21 Febbraio 2021, 15.40
Blog - Eppur si muove

Un prodigioso allineamento

di Leretico

La politica italiana non smette mai di stupire. L’ultimo fenomeno è l’allineamento delle forze politiche al nuovo uomo al comando: il salvatore dell’Euro che, affacciandosi dalla finestra della sua amena casa in Città della Pieve, salverà con la sola imposizione della mano la patria in balia delle onde


È più celebre l’allineamento dei pianeti, quel fenomeno raro in cui i pianeti del sistema solare in un certo momento della loro instancabile corsa orbitale, si trovano riuniti magicamente lungo una retta, ordinati quasi divinamente nel disordine del cosmo che li circonda.

La cosa ha del prodigioso, ben più delle eclissi solari che già da sole facevano lanciare agli aruspici ardite previsioni, le più benevole pronosticando nascite di novelli messia, le altre apocalissi tremende.

La venuta di Draghi è stata vissuta come il fulmine che colpì Saulo sulla via di Damasco: un miracolo che può solo convertire. Ecco allora che alla parola "allineamento", dobbiamo religiosamente aggiungere la parola "conversione". Tutti hanno salutato l’arrivo del salvatore come una benedizione dal cielo, come un sogno che non ci aspettavamo potesse avversarsi.

Nessun tecnico è stato mai accolto in questo modo: persona seria, responsabile, in grado di unire, di guidare con mano ferma anche durante le crisi più tempestose, disponibile a “whatever it takes” pur di menare in porto la caracollante e scrostata barca italiana.

Ammantato da religiosa protezione, chiunque si è azzardato a muovergli una critica è stato aspramente tacitato: nessuna eresia può essere ammessa durante l’idilio. La minaccia più frequentemente urlata dai capi partito è stata l’espulsione.

Eppure, questi innumerevoli plausi che giungono da ogni canto e che, come venti ascensionali, hanno portato così in alto il Draghi, nascondono il pericolo del temporale che insidioso si cela dietro le montagne.

La storia politica italiana è piena di questi casi. Nomi importanti, infiorati di dolci parole e melodrammatiche esplosioni di giubilo, infilzati poco dopo dai più adirati commenti, dalle più irrefrenabili contumelie, dalle più violente reazioni ideologiche. Braci che covano sotto la cenere
È questo il costume degli italiani e non cambierà nemmeno di fronte a un drago come Draghi.

Verrà allora il contro-eroe che, con la sua spada scintillante e con il suo arco magico, vorrà colpire al cuore il drago cattivo, da tutti ormai temuto più che amato, immemori delle dolci ore iniziali del potere. Un colpo solo metterà fine impietosamente alla storia.

Non è che le opposizioni a Draghi siano mancate fin dall’inizio, ma più che tali le definirei piuttosto uno “stiamo a guardare che succede, poi decideremo”. Tuttavia, un fenomeno interessante - non inaspettato - è stato provocato dalla venuta di Draghi: il M5S, già peraltro in caduta libera come Icaro dopo essersi avvicinato troppo al Potere, sta dando seri cenni di implosione. Il Potere, si sa, oltre a sciogliere le ali di cera, corrompe anche le anime più candide.

Sembra che il Draghi sia stato il classico drappo rosso agitato spavaldamente davanti al toro fumigante di rabbia che si agita da sempre all’interno del magmatico fluido dei 5S.

L’anima più sudamericana del movimento ha ritenuto inaccettabile la svolta trasformistica voluta dal direttorio pentastellato, avallato dal solito referendum “qualunque-cosa-rispondi-il-risultato-sarà-comunque-un-sì” lanciato via internet.

Questa volta l’azione dell’eminenza grigia Grillo non ha sortito gli effetti unificanti dei bei tempi, quelli delle nuotate tra Scilla e Cariddi e dei Vaffa contro il potere. Conseguenza: un gruppo di irriducibili sta prendendo la via dell’Aventino.

Tutto questo teatro, la propaganda che si è prodigata per l’irreggimentazione necessaria dei partiti, la caduta di Conte, diventato inutile dopo una vita politica dimezzata degna del famoso Medardo di Italo Calvino, tutto insomma fa pensare che il messia Draghi, vestiti i panni del tecnico, farà le scelte politiche che i partiti hanno paura di adottare.

L’incapacità della politica di prendersi la responsabilità delle scelte difficili si manifesta nuovamente con gioia rinnovata, con un’insolita “allegria del naufragio”, con il malcelato desiderio degli anonimi parlamentari raccattati in qualche modo fuori dai bar o nei magazzini dei supermercati, di far durare la corrente legislatura fino alla sua naturale conclusione.

Proprio costoro, che adesso chiedono, osannanti, il fuoco cauterizzatore del Draghi nazionale per curare le cancrenose ferite patrie, proprio loro saranno i primi, alle idi di marzo, con il pugnale celato nelle pieghe delle toga, a volere e a determinare la sua caduta. È il destino di ogni grande che, unita l’Europa voglia unire anche l’Italia.

La politica si nasconde dietro un presunto tecnico, perdendo clamorosamente la propria già esigua credibilità. Non mi aspetto da questo fatto un miglioramento delle condizioni italiane, visto che le vere riforme necessitano comunità di intenti ben più durature che il breve periodo dell’amore per un pur grande personaggio della finanza internazionale come Draghi, sbocciato repentinamente in una primavera malata di Covid.

Al di là della retorica del servizio alla patria, del sacrificio per il bene comune, della tranquillità umbra a cui il nostro eroe è stato strappato, non ci rimane che aspettare la fine della legislatura che si concluderà ingloriosamente, come per altro già accaduto in passato.

Diceva Platone: “Per il bene degli Stati sarebbe necessario che i filosofi fossero re o che i re fossero filosofi”. Sicuramente Draghi è un filosofo, un uomo sapiente, tuttavia non dimentichiamo che anche Platone dovette fuggire da Siracusa quando la sua filosofia si scontrò con un “certo modo” di fare politica che l’Italia, ahinoi, conosce molto bene.



Commenti:
ID82495 - 24/02/2021 08:41:08 - (Pseudosofos) - Lassù sulle montagne

Mentre si legge quest'ottima riflessione, sembra di trovarsi di fronte ad un saggio che, in cima ad un monte, può osservare ciò che accade nella valle con dovuto distacco. Non è la voce di uno fuori da un coro e nemmeno di un eretico espulso da una comunità. Si tratta dello sguardo pacato di chi osserva ciò che accade e poi avverte senza urlare ed imprecare. Chissà, se nel fracasso dell'arena politica, qualcuno ascolterà il messaggio che arriva da lassù, sulle montagne valsabbine.

Aggiungi commento:

Vedi anche
24/05/2020 08:30

Il cammino fino al tramonto La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.

19/08/2015 09:31

All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

08/10/2020 08:00

Il «tropo» segreto degli sporcaccioni Se per caso o per diletto foste mai arrivati a visitare il salone dei corazzieri nel palazzo del Quirinale a Roma, avreste potuto ammirare i pregevoli affreschi di un noto artista manierista del Seicento chiamato Agostino Tassi

01/05/2018 08:30

La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...

02/03/2016 11:15

Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...




Altre da Eppur si muove
31/05/2021

L'arte utile della guerra inutile

Le guerre sono un dramma e un danno per tutti, praticanti e spettatori. Per fortuna in Italia siamo da molto tempo quasi sempre solo spettatori...

(2)
19/04/2021

Un dittatore di cui non abbiamo alcun bisogno

Qualche giorno fa il nostro Presidente del Consiglio si è esposto politicamente con un’affermazione forte nei riguardi del Presidente della Turchia Erdogan

(1)
16/03/2021

La verità della menzogna

La menzogna è qualcosa con cui abbiamo a che fare tutti giorni...

25/01/2021

La differenza

Si avvicina la Giornata della Memoria. E cosa val la pena di ricordare, oggi? Oltremodo significativo questo "pezzo" di Leretico

(2)
06/01/2021

Il costo di non credere nel futuro

Il dilemma più insidioso di questi mesi di pandemia è senz’altro legato alla scuola: non tornare a scuola per depotenziare il contagio, oppure tornare a scuola, sfidare il virus e contribuire forse alla sua maggiore diffusione?

(1)
03/12/2020

Chiamate l'esorcista

In Italia si protesta per qualsiasi cosa. La litigiosità del Belpaese è elevatissima e diffusa. Ne sa qualcosa la categoria degli avvocati che su questa attitudine vive e sopravvive.

(1)
16/11/2020

Il Covid colpisce anche la democrazia

Da poco sono terminate le elezioni del nuovo Presidente degli Stati Uniti. Visti i risultati, non sappiamo se il mondo, dopo questo evento, sarà un posto migliore

(1)
19/10/2020

Il grande clistere cavallino

Indro Montanelli, nel suo libro “Io e il Duce” ripubblicato di recente ne “Le raccolte del Corriere della Sera” (2018), racconta che...

(1)
08/10/2020

Il «tropo» segreto degli sporcaccioni

Se per caso o per diletto foste mai arrivati a visitare il salone dei corazzieri nel palazzo del Quirinale a Roma, avreste potuto ammirare i pregevoli affreschi di un noto artista manierista del Seicento chiamato Agostino Tassi

24/05/2020

Il cammino fino al tramonto

La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.