30 Giugno 2020, 14.26
Blog - Figurine di Provincia

Cuore amaranto

di Luca Rota

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda


Se ti capita di nominare quel nome dalle parti di Reggio Calabria, non potrai non creare un sussulto nel cuore di chi ama i colori amaranto. La sua, infatti, è una storia che parte proprio da lì, cresciuto nelle giovanili reggine da buon figlio di Calabria, per poi emigrare e raggiungere giovanissimo Milano ed il rossonero milanista.

Il suo debutto in A,
appena diciottenne, avverrà - ironia della sorte - sempre in una Reggio (Emilia), e con indosso però non l’amaranto reggino, ma il granata reggiano.

Il ritorno alla casa madre sembra però scritto nel suo destino calcistico, così sin da subito sarà presenza fissa nella mediana reggina, prendendo per mano la squadra e conducendola alla prima storica promozione nella massima serie, seguita poi da un’immediata retrocessione e dal successivo ritorno tra i grandi.

Con gli anni diventerà capitano e uomo simbolo degli amaranto, e dopo una brevissima parentesi a metà tra Genoa e Siena, ritornerà ancora in due occasioni alla guida dei calabresi, dei quali è l’uomo più rappresentativo.

Ciccio Cozza è un “dieci” vecchio stampo, regista e rifinitore che manda in porta gli attaccanti, ma allo stesso tempo vede bene la porta mettendo a segno reti pesanti. Nel rispetto dei dettami dell’era moderna, non disdegna mai l’aiuto in copertura e si sacrifica da vero leader.

Con l’amaranto indosso termina la carriera intorno alla fine dello scorso decennio, per darsi alla carriera da allenatore operando in diverse piazze di C, senza riscuotere particolari successi.

Si dice però che esista un dio del calcio, un’entità eterea che veglia sulle sorti di questo splendido gioco e sui suoi interpreti, e che fa in modo che alcuni destini, calcistici e non, siano inscritti con carattere indelebile su fogli conservati dal tempo.

Così il ritorno alla casa madre sembra la normale conclusione di una carriera in continuo divenire, dove tra una passeggiata su quel chilometro con vista Sicilia e qualche amarcord procuratogli da un Granillo in attesa di rivivere vecchi fasti, attualmente lavora come scopritore di talenti, scandagliando settori giovanili locali, magari nella speranza di incontrare un altro Ciccio Cozza e consegnargli quelle chiavi che ancora detiene.


Vedi anche
22/10/2018 09:07:00

Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

04/06/2019 15:22:00

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

29/01/2020 09:46:00

Scarpa d'oro Un nuovo filone di “figurine”, stavolta non propriamente di provincia, ospita al suo esordio una storia breve che ci parla di epoche lontane e di un grande campione

30/04/2019 09:30:00

L'uruguagio salentino Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

16/02/2019 13:00:00

Pennellone Continua il meta-percorso a tinte british di Figurine di Provincia, e lo fa parlando di chi per primo fece ciò che mai nessun altro calciatore italiano aveva fatto: giocare in Premier League 



Altre da Blog - Figurine di provincia
13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei

10/03/2020

Denis e gli altri di ritorno (e non)

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive

28/02/2020

The corner kicker

Tanti anni fa, guardando “90° minuto” in tv, assistetti ad un gol di Roberto Baggio particolarmente estroso, che mio zio passando di là definì “alla Palanca”

10/02/2020

Il ribelle

Proseguendo sul filone delle storie “d’altri tempi” delineiamo un profilo sui generis, mediano e militante politico che ha calcato i campi della serie A per una sola stagione (con sole 21 presenze) negli anni Settanta