22 Giugno 2020, 09.19
Blog - Genitori e figli

Le conseguenze della quarantena

di Giuseppe Maiolo

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato


Secondo ricerche internazionali, infatti, e alcune interessanti indagini italiane di Centri d’intervento e sostegno sono emersi elementi che hanno portato a ritenere quanto le condizioni di isolamento prolungato siano state responsabili dell’aumento dei livelli di stress.

Per contenere l’angoscia per il futuro che ha generato sconforto e stati depressivi, molti hanno “alzato il gomito” e hanno iniziato a bere.  Altri che invece avevano già una dipendenza, hanno incrementato questo comportamento.

L’idea che sottostava il consumo era quella di aver bisogno di qualcosa di gratificante per sentirsi meglio e ridurre la paura. Ad essa, come spesso accade, è associata la convinzione di essere pienamente in grado di controllare gli effetti delle sostanze utilizzate. Ma di solito si tratta di pura illusione.

Di fatto, in ogni forma di dipendenza, la perdita del controllo e il comportamento compulsivo sono gli effetti più temibili e pericolosi. A maggior ragione nelle condizioni di isolamento come nel lockdown, dove vi è stato un ribaltamento generale delle abitudini quotidiane.

La mancanza di autocontrollo ha favorito, ad esempio, la crescita dei disturbi alimentari come la bulimia e l’anoressia o la dipendenza affettiva che, solitamente, vede esposte più le donne degli uomini.

Il motivo della sua crescita sembra essere dovuto all’acuta preoccupazione per il futuro che ha portato alcune donne a vivere con terrore l’idea di poter restare sole. Afflitte dall’angoscia della separazione anche se consapevoli di stare con un partner inadatto o violento, sono rimaste aggrappate all’illusione che le cose prima o poi sarebbero potute mutare.

Mogli, madri, compagne o fidanzate si sono trovate bloccate all’interno di relazioni affettive sbagliate e spesso caratterizzate da rapporti oppressivi e sadici dei loro partner.

Non è un caso che la vicinanza forzata e la conflittualità, spesso esistente prima della quarantena, abbia aumentato la violenza domestica e impedito alle donne di chiedere aiuto denunciando offese e aggressioni. Situazione questa, definita allarmante da un recente rapporto dell’Onu sulla condizione femminile nel mondo al tempo della pandemia.

Poi ci sono studi come quello dell’Ospedale pediatrico Gaslini di Genova, sviluppato su 6800 famiglie, che ha messo in rilevo nei bambini numerosi comportamenti regressivi e nei ragazzini sopra i 6 anni, frequente irritabilità, umore altalenante e significative alterazioni del ritmo sonno-veglia con grandi difficoltà ad addormentarsi e fatica nel risveglio mattutino.

Accanto a queste manifestazioni di evidente disagio, un’altra indagine “Giovani e quarantena” fatta dall’Associazione Di.Te, in collaborazione con Skuola.net, intervistando più di novemila ragazzi tra gli 11 e i 21 anni,  ha rilevato come tra i teenager siano aumentati ansia, attacchi di panico e manifestazioni depressive.

In particolare poi, è stato messo in evidenza il dato che vede tra gli adolescenti un aumento smisurato del tempo di utilizzo della tecnologia digitale. Usata necessariamente per l’attività scolastica a distanza, l’incremento dell’uso dei dispositivi digitali è stato motivato dall’acuto bisogno di rapporti sociali tipico dell’adolescenza e dalla necessità di contrastare la noia e riempire i vuoti della giornata.

Allo stesso tempo, però, l’abuso del cellulare ha aumentato il rischio della sua dipendenza perché, come ormai sappiamo, lo smartphone è il maggiore responsabile in quanto attiva il perverso circuito della ricompensa.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it


Vedi anche
26/04/2020 12:00

Il gioco come via d'uscita all'angoscia Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

25/08/2020 09:05

Dare pazienza al giorno. Ovvero l’arte di attendere Viviamo il tempo dell’impazienza e della fretta. Forse oggi, dopo la forzata sospensione della quarantena, ci aspettiamo una sorta di ipotetico indennizzo e aumentiamo la smania del fare

29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film



Altre da Genitori e Figli
26/10/2020

Contenere l'ansia crescente dei giovani

C’è un crescendo di ansia e di allarme che sta tornando a diffondersi. Riguarda un po’ tutti, ma in questo momento a soffrirne di più sembrano essere i giovani

19/10/2020

Quanto è difficile essere giovani

Sono sotto i riflettori in questo riemergere del contagio. Tutti ne parlano, li osservano, li giudicano e da incuranti delle regole sono diventati pericolosi...

04/10/2020

Una comunità più educante contro la violenza sui minori

Se vai a leggere “Restituire il futuro” che è un report recente sul maltrattamento minorile in Italia, ti vien da pensare che per i diritti dei bambini siamo ancora fermi al passato

28/09/2020

Perchè non insegnare l'empatia?

E se insegnassimo l’empatia? Se introducessimo questa materia scolastica per insegnare ai bambini a riconoscere i vissuti dell’altro?

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

14/09/2020

La malvagia crudeltà del branco non è patologia

“Sei ancora quello della pietra e della fionda uomo del mio tempo”. Scrive il poeta ed evoca solo in parte la malvagità umana che sembra immutata e inarrestabile. Non la descrive Quasimodo, e non nomina quali azioni bestiali sa compiere l’individuo da solo o nel branco. Ma forse non serve che ce la mostri

07/09/2020

La scuola che verrà, tra attese e speranze

Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

01/09/2020

Ritorno a scuola. Ma quale?

A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020

25/08/2020

Dare pazienza al giorno. Ovvero l'arte di attendere

Viviamo il tempo dell’impazienza e della fretta. Forse oggi, dopo la forzata sospensione della quarantena, ci aspettiamo una sorta di ipotetico indennizzo e aumentiamo la smania del fare

17/08/2020

Giovani, discoteche e senso di responsabilità

L’estate del Covid è un tempo strano e pesante, non solo perché pieno di incertezze e dubbi ma perché abbonda di contraddizioni.