19 Novembre 2020, 06.22
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

Il «Catechismo in intaglio» di San Bartolomeo

di Alfredo Bonomi

L’ancona dell’altare maggiore della chiesa di Avenone: un significativo percorso di fede in arte


L’”ancona” dell’altare maggiore della chiesa di Avenone è una tappa obbligata per chi vuol conoscere gli intagli lignei della Valle Sabbia.
Non è opera dei “Boscaì”, ma di un’altra “scuola” attiva in valle dal 1600 al 1770, precisamente quella dei Bonomi che possedevano una vasta dimora con spazi per la “fatica artistica” dell’intaglio a Spessio.

Per questa “ancona” gli intagliatori di Avenone hanno chiamato in aiuto lo scultore trentino Baldassar Vecchi che è stato determinante per lo “scatto innovativo”.
L’accoppiata di Giovanni Pietro Bonomi e Baldassar Vecchi ha lasciato opere di elevato spessore artistico a Bovegno, a Bagolino, ed in altre chiese della valle.

L’”ancona” è stata scolpita nella bottega di Avenone nel 1689 in un periodo storico particolare per Venezia.
Da poco la “Serenissima” aveva dovuto cedere ai Turchi, dopo una lunghissima gloriosa e sanguinosa resistenza, l’isola di Creta e gran parte dei suoi antichi possedimenti nello “Stato da Mar”.
Ma il duello contro gli infedeli, in questo caso i Turchi, pericolosissimi per l’Europa e la cristianità, non era terminato.
La fede, contro gli infedeli, era il simbolo di una tenace resistenza che ha portato poi alla vittoria sui Turchi sotto le mura di Vienna.

Proprio in questa importante espressione artistica della chiesa di Avenone è rappresentato e si coglie bene questo concetto.
Andando progressivamente dal basso verso l’alto si snoda un percorso teologico e di fede ben preciso. Si potrebbe chiamare un “catechismo in intaglio” per i fedeli che erano guidati nella loro fede dalle immagini intagliate.

Quattro nudi maschili, detti “i mori”, sostengono l’impianto.
Sono neri, ma non hanno i tratti somatici dei popoli africani. Sono quindi un riferimento chiaro alle popolazioni dell’Impero turco, formate da “infedeli” pericolosissimi per la cristianità. Qui sono ridotti al ruolo di dover sostenere un “impianto di fede”.

La grandiosa “ancona” mostra, in posizioni diverse, le virtù teologali e cardinali della Fede, della Speranza, della Temperanza e della Fortezza, che, se praticate, conducono il fedele al paradiso, qui rappresentato nel timpano centrale da un Dio Padre, nella forma di un anziano autorevole e bonario.
Accanto alla scenografia del paradiso sono poste le virtù della Prudenza e della Carità.
A coronamento di tutto la Giustizia chiama a raccolta i fedeli che hanno praticato la fede nella quotidianità della vita.

Il discorso complessivo è evidente.
La fede attraverso la pratica delle virtù porta il credente verso il paradiso.
Le stature dei “mori”, con la robusta e plastica anatomia, quelle delle quattro virtù ai lati della pala, rappresentate come forti donne teutoniche, ma con occhi dolci, le altre statue, sono il frutto dell’ingegno dello scultore Baldassar Vecchi.
Sono veramente incisive nei tratti, con un vigoroso modellato.

A Giovanni Pietro Bonomi
, l’impresario del cantiere artistico, sono da attribuire tutti gli ornamenti e la concezione architettonica dell’insieme.

Questa “ancona” è un tassello fondamentale degli intagli lignei della Valle Sabbia, sia per la grandiosità dell’insieme, sia per la qualità degli intagli. Inoltre mostra un “timbro intellettuale” che non lascia nulla alla semplice e fantasiosa spontaneità.
In questo senso è unica in valle.

Alfredo Bonomi




Aggiungi commento:
Vedi anche
11/01/2013 07:07

L'ultima Stella Sabato a Lavenone, domenica ad Avenone di Pertica Bassa. Torna la "Dodicesima notte", proposta dell'associazione culturale Choros per valorizzare la tradizione

16/09/2007 00:00

Da Santo Stefano a Barbaine... e ritorno Dalla guida grafo che si occupa dei comuni di Vestone, Lavenone, Pertica Alta e Pertica Bassa, proponiamo la presentazione delle chiese del comprensorio a cura del prof. Alfredo Bonomi.

17/01/2008 00:00

La prima Ciaspolata notturna ad Avenone Sabato 19 gennaio la Polisportiva Pertica Bassa in collaborazione con il Cai di Vestone e il G.S.G. di Avenone ha organizzato la prima Ciaspolata notturna tra i monti di Avenone, con partenza alle 18 dal Campo sportivo di Avenone a Pertica Bassa.

21/04/2015 11:57

A Forno d'Ono la Liberazione per mezza Valsabbia I Comuni della media ed alta Valle Sabbia, quest'anno, per ricordare la lotta partigiana e la Liberazione, si sono dati appuntamento a Forno d'Ono di Pertica Bassa

30/01/2020 08:56

Edizione numero 13 per la CiaspoPertiche La manifestazione è organizzata dalla Polisportiva Pertica Bassa con il patrocinio dei Comuni di Pertica Alta e di Pertica Bassa.



Altre da Blog-Cartoline
12/11/2020

L'intreccio e l'abbraccio delle case sopra i volti di Binzago

Chi da Brescia si dirige in Valle Sabbia attraverso la strada “delle Coste”...

29/10/2020

I ponti di Sabbio Chiese

Sicuramente il centro di Sabbio Chiese offre una delle “cartoline” più belle tra quelle esibite dalla Valle Sabbia

01/10/2020

L'abbraccio dei faggi al santuario di Rio Secco

Sull’antica strada di collegamento ad alta quota tra Treviso Bresciano e Capovalle o, meglio ancora, tra la Bassa Valle Sabbia, attraverso la Degagna e il passo del Cavallino della Fobbia, e Capovalle e la Val Vestino, sorge il santuario della Madonna di Rio Secco

16/09/2020

Un leone dagli occhi umani

E' quello che si trova raggiungendo Alone, piccola frazione di Casto, che testimonia lo stretto legame con la Serenissima

02/09/2020

Valledrane, natura e ricordi

Valledrane è un luogo carico di significati e di natura coinvolgente