14 Agosto 2019, 07.00
Gavardo Valsabbia Garda Valtenesi
L'opinione

Una premessa sbagliata

di Cesare Fumana

Perché lo studio di fattibilità per la depurazione delle fognature dei comuni gardesani ha preso in considerazione solo soluzioni fuori dal bacino del Garda? Dubbi sulla sostenibilità economica del progetto


Se in già partenza si esclude che la depurazione possa svolgersi nel bacino del Garda, certo che la soluzione del depuratore a Gavardo è la più logica, essendo la più vicina.

Ma perché scartare a priori che le acque depurate possano ritornare nel lago?

Lo studio commissionato al Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale dell’Università di Brescia è partito cercando soluzioni fuori dal bacino del Garda. Ma se il confronto prendesse in considerazione delle soluzioni che prevedano anche lo scarico a lago?

La tecnologia del 2019 è in grado di dare sicurezza per quanto riguarda le acque depurate?

E se si può scaricare nel fiume Chiese, perché non si può scaricare nel lago di Garda?

Questioni sollevate da tempo anche dalle associazioni ambientaliste.

Nelle premesse del “Progetto di fattibilità tecnica ed economica” c’è scritto:

«Nuovo recapito per gli effluenti depurati della sponda bresciana
Individuazione per il sistema bresciano (esclusi i Comuni di Desenzano e Sirmione) di un recapito diverso e meno sensibile rispetto al sistema Mincio - Laghi di Mantova. L’attuale recapito del depuratore di Peschiera è caratterizzato da elevata vulnerabilità degli ecosistemi acquatici interessati. Con l’ipotesi di scarico nel fiume Chiese e/o nel reticolo irriguo a Gavardo e Montichiari, si utilizza un recapito che può ulteriormente beneficiare sotto l’aspetto irriguo delle portate depurate immesse nel fiume».

E subito dopo:

«Valorizzazione riutilizzo acque depurate in agricoltura
Con riferimento al punto precedente, l’individuazione di punti di scarico che consentano la valorizzazione del riutilizzo delle acque depurate in agricoltura, risponde ai dettami della Direttiva UE 2000/60/CE ed alla recente proposta di REGOLAMENTO UE per il riutilizzo dell’acqua COM/2018/337».

E questo è un altro argomento che spinge a favore di portare le acque depurate nel Chiese.

Ma nella relazione viene anche riportato questo:

«Una ulteriore valutazione preliminare riguardo la localizzazione dell’impianto per lo schema dell’alto lago è stata approfondita, ipotizzando la realizzazione del depuratore in posizione limitrofa al lago (indicativamente tra Salò e San Felice) e prevedendo poi lo scarico depurato nel fiume Chiese. Tale ipotesi è stata scartata in quanto non tecnicamente giustificabile».

Certo, se lo scarico deve avvenire nel Chiese, invece di intaccare il territorio gardesano, tanto vale portare anche il depuratore vicino al fiume. Ma se lo scarico può finire direttamente nel lago?

E quanto si risparmierebbe?

Sul fronte della sostenibilità economica, poi, se la soluzione prospettata di Gavardo e Montichiari costerebbe meno in termini di realizzazione, tutto cambia per quanto riguarda i costi di gestione: 3,2 milioni all'anno per Peschiera, quasi 4 e mezzo per Gavardo-Montichiari, con una “bolletta stratosferica”, come ha già scritto qualcuno.
Sono anche questi argomenti
da far valere nel tavolo di confronto fra Ato e Comuni dell’asse del Chiese.


Commenti:
ID81611 - 14/08/2019 07:52:48 - (Giacomino) - Che si stia

per mettere in opera una immensa porcheria?

ID81618 - 14/08/2019 16:36:57 - (Filippo Grumi) - perchè non viene dato lo studio iniziale del Prof. Bertanza?

"i risultati dello studio evidenziano, innanzitutto che TUTTE LE SITUAZIONI ESAMINATE, pur con le differenze che di seguito vengono riassunte, SONO PRATICABILI." Ora non serve un genio per capire che se sono tutte praticabili e se le differenze fra la prima e l'ultima sono piccole basta operare sui parametri con una diversa "sensibiltà" ed il gioco è fatto. Questo giochino è possibile fin dall'inizio ed è forse per questo che lo studio iniziale dell'anno scorso non è mai stato consegnato, altrimenti sarebbe già stato smontato e ribaltato. Ora ci si vuol costringere a discutere di "questo" progetto ma non dobbiamo cascarci. Si discutono le ipotesi iniziali, non il progetto che ne conferma una.

ID81624 - 14/08/2019 20:48:46 - (PETER72) - Evidente che...

costruendo il depuratore altrove i gardesani godranno di più vantaggi: in primis rifilerebbero i loro reflui ad altri e poi non costruendo tali strutture sul proprio territorio avrebbero più aree edificabili pregiate a loro disposizione da lottizzare, i cui ulteriori reflui aggiuntivi tanto confluirebbero insieme agli altri nel Chiese con un ulteriore aggravio per la zona in questione... Questa non è politica ma forse scelta d'INTERESSE

ID81662 - 18/08/2019 19:52:41 - (alfo70) - sig

Sono d'accordo con il sig Grumi

Aggiungi commento:
Vedi anche
14/08/2019 07:00

Ecco il progetto di Acque Bresciane Dopo pressanti richieste l’Autorità d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese

08/07/2020 09:36

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

04/12/2019 11:16

Depuratore del Garda, un'opera per il territorio? Si terrà questo venerdì 6 dicembre a Muscoline un incontro pubblico sulla questione delle fognature dei Comuni del Garda promosso dal Fratelli d’Italia

12/11/2019 07:21

Provocazione... ma anche no Il Comitato Gaia e non solo quello chiariscono quale sia il rapporto fra i progetti di depurazione dei reflui gardesani e l'Università bresciana e chi in realtà, non senza qualche conflitto di interessi, ha preso realmente le decisioni

20/11/2019 10:00

La Provincia apre a soluzioni alternative Dopo il pasticcio provocato con la bocciatura della mozione Apostoli, il presidente della Provincia Alghisi a nuove proposte per la depurazione dei Comuni gardesani e chiederà un approfondimento sul tema della condotta sublacuale



Altre da Garda
14/08/2020

Weekend di Ferragosto

Avrei voluto, come lo scorso anno, segnalarvi sagre, feste, concerti e fuochi d'artificio sul Garda ma quest'anno non sarà così. Alcuni eventi però sono possibili, in osservanza delle norme anti-Covid, e di questi parliamo volentieri.

14/08/2020

«Fiati all'Opera»

La rassegna “Suoni e Sapori del Garda” propone per questa domenica, 16 agosto, a Toscolano un concerto di musica da camera del gruppo di fiati Promenade

13/08/2020

Galeotto il ciambellone

Impegnato in attività di “water tubing”, un giovane turista è rimasto gravemente ferito. A soccorrerlo per primi ci hanno pensato gli uomini della Guardia costiera di Salò

12/08/2020

Guardia Costiera, massima vigilanza per Ferragosto

Controlli ancora più serrati, in vista del ponte più atteso dell'estate, sul lago di Garda. La Guardia Costiera di Salò punta a garantire la sicurezza di diportisti e bagnanti

11/08/2020

Lonato in Festival, arriva il Side Kunst Cirque con «Domoi»

Continua Lonato in Festival, dove il circo diventa cultura e non solo intrattenimento. Appuntamento dal 14 al 16 agosto con Side Kunst Cirque e lo spettacolo "Domoi"

11/08/2020

«Una musica un film»

Questo mercoledì, 12 agosto, nella bella cornice di Tignale si terrà il concerto dell'Infonote Ensemble, con la voce di Elisabetta Cois per l'ottava edizione di “Suoni e Sapori del Garda”

10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

09/08/2020

Oltre il sipario, le meraviglie del circo «El Grito»

Lonato in Festival 2020, importante vetrina italiana di circo contemporaneo, ha proposto come secondo appuntamento dell’anno “Malamat”, il nuovo spettacolo della prestigiosa compagnia “El Grito”

09/08/2020

Un cammino di crescita e consapevolezza

È terminata con una traversata in battello da Riva a Salò il trekking “terapeutico” sull’Alto Garda con gli educatori della coop. Area per 12 ragazzi che si trovano in regime di “messi alla prova” dal Tribunale dei Minorenni

08/08/2020

La grande musica torna in scena con «Suoni e Sapori del Garda»

La rassegna musicale, quest'anno alla sua ottava edizione, avrà inizio mercoledì 12 agosto e animerà l'estate e l'autunno del Garda con concerti imperdibili