Skin ADV
Mercoledì 24 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Cicoria selvatica medicinale

Cicoria selvatica medicinale

di Maria Rosa Marchesi



23.04.2019 Vestone

22.04.2019 Bione

22.04.2019 Vestone Sabbio Chiese Odolo

22.04.2019 Garda

22.04.2019 Villanuova s/C

22.04.2019 Roè Volciano Valsabbia

23.04.2019 Pertica Bassa

23.04.2019 Bione Provincia

23.04.2019 Salò

22.04.2019 Gavardo






17 Aprile 2019, 15.00
Sabbio Chiese
Mostra

A Sabbio torna Pasqua con l'arte

di Davide Vedovelli
Nel periodo pasquale Sabbio Chiese diventa, come ogni anno, sinonimo di arte. Questo sabato, 20 aprile, l’inaugurazione della mostra dedicata a Papa Montini e agli artisti nelle grafiche inedite della collezione Paolo VI 

Come tradizione la Pasqua a Sabbio Chiese è sinonimo di arte. L’importante mostra allestita quest’anno si intitolerà “Noi abbiamo bisogno di voi”, Papa Montini e gli artisti nelle grafiche inedite della collezione Paolo VI.
 
La mostra, organizzata dal comune di Sabbio Chiese in collaborazione con la Collezione Paolo VI e la Parrocchia San Michele Arcangelo di Sabbio, sarà allestita presso Santuario della Rocca di Sabbio Chiese dal 20 aprile al 16 giugno 2019. L’inaugurazione si terrà sabato 20 aprile, ore 17.00.
 
 
La mostra. Ideata e promossa al fine di celebrare adeguatamente lo storico e felice evento della canonizzazione di Papa Paolo VI, la mostra intende in primo luogo testimoniare la lungimiranza con la quale Montini e Mons. Macchi hanno intessuto rapporti con gli artisti, nella convinzione che la bellezza fosse uno straordinario mezzo di avvicinamento alla sfera della spiritualità. 
 
Oltre a questo, però, l’esposizione vuole anche offrire l’occasione per ammirare una cinquantina di opere grafiche di straordinaria qualità (nonché firmate da autori rilevantissimi) che da sempre fanno parte del patrimonio del museo, e che tuttavia – per ragioni di spazio – non fanno parte del percorso permanente del museo e addirittura, nella loro massima parte, non sono mai state esposte (fanno eccezione solamente cinque opere).
 
In qualche modo, dunque, la mostra si pone anche quale primo, piccolo passo nella prospettiva della realizzazione di un “catalogo generale della grafica” della Collezione Paolo VI, impresa senz’altro difficile in virtù della mole di lavoro e dei conseguenti costi (si parla, nel complesso, di un patrimonio di migliaia di pezzi tra incisioni e disegni), ma ben presente nei progetti dell’Associazione Arte e Spiritualità, ente gestore del museo.
 
L’allestimento della mostra propone un percorso ideale dalla figurazione all’astrazione. Apre la mostra una litografia a tema mariano di Maurice Denis, uno dei primi artisti contemporanei che hanno cercato di proporre un’arte sacra “moderna” capace di coniugare la sperimentazione formale e le necessità del culto. Alcuni lavori intendono testimoniare degli stretti legami che Montini strinse con gli artisti sin dagli anni “milanesi”, e poi ancora durante il pontificato: il precoce “Cosa fanno quei due?” di Aldo Carpi trascrive in pochi tratti una profonda tensione umana ed esistenziale, che si riscontra – ovviamente in termini di volta in volta diversi – anche nella cruda puntasecca di Bodini e nel piccolo ma potentissimo Gallo di Minguzzi; complessivamente più rasserenate, ma malinconiche ed ispirate, è invece l’atmosfera che si respira nel quasi romantico paesaggio di Consadori.
 
A seguire, importanti lavori di grandi artisti italiani e stranieri testimoniano quell’allargamento dello sguardo di Montini verso l’arte del mondo intero che ha segnato gli anni del suo Pontificato. La Scena biblica di Kokoschka e la stessa inquieta natura morta di Morlotti sembrano trascrivere turbamenti esistenziali sottili e in ultima analisi indefinibili, mentre i Toreri di Buffet e le due Crocifissioni di Fiume e Mirko Basaldella colpiscono innanzitutto per l’efficacia dell’impatto cromatico e compositivo, oltre che per l’intensità spirituale. 
 
Di straordinaria minuzia e delicatezza sono i lavori Nunzio Gulino (un lirico mazzo di fiori) e Edo Janich (un paesaggio trasognato), mentre più sintetica – ma non per questo meno intensa – è la Pietà di Salvador Dalí. Proseguendo ancora, la vena quasi espressionista di Hajnal si affianca e solo in parte si contrappone al delicatissimo e kleeiano Ponte di Franco Gentilini, che conduce in un mondo più etereo e surreale.
 
Le Figure post cubiste di Zadkine e l’incisivo Paesaggio rosa di Graham Sutherland aprono la sezione dedicata alle opere variamente collocabili tra naturalismo e non figurazione. La raffinatezza tecnica del giapponese Watanabe è messa al servizio di moduli finemente decorativi, che si ritrovano – mutatis mutandis – anche nella grande serigrafia a soggetto “primordiale” di Corrado Cagli. 
 
La splendida Idea del Cavaliere di Marino Marini, lo Studio per “De America” di Emilio Vedova e la Deposizione di Padre Tito Amodei (il cui soggetto è ormai appena intelligibile) si impongono per il connubio tra temperatura emotiva e potente dinamica di composizione, mentre più delicati sono la litografia di Agenore Fabbri e l’aereo pastello di Pericle Fazzini, che interpreta molto astrattamente – ma allo stesso tempo senza dimenticare la presenza di un effettivo referente naturalistico – il tema delle nuvole.
 
L’ultimo tratto dell’esposizione propone i capolavori di alcuni grandi maestri dell’arte aniconica. Si relazionano idealmente tra loro l’argentea e limpida litografia di Anna Eva Bergman e il fitto e disordinato reticolo di segni – sempre trascritto litograficamente – del marito Hans Hartung. La sapiente ed equilibratissima composizione dello spagnolo Gustavo Torner spicca per il suo rigore geometrico, mentre i lavori di Scanavino e soprattutto di Mastroianni rimandano – nel loro vigore segnico – ad una sensibilità latamente informale, che caratterizza per certi versi anche la raffinatissima Composizione astratta di Giuseppe Santomaso, che con il suo insistito biancore appare quasi eterea sul piano cromatico, ma si caratterizza altresì per la graffiante tessitura materica ottenuta con la goffratura.

Una sfolgorante serigrafia di Arnaldo Pomodoro visualizza nelle due dimensioni una delle Sfere tipiche della sua produzione, mentre un progetto di scultura di Azuma rimanda ad una sintassi spaziale più libera. Chiude idealmente il percorso la Scala di Giacobbe di Mario Radice, che è in qualche modo la trascrizione – nel titolo come nella forma – dell’idea montiniana di un’arte intesa appunto come “Scala di Giacobbe” tesa tra la terra (la sfera della sensibilità) e il cielo (la sfera del divino).
 
Orari di visita alla mostra
sabato, domenica e festivi
dalle ore 15.00 alle ore 18.00.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/03/2015 09:20:00
Torna la Pasqua con l'arte a Sabbio Chiese De Lai, Fiessi, Garosio, Solaro, Togni, Verni: i più importanti artisti bresciani del '900 protagonisti della mostra “L’arte e il paesaggio” presso il Santuario della Madonna della Rocca

28/03/2018 11:10:00
A Sabbio Chiese torna «Pasqua con l'Arte» Apre i battenti questo sabato, 31 marzo, alla Rocca di Sabbio Chiese la mostra “Immaginare la Parola. La Bibbia e gli artisti nelle opere della Collezione Paolo VI”. Protagonista il rapporto tra arte e testo sacro 

12/04/2017 15:04:00
«Viandanti dell'anima», il mondo di Trento Longaretti Torna per Pasqua, nella splendida cornice del santuario della Rocca di Sabbio Chiese, una grande mostra d’arte

22/07/2014 08:46:00
La Rocca riparte con l'arte Dal 26 luglio al 21 settembre nella splendida cornice della chiesa superiore al Santuario della Madonna della Rocca di Sabbio Chiese, apre la mostra di Girolamo Battista Tregambe


25/05/2017 14:29:00
Arte e spiritualità Domenica 28 maggio a Sabbio Chiese una visita guidata alla mostra “I Viandanti dell'anima” e una conferenza sull'enciclica “Populorum Progressio” di Papa Paolo VI, nel cinquatesimo della pubblicazione




Altre da Sabbio Chiese
22/04/2019

Cadute con la moto

Una a Sabbio Chiese, l’altra lungo la 237 del Caffaro poco dopo il Colle di Sant’Eusebio scendendo verso Caino. Poi a Vestone


19/04/2019

Ultimo viaggio per Natalina

Saranno celebrati questo sabato 20 aprile alle 16 in San Zenone a Odolo i funerali di Natalina Chiari, la donna vittima dell’incidente avvenuto a Sabbio Chiese mercoledì scorso

18/04/2019

Mortale al bivio per Cagnatico

La violenza dell'urto subito ha avuto la meglio sulla fragilità fisica di Natalina Chiari, l'81 enne di Odolo morta a causa dell'incidente avvenuto lungo la Sp 79 a Sabbio Chiese



 

17/04/2019

Buona fortuna per la nuova stalla!

Giovedì scorso, in località Peane, a Sabbio Chiese, Francesco e Giovanni Bonelli hanno avviato una stalla di ultima generazione

17/04/2019

Mortale a Sabbio Chiese

L’incidente all’incrocio per Cagnatico, lungo la Sp 79. A perdere la vita una donna di 81 anni di Odolo

13/04/2019

A Odolo il Concerto delle Palme

Questa domenica, 14 aprile, la Filarmonica Conca d’Oro propone un pomeriggio musicale dedicato alla Passione di Cristo, che è poi ancora oggi la sofferenza causata dalla guerra, dall’odio e dall’indifferenza in diverse parti del mondo 

12/04/2019

Orange1: Cassa per Cessata attività

Si fa sempre più complessa la vicenda che vede la Orange1 direttamente impegnata nel salvataggio dell’azienda sabbiense nella quale sono occupati 170 lavoratori


10/04/2019

Rilancio Ex Pasotti, la via si stringe

Sembrava tutto pronto. Una decisione del tribunale, invece, potrebbe rimandare di mesi la ripresa della produzione in quella che per ora è ancora Orange1 Foundry

08/04/2019

Galleria al buio (non più)

L'avevamo già segnalato ieri col servizio che Vallesabbianews propone su Telegram. Il problema della galleria "Pavone" al buio, però, non sarebbe ancora stato risolto. Aggiornamentro ore 19:40


08/04/2019

Occhio al gasolio

Gasolio in strada, per una decina di chilometri fra il Colle di Sant’Eusebio e Mondalino di Sabbio Chiese.
Aggiornamento ore 19:40



Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia