15 Febbraio 2010, 15.30
Valsabbia
Concorsi

La psicologia fra banca e cliente

di red.

Con uno studio sui processi decisionali e di comunicazione tra banca e cliente Marco Monti ha vinto la prima edizione di progetto “Incipit” della Cassa Rurale.

Cosa unisce il rapporto medico paziente e con quello fra cliente e istituto di credito? La psicologia cognitiva. A questi temi complessi sta dedicando il suo studio il dott. Marco Monti, che con il progetto “Banca cognitiva”, sulla finanza comportamentale, ha vinto la prima edizione di “Incipit”, un concorso promosso dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella e da Formazione e Lavoro.

Marco Monti, 37enne laureato e Phd alla Bocconi, lavora presso il Dipartimento di sviluppo umano del Max Planck Institute a Berlino.

Lo studio ha inteso approfondire le dinamiche decisionali all’interno del rapporto consulente finanziario-cliente. “In questo contesto – ha affermato Monti – si tratta di capire come ridurre le distanze e di conseguenza l’asimmetria informativa tra consulenti e clienti, in una interazione che solitamente si realizza in tempi estremamente limitati e dove anche la comunicazione riverbera della complessità dei termini finanziari, troppo astratti e lontani dalle esperienze dei più. Una asimmetria che può portare il cliente a non esprimere i propri dubbi circa le valutazioni dell’esperto e a maturare decisioni finanziarie poco vantaggiose”.

Il principio è lo stesso per il secondo progetto intitolato “Parole che curano”: approfondire le dinamiche decisionali all’interno del rapporto medico-paziente. Da un lato c’è un medico che spiega una patologia complessa e la cura da seguire per sconfiggerla, dall’altro un paziente che, comprendendo la metà del discorso del medico, è in soggezione e finisce per doversi fidare ciecamente del parere del professionista senza nemmeno riuscire a comunicare tutto ciò che vorrebbe sulla propria condizione.

Diverse, dunque, le analogie tra il rapporto medico-paziente e quello consulente-cliente. “Sono entrambi contesti complessi caratterizzati da incertezza”, sottolinea Monti. “Il medico, o il consulente, credono che i termini che utilizzano evochino una rappresentazione univoca, ma le persone invece sviluppano a volte anche rappresentazioni estremamente eterogenee. In entrambi i contesti, gli esperti (il medico e il consulente) dovrebbero prestare molta più attenzione al processo di comunicazione e di costruzione di quella che gli economisti chiamano common knowledge”.

Dopo la laurea in economia politica e un master e un PhD in economics, Marco ha sviluppato un percorso professionale di ricerca che lo ha portato dunque ad allontanarsi dall’economia ‘pura’ e avvicinarsi alla psicologia cognitiva. “Tanto che mi sono trovato solo: gli economisti mi consideravano uno psicologo, gli psicologi un economista”. “Il fatto è”, spiega il ricercatore, “che l’essere umano non agisce come vorrebbero alcuni economisti, ossia individuando sempre la scelta ottimale. Si tratta dunque di studiare gli individui nella loro interazione dinamica con il contesto e cogliere le strategie decisionali che sviluppano. Strategie cosiddette euristiche, perché nascono e si evolvono all’interno di quel rapporto adattivo tra il decisore e l’ambiente che lo circonda”.

Marco Monti è stato recentemente invitato a presentare il suo lavoro di ricerca al Mit di Boston, dove ha iniziato una collaborazione per sviluppare interfacce tecnologiche che possano aiutare le persone a capire dove sono più deboli e a farle, in un certo senso, scegliere meglio. “Un esempio? Stiamo sviluppando un’applicazione per iPhone che aiuti i giovani diabetici a prendersi maggiormente cura di sé segnalando in modo proattivo eventuali comportamenti alimentari scorretti. Attraverso il localizzatore gps, lo smartphone segnala quante volte in un mese, per esempio, si è entrati in una gelateria, aiutando il giovane paziente a diventare più consapevole delle proprie azioni e a leggerne in prospettiva gli effetti futuri”.

In foto Marco Monti insieme al direttore del Dipartimento di sviluppo umano del Max Planck, Gerd Gigerenzer

Fonte Università Bocconi



Aggiungi commento:

Vedi anche
11/05/2014 09:30

Incipit. Tocca a laureati e laureandi Per neolaureati e laureandi, sono aperte le adesioni alla quinta edizione di Incipit, il bando per progetti di ricerca nelle aziende. C'è tempo fino al 30 maggio

19/07/2014 12:59

Rurale, il lustro di Incipit Al via i progetti di ricerca della quinta edizione di Incipit: 42 giovani ricercatori per 37 aziende

19/04/2014 08:00

Incipit, 5° edizione al via E' stata pubblicata il 14 aprile 2014, la 5° edizione dei bandi Incipit, un progetto di mutualità innovativa de La Cassa Rurale volto a favorire l’inserimento lavorativo dei giovani

15/03/2017 07:34

Ingegneri cercasi Con il progetto Incipit de La Cassa Rurale, undici progetti in ambito ingegneristico ed informatico per laureandi e laureati. Adesioni entro il 30 marzo

01/06/2014 08:35

Marketing e Comunicazione, laureati/andi cercansi Pronte dieci borse di studio per affrontare altrettanti progetti direttamente in azienda, per esperti o futuri esperti in Marketing e Comunicazione. C'è tempo fino al 10 giugno per aderire




Altre da Valsabbia
15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)