10 Aprile 2021, 10.32
Blog - Gira la Ruota

Briano, un piccolo Gavia a due passi da casa

di Luca Pietrobelli

Dopo un avvio di primavera con temperature da peschi in fiore, l’inverno, con un colpo di coda micidiale, ha deciso di ricordarci il detto popolare “Aprile non ti scoprire”...


...con un’ondata di temperature a cui abbiamo fatto fin troppo presto a perdere l’abitudine.

L’apertura della stagione pedalabile 2021 mi ha riservato una piacevole sorpresa, un nuovo compagno di avventura, mio omonimo, che mi ha dato un rinnovato stimolo: Luca, detto Lazza, classe ’96 (Valsabbino superDOC) è uno di quegli atleti che per gli appassionati delle due ruote sono la seconda metà della mela di Platone; un ciclista che pedala da molti anni, con cui poter viaggiare spalla-spalla a ritmi sostenuti e sempre pronto a mostrarti la sua ruota, per una sfida all’ultimo respiro su ogni strappo, che ti fa venire un nervoso allucinante se arrivi dietro ma ti invoglia tantissimo a migliorarti.

Ancora una volta, con un compagno di ventura al fianco, una giornata ventosa e dal cielo terso, mi sono imbarcato in una piccola impresa mattutina: raggiungere, senza sfruttare la scia per mantenere la distanza di sicurezza, prima Gargnano, poi Navazzo per poi assaltare il caseggiato di Briano.

Se la salita che da Gargnano porta a Navazzo è sempre la stessa, pedalabile, resa difficile dalla voglia di strafare per dimostrarsi più forti e  per un malcelato senso di ritorno alla gioventù, con i pantaloncini corti e il panino con la marmellata in tasca, il tratto successivo, per noi inedito, si è rivelato veramente duro.

Da Navazzo le pendenze si fanno serie, quasi da far sembrare il tratto un piccolo Gavia con vista sul lago: si passa dal 7% ad un 10% medio con punte del 14% per poi, dal bivio di costa, affrontare il tratto più duro di circa un chilometro con media del 14% e punte del 17, un Gavia molto corto appunto!

Passato il tratto più duro, che attraversa il bosco, si riprende a respirare, ma si resta subito senza fiato: il paesaggio che si vede è veramente spettacolare, con una vista molto ampia sulla parte bassa del Lago. Normalmente in queste zone, sopra i 500-600 metri le strade si perdono all’interno delle montagne, mentre qui si arriva su strada asfaltata fino alla chiesetta locale degli alpini (con un vero e proprio muro in stile fiammingo) ad una altezza di circa 1000 metri sul livello del mare e una vista da mozzare appunto il fiato.

Ricordate il discorso del tornare ragazzini?
Ecco, da ragazzini si è incoscienti, si vive d’impulso, senza pensare alle conseguenze, anche perché non si ha esperienza. Abbiamo voluto fare i ragazzini, vestirci con i pantaloncini, pur essendo “scafati” del mestiere e l’abbiamo pagata: il famoso colpo di coda dell’inverno ci ha colti in fallo durante la discesa; ci siamo letteralmente congelati!

Postilla: la prossima volta, come ci insegnavano un tempo, vestiamoci a cipolla (Aprile non ti scoprire, no?)
L’abbiamo risolta con una bella risata e una promessa: ci sarà un’altra sfida, magari in estate, magari sul Gavia vero!


Aggiungi commento:

Vedi anche
01/03/2021 09:20

La mia prima corsa Il ciclismo, come dicono in tanti, non è come il calcio. Non ci si appassiona al ciclismo vedendolo in televisione, non ci sono stadi e non se ne parla tra i banchi di scuola fin dalle elementari

20/02/2021 08:00

Matricole, meteore, fuoriclasse, e poi Peter Sagan Nel freddo di Gennaio trovare gli stimoli per una pedalata in compagnia è semplice e veloce, ma doverli trovare per un’uscita solitaria risulta alquanto difficile

12/02/2021 12:48

Personaggi e storia del ciclismo. Il «mattacchione» Il nuovo anno si è aperto con il saluto ad un corridore che è stato protagonista sulle due ruote dal 1952 al 1965 con ben 27 vittorie a palmares: il francese Roger Hassenforder

10/03/2021 09:22

Tipo pista, un tipo non più di moda e i «curidùr del martedè» Oggi il ciclismo è diventato uno sport globale, con atleti da tutto il mondo che si contendono la vittoria ai più alti livelli nelle grandi corse dalla vetrina internazionale

30/03/2021 08:56

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù




Altre da Blog-GiraLaRuota
30/03/2021

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù

Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù

20/03/2021

Primavera e due ruote

La primavera è alle porte, lo scandire delle stagioni influenza dalla notte dei tempi la vita dell’uomo e, a scandire la primavera del ciclismo è l’arrivo della Milano-Sanremo

10/03/2021

Tipo pista, un tipo non più di moda e i «curidùr del martedè»

Oggi il ciclismo è diventato uno sport globale, con atleti da tutto il mondo che si contendono la vittoria ai più alti livelli nelle grandi corse dalla vetrina internazionale

01/03/2021

La mia prima corsa

Il ciclismo, come dicono in tanti, non è come il calcio. Non ci si appassiona al ciclismo vedendolo in televisione, non ci sono stadi e non se ne parla tra i banchi di scuola fin dalle elementari

20/02/2021

Matricole, meteore, fuoriclasse, e poi Peter Sagan

Nel freddo di Gennaio trovare gli stimoli per una pedalata in compagnia è semplice e veloce, ma doverli trovare per un’uscita solitaria risulta alquanto difficile

12/02/2021

Personaggi e storia del ciclismo. Il «mattacchione»

Il nuovo anno si è aperto con il saluto ad un corridore che è stato protagonista sulle due ruote dal 1952 al 1965 con ben 27 vittorie a palmares: il francese Roger Hassenforder

30/01/2021

Il presidente

Fra i vari volti del ciclismo bresciano, la Valsabbia può vantarne uno fra i più importanti, quello di Enzo Brioni, storico presidente dell’U.C. Soprazocco, carica ricoperta per ben 36 anni

20/01/2021

Mario, rivoluzionario del pedale

Con il Natale sotto copertura, per gli ovvi motivi arcinoti ai più, ho avuto tempo di pensare, programmare la stagione e soprattutto ricordare

10/01/2021

Ingegneria e due ruote

Ciò che rende affascinante il ciclismo non è solo il gesto atletico dei campioni, le sfide al fulmicotone e l’incedere elegante degli scudieri, ma anche, soprattutto al giorno d’oggi, la ricerca tecnica e scientifica che accompagna lo sport

01/01/2021

Nuovo anno, nuove avventure e sogni realizzati

Arriva il 2021, anno carico di aspettative, speranze e novità. La più bella e interessante per lo sport valsabbino è il passaggio nel grande ciclismo di Filippo Tagliani, gavardese classe ’95, che correrà la sua prima stagione tra i professionisti