Skin ADV
Sabato 23 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Medusa in riva al mare a Jesolo

Medusa in riva al mare a Jesolo

di Claudia Giacomini



22.06.2018 Bagolino

23.06.2018 Pertica Bassa

22.06.2018 Vestone Anfo Lavenone

22.06.2018 Vestone

23.06.2018 Gavardo

22.06.2018 Valsabbia

22.06.2018 Casto

21.06.2018 Mura

23.06.2018 Barghe

22.06.2018 Vestone





18 Dicembre 2017, 08.15
Vobarno Valsabbia
Lettere

La comunità delle Case di riposo è importante, ma non basta

di Ernesto Cadenelli
Ho letto con grande interesse l'articolo del prof. Bonomi...

Si coglie lo spessore del politico e dell'amministratore di lungo corso, forgiato alla scuola della progettualità incurante della ricerca di piccoli vantaggi che la quotidianità può portare.
Parte di quella schiera di uomini e donne che hanno saputo far fare alla nostra Valle e non solo, un salto di qualità notevole per sviluppo e servizi, che portano rispetto e argomenti al tavolo del dialogo e del confronto sulle problematiche.

Le considerazioni espresse nell'articolo pubblicato da Valle Sabbia news, hanno il pregio di offrire una visione storica delle strutture assistenziali e contemporaneamente una traiettoria futura sulla quale è doveroso ragionare.

Vorrei partire da una “banale e ovvia” osservazione, però secondo me opportuna: siamo in presenza del costante aumento della popolazione anziana e con esso l'aumento delle forme di cronicità o di malattia che necessita di rinnovate scelte politiche in campo sanitario-assistenziale adeguate.

Questo è il tema: lo svolgimento dovrebbe per l'appunto riguardare tutte le sfaccettature che presenta, la riorganizzazione della sanità, le strutture di assistenza (case di riposo o altro), le strutture di sollievo, l'assistenza domiciliare e le politiche di aiuto alle famiglie e il riconoscimento del lavoro di cura sul versante previdenziale e normativo (quasi sempre sono donne).
Ha ragione il Professore, nessun robot potrà mai sostituire l'attenzione e la cura umana. Per questo un lavoro che è missione e fatica, andrebbe conosciuto, valorizzato e contrattualizzato giustamente, cosa che non sempre avviene.

Vorrei allargare il ragionamento, in quanto considero di notevole intuizione e sicuramente da affrontare in tempi stretti le proposte di Bonomi; ma nel contempo ritengo di provare a collocarle dentro un processo di riordino più complessivo.

L'era formigoniana della direzione della Lombardia
, ha prodotto una riforma della sanità che ha rotto con i territori, privilegiato la sanità privata, esautorando di fatto il ruolo dei sindaci e avocando all'assessorato regionale di competenza la nomina di direttori delle strutture (o meglio aziende ospedaliere), superando qualsiasi organismo collegiale di controllo delle scelte e della spesa.

Sono sotto gli occhi di tutti i molti scandali. Di fatto oggi negli ospedali si effettuano interventi, anche di grande qualità, ma dopo pochissimi giorni con le dimissioni, il paziente e i familiari sono nella difficoltà più terribile.
Dove fare la convalescenza, la riabilitazione?

Alla base di questa riorganizzazione c'è stato il problema della riduzione della spesa sanitaria, ma anche la tabella della remunerazione dei singoli interventi, che ha ingolosito molti.
E' sbagliato proporre che la sanità pubblica si orienti verso la creazione di alcuni reparti di lunga degenza o di geriatria? Sapendo che questo è il problema già oggi?
Ci sono parecchie specializzazioni che hanno pochissimi clienti, ci sono ospedali semi vuoti e c'è un enorme bisogno di aiuto per le persone anziane. Perchè non pensarci e riconvertire alcune strutture in questa direzione?

Pur riconoscendo il ruolo e il valore delle strutture come le Case di Riposo, faccio fatica a credere che possano dare risposta per la parte sanitaria a grandi numeri.
E' importante indubbiamente la complementarietà tra i soggetti, ma per l'appunto la complementarietà e non la sostituzione che non si realizzerà mai.

Con la legge regionale del 2003 (riforma delle IPAB), il dubbio che la regione volesse in qualche modo arrogarsi il diritto a nominare i Presidenti, fece sì che le Case di Riposo e i Comuni interessati optassero per la trasformazione in Fondazioni.
Questo da un lato ha ritardato quel processo di sinergie che anche Bonomi auspica (non esiste nemmeno la lista unica di attesa!), dall'altro ha creato una situazione ibrida per cui i Sindaci nominano i Consigli di Amministrazione e poi non possono intervenire più di tanto sulle scelte strategiche delle stesse.

Quanto accaduto a Vobarno nell'ultimo periodo è un esempio eclatante delle possibili storture che si possono creare con ricadute a volte pesanti.
Per questo penso che l'ipotesi di una prima forma di coordinamento dei Presidenti della strutture valligiane debba vedere protagonisti anche i Comuni di riferimento, recuperando quel ruolo di programmazione sovra comunale che spesso manca perché delegato o addirittura negato.

Occorre rifuggire però dalla tentazione, mai morta, di creare carrozzoni anche in questo settore che servano solo per sistemare amici o portaborse. Qualche esempio non brillante esiste anche in Valle.
Erano bei tempi, quando si riunivano quelle commissioni composte per lo più da volontari, cariche di bagaglio ideale, che discutevano ore e ore per trovare le opportune convergenze sulla gestione della sanità e assistenza in Valle!

L'unione fa la forza, anche nei servizi alla persona
. Ma rispetto alla questione generale che ho posto, occorrerebbe anche pensare ad una evoluzione di una rete di servizi modulata in modo da avere forme di flessibilità, capaci di cogliere anche le differenti situazioni o patologie degli anziani.

Quindi, potenziare l'assistenza domiciliare, alleviare le famiglie, creare alloggi assistiti per anziani ancora autosufficienti ma soli; in definitiva per una realtà come la Valle pensare in prospettiva alla CASA DELLA SALUTE, che comprenda la gestione di tutti queste forme di assistenza.
Significherebbe recuperare anche una funzione nuova per strutture sanitarie in disuso o sottoutilizzate.

Dico questo poiché penso che favorire il mantenimento nella propria abitazione e coi propri affetti produca anche un abbattimento di costi per le famiglie (le rette sono pesanti), comporti meno spesa pubblica e sia un volano di occupazione qualificata per molte persone.

Un ultimo inciso, non dimentichiamo le centinaia di collaboratrici familiari (badanti), che sarebbe opportuno mettere in rete, formare e indirizzare alle famiglie anche a orari flessibili.
Ormai e per fortuna fanno parte del sistema. Coordinate dagli enti locali o fondazioni sarebbe una garanzia di serietà e qualità per tutti.

Ernesto Cadenelli


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/12/2017 07:59:00
La comunità delle Case di Riposo valligiane Una popolazione sempre più vecchia e sempre più ammalata. Così anche in Valle Sabbia. Alfredo Bonomi, con una lucida disanima prima storica e poi geopolitica, traccia un futuro possibile per la gestione delle Rsa


09/06/2016 14:20:00
Case di riposo con servizi a 5 stelle e future prospettive assistenziali


04/12/2013 07:27:00
Bollino rosa Ancora riconoscimenti per gli ospedali di Desenzano, Gavardo e Manerbio, premiati per la capacià di rispondere alle esigenze di salute delle donne. Una conferma

27/06/2017 15:04:00
Ospedale di Gavardo, quale futuro? Venerdì sera a Gavardo un’assemblea pubblica promossa dal Comune e dalle Comunità montane di Valle Sabbia e del Parco Alto Garda Bresciano con i vertici dell’Asst del Garda e il consigliere regionale Rolfi per fare il punto sulle istanze sanitarie del territorio

21/05/2013 06:36:00
Sanità virtuosa «Egregio Direttore, spero voglia pubblicare questa mia lettera: ci terrei veramente tanto». Da una lettrice di Roè Volciano una buona notizia sulla sanità. Pubblichiamo volentieri



Altre da Valsabbia
23/06/2018

Lago d'Idro, acque eccellenti

Le analisi effettuate dall’ATS Brescia confermano la piena balneabilità delle acque di Eridio, Garda e Sebino, per la gioia di residenti e turisti. 17 i punti di prelievo sul lago d’Idro 

22/06/2018

«Idra» torna in servizio per l'estate

Tre corse giornaliere fino al 30 giugno, che diventeranno quattro dal 1 luglio al 31 agosto. Ecco tutti i dettagli sul servizio pubblico di navigazione del lago d’Idro per la stagione 2018 

22/06/2018

Controlli del fine settimana

Quattro veicoli senza assicurazione, 30 senza revisione e tre segnalazioni per assunzione di sostanze stupefacenti. Il “bottino” di un fine settimana di controlli

21/06/2018

Politica: personali riflessioni

Sono stato iscritto al Partito Democratico dal momento della sua nascita fino alla fine del 2014 e ne ho ricoperto l’incarico – a livello locale – di coordinatore di circolo... (8)

20/06/2018

Incarichi per il censimento della popolazione

Sono stati prorogati al 2 luglio i bandi per la selezione di figure professionali preso la Comunità montana come rilevatore e operatore di back office per il censimento permanente della popolazione 2018-2021 (5)


20/06/2018

Vivi il Garda in bus

Tante le proposte dedicate alla mobilità turistica sul Lago di Garda da Arriva, GardaMusei e Provincia all'interno del progetto "GardaLake 2018". Raggiungere il Vittoriale e il MuSa in estate ora è facile, agevole ed economico 

20/06/2018

Variante di Lavenone, pochi mesi ancora

«La Variante di Lavenone? Faccio fatica a sbilanciarmi sui tempi, quando le questioni non dipendono totalmente da noi, ma il 2019 potrebbe essere per davvero l’anno buono per veder cominciare i lavori» (10)

20/06/2018

Fra passato e futuro

Nel 2014, quando l’attuale compagine di maggioranza, civica più che politica, ha iniziato il suo percorso, per le Comunità montane c’era odore di smantellamento...



18/06/2018

Cassonetti a Ponte Caffaro

«Da tempo i cassonetti di Ponte Caffaro sono diventati la discarica dell'alta Valsabbia e del basso Trentino» ci scrive un lettore, che ci invia anche questa fotografia (4)

18/06/2018

Ricordando Andrea

Appuntamento in aula magna al Perlasca di Idro questa sera alle 20:30. Per l'occasione verrà presentato il libro di Andrea Pirlo, il 20enne di Idro vinto da un tumore a marzo


Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia