12 Marzo 2022, 07.00
Barghe Vallio Terme Serle
Ambiente

Ricicloni di Valle Sabbia

di Cesare Fumana

Anche a tre Comuni Valsabbini il riconoscimento di Legambiente per aver saputo garantire una corretta gestione dei rifiuti anche nel difficile contesto della pandemia


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...



In occasione della quinta edizione di Ecoforum, sono stati consegnati il 10 marzo a Palazzo Reale di Milano6 gli attestati di merito ai “Comuni Ricicloni” premiati da Legambiente per le performance su raccolta differenziata, economia circolare, sviluppo sostenibile e buone pratiche.

Il premio rappresenta un riconoscimento particolarmente importante per quelle Amministrazioni, e i loro cittadini, che nel 2020 hanno saputo garantire una corretta gestione dei rifiuti anche nel difficile contesto della pandemia.

Nel rapporto “Rifiuti Free-Comuni Ricicloni 2021”, redatto da Legambiente in base ai dati messi a disposizione dal sistema O.r.So. (Osservatorio Rifiuti SOvraregionale) di Arpa Lombardia, rientrano i Comuni che hanno ottenuto una raccolta differenziata superiore al 65% e hanno raggiunto il traguardo dei 75 kg/abitante/anno di residuo secco indifferenziato.

A livello regionale, su un totale di 1506, sono 318 i Comuni che entrano nella classifica stilata da Legambiente per il 2020. Un campione che rappresenta il 21% dei Comuni, pari al 17% dei cittadini lombardi che, con i loro comportamenti virtuosi, hanno reso possibile il raggiungimento del 73,3% di raccolta differenziata nella nostra regione.

In vetta alla classifica le province di Bergamo con 66 comuni, di Mantova con 47 e della città di metropolitana di Milano con 43, seguite dalle provincie di Cremona con 42, di Brescia con 41, di Varese con 40 e quella di Monza e Brianza con 25. Chiudono la serie la provincia di Como con 6 comuni, quella di Lodi con 3, di Pavia e Lecco con 2 e di Sondrio con 1.

In classifica entrano per la prima volta una trentina di comuni, un dato importante come segnale di attenzione verso la prevenzione dei rifiuti.

Fra i 41 Comuni bresciani, tre sono quelli valsabbini: Barghe, Serle e Vallio Terme.
Vallio Terme nel 2020 ha raggiunto l’87,8% di differenziata e con 64,6 kg di secco indifferenziato pro capite; Barghe 83,4% di differenziata e 67,7 kg di secco; Serle l’81% di differenziata e 70.8% di secco.

Ai cinque nuovi Comuni ricicloni bresciani, fanno da contraltare i 13 Comuni bresciani presenti nell’edizione dello scorso anno (riferita a dati 2019) e non confermati: fra questi Casto, Prevalle e Vobarno.



Vedi anche
30/11/2018 09:30

Legambiente premia i «Comuni ricicloni» Sono 49 i Comuni bresciani dichiarati “rifiuti free” sulla base dei traguardi raggiunti nel 2017. Tra questi anche Prevalle e due Comuni valsabbini 

22/05/2016 10:55

I «ricicloni» della Valle Sabbia Non mancano le sorprese per quanto riguarda la Valle Sabbia nel rapporto di Legambiente sui Comuni più virtuosi nella raccolta differenziata

02/12/2015 09:55

Raccolta differenziata, top e flop in Valle Sabbia Nei Comuni dove c’è un sistema che obbliga a differenziare, nella maggior parte i cassonetti a calotta, la raccolta differenziata supera la soglia richiesta del 65%, negli altri arranca. Vallio Terme Comune “riciclone”, maglia nera Provaglio Val Sabbia

10/11/2016 11:20

Ricicloni di Valle Sabbia In attesa della rivoluzione nel metodo di raccolta prevista per il 2018, i Comuni valsabbini che hanno adottato dei sistemi che obbligano a differenziare (nella maggior parte i cassonetti a calotta) risultano i più virtuosi nella raccolta differenziata dei rifiuti

17/02/2018 09:30

Quattro Comuni ai blocchi di partenza Tra lunedì 19 e sabato 24 febbraio, in Valle Sabbia, i Comuni di Vallio Terme, Vobarno, Paitone e Serle abbracceranno la sfida del “porta a porta”




Altre da Vallio Terme
24/05/2022

Luca, ingegnere «magna cum laude»

Complimenti a Luca Bondoni, di Vallio Terme, che questo lunedì si è laureato con 110 e lode alla facolta di Ingegneria edile - Architettura dell'Università degli Studi di Brescia

17/05/2022

Questo weekend parte l'Operazione Paladini del Territorio

Le sezioni regionali e comunali lombarde di Federcaccia, la FIPSAS e la delegazione provinciale di Fondazione UNA Monza-Brianza lavoreranno insieme per la pulizia di boschi, sentieri ed aree urbane particolarmente contaminate, anche in Valle Sabbia

15/05/2022

Scontro fra due moto

Non è stata la velocità, ma la disattenzione, questa volta, a portare in rotta di collisione due motociclette che viaggiavano in senso opposto lungo la 237 del Caffaro

14/05/2022

Scontro con ribaltamento

Un'auto si è scontrata con il veicolo che stava uscendo dal parcheggio per immettersi sulla provinciale e si è ribaltata

29/04/2022

Bando per la gestione di territori per il Soft-air

Nuova asta a Vallio Terme per la locazione di territori comunali per svolgere l’attività di “Soft-air”. 

25/04/2022

Festeggiata la Pasqua ortodossa con i profughi Ucraini

Una bella esperienza di ecumenismo quella vissuta ieri nella chiesa parrocchiale dove la resurrezione è stata festeggiata con chi è fuggito dalla guerra

05/04/2022

Anc Gavardo in festa per il tesseramento

Domenica a Villanuova la festa del tesseramento per i carabinieri in congedo di Gavardo, Villanuova, Muscoline e Vallio Terme

05/04/2022

Accoglienza diffusa per i profughi ucraini

Grazie all’azione sinergica di parrocchia, Pro loco e dell’amministrazione comunale e a tanta generosità sono stati accolti 27 profughi ucraini: 10 mamme e 17 minori

04/04/2022

Radioattività nel suolo, in Valsabbia i valori più alti della provincia

La Valle Sabbia guida la lista delle zone con maggior concentrazione di Radon nel terreno e nell’aria, a rivelarlo un’indagine del Sinrad e di Arpa Lombardia

01/04/2022

Associazione Capitolium: «Una lapide autocelebrativa più che commemorativa»

È la critica mossa dal sodalizio bresciano all'iscrizione posta sul Colle di Sant'Eusebio in memoria dell'Eroi dei due mondi

(1)