Skin ADV
Giovedì 05 Marzo 2015
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
 



03.03.2015 Villanuova s/C

04.03.2015 Gavardo Salò

03.03.2015 Sabbio Chiese Gavardo Garda

03.03.2015 Preseglie

05.03.2015 Vobarno

03.03.2015 Pertica Bassa Pertica Alta

03.03.2015 Idro

05.03.2015 Vobarno

03.03.2015 Salò

04.03.2015 Giudicarie Storo






10 Dicembre 2012, 08.40

Punti di Vista

La corrente più cara d'Europa

di Aldo Vaglia
Regaliamo 500 milioni all'anno di corrente alla Francia e abbiamo la bolletta più cara di tutti i paesi europei...5000 megawatt di flessibilità vengono forniti gratis dall'Italia ai paesi limitrofi, soprattutto alla Francia (dati Sorgenia)

Le fonti rinnovabili non sono programmabili, quando si fermano hanno bisogno di avere centrali pronte a sostituirne la produzione.
Se partiamo dal presupposto che: ciò che è meglio sul piano ecologico lo è anche sul piano economico, possiamo considerare i ritardi e le non scelte in campo energetico, principalmente quelle sul  nucleare, come vantaggi.
Se lo stesso criterio lo usiamo per uscire dalla crisi sperando che si risolva da sola finiremo però ai margini dei paesi che contano.

Oltre che sulle energie arriviamo in ritardo, sui trasporti e sull’industria della mobilità futura, (la fiat è stata capace nel passato di trasformarsi, oggi sembra aver perso la bussola).
Siamo in ritardo nella costruzione e ristrutturazione di case a risparmio energetico, lo siamo sull’uso qualitativo del territorio, sullo sviluppo di una moderna agricoltura multifunzionale e biologica, sul commercio a filiera corta, sulla conservazione di beni culturali, artistici architettonici, sul turismo.
 
Se l’inattività ci ha qualche volta salvato dal degrado e dalla speculazione, non può certo essere l’alibi per non affrontare i problemi dello sviluppo. Chi sceglie è soggetto a sbagliare, ma i continui rinvii non possono che produrre povertà, e nella miseria non c’è spazio per godere nemmeno del bello.
Il caso della corrente è emblematico per capire come l’incapacità a valorizzare le nostre risorse sia l’elemento di maggiore preoccupazione per credere nella rinascita del nostro paese.
La cura dell’orticello corporativo, la mediocrità individualistica, prevale sulle questioni nazionali e sull’interesse collettivo.

La condizione eccellente in cui si trova il mix elettrico italiano potrebbe, se il nostro paese fosse in grado di far valere il proprio peso politico, garantire il minor prezzo in bolletta di tutta Europa.
In Italia quasi la metà della domanda media, oltre 15000 su 40000 megawatt viene prodotta da rinnovabili, uno dei punti deboli di questa energia è che non è programmabile, e che è soggetta agli eventi.
Ci vogliono allora impianti in grado di mettere in produzione almeno 15.000 megawatt in tempi brevissimi e gli unici che possono farlo sono quelli alimentati a gas.
Non certo il nucleare o il carbone.
L’Italia per far fronte a queste esigenze è la meglio posizionata d’Europa è quella che consuma meno combustibile per unità di prodotto è quella più flessibile per l’alta presenza di centrali a ciclo combinato.

La Germania con le centrali a carbone (il nucleare è in smantellamento) e la Francia con la sua rigidità produttiva dovuta alle centrali nucleari, sono a corto di impianti capaci di garantire la flessibilità necessaria a colmare i cali di produzione ed ad assorbire gli eccessi, per far fronte a questi problemi Germania e Francia si rivolgono all’Italia.
Il centro e il nord Europa può chiederci di salire e scendere nella produzione e noi lo facciamo perché il nostro sistema ce lo consente, ma questo servizio viene dato gratis.
 
Una centrale progettata in Bretagna per svolgere la stessa funzione che svolge l’Italia costa alla Francia 500 milioni all’anno, se venisse pagato il dovuto all’Italia la nostra bolletta potrebbe essere più leggera.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID25741 - 10/12/2012 21:00:17 (ibisco) ALLIBITO
Vorrei che questa notizia non fosse vera... regaliamo corrente ad altre nazioni e a noi continuano ad aumentare le bollette, allibito e' l'unica parola pubblicabile che mi viene da dire!!!


ID25742 - 10/12/2012 22:32:16 (sonia.c) voglio farle compagnia con il mio commento..
e ringraziare il signor Vaglia.per il suo "stoicissimo" e ostinato impegno, nel cercare di stimolare discussioni su argomenti importanti e "pratici"..saluti!


ID25743 - 10/12/2012 22:41:46 (sonia.c) ma forse non c'è niente da discutere..
solo informarsi bene, prima di votare ,su chi potrebbe cambiare concretamente questo stato di cose ....gli alieni??


ID25751 - 11/12/2012 00:07:18 (ibisco) Si forse gli alieni
Credo proprio di si, l'unica speranza sono gli alieni visto il 'nuovo' che e' rientrato in campo!!!!


ID25773 - 11/12/2012 15:24:39 (mark) nessuna sorpresa
dobbiamo foraggiare questi criminali e pagare i cip6 ai petrolieri come Moratti


ID26085 - 20/12/2012 14:26:27 (GGA) MMMMMMMMMMMMMMMMMM::::::::::
informarsi su chi votare? bha sicuramente informarsi su chi NON votare c'è l'imbarazzo delle scelta credo.............................................Fa bene Aldo a trattare temi concreti, informazione meglio di questa non esiste.Aldo , ti faccio una domanda, ma pensi che hai nostri carissimi rappresentanti interessi qualcosa?..................Almeno una piccola provocazione la lancio anchio.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2012 07:02:00
Cip 6: incentivo alle rinnovabili o truffa? Paghiamo la corrente più cara di tutta Europa, il 7% del costo è per gli incentivi, 35 miliardi di euro finiti nelle tasche di chi gestisce gli inceneritori.

20/12/2007 00:00:00
Bilancio assestato, investimento raddoppiato Roè Volciano ha approvato entro la fine di novembre l’assestamento di bilancio alla luce dei dati forniti dall’assessore Giuliano Scarpellini. Nulla da segnalare per quanto riguarda la spesa corrente, attestata sui tre milioni di euro.

04/06/2014 07:24:00
Un gardesano a Porta Pia Verrà presentato questo giovedì alle 20.30 in biblioteca a Vobarno il libro «Un Gardesano a Porta Pia - Carlo Turina 1844-1870» di di Roberto Maggi. Per l'occasione Interverrà anche Marcello Zane, editore, giornalista e storico locale


21/11/2009 08:00:00
La resistenza agli antibiotici L'Italia è tra i Paesi europei nei quali la resistenza agli antibiotici è più diffusa secondo i dati del Centri Europei per il Controllo delle Malattie

04/04/2013 07:00:00
Quasi tutti laureati i 5 Stelle Un'indagine dell'Ocse che ha sondato le competenze degli adulti tra i 16 e i 65 anni in sette paesi: Bermuda, Canada, Italia, Norvegia, Svizzera, Usa, Messico



Altre da Economia e Lavoro
05/03/2015

Un ponte fra le generazioni

Aib e Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto un accordo finalizzato a offrire nuove opportunità occupazionali ai giovani in una prospettiva di solidarietà intergenerazionale.

02/03/2015

InterLabor, trampolino di lancio per entrare nel mondo del lavoro

Al via la terza edizione del progetto della Cassa Rurale che promuove stage all’estero grazie alla partnership di alcune aziende del territorio

26/02/2015

Crisi Sapes, muro contro muro

Dall’azienda fanno sapere che il piano di ristrutturazione, per altro ancora in fase di approvazione, potrebbe non essere rispettato (13)

26/02/2015

A gennaio cresce la produzione industriale

Dopo una fine d’anno caratterizzata da un andamento negativo della produzione, per la manifattura bresciana il 2015 - secondo il Centro studi di Associazione Industriale Bresciana - inizia con un abbrivio positivo, favorito da una serie di fattori, tra cui la debolezza dell’euro e i bassi costi delle materie prime energetiche

26/02/2015

Casa Londra, Berlino e ora anche Barcellona

Anche la città catalana rientra da quest’anno fra le mete dove poter usufruire delle 70 occasioni di studio e lavoro messe a disposizione dalla Cassa Rurale in tre capitali europee

26/02/2015

Prospettive di lavoro in casa Waris

La Waris fotovoltaica solar system, che ha sede in località Sorino tra gli abitati di Condino e Storo, riesce ancora a garantire prospettive di lavoro e anzi ad assumere (1)

25/02/2015

Termine ultimo per integrare

Ultimi posti disponibili per la partecipazione ai corsi integrativi che validano la formazione pregressa effettuata ed abilitano all’utilizzo delle attrezzature previste dall’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012. Una proposta di Ellegi Service

25/02/2015

Giovani imprese

Con EDIL B.S. l’edilizia bresciana si arricchisce di una nuova giovane impresa

23/02/2015

Formazione, lavoro e sicurezza

Ultimi posti disponibili per la partecipazione ai corsi integrativi che validano la formazione pregressa effettuata ed abilitano all’utilizzo delle attrezzature previste dall’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012. Una proposta di Ellegi Service.

21/02/2015

Cala il reddito dei valsabbini

Sono di Roè Volciano i contribuenti valsabbini che hanno dichiarato di più nell’ultima dichiarazione dei redditi secondo uno studio della Camera del lavoro di Brescia. Redditi in calo di oltre il 18% rispetto al periodo pre-crisi (1)

Eventi

<<Marzo 2015>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia