04 Aprile 2022, 07.00
Agnosine Sabbio Chiese Odolo Vallio Terme Valsabbia
AMBIENTE

Radioattività nel suolo, in Valsabbia i valori più alti della provincia

di P.D.

La Valle Sabbia guida la lista delle zone con maggior concentrazione di Radon nel terreno e nell’aria, a rivelarlo un’indagine del Sinrad e di Arpa Lombardia


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...


 
Il colpevole è il Radon, un gas “nobile” che molti ricorderanno aver letto nella tavola periodica degli elementi, sui banchi delle scuole superiori, ma oltre a ciò questo gas presente in natura, incolore ed inodore, ha tra le sue “proprietà” una componente di radioattività molto alta, trasformandolo così in un rischio notevole per la salute delle persone. 
 
Il Radon, infatti, è un gas radioattivo generato dal decadimento dell’Uranio, ma anche presente nei suoli e nelle rocce in maniera diversificata a seconda delle componenti geologiche. È presente nell’aria che si respira ed è inoltre presente in molti materiali edili, derivanti da rocce vulcaniche, oppure estratti da cave o derivanti da lavorazioni di terreni.
È un gas altamente volatile che si diffonde in modo particolare negli ambienti chiusi, distribuendosi in modo uniforme in stanze chiuse e raggiungendo livelli particolarmente preoccupanti quando si tratta di zone a contatto con il terreno.
 
Prima di entrare nello specifico per ciò che interessa la nostra valle, è bene indicare che la maggior parte del Radon inalato viene espulso dal corpo prima che decada, ma non per questo diventa meno pericoloso; come indica l’Iss (istituto superiore di sanità), infatti, una piccola parte si trasferisce negli organi creando un piccolo deposito che, a seguito di un’esposizione prolungata nel tempo, può aumentare significativamente il rischio di tumori ai polmoni, rischio secondo solo al fumo.
 
La Valle Sabbia detiene il triste primato per valori medi annui rilevati. Il limite imposto in Italia per le abitazioni private, rimodulato lo scorso anno con il D. Lgs. 101/2020, è di 300 Bq/m3 nonostante le indicazioni dell’OMS indichino un limite di 100 Bq/m3 e comunque non maggiore ai 300.
Il Sinrad ha rilevato che i comuni in provincia di Brescia con la concentrazione maggiore di Radon sono: Sabbio Chiese (233 Bq/m3), seguito da Odolo con 183 Bq/m3, Vallio Terme 171 Bq/m3e Agnosine con 158 Bq/m3, ma nessun comune Valsabbino (ad esclusione di Pertica Bassa, con 89 Bq/m3) scende comunque sotto i 100 Bq/m3.
 
Più preoccupanti sono però i dati rilevati da Arpa Lombardia, che concentrandosi sui valori riscontrati attorno alle abitazioni a piano terra, mostra la percentuale di abitazioni con concentrazione di Radon maggiore di 200 Bq/m3 per ogni singolo comune.
Questa rilevazione mostra che in Valle Sabbia, sono solo 4 (Serle, Roè Volciano, Prevalle e Paitone) i comuni che hanno una ridotta percentuale di abitazioni con valori sopra i 200 Bq/m3 , essi infatti vedono il loro indice fermarsi tra il 10 ed il 20%, mentre Muscoline con il 4% di abitazioni, è l’unico comune a scendere sotto quota 10%; in tutti gli altri, invece, vale a dire 22 su 27, la percentuale di abitazioni interessate supera il 20% ed in molti casi non di poco, portando la media di abitazioni valsabbine con valori oltre i 200 Bq/m3 al 35%. 
 
Cosa fare dunque? Sicuramente le rilevazioni non possono lasciare indifferenti, ma non per questo motivo ci si deve allarmare; come indicano Iss, Governo e Sinrad, per limitare i danni ed evitare di raggiungere livelli di Radon preoccupanti e pericolosi, sono necessari alcuni accorgimenti che seppur possano sembrare irrilevanti possono risultare di estrema importanza.

Si consiglia una frequente e duratura areazione delle abitazioni (in modo particolare quelle a piano terra), maggior attenzione ed investimenti in fase di costruzione, vale a dire, depressurizzazione del suolo, pressurizzazione dell’edificio e soprattutto per quanto riguarda le nuove abitazioni, fare in modo che vengano adottati i criteri anti-radon, e quindi sigillare le possibili vie d’ingresso dal suolo; insomma, predisporre le necessarie ed adeguate misure preventive per poter vivere più tranquilli, senza dimenticare di tenere sotto controllo le rilevazioni annuali.

 



Vedi anche
05/01/2020 10:51

A Brescia soglia critica superata per 50 giorni È quanto emerso dal bilancio di Legambiente sui dati di Arpa Lombardia relativi al 2019. E l’anno nuovo si apre con una nuova emergenza smog da fronteggiare

31/01/2021 07:06

Nubi sulle Fonderie Mora Del tutto inefficace la diffida da parte della Provincia di Brescia, un procedimento avviato quasi un anno fa. A dirlo sono i dati Arpa interpretati da Legambiente, che tuona: «Incredibile che Ats e Asst non dicano nulla»

25/10/2020 09:00

Fonderie Mora, diffida per troppo rumore Il Broletto ha diffidato l'azienda, che ora ha 60 giorni di tempo per fornire all'Arpa i chiarimenti richiesti a seguito dei controlli effettuati

02/12/2017 09:20

Arpa, se ci sei batti un colpo Sono 134 le firme di cittadini in calce ad una richiesta ad Arpa, perché si intervenga analizzando l’aria attorno alle Fonderia Mora di Gavardo. Analoga richiesta era stata avanzata un paio di fa anche da Legambiente e Gaia

29/08/2016 09:42

«Basta con le dilazioni» Le valutazioni di Arpa e Provincia di Brescia espresse a luglio dopo la Conferenza dei Servizi che ha fatto il punto sul caso delle Fonderie Mora, preoccupano la minoranza "targata" Gavardo in Movimento, che scrive.




Altre da Vallio Terme
27/06/2022

Avviso pubblico dal Comune di Vallio Terme

Pubblichiamo, a norma di legge, il bando di gara per l’affidamento di concessione del servizio di gestione degli impianti sportivi comunali. 

27/06/2022

Lupi neri vincenti al rally degli eroi

L’equipaggio valsabbino guadagna il primo posto nel Rally di Varano de Melegari

 

24/06/2022

Caso Quaini, consulenze mediche a confronto

I medici, consulenti del pm, sono concordi: «Alessio morì d’infarto: il suo cuore non poteva reggere quei quaranta scalini». Non così per i consulenti delle difesa dell'insegnante
 

23/06/2022

Benemerenze agli avisini

In occasione della presentazione dell’ultimo libro dedicato ad Albertano di Enrico Giustacchini, saranno assegnati i riconoscimenti agli avisini e le borse di studio

22/06/2022

Settant'anni per l'A.N.C.

Domenica 26 giugno, in collaborazione con i comuni di Gavardo, Muscoline, Vallio Terme e Villanuova, e con il patrocinio della Comunità Montana di Valle Sabbia, si terrà una manifestazione per festeggiare i settant’anni dalla fondazione della sezione gavardese dell’Associazione Nazionale Carabinieri

16/06/2022

The London Music Weekend, un'esperienza musicale indimenticabile

È quella che hanno vissuto gli allievi della scuola di musica Il Musicante di Vallio Terme e Soiano, insieme agli allievi dell'associazione Jaco Pastorius di Castel Goffredo. Domenica l'esibizione in piazza a Vallio

12/06/2022

Si ribalta col quad

Ha fatto tutto da solo il turista tedesco che sul Colle di Sant’Eusebio si è ribaltato travolgendo una moto parcheggiata a bordo strada

11/06/2022

Avviso pubblico Comune di Vallio Terme

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico di avvio del procedimento per la redazione di una variante al Pgt riferita agli impianti sportivi ed eventuale perfezionamento di previsioni urbanistiche connesse, unitamente alla verifica di assoggettabilità alla Vas

24/05/2022

Luca, ingegnere «magna cum laude»

Complimenti a Luca Bondoni, di Vallio Terme, che questo lunedì si è laureato con 110 e lode alla facolta di Ingegneria edile - Architettura dell'Università degli Studi di Brescia

17/05/2022

Questo weekend parte l'Operazione Paladini del Territorio

Le sezioni regionali e comunali lombarde di Federcaccia, la FIPSAS e la delegazione provinciale di Fondazione UNA Monza-Brianza lavoreranno insieme per la pulizia di boschi, sentieri ed aree urbane particolarmente contaminate, anche in Valle Sabbia