13 Gennaio 2019, 06.09
Blog - Un pesce al giorno

Lucciopatia

di Elio Vinati

Ho deciso di dedicare il primo giorno del nuovo anno alla mia passione alieutica. Obiettivo: sua maestà luccio.


Così, caricata l'auto con la canna da spinning di 2,70m, mulinello taglia 4000 imbobinato con un solido trecciato, mi dirigo determinato più che mai verso il parco Laghi di Oscasale (vedi articolo 'tre laghi is meglio che one').

Mi si presenta dinanzi il tipico scenario della 'bassa' caratterizzato da banchi di nebbia accompagnati da temperature prossime allo zero, sicuramente non le condizioni ideali per affrontare un predatore che, per natura, propone brevi 'finestre di attività'.

Ma non mi lascio scoraggiare e concentro pertanto l'azione di pesca nelle ore centrali della giornata alternando diverse tipologie di esche artificiali: dal classico spinnerbait, ai tradizionali rotanti (cosiddette esche di reazione) dai minnow snodati e non, fino alle esche viniliche con l'intento di stimolare l'attacco dell'esocide senza tralasciare nulla.

La prima ora prendo più freddo che lucci
, ma poi, grazie a un vento leggero che dirada la nebbia lasciando intravedere uno spicchio di sole, una mangiata decisa interrompe bruscamente il recupero dello spinnerbait: STRIKE!.
Un bel lucciotto finisce nel guadino dopo una breve ma intensa lotta.

Neanche il tempo di gioire per la cattura che, nel lancio successivo, un luccio di buone dimensioni polverizza letteralmente l'artificiale ma stavolta, con un paio di poderose testate, riesce a liberarsi.
È il momento!! I lucci sono in caccia aperta!!.

Decido di cambiare esca, impiegando un minnow snodato recuperato con brevi accelerazioni e la risposta non tarda ad arrivare: un'altro lucciotto aggredisce l'artificiale come se non ci fosse un domani, fantastico!.

Mi sento 'on fire' per dirla in gergo cestistico, in totale 'trance agonistica' e quindi impiego un'ulteriore esca, in vinile stavolta, al fine di sondare un gruppo di sparute ninfee al largo. Qualche giro di mulinello e il 'pike' non si fa attendere, attaccando con i suoi oltre 700 denti affilati l'artificiale, esibendosi in seguito con salti acrobatici nel tentativo di sganciarsi. Spettacolo!.

Al termine della giornata l'adrenalina scorre ancora a fiumi e tale avventura resterà indelebile nella mia memoria.
Iniziare l'anno riuscendo a catturare tre lucci (e un possibile quarto, ahimè sfuggito) con tre esche completamente diverse è il modo migliore per intraprendere con fiducia la stagione di pesca.

Credo di essermi ammalato, non ho dubbi, ormai sono un lucciopatico..
.


Aggiungi commento:

Vedi anche
20/01/2020 08:00

Il piacere sta nell'attesa L'inizio del nuovo anno è coinciso con un periodo di meritato 'riposo' dall'attività alieutica, a differenza della scorsa stagione (vedi articolo 'lucciopatia')

04/07/2014 07:03

Bentornato luccio Elio Vinati torna alla caccia di lucci, stavolta insiene all'esperto amico Cristian, pescando nelle tranquille acque di Terlago in Trentino 

19/12/2012 12:00

Tecnica 3.1 E' interessante scorrere il sito di Beppe Grillo e il suo movimento per notare quanto di nuovo la tecnica stia dicendo di s.... Dru ancora interviene sull'argomento Tecnica, che sarebbe non mezzo, ma scopo.

07/01/2015 11:00

Pesca... in costruzione L'attesa della pesca è essa stessa pesca. Dalla preparazione attenta e meticolosa delle esche può nascere il successo o il fallimento di una battuta di pesca

17/02/2017 09:31

La Divina pesca, parte 1 Con l’amico Elio qualche sera fa si parlava stranamente di pesca: per un pescatore con la “P” maiuscola il solo discutere di pesca è un po’ come di fatto pescare




Altre da UnPesceAlGiorno
26/06/2022

Alla ricerca della tana perduta

No, non è un film con Harrison Ford ma narra comunque di una avvincente avventura nei monti orobici presso un torrente alpino da favola e come protagonista una meravigliosa Fario selvatica.

29/05/2022

Non ci sono più mezze stagioni

Il blu dipinto delle guardinghe genziane sorveglia il torrente. Il mio passo è deciso e le scavalco così come loro hanno anticipato l'estate. Già sembra di essere a luglio e non vedo l'ora di bagnare la lenza in questo splendido e luccicante torrente alpino.
 

24/04/2022

Un classico

Finalmente una bella uscita di pesca di 3 amici che provano la - appunto - classica rivalità tra ninfa e secca, dove comunque sai già che a vincere è la bellezza della pesca che dona l'occasione di spensierate giornate in compagnia di amici e della natura

19/03/2022

Poca e ghiacciata

Scruto l'orizzonte e nessuna nuvola in vista;non pioverà nemmeno oggi. Azzardo un cambio di strategia: mi dirigo verso un torrente alpino, abbandonando quindi il fondovalle che abitualmente ero solito frequentare a inizio stagione

01/03/2022

Una nuova stagione

Spettatori curiosi adornano le sponde del torrente dove finalmente (vedi articolo "Final countdown") sono pronto a bagnare la mia lenza: sono i campanellini di primavera (leocojum vernum), graziosi fiori simili ai bucaneve. Porteranno fortuna?

24/01/2022

Final countdown

La celebre canzone degli Europe ben si presta a descrivere il momento che ciascun 'trotaiolo' incallito sta vivendo in questi giorni.

25/12/2021

Tempo di laghetti

La giornata si presenta uggiosa, le temperature scendono, ma la voglia di pescare sale

15/11/2021

Fishing in Iceland

Il fascino di una terra così lontana si materializza nell’immediato quando si atterra in Islanda

17/10/2021

Osare per credere

La stagione ai salmonidi è ormai chiusa. Ma ricordo con piacere quella volta dove il bosco lussureggiante di abeti e faggi lascia spazio a rocce e prati che, come in uno scrigno, conservano un bene prezioso che scorre mai domo a valle: l’acqua.

13/09/2021

Oltre le aspettative

Prima di ogni uscita è normale pianificare tutto nei minimi dettagli e non lasciare nulla al caso...