19 Maggio 2007, 00.00
Serle
Incidente stradale

Un profilo del ragazzo deceduto giovedì

Eros Zecchillo, il venticinquenne di Serle morto gioved sera in un incidente avvenuto a Mazzano, lungo la vecchia statale 45 bis che collega il lago di Garda con Brescia, era un grande appassionato di motori.

Eros Zecchillo, il venticinquenne di Serle morto giovedì sera in un incidente avvenuto a Mazzano, nelle vicinanze dello stabilimento «Italcementi», lungo la vecchia statale 45 bis che collega il lago di Garda con Brescia, era un grande appassionato di motori. E quando ha perso la vita si stava dirigendo verso Brescia in compagnia dell’autista della Honda «S200» che si è ribaltata in un fossato sul lato sinistro della strada.

Alla guida dell’auto c’era Nicola Rossi, un ventiquattrenne residente in città, in via Bettole, ora ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di Neurochirurgia della Poliambulanza.

I due ragazzi condividevano una grande attrazione per le auto, le moto e i go kart, che Rossi guidava da tempo. Forse proprio questa passione è stata la causa dell’incidente di giovedì sera, dovuto in apparenza a un eccesso di sicurezza alla guida di un veicolo potente e sportivo.

Sembra infatti che la spider del ragazzo bresciano abbia imboccato a velocità eccessiva una curva relativamente facile verso destra. L’improvvisa mancanza di aderenza ha causato il dramma, provocando il ribaltamento ripetuto dell’auto che, al termine, ha concluso la sua corsa incontrollabile a cavallo del fossato laterale.

A causa dei violenti urti in successione, il venticinquenne di Serle è stato addirittura sbalzato all’esterno dell’abitacolo. L’esatta dinamica dello schianto, comunque, deve ancora essere definita. E per questo motivo, il funerale della vittima non è ancora stato fissato: la salma resta a disposizione dell’autorità giudiziaria nell’obitorio dell’ospedale civile di Brescia.

Lavorava come meccanico Eros, perchè alla fine era quello il suo mondo: le macchine e le moto, che aveva sempre adorato. Molti amici ed ex compagni di classe all’Istituto d’Arte di Gargnano lo avevano più volte messo in guardia sui rischi che la sua passione comportava, quasi a prevedere un destino che oggi sembra veramente disegnato da una sorte cinica.

Il giovane non aveva terminato il suo percorso didattico, abbandonando la scuola gardesana dopo il quarto anno di studi per dedicarsi prima agli obblighi di leva militare, e poi alla professione di meccanico.

A piangerne la morte restano ora i tanti amici di Serle e Nuvolento: il paese che frequentava abitualmente negli ultimi tempi. Ma soprattutto la madre Giuliana, il padre Armando, la sorella maggiore Eva e il fratello più piccolo Ermes.

Luca Cortini
Da Bresciaoggi


Aggiungi commento:

Vedi anche
20/05/2007 00:00

L'ultimo viaggio di Eros Zecchillo Saranno celebrati alle 15.30 di questo luned, nella chiesa della parrocchia di S. Pietro di Serle, partendo mezz’ora prima dall’obitorio del Civile di Brescia, i funerali di Eros Zecchillo.

16/01/2019 18:42

Tamponamento a catena, code lungo la 45Bis Per fortuna nulla di grave nell’incidente che ha coinvolto alcune autovetture lungo la Tangenziale che porta al Garda in territorio di Mazzano

10/06/2008 00:00

Donna incinta perde il bambino La villeggiatura in Alto Adige si trasformata in dramma per un coppia di Vobarno coinvolta nel primo pomeriggio di ieri in un incidente stradale avvenuto alle porte di Naz-Sciaves lungo la statale della Val Pusteria.

05/06/2017 16:21

Mortale a Mazzano Gravissimo incidente lungo la 45Bis in territorio di Mazzano. Un uomo ha perso la vita dopo essersi scontrato con la sua auto contro un'autocisterna

06/01/2019 15:22

Tragedia sul Blumone Un uomo di 30 anni è morto dopo essere caduto nel canalone centrale del Cornone di Blumone. Grave la donna che era con lui, elitrasportata al Civile di Brescia




Altre da Serle
02/04/2021

Un grazie alla solidarietà e al sacrificio degli Alpini

Nella prima Giornata regionale della riconoscenza per la solidarietà e il sacrificio degli Alpini, questa mattina alzabandiera delle Penne nere di Serle con il sindaco e il consigliere reginale Massardi

26/03/2021

Luci a led a Castello

Nella frazione di Serle le vecchie lampadine sono state sostituite da un moderno impianto a led che permette un notevole risparmio energetico

08/03/2021

Contro la violenza una panchina rossa

La prima iniziativa della rassegna “Donne per le donne” è stata l’inaugurazione di una panchina rossa, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne

18/02/2021

Omicidio di Serle, inoltrata nuova istanza di risarcimento

La famiglia di Eduard Ndoj, ucciso dal serlese Mirco Franzoni nel 2013 con un colpo di fucile, chiede formalmente che l'imputato rispetti quanto deciso dai giudici e provveda al risarcimento

17/02/2021

In un paese normale...

Controreplica della minoranza di Serlesì alla risposta a suon di manifesti da parte della maggioranza e dall’amministrazione comune in merito a un precedente volantino, con alcune precisazioni

14/02/2021

Un bambino, un'amica e 2 addii

Oggi ho due belle notizie: la nascita di Edoardo, nipote di mia sorella Valentina, ed il compleanno della mia amica Sara Ragnoli. Ricorderò pure due persone che ci hanno lasciato: Gianpietro Fenaroli e Gianpiero Lavi

11/02/2021

Risposta piccata a suon di manifesti

Al volantino della minoranza su cosa caratterizza un paese civile, risponde punto per punto l’amministrazione comunale, tirando in ballo anche l’amministrazione precedente

11/02/2021

«A Serle gesti e toni preoccupanti»

In merito al manifesto pubblicato dall’amministrazione comunale e dall’attuale maggioranza consiliare dicono la loro gli ex amministratori

04/02/2021

SerleSì: «Da cosa si vede un paese civile?»

Critiche da parte della minoranza consiliare in merito alle ultime scelte dell’amministrazione comunale che a detta dell’opposizione ha smantellato iniziative faticosamente costruite

28/01/2021

Scuola dell'infanzia, polemica in Consiglio comunale

L'opposizione attacca la maggioranza riguardo ai contributi alla scuola dell'infanzia. La replica del sindaco: “Nessuna riduzione, aumentato anzi il contributo medio a bambino e siglata una nuova convenzione”