Skin ADV
Venerdì 20 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 

MAGAZINE


LANDSCAPE




18.10.2017 Vobarno Gavardo Vallio Terme Serle

18.10.2017 Provincia

18.10.2017 Roè Volciano

18.10.2017 Odolo

19.10.2017 Bagolino

18.10.2017 Vestone Vobarno Valsabbia

19.10.2017 Gavardo

20.10.2017 Vobarno

20.10.2017 Bagolino Anfo

18.10.2017 Vobarno Valsabbia Giudicarie Garda Valtenesi






10 Dicembre 2012, 08.40

Punti di Vista

La corrente più cara d'Europa

di Aldo Vaglia
Regaliamo 500 milioni all'anno di corrente alla Francia e abbiamo la bolletta più cara di tutti i paesi europei...5000 megawatt di flessibilità vengono forniti gratis dall'Italia ai paesi limitrofi, soprattutto alla Francia (dati Sorgenia)

Le fonti rinnovabili non sono programmabili, quando si fermano hanno bisogno di avere centrali pronte a sostituirne la produzione.
Se partiamo dal presupposto che: ciò che è meglio sul piano ecologico lo è anche sul piano economico, possiamo considerare i ritardi e le non scelte in campo energetico, principalmente quelle sul  nucleare, come vantaggi.
Se lo stesso criterio lo usiamo per uscire dalla crisi sperando che si risolva da sola finiremo però ai margini dei paesi che contano.

Oltre che sulle energie arriviamo in ritardo, sui trasporti e sull’industria della mobilità futura, (la fiat è stata capace nel passato di trasformarsi, oggi sembra aver perso la bussola).
Siamo in ritardo nella costruzione e ristrutturazione di case a risparmio energetico, lo siamo sull’uso qualitativo del territorio, sullo sviluppo di una moderna agricoltura multifunzionale e biologica, sul commercio a filiera corta, sulla conservazione di beni culturali, artistici architettonici, sul turismo.
 
Se l’inattività ci ha qualche volta salvato dal degrado e dalla speculazione, non può certo essere l’alibi per non affrontare i problemi dello sviluppo. Chi sceglie è soggetto a sbagliare, ma i continui rinvii non possono che produrre povertà, e nella miseria non c’è spazio per godere nemmeno del bello.
Il caso della corrente è emblematico per capire come l’incapacità a valorizzare le nostre risorse sia l’elemento di maggiore preoccupazione per credere nella rinascita del nostro paese.
La cura dell’orticello corporativo, la mediocrità individualistica, prevale sulle questioni nazionali e sull’interesse collettivo.

La condizione eccellente in cui si trova il mix elettrico italiano potrebbe, se il nostro paese fosse in grado di far valere il proprio peso politico, garantire il minor prezzo in bolletta di tutta Europa.
In Italia quasi la metà della domanda media, oltre 15000 su 40000 megawatt viene prodotta da rinnovabili, uno dei punti deboli di questa energia è che non è programmabile, e che è soggetta agli eventi.
Ci vogliono allora impianti in grado di mettere in produzione almeno 15.000 megawatt in tempi brevissimi e gli unici che possono farlo sono quelli alimentati a gas.
Non certo il nucleare o il carbone.
L’Italia per far fronte a queste esigenze è la meglio posizionata d’Europa è quella che consuma meno combustibile per unità di prodotto è quella più flessibile per l’alta presenza di centrali a ciclo combinato.

La Germania con le centrali a carbone (il nucleare è in smantellamento) e la Francia con la sua rigidità produttiva dovuta alle centrali nucleari, sono a corto di impianti capaci di garantire la flessibilità necessaria a colmare i cali di produzione ed ad assorbire gli eccessi, per far fronte a questi problemi Germania e Francia si rivolgono all’Italia.
Il centro e il nord Europa può chiederci di salire e scendere nella produzione e noi lo facciamo perché il nostro sistema ce lo consente, ma questo servizio viene dato gratis.
 
Una centrale progettata in Bretagna per svolgere la stessa funzione che svolge l’Italia costa alla Francia 500 milioni all’anno, se venisse pagato il dovuto all’Italia la nostra bolletta potrebbe essere più leggera.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID25741 - 10/12/2012 21:00:17 (ibisco) ALLIBITO
Vorrei che questa notizia non fosse vera... regaliamo corrente ad altre nazioni e a noi continuano ad aumentare le bollette, allibito e' l'unica parola pubblicabile che mi viene da dire!!!


ID25742 - 10/12/2012 22:32:16 (sonia.c) voglio farle compagnia con il mio commento..
e ringraziare il signor Vaglia.per il suo "stoicissimo" e ostinato impegno, nel cercare di stimolare discussioni su argomenti importanti e "pratici"..saluti!


ID25743 - 10/12/2012 22:41:46 (sonia.c) ma forse non c'è niente da discutere..
solo informarsi bene, prima di votare ,su chi potrebbe cambiare concretamente questo stato di cose ....gli alieni??


ID25751 - 11/12/2012 00:07:18 (ibisco) Si forse gli alieni
Credo proprio di si, l'unica speranza sono gli alieni visto il 'nuovo' che e' rientrato in campo!!!!


ID25773 - 11/12/2012 15:24:39 (mark) nessuna sorpresa
dobbiamo foraggiare questi criminali e pagare i cip6 ai petrolieri come Moratti


ID26085 - 20/12/2012 14:26:27 (GGA) MMMMMMMMMMMMMMMMMM::::::::::
informarsi su chi votare? bha sicuramente informarsi su chi NON votare c'è l'imbarazzo delle scelta credo.............................................Fa bene Aldo a trattare temi concreti, informazione meglio di questa non esiste.Aldo , ti faccio una domanda, ma pensi che hai nostri carissimi rappresentanti interessi qualcosa?..................Almeno una piccola provocazione la lancio anchio.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/02/2012 07:02:00
Cip 6: incentivo alle rinnovabili o truffa? Paghiamo la corrente più cara di tutta Europa, il 7% del costo è per gli incentivi, 35 miliardi di euro finiti nelle tasche di chi gestisce gli inceneritori.

20/12/2007 00:00:00
Bilancio assestato, investimento raddoppiato Roè Volciano ha approvato entro la fine di novembre l’assestamento di bilancio alla luce dei dati forniti dall’assessore Giuliano Scarpellini. Nulla da segnalare per quanto riguarda la spesa corrente, attestata sui tre milioni di euro.

30/04/2017 08:48:00
L'egemonia del diesel in Europa è al termine? Germania, Spagna, Francia... la tecnologia del motore a gasolio perde quota in tutti i paesi. Un rompicapo economico per i costruttori

21/11/2009 08:00:00
La resistenza agli antibiotici L'Italia è tra i Paesi europei nei quali la resistenza agli antibiotici è più diffusa secondo i dati del Centri Europei per il Controllo delle Malattie

11/08/2016 08:00:00
Il gemellaggio per rilanciare l'appartenenza europea Assume nuovi significati quest’anno il viaggio in Francia, a Trébeurden, dei cittadini villanovesi: un’occasione per rilanciare dal basso lo spirito europeo



Altre da Economia e Lavoro
19/10/2017

La ripresa c'è ma non per tutti

I dati macroeconomici registrano il segno più anche in Valle Sabbia ma con differenze nei diversi comparti produttivi

18/10/2017

Borsa di studio... e di ricerca

Poliambulatori Santa Maria, giovani laureati al centro dell'attenzione: 5.000 euro di premio alla migliore idea dì sviluppo delle professioni sanitarie. E' la borsa di studio "Gianna Bergomi". E la struttura cresce, con nuovi spazi dedicati agli ambulatori


18/10/2017

Valsir, modelli BIM senza rivali

Produrre l’eccellenza non è più sufficiente. Oggi serve che gli oggetti ben fatti possano essere facilmente inseriti nei programmi di progettazione più complessi. Anche qui è Valsir Spa a fare scuola

17/10/2017

Nasce la newco Orange1 Foundry

L’impianto di Sabbio Chiese delle Industrie Pasotti è confluito ieri nella bellunese Orange1 Holding, con il passaggio di 214 lavoratori

17/10/2017

L'Alco, per la logistica c'è Italtrans

Il polo prevallese de L'Alco, insieme a quello di Rovato, sarà smantellato entro la fine dell’anno. Si studia una soluzione per il trasferimento dei lavoratori coinvolti alla società Italtrans

16/10/2017

Le agevolazioni di «Industria 4.0»

Nel tardo pomeriggio di oggi presso la sede di Banca Valsabbina a Vestone un incontro dedicato agli strumenti finanziari e fiscali relativi agli investimenti in innovazione tecnologica

16/10/2017

Buon compleanno

50 anni di Marvon, 30 di Valsir e 25 di Oli. Il patron Andrea Niboli, con la sua grande famiglia, sabato scorso ha festeggiato alla grande

14/10/2017

I talenti di «Best» già al lavoro in azienda

Con il progetto dei Giovani Aib sette neodiplomati hanno iniziato la loro prima esperienza di lavoro in altrettante aziende bresciane

13/10/2017

Class action Cna contro il cartello dei produttori di camion

Ci sono anche numerose imprese dell'autotrasporto bresciano fra le aziende che hanno aderito alla class action promossa da Cna contro il cartello dei 6 produttori di autocarri europei

12/10/2017

Percorsi formativi: 80 mila euro dalla Rurale

La Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella investe nella realizzazione di progetti in ambito formativo, culturale e sociale e per investimenti materiali. Il termine di presentazione per enti ed associazioni è fissato per il 6 novembre


Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia