04 Maggio 2021, 06.58
Anfo Valsabbia
Turismo

Riapertura «anticovid» per la Rocca d'Anfo

di red.

Da questo mercoledì ripartono le visite guidate nella fortezza napoleonica. Flocchini: «Un forte e chiaro segnale di resilienza»


«Dopo un anno molto complicato a causa delle restrizioni dovute dalla situazione pandemica, che hanno profondamente colpito tutto il comparto turistico, vogliamo lanciare un forte e chiaro messaggio di resilienza in occasione dell'inaugurazione della Rocca e della ripresa dei tour guidati, volti alla valorizzazione di quella che è a tutti gli effetti un eccellenza del territorio valsabbino”.

Così Giovanmaria Flocchini, presidente della Comunità montana di Valle Sabbia, nel presentare l’inaugurazione ufficiale della stagione turistica 2021 alla Rocca d’Anfo, la fortezza napoleonica più grande d’Italia.
La giornata scelta per il via è mercoledì 5 maggio, quando lo storico complesso riaprirà ufficialmente le porte ai visitatori.

Per l'occasione saranno organizzate ben due visite guidate gratuite (fino ad esaurimento posti), sempre svolte nel pieno rispetto di tutte le normative vigenti nell'ambito del distanziamento sociale, tutelando in questo modo sia la salute degli operatori sia quella dei visitatori, che potranno godere in piena tranquillità e serenità di tutti i servizi offerti.

Tre i percorsi proposti, durante i quali saranno sempre presenti le guide che a partire da quest'anno contano sull'ingresso nel team di una decina di nuovi ragazzi.

C’è il “Napoleonico” che il più completo dei tre tour, adatto agli amanti del trekking, che parte dalla Caserma Zanardelli e toccando tutti i principali punti di interesse storico arriva fino all'osservatorio.

Il “Percorso Panoramico” che è dedicato principalmente alle bellezze paesaggistiche e naturalistiche della zona e promette paesaggi mozzafiato sul lago, a cominciare dalla parte veneta della fortezza fino alla Batteria “Belvedere” che non si chiama così per caso.

C’è il “Percorso dalla serenissima al Regno d'Italia" dedicato alla batteria Veneta e alla Tirolo, i due edifici ristrutturati ed inaugurati lo scorso anno.
Quest’ultimo è anche il più adatto alle famiglie con bambini piccoli perché è facilmente accessibile e facile anche per chi non svolge regolarmente attività di trekking.

Si tratta comunque sempre di attività all’aria aperta e su terreno montano.
Specie per i percorsi più impegnativi è necessario dunque avere con sé una bottiglia d’acqua, abbigliamento adatto, felpa, impermeabile, torcia o frontalino e dallo scorso anno anche la mascherina di protezione dal covid-19.

Le visite guidate nei mesi di maggio e giugno si svolgeranno soltanto nei weekend e solo su prenotazione.
Per ulteriori informazioni e prenotazioni si possono visitare le pagine social su Facebook ed Instagram, il sito www.roccadanfo.eu oppure chiamare al 375 6221121.




Aggiungi commento:

Vedi anche
08/05/2016 09:28

Rocca d'Anfo, «Luogo splendido da valorizzare» Si è scomodato anche il governatore della Lombardia Roberto Maroni per l'apertura ufficiale della nuova stagione di visite guidate dello splendido complesso napoleonico che si affaccia sull'Eridio. Video

06/05/2016 14:03

Riapre la Rocca Da sabato e per i prossimi fine settimana estivi riprendono le visite guidate al complesso napoleonico di Anfo. Per l’apertura ufficiale saranno presenti il presidente lombardo Roberto Maroni e gli assessori Beccalossi e Parolini

27/04/2016 13:36

Rocca d'Anfo, visite guidate nei fine settimana Dopo il "tutto esaurito" del 2015 Regione Lombardia, Comunità Montana di Valle Sabbia e Comune di Anfo da maggio e per l'intera estate replicano la possibilità di scoprire l'importante sito architettonico

20/04/2019 08:00

La Rocca riapre a Pasquetta La fortezza napoleonica affacciata sul lago d’Idro riapre alle visite lunedì 22 aprile, mentre si preannuncia una stagione ricca di eventi

12/08/2015 12:00

Ferragosto alla Rocca d'Anfo Sabato l'inaugurazione con il taglio del nastro alla presenza di Regione Lombardia, Comunità Montana di Valle Sabbia, Comune di Anfo e delle Istituzioni. Un sito internet dedicato per le prenotazioni delle visite guidate




Altre da Valsabbia
11/05/2021

I sindaci del Chiese: «L'opzione Gavardo/Montichiari non è più percorribile»

Dopo gli esiti dei tavoli tematici sul depuratore organizzati da Acque Bresciane i sindaci dei comuni del Chiese ribadiscono la propria posizione

11/05/2021

Ciao direttore

Si è spento domenica Francesco Saverio Lo Gaglio, a lungo dirigente scolastico del Circolo didattico di Vestone

11/05/2021

Meno ricoveri e meno posti letto Covid

Prosegue la riconversione dei reparti dell’Asst del Garda al loro impiego originario, visto il calo dei pazienti colpiti da Coronavirus

10/05/2021

Cinque Comuni Covid-free

Calano ulteriormente i contagi e aumentano i paesi valsabbini che non registrano nuovi positivi da più di 28 giorni

10/05/2021

Depuratore, settimana decisiva per la localizzazione

L’ipotesi in pole position resta quella di Lonato, che però si schiera per Gavardo e Montichiari con una mozione approvata all’unanimità. Si accende il dibattito anche nel mantovano

07/05/2021

Al via le vaccinazioni per gli over 50

Da lunedì 10 maggio, visto il procedere spedito della campagna vaccinale, anche i nati fino al 1971 potranno prenotare la vaccinazione anti-Covid

07/05/2021

Caseificio Sociale Valsabbino, un anno di crescita

Aumento dei conferimenti e quindi della produzione nel 2020 per la cooperativa valsabbina del latte che, nonostante la congiuntura dovuta alla pandemia, ha incrementato fatturato e remunerazione dei soci

06/05/2021

Rsa, presto il via libera alle visite dei parenti

Dopo la conferenza Stato-Regioni sembra che l’ordinanza del Governo al riguardo sia vicina. Le condizioni per poter fare visita agli anziani in sicurezza

06/05/2021

Perché dono? Lo racconti tu!

L’Avis Odolo-Preseglie lancia un contest per la produzione di materiale per la promozione delle donazioni da pubblicare sui propri canali social

06/05/2021

Fondi ai Comuni per il dissesto idrogeologico

In arrivo risorse statali per la messa in sicurezza del territorio. In Valle Sabbia il Comune che ha ricevuto il contributo più alto