13 Gennaio 2019, 06.09
Blog - Un pesce al giorno

Lucciopatia

di Elio Vinati

Ho deciso di dedicare il primo giorno del nuovo anno alla mia passione alieutica. Obiettivo: sua maestà luccio.


Così, caricata l'auto con la canna da spinning di 2,70m, mulinello taglia 4000 imbobinato con un solido trecciato, mi dirigo determinato più che mai verso il parco Laghi di Oscasale (vedi articolo 'tre laghi is meglio che one').

Mi si presenta dinanzi il tipico scenario della 'bassa' caratterizzato da banchi di nebbia accompagnati da temperature prossime allo zero, sicuramente non le condizioni ideali per affrontare un predatore che, per natura, propone brevi 'finestre di attività'.

Ma non mi lascio scoraggiare e concentro pertanto l'azione di pesca nelle ore centrali della giornata alternando diverse tipologie di esche artificiali: dal classico spinnerbait, ai tradizionali rotanti (cosiddette esche di reazione) dai minnow snodati e non, fino alle esche viniliche con l'intento di stimolare l'attacco dell'esocide senza tralasciare nulla.

La prima ora prendo più freddo che lucci
, ma poi, grazie a un vento leggero che dirada la nebbia lasciando intravedere uno spicchio di sole, una mangiata decisa interrompe bruscamente il recupero dello spinnerbait: STRIKE!.
Un bel lucciotto finisce nel guadino dopo una breve ma intensa lotta.

Neanche il tempo di gioire per la cattura che, nel lancio successivo, un luccio di buone dimensioni polverizza letteralmente l'artificiale ma stavolta, con un paio di poderose testate, riesce a liberarsi.
È il momento!! I lucci sono in caccia aperta!!.

Decido di cambiare esca, impiegando un minnow snodato recuperato con brevi accelerazioni e la risposta non tarda ad arrivare: un'altro lucciotto aggredisce l'artificiale come se non ci fosse un domani, fantastico!.

Mi sento 'on fire' per dirla in gergo cestistico, in totale 'trance agonistica' e quindi impiego un'ulteriore esca, in vinile stavolta, al fine di sondare un gruppo di sparute ninfee al largo. Qualche giro di mulinello e il 'pike' non si fa attendere, attaccando con i suoi oltre 700 denti affilati l'artificiale, esibendosi in seguito con salti acrobatici nel tentativo di sganciarsi. Spettacolo!.

Al termine della giornata l'adrenalina scorre ancora a fiumi e tale avventura resterà indelebile nella mia memoria.
Iniziare l'anno riuscendo a catturare tre lucci (e un possibile quarto, ahimè sfuggito) con tre esche completamente diverse è il modo migliore per intraprendere con fiducia la stagione di pesca.

Credo di essermi ammalato, non ho dubbi, ormai sono un lucciopatico..
.


Aggiungi commento:
Vedi anche
20/01/2020 08:00

Il piacere sta nell'attesa L'inizio del nuovo anno è coinciso con un periodo di meritato 'riposo' dall'attività alieutica, a differenza della scorsa stagione (vedi articolo 'lucciopatia')

04/07/2014 07:03

Bentornato luccio Elio Vinati torna alla caccia di lucci, stavolta insiene all'esperto amico Cristian, pescando nelle tranquille acque di Terlago in Trentino 

19/12/2012 12:00

Tecnica 3.1 E' interessante scorrere il sito di Beppe Grillo e il suo movimento per notare quanto di nuovo la tecnica stia dicendo di s.... Dru ancora interviene sull'argomento Tecnica, che sarebbe non mezzo, ma scopo.

07/01/2015 11:00

Pesca... in costruzione L'attesa della pesca è essa stessa pesca. Dalla preparazione attenta e meticolosa delle esche può nascere il successo o il fallimento di una battuta di pesca

17/02/2017 09:31

La Divina pesca, parte 1 Con l’amico Elio qualche sera fa si parlava stranamente di pesca: per un pescatore con la “P” maiuscola il solo discutere di pesca è un po’ come di fatto pescare



Altre da Habitat
09/02/2021

«Il costo nelle bollette dei bresciani»

Il Comitato Gaia di Gavardo replica alla precisazione dell'assessore al Territorio Pietro Foroni sulla copertura dei costi del progetto del collettore fognario gardesano

06/02/2021

«Un percorso trasparente e condiviso»

È quanto promesso dalla responsabile comunicazione di Acque Bresciane alle Mamme del Chiese in merito allo studio delle varie opzioni da presentare all’Ato sul depuratore del Garda

04/02/2021

Per un progetto condiviso che metta al centro il Garda, bene comune

Con una nota, i circoli del Garda del Partito Democratico hanno espresso la loro posizione in relazione alla situazione della depurazione del lago

04/02/2021

Gaia: «Il collettore del Garda non è una priorità»

Per l’associazione ambientalista le ultime decisioni prese sia da Regione Lombardia sia dal Governo assegnano priorità ad altri progetti rispetto a quello della depurazione benacense

01/02/2021

Rio, pappagallo valsabbino in TV

Un pappagallo in televisione non è una cosa della quale si sente parlare ogni giorno, per questo oggi sono qui a raccontarvi un’esperienza straordinaria, ma allo stesso tempo stancante

31/01/2021

Nubi sulle Fonderie Mora

Del tutto inefficace la diffida da parte della Provincia di Brescia, un procedimento avviato quasi un anno fa. A dirlo sono i dati Arpa interpretati da Legambiente, che tuona: «Incredibile che Ats e Asst non dicano nulla»

22/01/2021

Fondi per manutenzione straordinaria delle riserve naturali

Anche le riserve naturali valsabbine potranno beneficiare dello stanziamento di 867mila euro per la tutela ambientale e la salvaguardia delle riserve naturali

20/01/2021

Gaia: «Depuratore, scelta tecnica o politica?»

I due aspetti si scontrano e si sovrappongono nella decisione da prendere che deve giungere dai gardesani, ma sul fronte Chiese le sentinelle sono sempre all’erta

16/12/2020

Sindaci gardesani: mozione «atto di mero indirizzo»

In una lettera al presidente della Provincia, i sindaci dell’Associazione temporanea di scopo “Garda Ambiente” manifestano tutto il loro “disappunto e rammarico” per la mozione sui depuratori approvata dal Consiglio provinciale

08/12/2020

Mamme del Chiese: «E gli scarichi a lago?»

All’ennesima battuta (infelice) del sindaco di Salò ribadiscono per le rime chiedendo conto di quanto fatto dalla sua amministrazione per la tutela delle acque del lago