23 Gennaio 2019, 08.00
Blog - Figurine di Provincia

Il Brescia dei rumeni

di Luca Rota

Fine anni Ottanta, Euro ’88, anni Novanta, Italia ’90, Serie A, Euro ’92, Serie B, Romania. Ciò potrebbe sembrare un quiz, un indovinello o un cruciverba, ma un significato invece ce l’ha


Lucescu, Sabau, Lupu, Raducioiu, Hagi. Cinque nomi, cinque storie sportive differenti, cinque ruoli diversi, due comuni denominatori: il Brescia e la Romania.

Brillante e precoce in patria, dove non appena appesi gli scarpini al chiodo già fa il fenomeno in panchina, Mircea Lucescu arriva in Italia a Pisa, poi cinque stagioni a Brescia, tra alti e bassi. Successivamente sarà la Reggiana ad offrirgli la panchina e qualche anno più tardi persino l’Inter gli darà una chance. Diventerà girovago in Europa, togliendosi diverse soddisfazioni e “soggiornando” per quasi un decennio in quel di Donetsk al servizio dello Shaktar. Ad oggi allena la Turchia.

Florin Raducioiu in Italia ci arriva grazie al Bari, poi passa al Verona da cui lo preleva il Brescia, dove dopo 13 reti in 29 partite si merita le attenzioni del Milan, che lo acquista subito per offrirgli la numero 9 di Van Basten. Quella maglia gli peserà troppo addosso, e dopo un po’ di “viaggi” ritornerà alle rondinelle intorno a fine millennio, tra le stagioni 98-99 e 99-2000, ma non sarà più il moderno centravanti dalla bionda riccioluta chioma, che tutti ammirammo ad Usa ’94 dove mise a segno cinque reti.

Ioan Ovidiu Sabau è l’equilibratore del centrocampo che Lucescu sceglie per il suo Brescia non appena prende posto sulla panchina delle rondinelle. Vi resterà, alla pari del mister, per quattro stagioni, seguendolo poi nella parentesi alla Reggiana e ritornando la stagione successiva prima del definitivo rientro in terra natia. Nel giro della nazionale anch’egli, partecipò ad Europei e Mondiali.

Danut Lupu tra i citati è stato di certo il meno incisivo, forse perché nella sua unica stagione al servizio della causa bresciana offrì prestazioni molto al di sotto delle sue potenzialità. Anch’esso nel giro della nazionale rumena, venne impiegato in mezzo al campo e sull’out basso di sinistra da Lucescu, ma restò sempre un oggetto misterioso. Di lui si ricordano il taglio di capelli non proprio fashion, ed il fisico non proprio atletico.

Infine Gheorghe Hagi, il “Maradona dei Carpazi”. Se porti un soprannome così, direi che c’è ben poco da dire sul tuo conto. Talento cristallino del calcio rumeno, punta di diamante della nazionale e della Steaua, arrivò a Brescia dal Real Madrid. Dopo la prima stagione culminata con la retrocessione in B, l’anno seguente riportò in A le rondinelle, prima di guidare la Romania fino ai quarti nel Mondiale americano, per poi passare al Barcellona a fine estate.

Piccola parentesi: immaginate cosa fosse in quegli anni la Serie A, se un calciatore straniero più che quotato, accettava ben volentieri di passare da squadre quali Barcellona, Real Madrid, Bayern, Manchester, alle cosiddette provinciali di casa nostra.

Immaginate.

Lucescu, Sabau, Lupu, Raducioiu, Hagi.
Cinque nomi, cinque storie sportive differenti, cinque ruoli diversi, due comuni denominatori: il Brescia e la Romania.


Commenti:
ID79302 - 23/01/2019 14:12:36 - (guidoassoni) -

Ad onor del vero, in quel periodo il Brescia aveva tesserato anche Mateut che, alla pari di Lupu, non lasciò traccia nella memoria dei supporter bresciani. Ricordo tante partite disputate in serie A dal trio Hagi, Sabau e Raduciou. Ero anche a Bologna a vedere lo spareggio con l'Udinese. Partita nata male e finita peggio

ID79312 - 23/01/2019 16:23:14 - (Luca_Rota) -

Verissimo. Mateut non l'ho inserito perché fu una vera e propria meteora a Brescia, con sole 4 presenze all'attivo e zero gol. Strano ma vero, fu Scarpa d'oro intorno alla fine degli anni ottanta!

Aggiungi commento:

Vedi anche
01/04/2018 09:00

Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

30/01/2019 08:00

El goleador Marcelo Alejandro Otero arriva a Vicenza nell'estate del 1995. In patria nel Penarol ha fatto bene, ma si sa che l'Italia e la serie A sono tutt'altra cosa

31/12/2017 08:00

Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

16/12/2020 15:39

Il nonno Quando si parla di portieri, che si tratti di “numeri uno, dodici o ventidue”, essi hanno in comune quasi sempre lo stesso destino: esordire da numeri uno, proseguire da tali (o finire in panchina) e concludere in età avanzata da dodicesimi o ventiduesimi

27/06/2019 08:47

Guerrieri (pt. 1) Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine




Altre da Blog - Figurine di provincia
04/04/2021

Il credente

La figura odierna “di provincia” non lo è propriamente, ma la ospitiamo comunque a pieno merito tra le pagine di questa rubrica, nella sottocategoria delle “leggende”

18/03/2021

B di Bomber

Oggi si chiude con i “cannonieri”, ultima categoria in questione per quel che riguarda i ruoli in campo

02/03/2021

Il girovago vincente

Uno dei miei ricordi sportivi d’infanzia preferiti portava i capelli neri ingellati, il pizzetto (molto in voga al tempo) e finiva spesso nel tabellino dei marcatori

16/02/2021

Lo zar

Passando in rassegna i “cannonieri” che tanto bella hanno reso la nostra serie A, non potevamo di certo ignorare Igor Kolyvanov

30/01/2021

From Panama with goal

Dopo aver percorso tutto il campo, passando dalla trequarti alla difesa, stazionato in porta e coperto in lungo e in largo la mediana...

30/12/2020

Il primo dei numeri uno

Ci si avvia alla conclusione di questo 2020 che definire "particolare" sarebbe riduttivo. Ragion per cui non lo definiremo, limitandoci a continuare il nostro giro per il rettangolo di gioco che da un po’ di tempo ci vede impegnati a difesa dei pali

16/12/2020

Il nonno

Quando si parla di portieri, che si tratti di “numeri uno, dodici o ventidue”, essi hanno in comune quasi sempre lo stesso destino: esordire da numeri uno, proseguire da tali (o finire in panchina) e concludere in età avanzata da dodicesimi o ventiduesimi

29/11/2020

L'eterno difensore

Dalla trequarti alla difesa, ci ritroviamo in mezzo ai pali, nel tempio dei “numeri uno, dodici e ventidue”, gli estremi difensori, ultimi baluardi eretti a difesa del risultato, spesso e volentieri decisivi come i grandi bomber

15/11/2020

La freccia sarda

Con oggi si conclude la nostra esperienza in giro per il rettangolo di gioco, che dopo attacco, trequarti e centrocampo ci ha visto retrocedere in difesa, tra laterali e centrali. Prossima tappa sarà in mezzo ai pali

19/10/2020

Il marcatore

“In principio furono terzini”, questo lo sappiamo già, mentre in seguito si spostarono sulle fasce, lasciando in mezzo stopper e libero