Skin ADV
Martedì 25 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






El capel de or dei Balarì

El capel de or dei Balarì

di Rita Treccani



23.02.2020 Valsabbia Provincia

23.02.2020 Bagolino

25.02.2020 Bagolino Valsabbia

24.02.2020 Bagolino

23.02.2020 Salò Valsabbia Garda

23.02.2020

23.02.2020 Barghe Valsabbia

23.02.2020 Vobarno

24.02.2020 Villanuova s/C

24.02.2020 Agnosine



14 Febbraio 2020, 17.25
Salò
Politica

Mussolini rimane cittadino onorario salodiano

di red.
La maggioranza di Centrodestra e i due consiglieri di area Lega, hanno votato per il mantenimento della cittadinanza onoraria salodiana a Benito Mussolini

Il voto in occasione di un Consiglio comunale "blindato".
A supportare la decisione, da parte della maggioranza di Progetto Salò, un lungo comunicato letto dal capogruppo Gualtiero Comini.
Eccolo nella sua forma integrale.

«La cittadinanza onoraria a Benito Mussolini fu concessa nel 1924. In quegli anni, e successivamente, molti Comuni concessero al capo del Governo questo riconoscimento, tra i tanti anche quello del capoluogo Brescia.
Non ci risulta che Brescia abbia revocato questo conferimento e, anche se diversamente da ciò che è avvenuto, l’avesse fatto, a distanza di 100 anni, Noi non riteniamo di farlo.
 
Quale sarebbe di fatto l’utilità di un provvedimento di questo genere; quale beneficio, oggi a distanza di 100 anni, ne trarrebbe la Comunità salodiana?
 
Dopo la caduta del Fascismo sui banchi dove state ora accomodati, sulla stessa poltrona su cui oggi sediamo noi, si sono seduti uomini che di “antifascismo” e “lotta partigiana” potevano sicuramente fregiarsi di sapere tanto, tanto più di Voi, e di Noi, avendo fatto parte personalmente di quella lotta, avendoci messo la faccia e, avendo spesso, rischiato la vita per gli ideali in cui credevano.
 
Eppure queste persone non si posero, allora,il problema della Cittadinanza onoraria concessi pochi anni prima al loro acerrimo nemico: avrebbero potuto revocagliela con un gesto di grande valore simbolico come dite Voi in quel frangente storico in cui loro stavano costruendo una cittadinanza alternativa a quella fascista, una Comunità liberale e democratica.
 
Eppure non lo fecero e noi crediamo che non lo abbiano fatto perché la società che volevano costruire in alternativa a quella fascista, i politici salodiani di allora ritennero, intelligentemente, che fosse realizzabile (e di fatto così fu realizzata) senza mortificare coloro che avevano, sbagliando, creduto nel diverso progetto del loro capo Benito Mussolini.
 
Fu, quella degli amministratori salodiani post-fascisti, una scelta politicamente corretta che evitò di inasprire gli animi e di creare ulteriori conflittualità e, soprattutto, fu una scelta coraggiosa che certificò la loro volontà di voler costruire una nuova società non semplicemente contro ma per.
 
Per affermare i valori di libertà e democrazia che li avevano ispirati e che li avevano consacrati liberatori e vincitori.
 
Una scelta, quella degli Amministratori che si sono susseguiti dopo la Liberazione, che si ispira filosoficamente al motto gandiano: “Finché ci sarà un vinto e un vincitore la guerra non sarà finita”
 
L’unico modo, secondo Noi, per debellare l’ideologia sbagliata del Fascismo e dimostrare con i fatti che la nostra idea di Stato, liberale e democratico, è quella giusta.
 
Per farlo bisogna lavorare seriamente,ascoltare pazientemente anche chi non la pensa come Noi e convincerlo con le opere e l’esempio della bontà delle nostre idee.
 
Mortificare l’avversario vinto, infierire su di Lui, non lo elimina, ma lo rigenera.
 
Oggi, a distanza di 100 anni da quando fu concessa la Cittadinanza onoraria a Benito Mussolini si chiede a questa amministrazione di revocarla.
 
Non lo vogliamo fare perché siamo convinti che ciò serve solo a rimestare sentimenti di odio e rivalsa nocivi alla pacifica convivenza civile della nostra Comunità.
 
Solo un amministratore pubblico preoccupato non tanto del bene pubblico ma soltanto ed esclusivamente del rischio di perdere qualche consenso, voterebbe a favore di questa mozione.
 
Noi siamo qui,come quelli che ci hanno preceduto, per lavorare per la nostra Comunità, per tentare di migliorarla affidandoci ai principi liberali e democratici che da sempre hanno ispirato la nostra azione politica.
 
Per questo motivo, perché la riteniamo strumentale e anacronistica, Noi votiamo contro questa mozione e ce ne assumiamo serenamente ogni responsabilità.
 
D’altronde, se questa è la motivazione politica che ci ha convinto a non prendere in considerazione questa mozione ed a respingerla, non si può sottacere di altre ragioni di natura tecnico-amministrativa che ci inducono a dubitare che l’atto di revoca di questo “provvedimento” sia legittimo o quantomeno opportuno.
 
In effetti il 23 gennaio 1924, il Governo di Mussolini sciolse il Consiglio Comunale salodiano, nominando in sua vece una Commissione straordinaria presieduta dal sig. Salvatore Punzo che conferì a Benito Mussolini la Cittadinanza onoraria.
 
La Cittadinanza si caratterizzò giuridicamente come una sorta di auto conferimento, certamente non si trattò di un atto amministrativo deliberato dal Consiglio comunale liberamente eletto dai Salodiani.
 
Si trattò, di fatto, di un premio deciso autonomamente da una Commissione governativa nominata dallo stesso premiando.
 
Stando così le cose, ci si deve seriamente domandare se questo riconoscimento non debba essere revocato dal Governo stesso, attraverso provvedimenti prefettizi ad hoc.
 
Il rischio, peraltro, - e da qui deriva anche l’inopportunità – è che deliberando la revoca si finisca per dare a questo “riconoscimento” una rilevanza che, di fatto, per le ragioni di cui sopra non sembra rivestire.
 
D’altra parte, proprio seguendo questo ragionamento, l’assemblea comunale di Ravenna in data 20 marzo 2014 ebbe a deliberare voto contrario alla mozione che chiedeva la revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.
 
In quell’occasione il Sindaco Fabrizio Matteucci, figlio di partigiani, lo spiegò così: “Abbiamo ritenuto che cancellare quell’errore storico non fosse giusto. E che dovesse restare: è un’occasione di riflessione sul perché il fascismo non deve tornare mai”. Meglio chiarire subito che siamo a Ravenna, città romagnola decorata con la medaglia d’oro nella lotta antifascista.
 
Ma è, soprattutto sulla legittimità di questa deliberazione che nascono molti dubbi se è vero come è vero che è stato ribadito in più occasioni che qualsivoglia onorificenza pubblica non può essere revocata post-mortem.
 
Il precedente più eclatante il tal senso è quello della mancata revoca dell’onorificenza di Cavaliere di gran Croce d’Ordine al merito della Repubblica Italiana concessa al Maresciallo Tito, responsabile della terribile vicenda delle foibe.
 
Alla richiesta del Sindaco di Calalzo e degli esuli dell’associazione Venezia Giulia e Dalmazia di cancellare l’onorificenza concessa al Maresciallo Tito perché ritenuto “indegno”, il Prefetto di Belluno ebbe a rispondere, con lettera ufficiale del 16 aprile 2013, che: “Non è ipotizzabile alcun provvedimento di revoca essendo il medesimo deceduto. Questo, perché, essendo deceduta la persona oggetto del conferimento, non è stato possibile instaurare un contradditorio. La norma prevede – prosegue il Prefetto a nome del Governo – che la persona oggetto dell’eventuale revoca debba essere preventivamente informata, onde poter presentare una memoria scritta a propria difesa”. E poi aggiunge: “La possibilità di poter revocare l’onorificenza pertanto presuppone l’esistenza in vita dell’insignito”.
 
Anche il comune di Varese, nel 2013,votò contro la revoca della Cittadinanza onoraria a B. Mussolini con le seguenti motivazioni illustrate dall’allora Sindaco Attilio Fontana che preferì non partecipare al voto, uscendo dall’aula: “Mi sembra una strumentalizzazione che non ha motivo di esistere.
La proposta di per se è inammissibile, perché non si può ritirare la cittadinanza a chi già non è più cittadino perché defunto. Il giudizio storico sulla figura di Mussolini e stato già espresso dalla storia e da tutti noi. I miei valori democratici sono visibili dai miei comportamenti, non da una votazione che non aveva senso di esistere. Anzi, credo che sia più importante discutere del nostro bilancio consuntivo”. E poi dichiarò: “Varese non è orgogliosa di questa cittadinanza, anzi, nessuno ne aveva memoria. Si è voluti andare a disseppellire un evento passato per una squallida strumentalizzazione”.
 
Ma c’è infine, un altro motivo che ha determinato la scelta di questa maggioranza di votare contro la mozione in oggetto: non si vuole ripristinare un istituto che nel diritto romano veniva definito “damnatio memoriae” ed era la condanna più severa da affliggersi a chi aveva amministrato la “res pubblica”.
 
La damnatio memoriae comprendeva il fatto che ogni statua, monumento o documento che si richiamava al condannato dovesse essere distrutto. Per cancellare la memoria. Parlando di Mussolini verrebbe la tentazione di applicare la condanna. Ma la “damnatio memoriae” ha un difetto: oggi, di molti di quei personaggi che ne furono colpiti, non sappiamo nemmeno cosa avessero fatto per meritare quella punizione, abbiamo quasi sempre stralci o quadri parziali. Insomma, se la cittadinanza venisse revocata oggi, 90 anni dopo, non avrebbe senso e rischierebbe di fare dimenticare gli errori del Ventennio fascista. La storia invece è memoria e non può essere cancellata.
 
Per tutti questi motivi l’attuale maggioranza che governa questa Città respinge la mozione proposta dal gruppo Consiliare Salò Futura».

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
05/04/2019 08:13:00
Sulla cittadinanza salodiana al duce Alcuni ex sindaci di Salò prendono posizione in merito alla recente scoperta di una cittadinanza salodiana siglta nel 1924 a Benito Mussolini. Pubblichiamo volentieri


19/06/2019 09:49:00
Sulla cittadinanza onoraria a Benito Mussolini L’Anpi Medio Garda e le associazioni della “Rete 25 aprile sempre - Garda Valsabbia” chiedono al riconfermato Sindaco di Salò, in una lettera pubblica, di mantenere l’impegno preso prima delle elezioni e discutere la mozione che chiedeva la rimozione del titolo assegnato a Mussolini 

08/04/2019 23:04:00
Verdetto rimandato Mussolini resta (per ora) cittadino onorario di Salò. La maggioranza in Consiglio ha chiesto di sospendere la mozione: «Si deciderà dopo le elezioni comunali». Rete 25 aprile prende posizione


08/04/2019 07:32:00
Il giorno del verdetto Questa sera il Consiglio comunale di Salò delibererà in merito alla richiesta del consigliere Stefano Zane di revocare la cittadinanza onoraria al duce

14/02/2020 17:22:00
Diritto di replica In merito alla scelta del Consiglio comunale salodiano di non revocare la cittadinanza onoraria conferita a Mussolini nel 1924, per l'Anpi Medio Garda ci scrive il presidente Antonio Bontempi




Altre da Salò
25/02/2020

In forma privata l'addio ad Alessandra Goffi

I funerali della donna originaria di Villanuova, venuta a mancare a soli 51 anni dopo aver lottato a lungo contro il cancro, sono stati celebrati nel giardino della casa materna a causa delle disposizioni relative al coronavirus

23/02/2020

Funerale ad Armo, solo per parenti stretti

Fra gli assembramenti pubblici contrastati dall’ordinanza regionale per ragioni di pubblica incolumità, anche i funerali. Con spiacevoli conseguenze

22/02/2020

Con la droga negli slip

I sospetti dei carabinieri della compagnia di Salò che la donna fosse dedita allo spaccio di stupefacenti si sono dissipati dopo un’approfondita perquisizione ed è scattato l’arresto

21/02/2020

«La memoria del lago»

Bellissime immagini dei ritrovamenti di relitti sui fondali del lago di Garda quelle del documentario che verrà presentato questa domenica sera, 23 febbraio, a Salò


20/02/2020

Da Bach a Beethoven. Un filo rosso sul contrappunto

A 250 anni dalla nascita di Beethoven gli Amici della Musica di Salò propongono, a cura del M° Gerardo Chimini, una lezione – concerto dedicata alle affinità tra i due grandi geni della musica

18/02/2020

Sci-abilità ed inclusione

Dal Giornale di Brescia un bell'esempio di come dovrebbero funzionare i rapporti umani, interpretando la diversità come occasione di crescita comune


18/02/2020

Vela, Eurocup 29er: equipaggio primo tra gli italiani

Leonardo Toscano e Filippo Cestari della Canottieri Garda Salò a Barcellona si sono classificati quinti nella classifica generale


17/02/2020

Vela, Casper in testa all'Autunno Inverno Salodiano

Conclusa la terza giornata del Campionato organizzato dalla Canottieri Garda. Casper, timonato da Lorenza Mariani, sale in testa alla classifica

14/02/2020

Diritto di replica

In merito alla scelta del Consiglio comunale salodiano di non revocare la cittadinanza onoraria conferita a Mussolini nel 1924, per l'Anpi Medio Garda ci scrive il presidente Antonio Bontempi


13/02/2020

Istanti di natura

Il reportage fotografico di Cristian Andreis e Cristian Ardenghi verrà presentato questa sera – giovedì 13 febbraio – a Salò nell’ambito della rassegna che il CAI dedica alla montagna

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia