Skin ADV
Martedì 17 Settembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








16.09.2019 Mura

16.09.2019 Vestone Villanuova s/C Roè Volciano Valsabbia

17.09.2019 Mura

15.09.2019 Val del Chiese

15.09.2019 Vobarno Roè Volciano

15.09.2019

16.09.2019 Salò Garda

15.09.2019

17.09.2019 Treviso Bs

15.09.2019






16 Gennaio 2017, 15.50
Vobarno Valsabbia
Poliambulatorio Santa Maria

Speciale Inverno: i bambini e la febbre

di Giorgio Berturazzo
La febbre del bambino è il principale motivo di allarme per i genitori e ricorso a consulenza medica. Vediamo un po' come si manifesta e come bisogna comportarsi, tenendo conto che la febbre può essere un prezioso alleato
 
La temperatura corporea può variare a secondo dell’età del bambino, dall’ora della giornata, dl clima e temperatura ambiente, umidità percentuale, vestiti e sudorazione.
Sappiamo così che nel lattante la temperatura può oscillare da 36°C a 37°C, non escludendo un rialzo termico pomeridiano (37°C), da considerarsi fisiologico; in base poi alla sede in cui è posto il termometro si può avere una temperatura rettale di 38°C ancora nel range della normalità.

Febbre vera e propria è sintomo che qualche cosa non va
, in genere segno di reazione dell’organismo ad infezione, da batteri o da virus, accompagnata o annunciante segni di infezione respiratoria, che spesso seguono, come naso intasato, raucedine, tosse, mal di testa o male d’orecchi. 
 
Spesso il bimbo può accusare dolori addominali come primo segnale di infezione respiratoria, per la particolare sensibilità del bambino piccolo che localizza nel pancino le situazioni dolorose, l’emozione, la paura, il senso di smarrimento di fronte ad un’esperienza negativa; può presentare rifiuto del cibo, vomito anche ripetuto, fino al classico vomito aceto nemico o chetosi da digiuno, caratterizzato dall’alito che sa di frutta marcia.

Spesso la febbre è preceduta da pianto, brividi, mani e piedi freddi, può raggiungere valori elevati: le temperature di 39°-39,5°C, nei primi anni di vita, che spaventano i genitori, sono dovute anche a meccanismo di termoregolazione un po’ deficitario nel bambino piccolo: il “termostato-ambiente” che ha sede nel cervello non è ancora maturo per entrare in azione con la sudorazione, sempre ridotta nel piccolo, per aggiustare la temperatura ad un livello più basso.

Comunque la febbre è un meccanismo difensivo, accelera il metabolismo, attiva il sistema di difesa anticorpale ad entrare velocemente in azione. Febbre, dunque da vedere con una connotazione positiva nel bambino, non come fenomeno da combattere.
Sappiamo, per esempio, che raggiunta una temperatura omogenea a tutto il corpo, le sensazioni dolorose si placano ed il bambino si sente meglio; cessa di piangere, è più vivace e tonico. Entrano in azione le endorfine, sostanze elaborate dal cervello come antidolore.

A questo punto contano molto anche le sensazioni percepite del bimbo riguardo l’ambiente che lo circonda.
Il bambino guarda noi che guardiamo il termometro e può rassicurasi se sappiamo essere rassicuranti.
Gli antifebbrili-antidolorifici che spesso sono la prima risorsa messa in atto dai genitori, sono un efficace mezzo per controllare la sintomatologia doloroso-febbrile; il classico paracetamolo, e il più recente ibuprofene, in vaie formulazioni, non devono però essere visti come arma per combattere la febbre.

Spesso il genitore si innervosisce perché somministrata la supposta al bambino e la febbre non scende, ma ribadiamo che la febbre non è nemica del bambino, è un aiuto nel decorso naturale della malattia, che spesso banale si risolve in pochi giorni. 
Risulta spesso spontanea anche la richiesta dei genitori di impiegare antibiotici, come pure è domanda frequente: ma il mio bimbo ha “sempre” la ebbre, si ammala “sempre”.

Ora consideriamo normale un bambino che nei primi anni di vita, età asilo nido, scuola materna, fino ai 3-4 anni, presenti di media 8 episodi di febbre per forme respiratorie e 2-3 episodi di gastroenterite all’anno.
Sappiamo per certo che ogni infezione crea una transitoria depressione del sistema difensivo e apre la strada ad una successiva infezione. 

Ma i mio bimbo avrà un deficit di anticorpi?
Diciamo subito che un vero difetto immunitario si verifica solo nello 0,6% della popolazione pediatrica, comporta infezioni molto frequenti, recidivanti con lo steso germe patogeno, con germi particolari, come lo stafilococco, infezioni della pelle, candidosi muco-cutanea, e negli esami del sangue possiamo trovare un basso numero di globuli bianchi (lecopenia-linfopenia), lenta incompleta guarigione di ferite e lesioni, mancato aumento della velocità del sangue in corso di infezione, ritardo crescita statura-peso, ascessi freddi, fistole.
Questi bambini possono presentare assenza di tonsille, bronci ectasie, cioè dilatazioni sacchi formi dei bronchi, cardiopatie congenite.

Servono gli antibiotici? Gli immunostimolatori? 
Se ne può discutere in casi particolari. Spesso la prima cosa da fare è l’astensione anche prolungata dall’asilo: ricordiamo che se la malattia dura 3-4 giorni, la convalescenza, periodo di particolare calo delle difese, dura tre volte di più, anche 10-12 giorni.
Ricordiamo, comunque, di “rispettare” la febbre, non considerarla un nemico da combattere, ma un aspetto strettamente indispensabile alle difese del nostro organismo.

A cura di:
Dott.Giorgio Berturazzo 
Specialista in Pediatria
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID70713 - 17/01/2017 19:28:37 (ba53) ????
Andatelo a spiegare a certe mamme che i loro figli dopo uno stato influenzale sono piu' deboli perciò destinati,nella maggior parte dei casi,a ricadute per loro e per gli altri utenti di asili nido o scuole materne.Invece di lamentarsi che da quando va all'asilo è sempre malato dovrebbero rispettare i tempi canonici per rispetto dei loro figli,di quelli degli altri e delle educatrici spesso considerate delle rompiscatole! un nonno



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/10/2017 09:11:00
Borsa di studio... e di ricerca Poliambulatori Santa Maria, giovani laureati al centro dell'attenzione: 5.000 euro di premio alla migliore idea dì sviluppo delle professioni sanitarie. E' la borsa di studio "Gianna Bergomi". E la struttura cresce, con nuovi spazi dedicati agli ambulatori


27/10/2016 07:03:00
«Appropriatezza e salute» Fa parte delle proposte per il 20° dei Poliambulatori Santa Maria, il convegno in programma per il prossimo 12 novembre a Vobarno, dedicato ai medici di medicina generale, ai farmacisti e più in generale alle figure del settore sanitario. Con crediti ECM

10/11/2016 07:10:00
Prevenire, è adesso il momento Primi freddi e tutti i problemi di salute tornano a farsi sentire? Ormai la stagione fredda è alle porte e come ogni anno si presentano i soliti disturbi quali mal di gola e influenza, tosse, febbre e dolori reumatici. E' ora di farsi fare un check-up

14/09/2017 10:45:00
Ecografia 3D/4D in gravidanza Da questo mese di settembre è possibile effettuare questo tipo di ecografia anche presso il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno

22/07/2017 09:13:00
Cura la cataratta Torna a vedere i colori della vita! Ai tuoi occhi non sfuggira’ piu’ un dettaglio



Altre da Vobarno
16/09/2019

«La mia terra ha buona voce»

C’è tempo fino al prossimo 10 ottobre per presentare gli elaborati e partecipare all’edizione numero nove del concorso letterario e fotografico proposto da Agape in collaborazione col fotoclub Vallesabbia

15/09/2019

Creatività e ingegno contro la violenza sulle donne

Questi i due "ingredienti" utilizzati dai talentuosi ragazzi della sezione Grafica dell'Istituto "Perlasca" di Vobarno per realizzare, supportati dal club Soroptimist di Salò, i manifesti esposti nella mostra che ha inaugurato ieri all'Italmark di Roè Volciano

07/09/2019

Capre e caprai

Una full immersion nella vita in alpeggio quella in programma questa domenica, 8 settembre, a Cecino di Vobarno. Un’occasione per scoprire la “vita da capre” e degustare i tipici prodotti di montagna


07/09/2019

Atletica... formativa

Sportivi si diventa. Grazie al sostegno di due importanti aziende valsabbine ed il patrocinio delle Istituzioni, Libertas Vallesabbia ripropone corsi per coinvolgere i giovani valsabbini nello sport, quello "vero", preparatorio per ogni disciplina


06/09/2019

Loredana e Massimo, 22 anni insieme

Tanti auguri a Loredana e Massimo, di Collio di Vobarno, che oggi, 6 settembre, festeggiano il loro anniversario di matrimonio

04/09/2019

Mascadri e Butturini salutano la scuola

Con l’avvio del nuovo anno scolastico, si congedano dal mondo dell’istruzione due figure di riferimento della scuola valsabbina: i dirigenti Mariuccia Mascadri e Antonio Butturini

02/09/2019

Tutti pazzi per il basket

Grandi novità per la Polisportiva Vobarno. Con il movimento della pallacanestro femminile in rapida ascesa, la collaborazione di alto livello con New Basket e l’ormai consolidato movimento MiniBasket nei centri di Vobarno e Sabbio Chiese, inizia la stagione 2019/2020 (1)


 

30/08/2019

Aspettando la Rocca

A Vobarno musica ed intrattenimento prima delle celebrazioni della Festa della Madonna della Rocca

28/08/2019

Barbara Poli bronzo ai mondiali di Dragon Boat

L’azzurra della Canottieri Brescia torna a casa in quel di Vobarno dalla Thailandia con al collo una medaglia di bronzo e un sorriso splendente

27/08/2019

Lumezzanese nei guai a Vobarno

E’ stato sorpreso dai carabinieri forestali di Marcheno a piazzare rete e “sep” in località Pozze (3)

Eventi

<<Settembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia