24 Giugno 2014, 08.54
Gavardo
Lettere

A futura memoria

di Andrea Laffranchi

Ci scrive un lettore da Soprazocco e lamenta la scarsa attenzione ai problemi di viabilità che potrà avere lo sbocco di una nuova strada, quella detta "dei Cavatori" a Gavardo. Pubblichiamo volentieri

                                      
Alla Cortese attenzione dei futuri utilizzatori della strada detta:  Via Cavatori.
Qualche anno fa, mio padre, un contadino di spicco e di fama, nel paese, comprò dei campi in località Bariaga, come investimento ma soprattutto con il sogno di poter sfruttare i frutti che la terra può offrire come sostentamento per la sua azienda e il bestiame.
Essendo gli unici campi irrigui del piccolo paese di Soprazocco, pensò che l’affare fosse grandioso.
Con il sudore  e le fatiche degli anni addietro, riuscì ad acquistare quegli appezzamenti.

Non ebbe nemmeno il tempo di rendersi conto, quanto l’orgoglioso affare potesse fruttargli, che il Comune di Gavardo, volle espropriare parte degli investimenti che con ardore e fatica, ma soprattutto, onestà, mio padre si acquistò.
La trattativa fu lunga e burrascosa, ma per il bene della società e del paese, Pietro, cedette parte del suo capitale investito, per la viabilità paesana.

Tante Furono le promesse, poche mantenute, ma soprattutto, troppi gli sbagli che sono stati eseguiti tra i quali:
Il calcolo previsto di ingombro totale della strada.
La modifica del fosso irriguo; con affermazione da parte del tecnico comunale che non poteva essere toccato, chissà  perché per i loro scopi è stato addirittura modificato?
Ecc. ecc…

Ora sorge  un altro problema, prima dell’ inaugurazione, l’Incrocio finale in Via Barbariaga. Si proprio l’incrocio finale!
Mentre tutti i comuni modificano la viabilità con la costruzione di nuove Rotonde, il comune di Gavardo, crea per lo sbocco della nuova strada, un semplice incrocio.
E’ qui che nascono i problemi delle famiglie frontiste al grosso sbaglio.

Per render l’idea, i residenti davanti al famoso “incrocio finale”, stradale, devono per entrare a casa loro proseguire per 300-400 metri, svoltare in un parcheggio privato, per poi ritornare sui propri passi e finalmente  giungere nelle loro abitazioni. O per uscire, eseguire una manovra azzardata con rischi o proseguire per 300 metri e girarsi in un parcheggino insignificante dove parte dello spazio è occupato dalla raccolta differenziata.

Domande:
- Chi ha sviluppato questo erroneo progetto?
- Chi ha seguito i lavori ?       
- Cosa le famiglie, in questione, devono fare per avere diritto  anche loro alla libera circolazione?
- Se ci sarà una modifica chi dovrà assumersi i nuovi oneri, visto che si poteva progettare da subito una rotatoria?
- Cosa un semplice contadino dalle mani ruvide e le rughe sulla fronte, per il lavoro faticoso svolto, deve fare per guadagnarsi un posto, dignitoso, dove vivere senza che nessuno usurpi la sua terra?
- Se qualcuno vi dicesse, un giorno, questo non è più tuo come reagireste?
- Siamo, forse, difronte all’ ennesimo spreco di denaro pubblico?
- Sara forse l’ennesima lettera non ascoltata da un sistema giusto o sbagliato?
- Chi si assume la responsabilità di eventuali incidenti che potrebbero svilupparsi per il grave errore?

Tante sono le domande e poche immagino le risposte, ma vale la pena farsi sentire visto che abbiamo tutti voce in capitolo.

Andrea Laffranchi

PS: Il sistema di polizia urbana  di Gavardo afferma che chiunque non rispetti la segnaletica del nuovo incrocio, sarà multato.
Un esame di coscienza è più che lecito.
Grazie per il vostro spazio.



Commenti:
ID45967 - 24/06/2014 15:26:33 - (Mafalda) - Le bugie hanno le gambe corte

Attendiamo speranzosi una smentita o una risposta argomentata dai vecchi/nuovi amministratori.Potremo cos verificare se il ridimensionamento del loro consenso ha aumentato l'attenzione alle problematiche dei cittadini e ridimensionato le sparate propagandistiche a loro tanto congeniali

ID45970 - 24/06/2014 17:48:27 - (PETER72) -

Caro Andrea, forse probabilmente la rotatoria verra' poi fatta quando qualcuno riterra' giunta l'ora per un'ennesima grande abbuffata...

ID45972 - 24/06/2014 19:13:11 - (Valsabbino) - E come al solito..

In Italia si fanno le gran feste ed inaugurazioni con relativi banchetti prima che "l'opera d'arte" sia conclusa!Nessuno si è accorto del mega cartellone elettronico a Gavardo proprio in centro alla futura strada? Ma quei cartelloni non sono stati installati pochi mesi fa? Possibile tutte le volte uno schifo del genere???Bravo Andrea ad attirare l'attenzione sulla cosa!

ID45977 - 24/06/2014 20:50:06 - (sissy) - sissy

Non vedo risposte da parte del sindaco di Gavardo, di solito così solerte a rispondere alle lettere di denuncia della passata minoranza. Forse che un semplice cittadino sia meno importante dei cittadini che stanno in politica?

Aggiungi commento:

Vedi anche
04/02/2015 12:00

«Nonostante i divieti i camion passano» Un gruppo di cittadini di Soprazocco si lamenta perché dopo l’apertura della “strada dei cavatori” i mezzi pesanti continuano a passare per il centro abitato e un tratto di strada, a causa delle piogge, sta cedendo

12/09/2012 08:00

Strada dei cavatori, aggiudicati i lavori Inizieranno in autunno i lavori per la realizzazione della nuova strada di collegamento zona cave di Soprazocco con la tangenziale 45bis.

18/02/2013 09:00

Al via i lavori per la «strada dei Cavatori» Sabato il taglio del nastro per l'avvio del cantiere della nuova strada che collegher Soprazocco con Gavardo bypassando il centro abitato della frazione.

11/04/2009 00:00

Nuovi interventi sulla viabilità gavardese Sono partiti nei giorni scorsi i lavori per una nuova rotonda a Gavardo. L’intervento interessa l’incrocio fra piazza Aldo Moro, via della Ferrovia e via Stazione: per intendersi, fra la zona del mercato e la strada che porta al cimitero.

16/02/2009 00:00

Cinque cantieri aperti a Gavardo Sono cinque i cantieri dei lavori pubblici attualmente aperti nel comune di Gavardo e presto altri saranno aperti per nuovi interventi sulla viabilit del paese. Abbiamo fatto il punto della situazione con l’assessore ai Lavori pubblici Guido Lani.




Altre da Gavardo
24/07/2021

Depuratore del Garda, è questa la Transizione Ecologica?

L'Era della Transizione Ecologica nasce in perfetto stile Made in Italy, sotto forma di due grandiosi depuratori delle fognature del Garda, contrariamente al volere dei territori destinati

24/07/2021

Comitati, appello alla politica bresciana

Anche il variegato mondo ambientalista a difesa del fiume Chiese non nasconde la delusione ma non starà con le mani in mano

24/07/2021

Delusione e amarezza

Solo i politici del Garda esultano per la decisione del Prefetto-Commissario. Per il resto della Provincia è una decisione inaccetabile a cominciare dai comuni coinvolti

23/07/2021

Il Prefetto-Commissario ha scelto Gavardo-Montichiari

Nonostante le forti e persistenti contrarietà, oggi il Prefetto Attilio Visconti ha deciso che i depuratori delle fogne dei comuni gardesani dovranno essere fatti a Gavardo e Montichiari e scaricare nel fiume Chiese

23/07/2021

Musica live al Cogess Bar

Questo sabato sera, 24 luglio, appuntamento al Cogess Bar Sport di Gavardo con un'iniziativa nell'ambito del “Brescia Buona Festival”

22/07/2021

Il comitato Acqua pubblica chiama in causa l'Europa

In merito al commissariamento del depuratore del Garda il comitato bresciano si è interfacciato con Eleonora Evi, europarlamentare del Gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea, per portare la questione a livello europeo

22/07/2021

Una staffetta per «difendere la democrazia dei territori»

E' l'obiettivo dichiarato della corsa organizzata da “Basta Veleni” per venerdì mattina, 23 luglio. Protagonisti due eccellenti camminatori e un podista, uniti per la difesa del fiume Chiese dalla minaccia del depuratore

21/07/2021

Tetto a fuoco

Ad alimentare le fiamme la catramina che alcuni operai stavano sistemando sul tetto di una casa in ricostruzione

20/07/2021

Alla scoperta della Chiesa di San Rocco

Nel mese di agosto sarà possibile partecipare a visite guidate in italiano, inglese e tedesco grazie alla collaborazione tra il Sistema Museale della Vallesabbia e il Battisti di Salò. Ecco come

18/07/2021

In auto a farsi di eroina

Nessun ubriaco al volante durante i controlli del fine settimana, durante i quali gli agenti della Locale della Valle Sabbia hanno sorpreso due ragazzi a consumare droga in auto