13 Gennaio 2011, 14.00
Anfo
Restauri

Il Sant'Antonio ritrovato

di Giancarlo Marchesi

Fervono i lavori di restauro alla chiesetta di Sant’Antonio, affascinante scrigno d’arte e fede che sovrasta l'omonimo bivio per Bagolino.

 
Questo tempietto, edificato nel XIV secolo, è collocato sul dosso di Castér, a monte della strada che fiancheggia il lago d’Idro, nel punto in cui da quest’ultima si stacca la provinciale che si inoltra nella Valle del Caffaro.
Oltre quarant’anni fa, nel periodo dal 1966 al ’70, l’edificio è stato oggetto di un primo restauro, curato dal laboratorio d’arte Simoni-Seccamani, che ha riportato alla luce dipinti murali di grande valore dei secoli XIV e XV, che testimoniano come questo luogo sia stato in passato un rilevante polo d’attrazione culturale e religiosa.
 
Ora, a svariati decenni di distanza da quella prima campagna di restauri, la parrocchia di Anfo, l’ente municipale del piccolo borgo lacustre e la Fondazione della Comunità Bresciana hanno unito le forze per riportare all’antico splendore lo straordinario e vasto lavoro pittorico che impreziosisce la chiesetta di Sant’Antonio. 
Attraverso un accurato lavoro autorizzato e diretto dalla Soprintendenza di Brescia, e  suddiviso in più lotti, il laboratorio artistico di Romeo Seccamani si prenderà cura dei cicli d’affreschi che presentano temi pittorici fondamentali per l’epoca di edificazione del tempio quali, ad esempio, la vita di Sant’Antonio abate, la Crocefissione e i quattro evangelisti.
 
Sull’assoluto valore degli affreschi, è lo stesso Seccamani che conferma: «la chiesa di Sant’Antonio conserva opere pittoriche tra le più significative ed innovative realizzate nel Rinascimento in Valsabbia e nel Bresciano tutto, nel periodo tra il Foppa e i tre straordinari pittori del Cinquecento, Savoldo, Romanino e Moretto».
 
In merito al possibile autore, Seccamani avanza un’interessante ipotesi: «Si tratta di un maestro forse non bresciano che si distinse per come orchestrava sonorità e ritmo dei colori e per come scandiva forme e spazi. Un maestro che per quanto riguarda la probabile area di provenienza, anche per la presenza in quel periodo di particolari maestranze che operarono nella Rocca d’Anfo, mi fa pensare a Liberale da Verona».
 
Il parroco dell’unità pastorale dell’Eridio, don Fabio Peli, che si è fattivamente adoperato per questa nuova campagna di restauro dei preziosi affreschi Quattrocenteschi, che sono quanto di meglio rimane di quel periodo in Valle Sabbia, non nasconde che occorrerà raccogliere attorno a questa iniziativa più attori, sia pubblici sia privati, che possano farsi carico della valorizzazione della chiesetta di Castér, vero gioiello d’arte.
 


Aggiungi commento:

Vedi anche
07/11/2013 06:53

Sant'Antonio Sta suscitano grande interesse il patrimonio artistico venuto alla luce nella chiesetta di Sant'Antonio, dove la Provinciale 669 si congiunge alla 237 del Caffaro

05/07/2008 00:00

Una festa ricorda i restauri alpini Per ricordare i 18 anni del restauro della chiesetta di Sant'Onofrio, che sovrasta l'abitato di Sabbio Chiese, il gruppo locale delle penne nere ha allestito l'annuale festa estiva per questo fine settimana.

15/01/2012 08:33

Nuova vita per gli affreschi Due funzioni religiose per suggellare al meglio il termine dei lavori legati al primo lotto di restauro, che hanno interessato la chiesa di Sant'Antonio ad Anfo.

17/01/2016 09:44

Un Comitato per valorizzare la chiesa di Sant'Antonio in Castèr Cade giusto oggi il giorno dedicato dal calendario a Sant'Antonio, col Comitato che ad Anfo muove i suoi primi passi

09/12/2016 07:00

Taglio del nastro per il teatro di Sopraponte La frazione di Gavardo in festa ieri per l’inaugurazione dei restauri del teatro voluto dall’indimenticato don Antonio Andreassi, a cui è stato dedicato un busto nel centenario della nascita
• Video




Altre da Anfo
08/04/2021

In fumo l'esplosivo dei tedeschi

Tre chili di tritolo. Era questo l'ordigno rinvenuto in occasione degli scavi per la sistemazione della Batteria Statuto della Rocca d'Anfo. Il materiale esplosivo non è esploso, ma è stato Bruciato nel prato a poche decine di metri dalla 237 del Caffaro. VIDEO

07/04/2021

Ordigno in Rocca

Verrà fatto brillare oggi in piena sicurezza dagli artificieri del Genio Guastatori l’ordigno ritrovato in occasione di lavori alla Batteria Statuto

03/04/2021

Col fuoristrada nel «vólt»

Spettacolare incidente, per fortuna senza gravi conseguenze, quello avvenuto in pieno centro del paese ad Anfo

27/03/2021

«Brescia Bella» fa tappa alla Rocca d'Anfo

Un evento Facebook che vedrà un'interpretazione musicale di pregio, ma sarà anche un’occasione di far conoscere i progetti e il territorio in cui opera la cooperativa valsabbina Cogess

21/03/2021

Violata anche la Rocca

L'immunità anfese dal Covid è durata più di due mesi, ma si è conclusa ieri, con un tampone risultato positivo

18/03/2021

«Covid free»

Da due mesi Anfo non registra alcun caso di contagio. Fatti i debiti scongiuri, perchè il primato può cedere da un momento all'altro, proviamo a capire il perchè

10/03/2021

Processionaria, problema persistente in alta valle

Sono due le zone particolarmente colpite dall’insetto che forma dei nidi soprattutto sugli alberi di pino nero. Il fenomeno segnalato in Regione

02/03/2021

Dica 33: tutti vaccinati gli anfesi

Potrebbe essere Anfo il primo paese della Provincia di Brescia ad aver vaccinato tutti gli ultraottantenni

27/02/2021

Tutto pronto alla Beata Lucia Versa Dalumi

Conto alla rovescia anche a Bagolino, per la somministrazione del vaccino anticovid. Per ora agli ultraottantenni di Bagolino e di Anfo. Ecco come si fa

26/02/2021

Sul lago d'Idro arriva il «glamping»

Perfetto connubio tra hotel classico e campeggio, la nuova “Lago D'Idro Glampin Boutique” nasce dal rilancio del vecchio camping “Le Palafitte” di Anfo. A maggio l'apertura