Skin ADV
Mercoledì 19 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Rododendro nano

Rododendro nano

di Clementino Ferrari



17.06.2019 Garda

17.06.2019 Gavardo Vallio Terme

17.06.2019 Idro Vobarno Valsabbia

18.06.2019 Anfo

18.06.2019 Vobarno Valsabbia Garda Valtenesi

17.06.2019 Vobarno

18.06.2019 Vobarno Valsabbia Provincia

18.06.2019 Vestone Casto

17.06.2019 Sabbio Chiese Valsabbia

18.06.2019 Garda Valtenesi



14 Giugno 2019, 08.07
Gavardo Valsabbia Garda
Lettere

La voce gavardese del PD

di Gino Toffolo
Il Circolo del Partito Democratico di Gavardo picchia duro sul ruolo fin qui avuto nella partita del depuratore gardesano dal presidente della Provincia: "Arrogante e inadempiente, è ora che se ne vada".

La sconcertante presa di posizione, relativa alla localizzazione del megadepuratore del Garda, da parte del Presidente della Provincia, apparsa sulla stampa sabato scorso, non ha sorpreso e tanto meno messo in difficoltà, checchè se ne pensi, i tanti gavardesi che si riconoscono nel Partito Democratico.

Fin dal suo avvio, infatti, nell’autunno scorso, questa ben orchestrata manovra mirante a insediare a Gavardo il megadepuratore a servizio della sponda occidentale del Garda, è stata subito smascherata (per i “poteri forti” che orbitano intorno alla Provincia doveva rimanere segreta fino al momento in cui sarebbe stata irreversibile), poi analizzata, approfondita e contestata in varie occasioni ed a vari livelli, compreso quello politico, tanto da dover essere messa in letargo per non turbare la contesa elettorale.

Ma, come ci si aspettava, passate le elezioni, la tenaglia su Gavardo ricomincia a stringersi e l’attuale Presidente della Provincia, fedele al compito di blindare il progetto piuttosto che di conoscere i territori e incontrare quelli che vi abitano, si esibisce nella prima muscolare intervista sul problema, cui fa eco – quando si dice la combinazione – la ineffabile Presidentessa della Comunità del Garda.

Ma i valsabbini, anche se non hanno la vista-lago, non sono gonzi e non dimenticano che, poco prima della pausa elettorale, il Presidente della Provincia aveva preso l’impegno, davanti all’Assessore Regionale all’Ambiente e ai consiglieri regionali bresciani, di avviare un tavolo di consultazione con i territori coinvolti nella annosa vicenda: compito totalmente disatteso.

Nasce quindi il sospetto che oltre all’incapacità, non certo velata dall’arroganza, al Presidente della Provincia non faccia difetto nemmeno una certa dose di pavidità: come spiegarsi infatti che in tutti questi mesi egli sia riuscito per ben due volte a recarsi sul Garda a lisciare il pelo ai “Sindaci vista-lago” e si sia invece sempre tenuto ben lontano da Gavardo e dal Chiese, vittime predestinate - forse per questo indegne dei suoi sforzi - di un progetto di cui non è in alcun modo possibile discutere?

Ma tanto è inutile tornare qui a ripetere le mille ragioni addotte a confutazione del progetto, ragioni che svelano la sostanza di questo disegno, che altro non è che un maldestro scaricabarile messo in campo da personaggi di vario colore, che per decenni hanno assistito inerti alla cementificazione del territorio in riva al lago, hanno incassato e scialato milioni su milioni di oneri di urbanizzazione, di tasse di soggiorno, di imposte sugli immobili, senza mai però destinare una lira (un euro) per affrontare il problema depurazione, reperire un’area, elaborare un’idea, insomma per assumersi la responsabilità di dire dove e come avrebbero dovuto essere gestiti i reflui di cotanti insediamenti.

Per contro Gavardo, come sempre e a maggior ragione oggi con la nuova amministrazione, opererà per difendere fino in fondo il suo territorio, soprattutto quello pregiato su cui si vogliono mettere le mani, nello stesso momento in cui deliberatamente vengono ignorati i numerosi siti degradati o dismessi presenti nei Comuni “vista lago”, dove si potrebbe appunto localizzare il megadepuratore.

Ora più che mai è indispensabile poter riaprire il confronto
con interlocutori capaci, seri e leali: il contrario di quanto fin qui espresso dal Presidente della Provincia, di cui auspichiamo quindi, con la massima convinzione, le dimissioni da un incarico ricoperto con tanta superficialità, nella speranza che anche i suoi eventuali “avvocati difensori” politici lo consiglino in tal senso.

13 giugno 2019
p. il Circolo del Partito Democratico di Gavardo
Gino Toffolo


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80783 - 14/06/2019 10:09:03 (Filippo Grumi) bene
Si apprende che almeno per Gavardo PD non vuol dire Pro Depuratore mentre resta adatto per il Presidente della Provincia che PD voglia dire Poco Democratico.


ID80786 - 14/06/2019 17:21:48 (alfo70) sig
Caspita ,dove eravate finiti fino a pochi giorni fa?? Sperando che questa amministrazione vi ascolti,visto che sono civici e non appartenenze politiche .Alfonso


ID80787 - 14/06/2019 19:35:40 (Valle) E tutti gli altri?
Dove sono finiti tutti gli altri?


ID80788 - 14/06/2019 20:33:48 (genpep)
il PD: tutto e il contrario di tutto...


ID80789 - 14/06/2019 22:07:00 (Geppo1950) comodo nò
Quelli del PD si espongono, la nuova giunta si espone, ma la minoranza che chiedeva voti per non avere il depuratore cosa dice, o ha già detto tutto ?????


ID80790 - 15/06/2019 07:56:41 (piccoli) Geppo
Non serve a nulla buttarla sulla distinzione politica. E per di più Marco Molinari nel primo consiglio comunale ha dichiarato la ferma contrarietà all"ipotesi del mega depuratore a Gavardo da parte della minoranza. Come ha detto il neo sindaco dobbiamo essere uniti, prima di tutto noi gavardesi, come tutti i valsabbini e gli abitanti dei comuni lungo L"asta del fiume Chiese. Quindi la tua considerazione é inutile e sterile. Pensa a chi é il vero “nemico” da combattere: la provincia, la comunità del Garda e L"ATO. Hai detto niente!


ID80822 - 17/06/2019 18:31:15 (alfo70) sig
evidentemente il sig. Geppo era distratto ,la colpa era della cassa che non funzionava e ha dato poco peso all'intervento del capogruppo della minoranza. L'eta' avanza. Che delusione.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
10/06/2019 10:04:00
Gestione acque fra Garda e Valsabbia: i desiderata di Legambiente Il Circolo Legambiente Brescia Est dice la sua sull'ipotesi di realizzare un depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari. E non solo


12/03/2019 16:42:00
«Depuratore del Garda a Gavardo? La responsabilità morale è di Alghisi» Nulla di fatto a Palazzo Broletto col Presidente della Provincia che ai Comitati ambientalisti avrebbe risposto di ritenersi mediatore solo a progetto approvato


09/09/2009 07:56:00
Lavoro, finanza e impresa. Serata partecipata e particolarmente interessante, per gli argomenti trattati e per le presenze illustri, quella organizzata dal partito democratico valsabbino che ha avuto luogo l’altra sera a Gavardo.

11/12/2018 08:00:00
Quale depuratore per il Garda? Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia

03/02/2019 09:56:00
Un depuratore «per» il Garda Gentilissimo Direttore, con la presente sono a condividere con Lei e con i suoi lettori la mia grande preoccupazione per la piega che ha ormai assunto il dibattito attorno al tema della depuratore “per il Garda” (non del depuratore “del Garda”!)...



Altre da Valsabbia
18/06/2019

Cinghiali abbattuti, otto a giudizio

Devono rispondere a vario titolo di inquinamento ambientale, peculato, uccisione ingiustificata di animali e macellazione abusiva. Fra loro anche l’ex presidente della Provincia Mottinelli e l’ex comandante della Provinciale Caromani (1)

18/06/2019

«No food no event!»

In uno slogan ecco la “filosofia” di Ambra Marca, fondatrice di InScena: azienda bresciana dal "dna" valsabbino, specializzata in organizzazione eventi e catering

18/06/2019

A lezione in azienda

Una “full immersion” nella tecnologia applicata ai più alti livelli, quella che, per tre giornate, gli studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia, hanno potuto vivere alla Samac di Vobarno

17/06/2019

Caseificio: approvato il bilancio 2018

Nelle scorse settimane, l’Assemblea del Caseificio Sociale Valsabbino di Sabbio Chiese ha approvato l’esercizio 2018. VIDEO


17/06/2019

Intervista al preside

Noi della redazione del Perlasca di Idro, visto che quest’anno scolastico è per il professor Antonio Butturini l’ultimo e che fra pochi mesi potrà godersi la meritata pensione, l'abbiamo intervistato


17/06/2019

La condropatia rotulea

La condropatia rotulea è una condizione patologica che interessa l'articolazione del ginocchio ed indica una sofferenza del tessuto cartilagineo attorno all'osso

16/06/2019

Meno male che un prete c'è!

Grande festa oggi a Gavardo. Il novello sacerdote don Luca Pernici celebrerà la sua prima Messa nel paese dove si è fatto apprezzare come diacono. Seguiranno pranzo all’oratorio, incontro conviviale e Vespri (2)

15/06/2019

Due nuovi capisquadra

Il distaccamento dei Vigili del fuoco di Vestone da qualche giorno è forte di due capisquadra in più, che andranno a dare manforte a quelli già presenti (1)

14/06/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ecco una selezione degli appuntamenti in programma per il fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda e in provincia a cura del nostro Spaccadischi in versione estiva

14/06/2019

E la Regione?

«Chi ha rappresentato Regione Lombardia in occasione del vertice romano sulla depurazione del Garda?». Se lo chiede il Consigliere Gianantonio Girelli, che nel merito ha presentato un'interrogazione


Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia