06 Maggio 2021, 06.47
Bagolino
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

Coi morti a bordo strada

di Alfredo Bonomi

ll fascino comunicativo delle cappelle di famiglia del cimitero vecchio di Bagolino


Per comprendere il valore del cimitero vecchio di Bagolino, bisogna sostare con calma di fronte alla sfilata delle cappelle di famiglia che si affacciano sull’importante strada percorsa nei secoli da chi si recava nell’alta Valle del Caffaro, e da qui in Valle Camonica.
Solo raccogliendosi in silenzio e lasciando parlare il “contatto visivo”, ci si immerge veramente in uno “spaccato” di storia umana e spirituale significativa.

La particolarità di questo cimitero consiste proprio nella sua tipologia architettonica con la disposizione delle cappelle più importanti sul bordo strada, quasi per dar corpo ad un colloquio intimo con chi transita, con l’intento di continuare un legame tra il “mondo dei morti” e quello dei vivi, considerati entrambi parti essenziali di un’unica comunità e di un’unica civiltà.

L’idea di disporre le sepolture al bordo della strada richiama l’uso latino di seppellire e di ricordare con monumenti i morti proprio ai lati delle grandi strade, convergenti verso la capitale, dove scorreva la vita delle vicende trionfali, di quelle più tristi, nonché quelle della quotidianità.

Nel fornitissimo archivio del Comune, un tesoro conservato con scrupolo dalla comunità, sono stati trovati documenti del 1807 che riguardano la costruzione del cimitero. Il suo utilizzo è testimoniato a partire dal 1810.
Ciò significa che la costruzione del “nuovo” cimitero, con l’abbandono di quello vicino alla chiesa parrocchiale, è avvenuto in tempi brevi in ottemperanza all’’Editto napoleonico di Saint Cloud del 12 giungo 1804, esteso all’Italia il 5 settembre del 1806.

Eloquente l’art. 75 dell’Editto pubblicato sul “Giornale ufficiale italiano”.
Così recita: «E’ proibito di seppellire i cadaveri umani in altri luoghi che nei cimiteri. Questi saranno successivamente collocati fuori dall’abitato dei Comuni».

L’art, 76 specifica che «Quei Comuni che non hanno un cimitero collocato come sopra, lo faranno disporre al più tardi entro un biennio...».
Bagolino è stato uno dei Comuni più solleciti nell’attuare quanto stabilito dall’Editto napoleonico, non solo perché grossa borgata, ma sicuramente anche per una particolare vivacità politica.
Infatti alcune famiglie significative per censo e per ingegno non si attardarono nel rimpiangere il “vecchio” regime veneziano, ma condivisero le idee progressiste portate dalla Francia.

E’ da questa “radice culturale” che si spiega meglio il dibattito politico che, per tutto il 1800, ha reso vivace la comunità di Bagolino, nel confronto tra risorgimentali liberali con chiare connotazioni laiche e cattolici più legati alla tradizione, ma tutti accomunati dalle reciproche salde convinzioni e dalla concretezza della buona amministrazione della “cosa pubblica”.

Le cappelle, attraverso i nomi incisi sul marmo, parlano abbondantemente di questa “storia amministrativa”, ma anche di risvolti culturali ben presenti e quindi del legame con ciò che avveniva in uno scenario più vasto.
Non per nulla domina nelle cappelle lo stile neogotico, stile “di moda” per buona parte del 1800 per gli influssi romantici provenienti d’oltralpe, anche se qui questo stile è un po’ contaminato dall’influsso di una tradizione di misura più equilibrata.

Dal punto di vista stilistico,
la tomba più imponente è quella della famiglia Zanetti “Corè”, ma quella più scenografica e pretenziosa è quella della famiglia Stagnoli, che acquista la forma di una piccola cattedrale che si impone sulle altre cappelle, quasi per attirare meglio lo sguardo di chi passa.

Ne seguono molte assai significative.
L’”angelo” della tomba Bordiga ha abbandonato la classicità per acquistare forme più vaporose che si avvicinano al “Liberty”, mentre la semplice ma elegante tomba Pelizzari “Retec” rimane saldamente legata ad un concetto classico.
Ci sono poi “curiosità” che riguardano alcune famiglie.
L’”ancora della salvezza” sulla semplice ed elegante famiglia Foglio, ha fatto diventare questa “Foglio-ancora”.

Il cimitero è stato intelligentemente restaurato
a partire dal 1996. I lavori sono andati avanti per circa sei anni e sono stati portati a termine grazie all’aiuto del Gruppo Alpini di Bagolino.

Il granito, il marmo usato con parsimonia, i mattoni, il ferro lavorato delle molte croci particolarissime, messe nel cimitero, chiamano a raccolta gli elementi quotidiani usati nelle costruzioni semplici, come in quelle più impegnative.
Sono, in sintesi, la materia di una “civiltà contadina” che mantiene le sue testimonianze ben in vista e che penetra abbondantemente anche oggi l’animo degli abitanti di Bagolino, non tanto per una nostalgia del “tempo che fu”, ma per la tendenza a coniugare il valore della tradizione con le sfide dell’oggi.

C’è in questa gente di montagna la tenacia di salvare nel profondo quello che è avvertito come elemento unificante della comunità

Alfredo Bonomi




Aggiungi commento:

Vedi anche
17/05/2017 10:47

Il cimitero «vecchio» di Bagolino, tra memorie sepolte e memorie salvate È in calendario questo giovedì sera la presso la Casa Museo Habitar in sta terra del borgo montano valsabbio la seconda conferenza della rassegna “La morte. Tra rito e tabù” promossa dal Sistema Museale della Valle Sabbia

03/07/2019 09:15

Prima sui monti e poi per le vie del centro Si svolgerà sabato prossimo il 21° Raduno Alpino al Cimitero di Bruffione, organizzato dal Gruppo Alpini di Bagolino. In serata nella “città di montagna” spazio alla gastronomia tipica

25/07/2016 09:18

In Bruffione per ricordare i caduti Nonostante la pioggia intensa, un centinaio di persone hanno preso parte sabato al tradizionale pellegrinaggio degli alpini di Bagolino presso l’ex cimitero della Prima guerra mondiale

24/07/2017 10:26

Più di trecento al Raduno in Bruffione Un appuntamento che richiama sempre tanti alpini e tanta gente quello organizzato ogni estate dal Gruppo Alpini di Bagolino all’ex cimitero di guerra del Bruffione

30/07/2015 12:01

Mancano i loculi, lavori urgenti al cimitero Nel cimitero di Serle Centro mancavano i loculi così l’amministrazione comunale ha provveduto a sistemare un'ala del campo santo




Altre da Bagolino
12/06/2021

Il battello torna a solcare l'Eridio

Riparte da lunedì 14 giugno il servizio di trasporto pubblico sul lago d’Idro con tre collegamenti giornalieri che da luglio diventeranno quattro

09/06/2021

Urta un muretto e si ribalta

Attimi di paura a Ponte Caffaro, dove per soccorrere un 35enne intrappolato nella sua auto i Vigili del fuoco hanno dovuto strappare via le due portiere

07/06/2021

«Urge soluzione»

Sono stati raccolti 200 quintali di detriti dalle spiagge di Ponte Caffaro. Ma due giorni dopo la situazione era tornata ad essere critica

05/06/2021

Famiglia Cooperativa, bilancio e rinnovo cariche

Anche quest’anno l’assemblea dei soci della Famiglia Cooperativa Valle del Chiese si terrà con delega al rappresentante designato per l’approvazione del conto economico ed elezioni

04/06/2021

I Poliambulatori Specialistici

Alla Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi di Bagolino, numerose ed in crescita sono le attività sanitarie ad oggi erogate presso la struttura poliambulatoriale in regime privatistico

04/06/2021

Un Patto per il rilancio del Maniva

Lo hanno sottoscritto le Comunità montane di Valtrompia e Valle Sabbia e i due comuni di Collio e Bagolino quest’ultimo con l’aggiunta di un parcheggio interrato

(1)
29/05/2021

Vaccinazioni e incontri

Vaccinazioni e incontri
Si è conclusa giovedì scorso la seduta vaccinale per gli anziani della fascia 75-79 residenti nel comune di Bagolino nei locali della Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi O.n.l.u.s. E si possono prenotare le visite ai propri cari

24/05/2021

Il «gatto del lago» in azione a Ponte Caffaro

In una settimana di lavoro sono stati raccolti più di 200 quintali di materiale, per lo più legnoso, accanto alla foce del Chiese

18/05/2021

Un regalo per i nonni di Caffaro

Da parte dei volontari della Croce Bianca di Brescia, quelli della “nona squadra” della quale fa parte anche il bagosso Giancarlo Pelizzari, per i nonni della CRA La Famiglia sono arrivare due carrozzine e altri doni

17/05/2021

«Il lago d'Idro come un fiordo norvegese»

Si è concluso sabato scorso il trekking attorno all’Eridio del blogger Gio del Bianco, che ha saputo cogliere e comunicare le bellezze del lago e ha un suggerimento per gli amministratori e per chi si occupa di turismo sul lago

(1)