo

Concordo con Dioniso, Vezzola è il sindaco democraticamente eletto dai gavardesi quindi non lo è il Prof. Bertoloni che nessuno ha votato per ricoprire quel ruolo. A Gavardo manca un sindaco da un anno e più e questo non è corretto, il rispetto del voto deve essere a 360° e quindi, un sindaco che non può essere tale avrebbe dovuto dimettersi e consentire nuove elezioni, se si rispettasse davvero la volontà popolare, invece l'orgoglio, la bramosia di potere e l'attaccamento alla poltrona hanno fatto si che a Gavardo si arrivasse a questo vergognoso limbo amministrativo. Evitiamo di dire che c'è ancora l'appello per cortesia, in un paese decente anche solo le condanne prese dal tribunale del lavoro e dalla corte dei conti avrebbero dovuto portare alle dimissioni, adesso c'è pure una condanna penale in primo grado..

ID74553 - 22/12/2017 13:24:39 - (Tc) - turk182

remember....Silvio docet...;-)

Aggiungi commento:

Vedi anche
28/12/2017 17:00

Cava sul Tesio, le perplessità di Gaia Il comitato ambientalista Gaia (Gavardo Ambiente Informazione Attiva) espone il suo punto di vista su quanto è stato detto al Consiglio Comunale dello scorso giovedì, 21 dicembre

18/09/2016 09:34

Ok alla cava, polemiche sulla viabilità La concessione di una nuova cava sul monte Tesio a Gavardo sta sollevando polemiche sulla sicurezza del transito di mezzi pesanti su strade strette nel centro abitato

10/09/2017 08:00

Interpellanza sulla cava nel Tesio, il Comitato ancora deluso Insufficiente per il Comitato di volontariato per la salvaguardia del Tesio la risposta data dal vicesindaco Bertoloni all’interrogazione sulle mitigazioni per la cava sul monte Tesio

05/12/2016 09:06

Cava Tesio: «Hanno firmato e non ne rispondono» Caro Direttore, Le chiediamo gentilmente ospitalità nella Sua rubrica per rendere pubbliche alcune nostre riflessioni in merito a ciò che sta succedendo a Gavardo

25/10/2016 16:51

Contro la riapertura della cava Saranno presenti in piazza al Borgo del Quadrel, domenica 30 ottobre dalle 9 alle 12, per chiedere la firma dei cittadini contro la riapertura della Cava sul Monte Tesio




Altre da Gavardo
04/08/2021

«Le sedute tornino in presenza», polemica in Consiglio comunale

La minoranza chiede che il confronto politico torni a svolgersi in aula, interrompendo la modalità da remoto. Il sindaco: “Si spera per settembre, ma si vedrà l'andamento del Covid”

04/08/2021

FdI Gavardo a sostegno della mozione Almici

Il circolo gavardese chiede ora «l’impegno dei nostri Parlamentari bresciani affinché intervengano per far rispettare le competenze della Provincia in materia di collettamento del Garda»

03/08/2021

Marcell Jacobs, medaglia d'oro bresciana dell'atletica

Nato in Texas e cresciuto a Desenzano del Garda, il campione olimpico si è allenato per un periodo anche in Valle Sabbia, fin da allora con risultati notevoli

30/07/2021

Mozione contro il depuratore votata all'unanimità

Consiglio comunale di Gavardo compatto contro il progetto di costruire il depuratore per i comuni gardesani sul proprio territorio

30/07/2021

Tanta voglia di tornare in campo

Presentata la prima squadra dell’Ac Gavardo: rosa e mister confermati pronti a disputare il campionato di prima categoria

29/07/2021

Luglio si chiude in bellezza

Altri interessanti appuntamenti delle diverse rassegne estive promosse dall’assessorato alla Cultura questo fine settimana

29/07/2021

Pd: «La Lega getta la maschera»

La segreteria provinciale del Pd replica alla Lega:« Come al solito la Lega si dimostra inaffidabile: sul territorio con i cittadini e nelle stanze di potere invece ad assecondare i voleri del potente di turno»

(6)
29/07/2021

Proprio non ce la fa

Gli ritirano la patente e dispongono il fermo dell’auto, ma lui continua a circolare. Così scattano ancora più pesanti le sanzioni

29/07/2021

Lucone, al via la nuova campagna di scavi

Visite guidate e altre iniziative per piccoli e grandi durante le operazioni di scavo del sito palafitticolo che quest’anno festeggia i 10 anni dal riconoscimento Unesco

28/07/2021

Depuratore, il Prefetto-Commissario accelera

Dopo la scelta di Gavardo e Montichiari per l'impianto e l'incontro con Ato e Acque Bresciane si va spediti verso la convocazione della Conferenza dei servizi. L'inizio dei lavori è previsto per la fine del 2024