Skin ADV
Venerdì 21 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



11 Marzo 2018, 08.00

L'opinione

Non chiamatela Sinistra, non lo è mai stata

di Luca Rota
Nell’era cosiddetta "post-ideologica" ha ancora grande importanza la scelta dei termini. Essere di sinistra significa servire le classi sociali più in difficoltà, andare incontro ai loro bisogni e difenderne i diritti. Se non c’è chi fa almeno qualcosa di quanto elencato, allora non c’è sinistra

I partiti che oggi quasi tutti definiscono comunemente di sinistra, o di centro sinistra, possono essere identificati con tanti epiteti ed aggettivi, ma il termine “sinistra” risulta essere lontano anni luce da loro. Di essa conservano (in parte) l’eredità e la discendenza storica, solo quelle; per il resto nemmeno l’ombra di qualcosa che somigli apparentemente al pensiero della sinistra.
L’aver votato la riforma Fornero, i ripetuti soldi alle banche, le leggi sulla Scuola e sul Lavoro, i tagli alla Sanità e tanto, ma tanto altro ancora, non sono cose che un qualunque schieramento di sinistra avrebbe mai fatto, o per meglio dire, avrebbe mai potuto fare. Perché chi è vicino alle masse, ne raccoglie il malcontento e cerca in qualche modo di arginarne i problemi, non di renderne precari presente e futuro. 
Sin dall’inizio degli anni Novanta, il Pds prima, poi i Ds, parte del Prc poi confluita in Sel, ed il Pd, hanno lasciato che ad adempiere a tale compito, fossero proprio M5s e Lega, non a caso le due forze predominanti in questa ultima tornata elettorale. I ceti più bassi hanno riversato le proprie preferenze su queste compagini, proprio perché ne hanno riscontrato la presenza (reale) sul territorio.
 
Roba come il Pd o il novello Leu, non hanno mai (nemmeno per sbaglio) detto o fatto qualcosa che fosse di sinistra. Essi rappresentano una sorta di centro-destra mascherato da centro-sinistra, che raccoglie i voti di chi il proprio consenso storicamente lo dava a sinistra, ma attua politiche di destra, anche perché non potrebbe fare diversamente, essendo quella l’area in cui agisce, vive e vegeta. 
 
Nemmeno guardare Casini parlottare microfono in mano, sotto le effigi di Gramsci e Matteotti, ha creato poi così tanto clamore negli ambienti piddini. In fondo era nel posto giusto, nella sede del Pd: democristiano lui, democristiani loro. Erano le immagini a trovarsi (ahiloro) nel posto sbagliato.
 
Ad oggi, nell’area definibile di sinistra troviamo solo Potere al Popolo, unica compagine che può vantare tale senso di appartenenza. Precari, operai, professionisti dal futuro negato ed attivisti socialmente attivi. Per gli altri schieramenti definiti di sinistra, parla la loro storia, recente e meno recente, e quella di chi li compone, nonché gli anni trascorsi tra “obbedienza alla dita”, allontanamento dalle masse e dai problemi reali della popolazione, precarizzazione del lavoro e distruzione del welfare. 
 
Per questo non si dovrebbe in alcun modo chiamarla sinistra; non sarebbe corretto né concettualmente né storicamente. Sarebbe uno di quegli errori segnati in rosso nei temi, e magari potrebbero anche succedere che ad “offendersi” siano loro, quelli del Jobs act, della Buona scuola, del Rosatellum e dei soldi alle banche. Perché almeno diamogli atto di una cosa: di sinistra non lo sono mai stati.
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75501 - 11/03/2018 12:52:39 (Venturellimario)
Perfetta analisi, condivido in toto


ID75517 - 12/03/2018 15:24:01 (Sottozero) Non fa una piega...Il PD scomparirà presto...spero
L'articolo non fa una piega, condivido tutto, pura verità dei fatti...E lo dico da ex che votato a sinistra 30 anni...Questa volta no e non credo di votarli mai più, PD e derivati sono completamente screditati...ormai destinati all'estinzione dopo lenta agonia...


ID75794 - 13/04/2018 08:34:35 (groppello62)
analisi incompleta e superficiale....con l'utopia non si sono mai governate le nazioni o la sua applicazione abbiamo visto dove ha portato, Comunque continua a pensarla così, infliggendoti la pura presenza di testimonianza. Come diceva don Milani "che fare delle mani pulite se si tengono in tasca". Medita per il prossimo giro.


ID75985 - 05/05/2018 09:43:55 (kicco70)
Concordo nel definire l'articolo superficiale; purtroppo si dimentica troppo spesso che i servizi sociali costano e, se il paese impoverisce, sia taglia quello che non ci si puo' permettere; tutti fanno promesse mirabolanti ma, l'unica cosa che nessuno si azzarda a fare e' di tagliare sprechi e razionalizzare la spesa; e' piu' comodo promettere soldi a tutti (reddito di cittadinanza, eliminazione Fornero) che rendere il paese piu' efficiente


ID76047 - 13/05/2018 15:32:10 (vanpelt) Strabismo endemico
Per la serie: fare il peana dell'estrema sinistra per consegnare il paese alla destra. Un trucco gia' riuscito alle Brigate Rosse, ma come e' noto, chi non conosce la storia, e anzi spudoratamente la travisa, e' destinato a riviverla. Auguri ai che guevara de noaltri.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/10/2015 08:26:00
Ragion di Stato La strada per riportare la politica alla funzione per cui è stata concepita è ancora lunga e piena di buche, fra utopie di "democrazia diretta" e l'illusione degli uomini soli al comando... Urgono scuole di cultura politica


12/12/2007 00:00:00
La Sinistra Arcobaleno Si terrà questo venerdì 14 dicembre alle 20.30, nella sala della Comunità montana, a Nozza di Vestone, una riunione sulla nuova formazione politica della sinistra: la Sinistra Arcobaleno.

15/03/2018 07:00:00
Stabilità, governabilità e laicità In un Paese governato per quarant’anni dalla Dc con l’avallo di socialisti, liberali e repubblicani, per altri venti da Berlusconi, D’Alema e Prodi, e negli ultimi sette da Monti, Letta, Renzi e Gentiloni, ad oggi ci si ritrova come problema principale l’“inesperienza” della nuova classe politica, per giunta votata da un elettore su tre

24/05/2013 07:00:00
Che cos’è la destra che cos’è la sinistra Beppe Grillo parafrasando Gaber, confonde il suo credo con le parole dissacranti del grande esistenzialista, deluso da una sinistra entrata in politica per non differenziarsi affatto dalla destra

12/06/2013 08:00:00
La Sinistra e il Costruttivismo Una riflessione che parte dal concetto di 'sinsita' vira sul senso della filosofia e sul fatto che tentare di ridurre il desiderio alla volontà del proprio io, all'affermazione "voglio quella cosa li e farò di tutto per averla" sia la condizione della disperazione



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia