29 Luglio 2021, 07.29
Blog - Gira la Ruota

Una vista sulla storia

di Luca Pietrobelli

Gli appassionati di ciclismo sono soliti osservare, commentare e desiderare tutte le biciclette che gli capitano a tiro...


Tutti desiderano la bicicletta più bella, più veloce e più particolare, ma c’è anche un tipo di ricerca che è un pochino diversa: la ricerca di biciclette storiche, che hanno qualcosa da raccontare, che sanno trasmettere, pur essendo oggetti inanimati, emozioni e brividi.

Non è raro che questo succeda con le biciclette appartenute a grandi campioni moderni e passati: ricordo di aver sentito una scossa al petto quando ho visto da vicino la bicicletta dell’impresa di Plan di Montecampione di Marco Pantani, di essermi soffermato a guardare e contare ogni ammaccatura della bicicletta usata da Primoz Roglic al Giro d’Italia 2019, quando sfiorò l’impresa, e che sono rimasto colpito da quanto sia bella, colorata, filante, la bicicletta del Campione Italiano Sonny Colbrelli, incontrato una domenica mattina.

L’ultima bicicletta che mi ha emozionato e fatto sentire un brivido è quella in fotografia.
Non lo racconto per pubblicità ma perché questo anticavallo, come lo chiamava Gianni Brera, mi ha colpito.
È un prodotto straordinario, costruito in titanio, con una geometria che ricorda le biciclette di un tempo, senza le forme tipiche del moderno carbonio, più tozze, più futuristiche.

È stata prodotta in un solo esemplare per ora, è preziosa e personalizzata: accanto alle geometrie classiche è stata trovata la soluzione per utilizzare l’ultimissimo modello di freni a disco con un passaggio cavi totalmente interno.
Non si vede nessun filo, la geometria è pulita e filante dal nastro fino alle ruote e sembra pronta a scattare, rapida, reattiva, per le strade del Giro d’Italia o del Tour de France.

Ciò che però mi ha fatto vibrare più di ogni altra cosa il cuore è stato il particolare del nome, dipinto in rilievo, discreto, quasi nascosto: Mènec.
Il nome rimanda al padre del produttore, Profeta Domenico.

Domenico è stato un personaggio importantissimo del panorama ciclistico bresciano, socio fondamentale della “Libertas 1911” fucina di talenti e faro illuminante di tutto il movimento.
Questo gioiello è stato pensato nella sua bottega, nella sua Brescia, da suo figlio Isaia, conservatore e allo stesso tempo innovatore della bicicletta, come ringraziamento, ricordo, trasformazione di un sentimento in un oggetto che per anni è stato la passione più autentica e bruciante del padre.

È emozionante trovare chicche del genere
, un modo particolare per lasciarsi trasportare nella storia e sognare in grande in sella ad un mezzo che non è solo tripudio di meccanica ma anche messaggio di passione pura, autentica, quella che smuove le montagne.
Un oggetto inanimato in grado di raccontare, il ciclismo può essere anche questo.

Andate a vederla e fatevi raccontare la sua storia, ne rimarrete stupiti!



Aggiungi commento:

Vedi anche
01/03/2021 09:20

La mia prima corsa Il ciclismo, come dicono in tanti, non è come il calcio. Non ci si appassiona al ciclismo vedendolo in televisione, non ci sono stadi e non se ne parla tra i banchi di scuola fin dalle elementari

30/03/2021 08:56

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù

12/02/2021 12:48

Personaggi e storia del ciclismo. Il «mattacchione» Il nuovo anno si è aperto con il saluto ad un corridore che è stato protagonista sulle due ruote dal 1952 al 1965 con ben 27 vittorie a palmares: il francese Roger Hassenforder

04/06/2021 09:24

Le bandierine Il ciclismo è fatto dai corridori e da quello che io amo definire "il popolo del pedale"...

23/09/2020 06:31

Razionalità e inganno Un viaggio nel tempo attraverso la storia per scoprire e riscoprire l’attacco al cronometro




Altre da Blog-GiraLaRuota
25/08/2021

Stelvio, tra antiche rivalità e nuovi sorrisi

Ed infine, a tre anni esatti dalla mia prima scalata al Gavia, ho chiuso il ciclo

07/08/2021

Cos'è il ciclismo

Ogni domenica, ogni benedetta domenica, parafrasando il titolo di un famoso film, alle corse, alle gare, quelle vere, mentre vedo sfrecciare i mille colori del plotone, mi chiedo cosa sia il ciclismo ed ogni volta riaffiorano ricordi, emozioni e momenti vissuti

04/06/2021

Le bandierine

Il ciclismo è fatto dai corridori e da quello che io amo definire "il popolo del pedale"...

25/05/2021

Eugène Christophe, la prima maglia gialla

Il simbolo per eccellenza del vincitore, della corsa regina, il Tour de France, leggendaria, desiderata e tanto amata, ha avuto una genesi praticamente anonima, poco raccontata e per molto tempo sconosciuta

11/05/2021

La passione del Cobra

La passione per il ciclismo arriva quando si corre da bambini, quando ci si sposta per seguire il Giro, quando in famiglia qualcuno pedala...

(1)
01/05/2021

Henri Hoevenaers, nato il primo maggio

Henri Hoevenaers è stato un ciclista belga, uno dei tanti, tantissimi corridori di media fascia che hanno solcato le strade del professionismo

20/04/2021

Eremo di Montecastello. Espiazione e redenzione

Rotto il ghiaccio con i panorami del Benaco, dato che le temperature in alta Valle Sabbia non sono ancora abbastanza miti per tentare gli assalti annuali ai vari passi più o meno conosciuti...

10/04/2021

Briano, un piccolo Gavia a due passi da casa

Dopo un avvio di primavera con temperature da peschi in fiore, l’inverno, con un colpo di coda micidiale, ha deciso di ricordarci il detto popolare “Aprile non ti scoprire”...

(1)
30/03/2021

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù

Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù

20/03/2021

Primavera e due ruote

La primavera è alle porte, lo scandire delle stagioni influenza dalla notte dei tempi la vita dell’uomo e, a scandire la primavera del ciclismo è l’arrivo della Milano-Sanremo