Skin ADV
Sabato 25 Ottobre 2014
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
 

 
L'autore di questi post risponde personalmente di quanto esprime nello spazio che vallesabbianews.it gli ha messo a disposizione.
 
In nessun caso le sue opinioni sono da considerare espressione della linea editoriale del giornale.
 
Ogni post è commentabile da chi sia regolarmente registrato. Ai lettori si chiede di intervenire entrando nel merito delle questioni affrontate.
 
La redazione di vallesabbianews.it si riserva il diritto di modificare o di rendere invisibili i commenti giudicati non idonei o parti di essi.



 

Santo Stefano (Imperia)

Santo Stefano (Imperia)

di Enrico Brunori



23.10.2014 Sabbio Chiese

23.10.2014 Vestone

23.10.2014 Idro Barghe

23.10.2014 Vobarno

23.10.2014 Giudicarie Storo

24.10.2014 Odolo Preseglie

23.10.2014 Gavardo

23.10.2014 Provincia

23.10.2014 Barghe

24.10.2014 Prevalle





10 Dicembre 2012, 08.40

Punti di Vista

La corrente più cara d'Europa

di Aldo Vaglia
Regaliamo 500 milioni all'anno di corrente alla Francia e abbiamo la bolletta più cara di tutti i paesi europei...5000 megawatt di flessibilità vengono forniti gratis dall'Italia ai paesi limitrofi, soprattutto alla Francia (dati Sorgenia)

Le fonti rinnovabili non sono programmabili, quando si fermano hanno bisogno di avere centrali pronte a sostituirne la produzione.
Se partiamo dal presupposto che: ciò che è meglio sul piano ecologico lo è anche sul piano economico, possiamo considerare i ritardi e le non scelte in campo energetico, principalmente quelle sul  nucleare, come vantaggi.
Se lo stesso criterio lo usiamo per uscire dalla crisi sperando che si risolva da sola finiremo però ai margini dei paesi che contano.

Oltre che sulle energie arriviamo in ritardo, sui trasporti e sull’industria della mobilità futura, (la fiat è stata capace nel passato di trasformarsi, oggi sembra aver perso la bussola).
Siamo in ritardo nella costruzione e ristrutturazione di case a risparmio energetico, lo siamo sull’uso qualitativo del territorio, sullo sviluppo di una moderna agricoltura multifunzionale e biologica, sul commercio a filiera corta, sulla conservazione di beni culturali, artistici architettonici, sul turismo.
 
Se l’inattività ci ha qualche volta salvato dal degrado e dalla speculazione, non può certo essere l’alibi per non affrontare i problemi dello sviluppo. Chi sceglie è soggetto a sbagliare, ma i continui rinvii non possono che produrre povertà, e nella miseria non c’è spazio per godere nemmeno del bello.
Il caso della corrente è emblematico per capire come l’incapacità a valorizzare le nostre risorse sia l’elemento di maggiore preoccupazione per credere nella rinascita del nostro paese.
La cura dell’orticello corporativo, la mediocrità individualistica, prevale sulle questioni nazionali e sull’interesse collettivo.

La condizione eccellente in cui si trova il mix elettrico italiano potrebbe, se il nostro paese fosse in grado di far valere il proprio peso politico, garantire il minor prezzo in bolletta di tutta Europa.
In Italia quasi la metà della domanda media, oltre 15000 su 40000 megawatt viene prodotta da rinnovabili, uno dei punti deboli di questa energia è che non è programmabile, e che è soggetta agli eventi.
Ci vogliono allora impianti in grado di mettere in produzione almeno 15.000 megawatt in tempi brevissimi e gli unici che possono farlo sono quelli alimentati a gas.
Non certo il nucleare o il carbone.
L’Italia per far fronte a queste esigenze è la meglio posizionata d’Europa è quella che consuma meno combustibile per unità di prodotto è quella più flessibile per l’alta presenza di centrali a ciclo combinato.

La Germania con le centrali a carbone (il nucleare è in smantellamento) e la Francia con la sua rigidità produttiva dovuta alle centrali nucleari, sono a corto di impianti capaci di garantire la flessibilità necessaria a colmare i cali di produzione ed ad assorbire gli eccessi, per far fronte a questi problemi Germania e Francia si rivolgono all’Italia.
Il centro e il nord Europa può chiederci di salire e scendere nella produzione e noi lo facciamo perché il nostro sistema ce lo consente, ma questo servizio viene dato gratis.
 
Una centrale progettata in Bretagna per svolgere la stessa funzione che svolge l’Italia costa alla Francia 500 milioni all’anno, se venisse pagato il dovuto all’Italia la nostra bolletta potrebbe essere più leggera.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID25741 - 10/12/2012 21:00:17 (ibisco) ALLIBITO
Vorrei che questa notizia non fosse vera... regaliamo corrente ad altre nazioni e a noi continuano ad aumentare le bollette, allibito e' l'unica parola pubblicabile che mi viene da dire!!!


ID25742 - 10/12/2012 22:32:16 (sonia.c) voglio farle compagnia con il mio commento..
e ringraziare il signor Vaglia.per il suo "stoicissimo" e ostinato impegno, nel cercare di stimolare discussioni su argomenti importanti e "pratici"..saluti!


ID25743 - 10/12/2012 22:41:46 (sonia.c) ma forse non c'è niente da discutere..
solo informarsi bene, prima di votare ,su chi potrebbe cambiare concretamente questo stato di cose ....gli alieni??


ID25751 - 11/12/2012 00:07:18 (ibisco) Si forse gli alieni
Credo proprio di si, l'unica speranza sono gli alieni visto il 'nuovo' che e' rientrato in campo!!!!


ID25773 - 11/12/2012 15:24:39 (mark) nessuna sorpresa
dobbiamo foraggiare questi criminali e pagare i cip6 ai petrolieri come Moratti


ID26085 - 20/12/2012 14:26:27 (GGA) MMMMMMMMMMMMMMMMMM::::::::::
informarsi su chi votare? bha sicuramente informarsi su chi NON votare c'è l'imbarazzo delle scelta credo.............................................Fa bene Aldo a trattare temi concreti, informazione meglio di questa non esiste.Aldo , ti faccio una domanda, ma pensi che hai nostri carissimi rappresentanti interessi qualcosa?..................Almeno una piccola provocazione la lancio anchio.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2012 07:02:00
Cip 6: incentivo alle rinnovabili o truffa? Paghiamo la corrente più cara di tutta Europa, il 7% del costo è per gli incentivi, 35 miliardi di euro finiti nelle tasche di chi gestisce gli inceneritori.

20/12/2007 00:00:00
Bilancio assestato, investimento raddoppiato Roè Volciano ha approvato entro la fine di novembre l’assestamento di bilancio alla luce dei dati forniti dall’assessore Giuliano Scarpellini. Nulla da segnalare per quanto riguarda la spesa corrente, attestata sui tre milioni di euro.

04/06/2014 07:24:00
Un gardesano a Porta Pia Verrà presentato questo giovedì alle 20.30 in biblioteca a Vobarno il libro «Un Gardesano a Porta Pia - Carlo Turina 1844-1870» di di Roberto Maggi. Per l'occasione Interverrà anche Marcello Zane, editore, giornalista e storico locale


21/11/2009 08:00:00
La resistenza agli antibiotici L'Italia è tra i Paesi europei nei quali la resistenza agli antibiotici è più diffusa secondo i dati del Centri Europei per il Controllo delle Malattie

04/04/2013 07:00:00
Quasi tutti laureati i 5 Stelle Un'indagine dell'Ocse che ha sondato le competenze degli adulti tra i 16 e i 65 anni in sette paesi: Bermuda, Canada, Italia, Norvegia, Svizzera, Usa, Messico



Altre da Punti di vista
08/10/2014

Vandana Shiva, come Oscar Giannino?

Vanta titoli che non  possiede, spaccia  Master per Dottorati,  è laureata in filosofia e non in fisica; è il duro attacco del giornale americano “New Yorker” alla passionaria indiana della lotta agli OGM. Dipinta come una ciarlatana non scientifica (10)

19/08/2014

Biologico ed Ecologico, due truffe lessicali

Su serie questioni di risparmi e di produzione di energie alternative, che non dovrebbero vedere fronti contrapposti, si innescano  polemiche strumentali sull’uso disinvolto di due parole: biologico ed ecologico (10)

05/08/2014

Egoisti ed Egocentrici

Entrambi i termini dovrebbero avere connotazioni negative, tanto da essere il più delle volte assimilati,  ma Claudio Magris sul “Corriere della Sera” salva gli egoisti e condanna gli egocentrici (20)

30/07/2014

Il meglio è nemico del bene!

Fare bene le cose senza pretendere l’ottimo e la perfezione è la morale di questo aforisma di Voltaire. Perché e’ impossibile vivere nel migliore dei mondi, si può solo “coltivare il nostro giardino” (9)

16/07/2014

Come sono diventato comunista

«… Il 22 Giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista…il risultato non contava, la questione di principio era battere quegli altri per dimostrare una volta per tutte chi fosse il più forte…» (46)

08/06/2014

I cinesi e il lago d'Idro

Spianare le montagne è  stata nei secoli l’aspirazione dell’uomo. Poeti e bambini sono di parere diverso: “sempre caro mi fu quest’ermo colle…” è l’incipit del poeta; favole e ricordi più belli dei bambini, hanno sempre a protagonisti boschi e montagne (7)

30/05/2014

Il Lago è Salvo?

Si è votato in tutta la valle e la maggior parte delle amministrazioni uscenti è stata riconfermata. Il cappello sulla vittoria di Nabaffa a Idro, l’hanno voluto mettere quelli che si autodefiniscono: “I salvatori del lago”. Chissà se questo porterà fortuna al Sindaco? (62)

16/05/2014

Facebook a mia insaputa

Mi trovo coinvolto , a mia insaputa (non come Scajola che qualcosa ci ha guadagnato), in un equivoco che dire stravagante, è una definizione benevola (28)

23/04/2014

Il Lago e le due verità

Non aggiungerò un’altra verità a quelle che già ci sono, il mio rimane un”punto di vista”. (24)

30/03/2014

Europa Sì! Europa No!

Ciò che si può nascondere in Italia diventa evidente quando si esce dai confini nazionali.
Quali compagni di strada si  troveranno i populismi nel parlamento europeo è facile da prevedere ed immaginare. (96)

Eventi

<<Ottobre 2014>>
LMMGSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia