19 Agosto 2015, 15.17
Bagolino
Lutto

Don Remigio Fusi è tornato alla casa del Padre

di val.

Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce


Si sono svolti domenica scorsa, nel santuario dedicato alla Beata Vergine del Trompone a Moncrivello, in provincia di Vercelli, i funerali di don Remigio Fusi.
Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce, insieme a sorella Myriam Psorulla.

Figlio di Giacomo Fusi e di Margherita Pagani, secondo di otto figli, Remigio entra in seminario a Botticino sera nel 1942. In tempo di guerra i giovani seminaristi vengono spesso trasferiti in posti più sicuri, così frequenta a Corteno Golgi e a Capo di Ponte, ma si prepara anche a casa, nella sua Bagolino.

Finita la guerra si ammala di “pleurite sudativa” non curata e conosce un lungo travaglio nei sanatori a Brescia, Borno e Sondalo.
Fino al 1953, quando dopo una corrispondenza con Monsignor Novarese diviene Silenzioso Operaio della Croce e con grande meraviglia dei medici guarisce dalla malattia che gli avevano diagnosticata come cronica.

Su invito di mons. Novarese si reca a Re, ora in provincia di Verbania, e diventa suo stretto collaboratore.
Riprende gli studi che lo porteranno ad essere ordinato sacerdote a Lourdes nel 1960. E’ del 15 agosto di quell’anno la sua prima messa, officiata a Bagolino.

Nel 1965 i Silenziosi Operai della Croce acquistano la loro casa di Montichiari e don Remigio torna nel Bresciano riprendendo i contatti con la Diocesi.
Fino al 1980 rimane nel ruolo di Assistente Ecclesiastico del Centro Volontari della Sofferenza e mantiene frequenti contatti con monsignor Novarese.

Dopo la sua morte, avvenuta nel 1984, don Remigio si dedica a tenere viva la sua memoria con vari scritti.
Tornava poco a Bagolino, dove non abitano più nemmeno i suoi più stretti familiari.

Da oltre dieci anni era il responsabile della Comunità dei Silenziosi Operai della Croce presso il santuario del Trompone, dove non ha mai smesso di promuovere lo sviluppo della Casa di Cura “Mons. Luigi Novarese” e della recente Rsa “Virgo Potens, continuando ad essere guida per tutti coloro che lo avvicinavano.




Aggiungi commento:
Vedi anche
11/06/2017 07:41

A Remigio la sua Croce di guerra Remigio Garzoni, di Lavenone, all'età di 97 anni ha finalmente ricevuto l'onorificenza che gli spettava, dopo aver combatturo in Francia e in Albania. Una tempra eccezionale la sua 

25/06/2020 17:09

I cento «in prigionia» del Remigio Tanti auguri a Remigio Garzoni, di Lavenone, che proprio oggi, giovedì 25 giugno, ha raggiunto il secolo di vita, con una salute invidiabile

10/08/2010 08:16

Cinquant'anni di carità Grande festa domenica scorsa a Bagolino per il 50 di sacerdozio di don Remigio Fusi.

06/02/2020 09:20

Si è spenta la maestra Zita Oggi – giovedì 6 febbraio – a Prezzo si celebreranno i funerali di Zita Maestri. Per più di quarant’anni, con il marito Remigio, aveva insegnato alle scuole elementari di Storo

01/02/2021 08:00

Nel trigesimo della morte Il ricordo del reduce alpino Attilio Fusi, di Bagolino, "andato avanti" il primo giorno dell'anno, che visse il dramma della ritirata di Russia e del campo di internamento in Germania



Altre da Bagolino
26/02/2021

Ancora? Ma perché?

Un uomo di Idro è stato sorpreso dalle telecamere a depositare un frigorifero fuori dal Centro di raccolta di Bagolino

24/02/2021

Valanga al Maniva

Per alcune ore si è temuto che sotto il distacco ci fosse rimasto qualcuno. In azione anche due eliambulanze

23/02/2021

«Maestri di sci penalizzati»

I Maestri di sci del Maniva scrivono ai dirigenti nazionali e regionali per chiedere chiarimenti alle istituzioni

21/02/2021

Revocata la sospensione per turbativa d'asta

Il gip ha revocato la sospensione della responsabile dell'area tecnica del Comune valsabbino, rivedendo l'ordinanza cautelare a seguito di quanto sostenuto dalla difesa della donna

17/02/2021

Il Carnevale che non c'è stato

Niente di niente. L'ultimo giorno di Carnevale, a Bagolino, il tempo sembrava sospeso e l'atmosfera surreale

16/02/2021

Vaccinazioni over 80, hub a Gavardo e sessioni decentrate in alta valle

L’Asst del Garda ha accolto la richiesta dei Comuni montani e delle Comunità montane d’individuare tre sedi decentrate per la somministrazione dei vaccini: due in alta Valle Sabbia e una per l’Alto Garda

15/02/2021

Il carnevale silenzioso

In tempi normali oggi e domani a Bagolino e a Ponte Caffaro sarebbero scesi per le strade balarì e sonadur. Una nostalgia che ha riempito l’anima di poesia

15/02/2021

Il ritorno della radio

Si è conclusa con successo, venerdì scorso a Bagolino, l'avventura di Radio Canài délä Tópä, un ciclo di dieci trasmissioni radiofoniche, ideate dal Gruppo Salvadàk per sostenere l'umore della gente nel periodo di isolamento causa pandemia

15/02/2021

Pulmini... al barolo

Per la prima volta, almeno in Valle Sabbia, i Fondi dei Comuni di confine vengono spesi anche per le municipalità "di seconda fascia"

13/02/2021

Bagolino orfano del suo Carnevale. Un vuoto nel cuore di tutti i Bagossi

Pare che neanche la guerra fosse riuscita a fermarlo