14 Gennaio 2020, 16.05
Valsabbia
L'opinione

Un «capitano»? No grazie

di Valsabbin* Refrattar*

Buongiorno Vallesabbianews, vi chiediamo spazio per pubblicare questa risposta ad un articolo pubblicato la scorsa settimana nella rubrica Eco del Perlasca


Abbiamo letto con interesse e un certo stupore il vostro scritto della scorsa settimana riguardante l'analisi dell'attuale classe politica.
Non ci soffermeremo tanto sulla critica, parola che non per forza deve essere letta con accezione negativa, delle valutazioni fatte e dei collegamenti storici proposti, ma vogliamo fare e condividere con Voi una riflessione sulla conclusione dello scritto e lo facciamo collegandola con un tema molto attuale e scottante che è la guerra e una foto diventata virale sui social qualche tempo fa.

La foto riporta un buon numero di aerei da caccia parcheggiati in ordine su di una pista di lancio e in sovraimpressione una scritta: in questa foto possiamo ammirare 30 ospedali, 50 asili e 70 case di riposo per anziani.

Ma perché parliamo di questo?

Perché stiamo vivendo un periodo storico di grandi cambiamenti, di grandi contraddizioni ma soprattutto di escalation verso l'ennesima guerra, le tensioni nel mondo sono evidenti e negli ultimi tempi si sono pure acuite.
La classe politica italiana e non solo, sembra essere spettatrice e per certi versi, non ricevendo alcune pressioni da movimenti più o meno pacifisti o antimilitaristi, sarà destinata ad accettare passivamente le scelte dei propri alleati.

E noi in tutto ciò che dovremo fare?

Aspettare una classe politica con idee chiare e che sappia dare delle risposte concrete anche a un problema mondiale come può essere una guerra o a auspicare l'arrivo di un vero capitano (dove l'aggettivo vero ci fa rabbrividire)?
Ovviamente nessuna delle due, perché crediamo fermamente che solo noi possiamo essere l'unico argine ai venti di guerra che stanno soffiando, perché pensiamo che i cambiamenti e le risposte ai nostri bisogni anche di pace non avvengono certo grazie ai meccanismi di delega finora adottati o aspettando che qualcuno faccia qualcosa per noi ma bensì attraverso l'impegno diretto, costante e quotidiano.

E questo vale sia per il tema guerra che per gli altri temi difficili che le nostre generazioni si trovano ad affrontare, casa, lavoro e reddito ma anche la grande questione riguardante le libertà.

E noi per prenderci il futuro ci vogliamo impegnare, con dedizione giorno dopo giorno per cercare di cambiare una realtà che sembra essere molto stretta a tutte e tutti.

Leggere il finale del Vostro scritto ci ha fatto anche preoccupare, e non vorremmo mai pensare che questa classe politica, questa situazione e questo sistema sociale possa avere rubato a Voi-Noi giovani e studenti la cosa che più ci caratterizza, che è la speranza.

Non possiamo accettare che l'utopia abbia lasciato spazio alla realtà e alla sua accettazione con la rassegnazione tipica di chi ha già rinunciato a cambiare le cose e che ha già perso.

Guardiamo all’esperienza di uno stato a noi vicino, la Francia dove i portuali autorganizzati hanno negato l’attracco a delle navi cariche di armi destinate all’Arabia Saudita. E grazie a quell’impegno e a quell’esperienza contagiosa anche i portuali genovesi hanno bloccato, la scorsa estate, alcune navi.
La Francia dove una riforma delle pensioni, molto ma molto più blanda della schiavitù a cui saremo destinati in Italia, giusto la scorsa settimana scorsa si prospettava una modifica della quota 100 portando l’età pensionabile a 71-72 anni, ha portato ad un blocco del paese e proteste in piazza.

Proteste per lo più spontanee.


E questo ci fa dire, gridare, che queste esperienze e la foto che accompagna l’articolo sono uno schiaffo in faccia che ci deve fare svegliare, sono uno schiaffo al nostro futuro, è l’ennesima prova di forza di uno stato, di una coalizione di un modello di società malato, che se solo vedesse tanta gente in piazza a protestare in tempo di pace, contro l'utilizzo delle scuole e delle università come centri di progettazione delle armi più sofisticate o contro lo sperpero di denaro per le spese militari starebbe molto ma molto più attento e farebbe delle scelte diverse, scelte di cui tutte e tutti potremmo beneficiarne, noi con qualche ospedale o servizio in più e qualche povero nel mondo che non vedrebbe il proprio futuro scosso dalle bombe che produciamo e che lo costringono ad emigrare.

Scelte che solo Noi possiamo determinare.


È un consiglio o forse un sogno utopico, ma è l'unico faro che ci guida in questa notte buia.

Fraternamente Valsabbin* Refrattar*



Vedi anche
13/07/2019 08:00

Propongo lo scambio depuratore - ex ospedale Vorrei cortesemente chiedere spazio nella rubrica "Lettere al direttore" per poter pubblicare queste mie riflessioni sul tema maxi depuratore a Gavardo

06/02/2016 09:11

A proposito della redazione Perlasca Da qualche settimana è al lavoro fra Idro e Vobarno un gruppo di ragazzi dell'Istituto Superiore di Valle Sabbia. Cosa stanno facendo, in poche parole, ce lo spiega Daniel. Il frutto di questo impegno lo troverete spesso sulle pagine di Vallesabbianews

29/07/2018 10:52

«E' sempre colpa degli altri» Buon giorno direttore, di seguito una lettera che le chiediamo di pubblicare. Grazie e buona domenica.
E noi volentieri pubblichiamo

27/08/2018 15:46

A2A, ecco perchè In merito all'articolo pubblicato lo scorso 23 agosto che riferiva di una bolletta per l'energia elettrica che a fronte di "zero" consumi richiedeva il pagamento di 103 euro, A2A fornisce le sue spiegazioni. Pubblichiamo volentieri

04/12/2019 16:02

La «CUC» non ha nessuna colpa Riportiamo volentieri le precisazioni pervenute da parte della Comunità montana di Valle Sabbia in merito all'articolo qui pubblicato domenica scorsa che riguardava un ricorso per le procedure d'appalto nella sistemazione delle scuole di Vobarno



Altre da Valsabbia
04/08/2020

Una ciclopedonale per l'Eridio

Un tracciato sicuro per ciclisti e pedoni per girare attorno al lago. Un progetto ormai storico e futuristico insieme, che con gran fatica comincia a prendere corpo

03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

03/08/2020

Valsir, controllo totale

Non solo in Valsir, ma anche per Oli, Marvon e Alba, è stata messa in pratica una massiccia operazione di controllo e prevenzione del rischio Covid

02/08/2020

Fiume Chiese e Lago d'Idro, per un uso sostenibile dell'acqua

E' stata approvata qualche giorno fa, a firma del consigliere trentino del Movimento 5 Stelle Alex Marini, la proposta per un progetto di ricerca applicata per assicurare un uso sostenibile delle risorse idriche dei territori trentini e bresciani

01/08/2020

«Le risposte è bene che arrivino dal Ministero»

Comitati e associazioni ambientaliste, in un comunicato unificato che riportiamo integralmente, invitano i sindaci dei Comuni dell'asta del Chiese, in merito al Tavolo tecnico sulla depurazione del Garda, a respingere qualsiasi soluzione tecnica non vagliata dalla politica

01/08/2020

A piedi e in bici per credere in sé stessi

Torna il progetto educativo di cooperativa Area che utilizza l’esperienza del viaggio di gruppo come strumento di riabilitazione e integrazione sociale alternativo al carcere minorile. Coinvolti 20 adolescenti posti in regime di “messa alla prova” da parte Tribunale dei Minorenni di Brescia

01/08/2020

Presidio alla Tematrade

Operai in agitazione nel sito produttivo di Prevalle. Sul tavolo delle trattative l'erogazione del fondo antiusura, la cassa integrazione, le paghe arretrate ed un'istanza di fallimento. VIDEO

30/07/2020

Facebook no grazie

Banca Valsabbina aderisce alla campagna di sensibilizzazione contro i fenomeni di odio sempre più diffusi sul web e sospende gli investi pubblicitari sul più popolare dei social

30/07/2020

Le mamme del lago: «Ci siamo anche noi»

Le Mamme del Lago prendono spunto dalla lettera da noi pubblicata sottoscritta da una delegazione delle mamme del Chiese. E dicono la loro

30/07/2020

Falso allarme

«Tre morti nel lago d’Idro» questa la notizia che è stata nell’aria per più di due ore attorno al lago d’Idro. Invece no, per fortuna